Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale
Menu

Insegnamento: Coltivazioni erbacee, orticoltura e floricoltura

Corso di laureaCorso di laurea in Scienze agrarie e ambientali [L-25] D. M. 270/2004
SedePerugia
CurriculumBIOTECNOLOGIE - Regolamento 2012
ResponsabileFrancesco Tei
Moduli
Prerequisiti

Gli esami di "Agronomia Generale ed Ecologia Agraria" e di "Arboricoltura generale e Tecnica Vivaistica" sono ritenuti propedeutici per comprendere gli aspetti fondamentali delle tecniche di coltivazione delle specie erbacee ed orticole, del vivaismo orticolo e del florovivaismo.


E' inoltre richiesta la capacità di comprendere adeguatamente alcune problematiche legate alla nutrizione e alla concimazione delle piante, alla gestione delle risorse idriche e irrigue e al miglioramento genetico delle piante coltivate; a tal fine, per meglio seguire con successo il corso, è consigliato aver superato anche altri esami del secondo anno come "Fisiologia vegetale", "Idraulica agraria" e "Genetica agraria e miglioramento genetico vegetale".

Modalità di valutazione

L'esame prevede una prova orale che consiste in una discussione di circa 40 minuti finalizzata ad accertare il livello di conoscenza e capacità di comprensione raggiunto dallo studente sugli argomenti presentati a lezione e riportati nel programma.


Le domande verteranno sia su aspetti generali delle tecniche di coltivazione in orticoltura e floricoltura sia sulle tecniche di coltivazione specie-specifiche delle più importanti specie erbacee, orticole e floricole.  


Nel suo insieme la prova orale consentirà di verificare le capacità di comunicazione dello studente con proprietà di linguaggio, la capacità di applicare le competenze acquisite e di elaborare soluzioni in autonomia di giudizio.

Statistiche voti esami

Voto medio a.a. 2014-2015: 26/30.

Calendario prove esame

n. 3 appelli nella sessione estiva (giugno-luglio); n. 2 appelli nella sessione autunnale (settembre; n. 3 appelli nella sessione invernale (gennaio, febbraio); n.1 appello straordinario in febbraio.


Si rimanda al sito web del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali a http://dsa3.unipg.it/didattica/informazioni-per-studenti/esami/calendario-esami/

Unità formative opzionali consigliate

Nessuna

Modulo: Coltivazioni erbacee

DocentePaolo Benincasa
TipologiaAttività formative caratterizzanti
AmbitoDISCIPLINE DELLA PRODUZIONE VEGETALE
SettoreAGR/02
CFU6
Modalità di svolgimentoConvenzionale
Programma

L'obiettivo del corso è di fornire agli studenti conoscenze approfondite sulle coltivazioni erbacee da pieno campo.
In particolare si intende fornire agli studenti conoscenze sui sistemi colturali erbacei, sulle molteplici specie agrarie utilizzate in tali sistemi e sulle loro filiere produttive; conoscenze sull'importanza economica e diffusione delle colture erbacee; conoscenze sulle implicazioni che le diverse tecniche produttive possono avere sull'agroecosistema; competenze agronomiche e tecnologiche sulla coltivazione delle colture erbacee. Inoltre si intende addestrare gli studenti al riconoscimento delle principali specie coltivate

Lezioni frontali (42 ore)
Vengono presentate le caratteristiche generali dei diversi raggruppamenti di colture erbacee alimentari, industriali, foraggere, e per ogni raggruppamento vengono trattate le specie più importanti per diffusione nazionale e mondiale, e significative dal punto di vista didattico (casi studio). Di queste colture vengono presentati: morfologia, filogenesi, biologia, esigenze pedo-climatiche, ecofisiologia, avversità abiotiche e biotiche; obbiettivi e prospettive del miglioramento genetico (ideotipo); tecnica agronomica (avvicendamento, lavorazioni, fertilizzazione, scelta varietale, semina, controllo infestanti, irrigazione e altre cure colturali, raccolta). In particolare verranno evidenziati gli aspetti salienti e le criticità di ogni coltura e le interazioni tra scelta varietale, agrotecnica, produzione e qualità. La trattazione di ogni specie prevede anche la descrizione delle possibili varianti nella tecnica di coltivazione in funzione del sistema di produzione (convenzionale, biologico) e dei molteplici usi a cui può essere destinata la coltura e i suoi prodotti: uso alimentare umano o zootecnico diretto o previa trasformazione industriale, uso non alimentare (es. coltura da biomassa, da biodiesel o lubrificanti, ecc.), coltura da seme, coltura da sovescio, coltura per fitodepurazione, ecc. A questo scopo sono previsti cenni anche su specie minori che possono però presentare prospettive di inserimento nei comuni sistemi colturali erbacei.


Elenco delle specie trattate
- cereali microtermi: frumento tenero, frumento duro, orzo zootecnico e da birra, altre specie (avena, segale, triticale, farro)  
- cereali macrotermi: riso, mais, sorgo, cenni su altre specie (migli, panico, grano saraceno, ecc) 
- leguminose da granella: pisello, fagioli di diverse tipologie, cenni su altre specie (fava, lenticchia, cece, lupino, arachide) 
- proteoleagineose e oleaginose ppd: soia, colza, girasole, cenni su altre specie (arachide, cartamo, lino, ricino, sesamo, altre crocifere)  
- saccarifere: barbabietola (cenni su canna da zucchero) 
- cenni su cotone e alcune altre piante da fibra 
- tabacco 
- foraggere da pascolo, prato pascolo, prato, erbaio. Descrizone e classificazione dei sistemi foraggeri e dei sistemi di utilizzazione del foraggio; tecnica colturale dell'erba medica; cenni su altre leguminose (trifogli, sulla, lupinella, veccia, ecc.), graminacee (festuca, loietto, loiessa) e altre specie foraggere (crocifere, chenopodiacee, ecc.).

Lezioni teorico pratiche (18 ore)
- Riconoscimento di semi e piante delle specie trattate
- Risoluzione di casi pratico-applicativi relativi alle conoscenze acquisite sulle colture erbacee
- Problematiche di colture in atto e relative operazioni colturali

Prerequisiti e propedeuticità: al fine di comprendere e saper applicare la maggior parte delle tecniche di coltivazione descritte nel modulo di insegnamento è necessario aver sostenuto con successo un esame di Agronomia, così da avere conoscenze e competenze sui fattori ecologici che influenzano la produzione delle colture (fattori climatici e pedologici) e sulle principali tecniche agronomiche (sistemazioni idraulico-agrarie, lavorazioni, fertilizzazione, irrigazione, controllo delle infestanti, semina, avvicendamento, consociazione). La conoscenza di questi argomenti rappresenta un prerequisito indispensabile per lo studente che voglia seguire il modulo d'insegnamento  e/o voglia affrontare con lo studio domiciliare la preparazione dell'esame con profitto.

Supplement

Trattazione delle più diffuse e significative colture erbacee (cereali, leguminose, oleifere, colture industriali, foraggere) relativamente a morfologia, biologia ed ecofisiologia; tecnica colturale e sue implicazioni per scelta varietale, produzione e qualità; obiettivi e prospettive del miglioramento genetico)

Metodi didattici

Modalità di insegnamento  
Lezioni frontali su tutti gli argomenti del corso: 42 ore
Lezioni teorico-pratiche in aula: 8 ore. Verranno proposti e risolti insieme al docente casi pratico-applicativi sugli argomenti del corso.
Lezioni teorico-pratiche presso aziende e colture in atto: 10 ore. Queste lezioni, prevedendo attività all'aperto e conoscenze su tutti gli argomenti del modulo, verranno organizzate nella parte finale dell'insegnamento (fine aprile-maggio) compatibilmente con le condizioni meteorologiche e le attività delle strutture ospitanti. In base agli anni precedenti si possono prevedere da due a tre uscite didattiche, tra cui una presso il laboratorio didattico-sperimentale della UR Agronomia e Coltivazioni Erbacee del DSA3 in Papiano e l'azienda della Fondazione per l'Istruzione Agraria in Casalina. Gli studenti potranno inoltre accedere alla collezione di colture erbacee realizzate ogni anno presso la sede del DSA3 per ulteriori esercitazioni individuali. 


Supporti per l'insegnamento e l'apprendimento:
Video proiezioni delle lezioni
Materiale didattico distribuito dal docente
Testi consigliati per lo studio
Dispense consegnate dal docente
Semi e piante di circa 70 specie agrarie


Modalità di apprendimento (oltre alla frequenza delle attività didattiche): 
Lettura e studio personale su testi di riferimento 
Lettura e studio personale su materiale consegnato dal docente 
Lettura e studio personale su materiale on-line messo a disposizione dal docente
Fare pratica di abilità su colture di campo 
Fare pratica di abilità tecnico-professionali su ipotetici contesti aziendali 




Testi consigliati

1. Dispense delle lezioni
2. Bonciarelli F. Coltivazioni erbacee da pieno campo. Edagricole
3. Articoli da riviste scientifiche e tecniche

Risultati apprendimento

Conoscenze (sapere)
1. Conoscenza degli agroecosistemi e dei sistemi biologici alla base delle attività produttive
2. Conoscenza dei sistemi colturali erbacei
3. Conoscenza delle filiere produttive delle principali colture agrarie
4. Conoscenza delle caratteristiche botaniche e biologiche delle principali colture erbacee
5. Conoscenza delle esigenze pedo-climatiche e degli areali di coltivazione delle principali colture erbacee
6. Conoscenza delle avversità abiotiche e biotiche delle colture agrarie
7. Conoscenza dei possibili obiettivi del miglioramento genetico delle specie agrarie
8. Conoscenza approfondita della tecnica agronomica delle diverse specie coltivate
9. Conoscenza delle implicazioni ambientali e sanitarie delle attività produttive
10. Conoscenza degli aspetti qualitativi delle produzioni delle principali colture erbacee
11. Conoscenza degli strumenti analitici tradizionali e avanzati in campo agronomico
12. Conoscenza delle attività di ricerca di base e applicata in campo agronomico
13. Conoscenza delle attività professionali e di progetto


Abilità (saper fare)
1. Saper ideare, progettare e gestire progetti tecnico scientifici in campo agronomico
2. Saper operare con autonomia e responsabilità nell'ambito di progetti
3. Saper controllare le caratteristiche varietali delle colture
4. Saper controllare gli agroecosistemi mediante applicazione tecniche agronomiche razionali
5. Capacità di analisi e di sintesi
6. Capacità di organizzazione e pianificazione
7. Capacità di problem solving
8. Capacità di comunicazione efficace
9. Capacità di interfacciarci ed implementarsi con altre figure professionali (ecologi, genetisti, economisti, ecc)


Comportamenti (saper essere) 
1. Consapevolezza delle implicazioni etiche e sociali del proprio operato
2. Consapevolezza delle implicazioni ambientali del proprio operato
3. Consapevolezza delle proprie responsabilità
4. Consapevolezza della necessità di aggiornamento continuo ed integrazione della propria formazione tecnico-scientifica


L'accertamento dei risultati di apprendimento relativi al modulo d'insegnamento verrà effettuato in sede di esame (secondo le date di appello previste) mediante colloquio a stimolo aperto con risposta aperta su tre argomenti del modulo tra i seguenti: avvicendamenti colturali, cereali, leguminose da granella, oleaginose, colture saccarifere e da tubero, colture aromatiche, colture da sovescio, colture foraggere. La prova orale consentirà di verificare le conoscenze e la comprensione degli argomenti nonché la capacità di comunicazione con proprietà di linguaggio ed organizzazione autonoma dell'esposizione sugli stessi argomenti a contenuto teorico. La prova consentirà inoltre di accertare le abilità dello studente, ovvero la capacità di applicare le conoscenze acquisite alla soltuzione di casi pratici elaborando soluzioni in autonomia di giudizio.  

Periodo della didattica

inizio: 1 marzo 2017 
fine: 26 maggio 2017 salvo successive modifiche al calendario previsionale delle lezioni

Calendario della didattica

Come di consuetudine del docente, il calendario delle lezioni frontali e teorico-pratiche verrà presentato all'inizio del corso e concordato con gli studenti.

Attività supporto alla didatticaDati attualmente non disponibili
Lingua di insegnamentoItaliano
Frequenza

la frequenza alle lezioni è raccomandata ma non obbligatoria. 

Sede

Le lezioni si terranno presso il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali (DSA3)  (presumibilmente in aula 4), alcune esercitazioni si terranno all'aperto presso il DSA3 o in campagna. Inoltre vedi il sito web della facoltà www.agr.unipg.it

Ore
Teoriche
60
Pratiche
0
Studio individuale
90
Didattica Integrativa
0
Totale
150
Anno3
PeriodoII semestre
Note

Prof. Paolo Benincasa, Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali, Sezione di Agronomia e Coltivazioni Erbacee Tel:75 585 6325 E-mail: paolo.benincasa@unipg.it Orario di ricevimento e assistenza per gli studenti: Martedì 9.30 -11.30. Inoltre il docente è disponibile a ricevere ogni giorno previo appuntamento concordato con sufficiente anticipo anche per e-mail o per telefono

Orario di ricevimento

Martedì ore 9.30 - 11.30. Inoltre il docente è disponibile a ricevere ogni giorno previo appuntamento concordato con sufficiente anticipo anche per e-mail (paolo.benincasa@unipg.it) o per telefono (075 5856325)

Sede di ricevimento

Dipartimento di Scienze Agrarie ed Ambientali - Ufficio del docente presso ex Sezione di Agronomia 

Codice ECTS2016 - 1793

Modulo: Orticoltura e floricoltura

DocenteFrancesco Tei
TipologiaAttività formative caratterizzanti
AmbitoDISCIPLINE DELLA PRODUZIONE VEGETALE
SettoreAGR/02
CFU6
Modalità di svolgimentoConvenzionale
Programma

Diffusione ed importanza delle specie orticole nel mondo, nella UE e in Italia. Caratteristiche peculiari delle colture orticole. Classificazione delle piante orticole. Tipi di orticoltura.
Florovivaismo: definizione e settori merceologici; importanza, diffusione e tendenze.
Sistemi e tecniche di coltivazione in piena aria e in coltura protetta. Pacciamatura, tunnel e serre: tipologie; caratteristiche tecniche; materiali di copertura; impianti di climatizzazione.
Vivaismo orticolo e florovivaismo: materiale di moltiplicazione; semente; substrati (tipologie e caratteristiche); tecniche di produzione; controllo della crescita e dello sviluppo.
Colture senza suolo in orticoltura e floricoltura (fondamenti).
Aspetti specifici dell'irrigazione, concimazione e fertirrigazione in orticoltura e nel florovivaismo.
Post-raccolta: aspetti fisiologici; conservazione; destinazione. Qualità dei prodotti orticoli e florovivaistici.
Epoca e modalità di coltivazione, tipologie commerciali e parametri qualitativi delle principali colture orticole: pomodoro da mensa e da industria, peperone, melanzana, patata, melone, cocomero, cipolla, cavolfiore, insalate, pisello da industria, fagiolo, carciofo.
Analisi di casi studio di alcune colture floricole.
Esercitazioni: visite ad aziende orticole e florovivaistiche, centrali ortofrutticole, industrie di trasformazione.

Supplement

Diffusione, importanza e peculiari caratteristiche biologiche, eco-fisiologiche, di coltivazione, raccolta, conservazione e destinazione delle specie orticole e floricole.

Metodi didattici

Modalità di insegnamento:
Lezioni frontali su tutti gli argomenti del corso: 42 ore
Lezioni teorico-pratiche presso aziende e colture in atto: 18 ore. Queste lezioni, prevedendo attività all'aperto e conoscenze su gran parte degli argomenti del modulo, verranno organizzate nei mesi di aprile e maggio. In base agli anni precedenti si possono prevedere 3 uscite didattiche: 1) presso un vivaio orticolo; 2) presso il laboratorio didattico-sperimentale della UR di Agronomia e Coltivazioni Erbacee del DSA3 in località Papiano e l'azienda della Fondazione per l'Istruzione Agraria in località Casalina; 3) presso un'azienda florovivaistica e un centro di ricerca genetica su specie orticole.



Supporti per l'insegnamento e l'apprendimento:


- video proiezioni delle lezioni;


- materiale didattico di approfondimento di alcune tematiche;
- testi consigliati per lo studio;
- presentazioni ppt delle lezioni



Modalità di apprendimento (oltre alla frequenza delle attività didattiche): 
Lettura e studio personale su testi di riferimento 
Lettura e studio personale su materiale di approfondimento
Lettura e studio personale su materiale on-line messo a disposizione dal docente 
Fare pratica di abilità su colture di campo e di serra 
Fare pratica di abilità tecnico-professionali su ipotetici contesti aziendali 

Testi consigliati

Accati Garibaldi E. (1993) Trattato di Floricoltura. Edagricole, Bologna.
Accati Garibaldi E. (1985) Le piante fiorite in vaso. Edagricole, Bologna.
Bianco V.V., Pimpini F. (1990) Orticoltura. Pàtron Editore, Bologna.
Siviero P., Trentini L. (2006) Orticoltura. Dalle scelte varietali alle tecniche di coltivazione e difesa. Edagricole, Bologna.
Tesi R. (1994) Principi di orticoltura e ortaggi d'Italia. Edagricole, Bologna.
Tesi R. (2008) Colture protette - ortoflorovivaismo in ambiente mediterraneo . Edagricole, Bologna.
Tesi R. (2010) Orticoltura Mediterranea sostenibile. Pàtron Editore, Bologna.
Trentini L., Sitta G. (2001) Orticoltura specializzata. Edagricole, Bologna.
Presentazioni ppt delle lezioni.

Risultati apprendimento

Far acquisire le conoscenze di base sulla diffusione ed importanza delle specie orticole e floricole e sulle loro peculiari caratteristiche biologiche, eco-fisiologiche, di coltivazione, raccolta, conservazione e destinazione con particolare riferimento alla qualità.
Far acquisire le informazioni specifiche su importanza, morfologia, biologia, ecofisiologia, agrotecnica, destinazione e utilizzazione dei prodotti delle principali colture orticole con particolare attenzione alla eco-compatibilità del processo produttivo e alla qualità delle produzioni.
Far acquisire le informazioni specifiche di coltivazione su alcuni casi studio di specie florovivaistiche.

Periodo della didattica

Secondo semestre a.a. 2016-17: inizio attività didattiche il 1/03/2017, termine il 26/05/2017.


Per ulteriori informazioni consultare il sito web del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali (http://dsa3.unipg.it)

Calendario della didattica

L'attività didattica seguirà quanto stabilito in seno al Consiglio Intercorso di SAA e SRS.


Consultare il sito web del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali (http://dsa3.unipg.it)

Attività supporto alla didattica

Disponibilità di materiale didattico sulla piattaforma moodle.

Lingua di insegnamentoItaliano
Frequenza

La frequenza alle lezioni è raccomandata ma non obbligatoria. 

Sede

Le lezioni si terranno presso il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali (DSA3); alcune lezioni teorico-pratiche si terranno all'aperto presso il DSA3 o presso azinede orticole o florovivaistiche.


Per ulteriori eventuali informazioni consultare il sito web del DIpartimento http://dsa3.unipg.it

Ore
Teoriche
60
Pratiche
0
Studio individuale
90
Didattica Integrativa
0
Totale
150
Anno3
PeriodoII semestre
Note

Prof. Francesco Tei, Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali, Sezione di Agronomia e Coltivazioni Erbacee Tel: 075 585 6060 - E-mail: francesco.tei@unipg.it.


Orario di ricevimento e assistenza per gli studenti: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle  13.00. Inoltre il docente è disponibile a ricevere ogni giorno previo appuntamento concordato con sufficiente anticipo anche per e-mail o per telefono.

Orario di ricevimento

dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13

Sede di ricevimento

Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali - UR Agronomia e Coltivazioni Erbacee

Codice ECTS2016 - 1794

Info pagina

Referenti di sezione

Prof. Massimiliano Marianelli
(Delegato per il settore Didattica)

Dott. David Ranucci
(Delegato per il settore Alta formazione)

Prof.ssa Floriana Falcinelli
(Delegato per il settore E-learning)


Torna su
×