Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale

Offerta Formativa 2017/18 - Regolamento 2017

Corso di laurea in Ingegneria meccanica

Presentazione

Obiettivi formativi specifici
Gli obiettivi qualificanti della classe in termini di conoscenze e capacita' sono il riferimento per gli obiettivi specifici del corso di laurea.
La conoscenza della matematica, dell'informatica e delle scienze di base e' sostanzialmente l'obiettivo da raggiungere nel primo anno, per formare il supporto metodologico e operativo per la comprensione e l'interpretazione delle problematiche ingegneristiche.
La prospettiva dell'applicazione costituisce un elemento chiave della formazione e, quando possibile, si e' previsto di modulare insegnamenti integrati che la esemplifichino adeguatamente.
Il secondo e terzo anno sono sostanzialmente dedicati alla conoscenza delle discipline ingegneristiche caratterizzanti e integrative. Per la formazione dell'ingegnere meccanico sono stati scelti come caratterizzanti gli ambiti qualificanti dell'ingegneria meccanica, dell'ingegneria energetica e dell'ingegneria gestionale.
Dal secondo anno il corso si articola in due curricula. Uno si incardina prevalentemente nelle discipline caratterizzanti l'ambito dell'ingegneria meccanica, mentre l'altro prevede uno spazio più ampio alle problematiche che sono affrontate nelle discipline caratterizzanti l'ambito dell'ingegneria gestionale.
Accanto alle conoscenze specifiche delle singole discipline ampio rilievo sara' dato agli aspetti metodologici, di modellazione, di progettazione e di collegamento fra le varie conoscenze.
Particolare cura sarà dedicata alla formazione di autonomia di giudizio e di valutazione comparativa di scelte progettuali.
Alla fine del terzo anno sono previste attivita' progettuali che si configurano come momento di sintesi delle conoscenze acquisite in cui saranno affrontate e discusse nei vari aspetti esemplificazioni di progettazione di componenti, sistemi e processi.
Queste attività sono di guida e orientamento per l'inserimento nel mondo del lavoro e per agevolare scelte professionali.
Descrizione del percorso formativo
Il corso di studio in breve
Gli obiettivi formativi generali del corso di studio sono i seguenti:
¿ Conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base ed essere in grado di utilizzare tale conoscenza per interpretare e descrivere i problemi dell'ingegneria meccanica.
¿ Conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi delle scienze dell'ingegneria in generale e dell'ingegneria meccanica in particolare.
¿ Identificare, formulare e risolvere problemi dell'ingegneria meccanica utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati.
¿ Essere capaci di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di componenti, sistemi e processi.
¿ Essere capaci di condurre esperimenti e di analizzarne e interpretarne i dati.
¿ Essere capaci di comprendere l'impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisico-ambientale.
¿ Conoscere le proprie responsabilità professionali ed etiche.
¿ Conoscere i contesti aziendali e la cultura d'impresa nei suoi aspetti economici, gestionali e organizzativi.
¿ Conoscere i contesti contemporanei.
¿ Avere capacità relazionali e decisionali.
¿ Essere in grado di comunicare efficacemente, in forma scritta ed orale, in almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano.
¿ Possedere gli strumenti cognitivi di base per l'aggiornamento continuo delle proprie conoscenze.


Gli obiettivi specifici delle attività formative sono:
¿ Fornire una preparazione culturale, metodologica e strumentale nelle discipline scientifiche di base per l'ingegneria.
¿ Fornire una preparazione scientifica, metodologica, tecnica, progettuale, realizzativa e di esercizio in discipline degli ambiti dell'ingegneria energetica, gestionale, dei materiali e meccanica.
¿ Fornire una preparazione scientifica, metodologica e tecnica nei settori scientifico-disciplinari affini e/o integrativi agli ambiti caratterizzanti l'ingegneria meccanica.

Queste attività sono di guida e orientamento anche per l'inserimento nel mondo del lavoro e per agevolare scelte professionali.

Gli sbocchi occupazionali e professionali di riferimento per il corso di laurea sono:
¿ Attività libero professionale, in società d'ingegneria e studi professionali con mansioni di progettazione e consulenza nell'ambito della progettazione meccanica e impiantistica.
¿ Pubblica amministrazione (Ministeri, Servizi tecnici, Agenzie), in Amministrazioni Locali, con mansioni prevalenti di gestione e controllo.
¿ Industria, in particolare industria manifatturiera, con funzioni di progettazione, produzione, gestione e organizzazione, nonché di assistenza nell'ambito delle strutture tecniche commerciali. In particolare, le professionalità dei laureati dell'area dell'Ingegneria Meccanica sono orientate a sbocchi occupazionali nelle industrie metalmeccaniche, elettromeccaniche, chimiche, operanti nella produzione di macchine, componenti, sistemi e impianti, nelle industrie per l'automazione e la robotica.
¿ Buone potenzialità del laureato anche nelle imprese di servizi e di consulenza tecnico-scientifica per enti pubblici e privati.

Informazioni dettagliate sui singoli corsi offerti possono essere reperite al seguente link
Altre informazioni
Le lezioni del corso di laurea triennale, finalizzato al conseguimento del titolo di Dottore in Ingegneria Meccanica, si tengono in due periodi (semestri), tipicamente settembre-dicembre e febbraio-maggio. Gli altri periodi dell'anno sono dedicati agli esami. Il carico didattico totale è di 180 CFU (CFU = Credito Formativo Universitario, corrispondente a circa 25 ore di lavoro per lo studente, tra lezioni frontali e studio).

Il corso di studi è articolato in due curricula:

1) Curriculum generale

2) Curriculum gestionale.

La conoscenza della matematica, dell'informatica e delle scienze di base è sostanzialmente l'obiettivo da raggiungere nel primo anno in entrambi i curricula, per formare il supporto metodologico e operativo per la comprensione e l'interpretazione delle problematiche ingegneristiche. La prospettiva dell'applicazione costituisce un elemento chiave della formazione e, quando possibile, sono previsti insegnamenti integrati che la esemplifichino adeguatamente.

Il secondo e terzo anno sono sostanzialmente dedicati alla conoscenza delle discipline ingegneristiche caratterizzanti e integrative. Gli ambiti delle materie caratterizzanti sono Ingegneria energetica, Ingegneria gestionale e Ingegneria meccanica e i due curricula si differenziano per il diverso numero di crediti assegnato ai diversi ambiti.

Il curriculum generale si caratterizza per un ampio spazio dedicato alla modellazione meccanica, al disegno di macchine, alla fisica tecnica, all’elettrotecnica, alla meccanica delle strutture, alle macchine a fluido, alla costruzione di macchine, alle misure meccaniche e termiche. Minore spazio è riservato alla tecnologia meccanica, all’ingegneria economico-gestionale ala progettazione e gestione degli impianti industriali.

Il curriculum gestionale si caratterizza per un ampio spazio dedicato all’ingegneria economico-gestionale, alla progettazione e gestione degli impianti industriali, alla tecnologia meccanica. Uno spazio significativo è dedicato alle discipline di supporto, in particolare alla statistica e alla ricerca operativa, e comunque sono presenti insegnamenti relativi a tutti i settori disciplinari presenti nell’altro curriculum, anche se con un numero minore di CFU.

Accanto alle conoscenze specifiche delle singole discipline ampio rilievo viene dato agli aspetti metodologici, di modellazione, di progettazione e di collegamento fra le varie conoscenze.

Alla fine del terzo anno sono previste attività progettuali che si configurano come momento di sintesi delle conoscenze acquisite in cui saranno affrontate e discusse nei vari aspetti esemplificazioni di progettazione di componenti, sistemi e processi. Queste attività sono di guida e orientamento per l'inserimento nel mondo del lavoro e per agevolare scelte professionali.

Con il conseguimento del titolo accademico lo studente può partecipare all’esame di abilitazione alla professione di Ingegnere che, una volta superato, consente l’iscrizione all’albo professionale degli Ingegneri junior secondo la normativa prevista dal DPR 328/2001.
Informazioni di contatto
Dipartimento di Ingegneria
www.ing.unipg.it
segr-didattica.ing@unipg.it
orientamento.ing@unipg.it
Via G. Duranti, 93
06125 Perugia (PG)
Tel. +39 075 585 36 03
Tel. +39 075 585 36 57
Fax +39 075 585 36 06

Direttore del Dipartimento
Prof. Giuseppe Saccomandi
giuseppe.saccomandi@unipg.it

Presidente Corso di Laurea
Prof.ssa Edvige Pucci
edvige.pucci@unipg.it

Responsabile Orientamento del Dipartimento
Prof. Paolo Banelli
paolo.banelli@unipg.it
www.orienta.ing.unipg.it

Responsabile test di ingresso TOLC-I
Prof. Andrea Scorzoni
andrea.scorzoni@unipg.it

Responsabile Qualità del Corso di Laurea
Ing. Roberto Marsili
roberto.marsili@unipg.it

Pagina Facebook del Corso di Laurea
www.facebook.com/ingmeccpg/

Responsabile Qualità del Dipartimento
Prof. Gianluca Reali
gianluca.reali@unipg.it
Accesso al corso
È previsto un test di valutazione delle proprie conoscenze in ingresso (TOLC-I) . L'esito del test non influisce sulla possibilità di immatricolarsi.
Il test di ingresso è comune a tutti i corsi di laurea del Dipartimento di Ingegneria. È obbligatorio, previsto dalla legislazione vigente e rappresenta per gli studenti anche uno strumento di autovalutazione della preparazione personale e dell'attitudine a intraprendere gli studi prescelti.
Il test si può sostenere in diverse date ogni anno. Il calendario aggiornato è disponibile sul portale web del dipartimento, nella sezione "test di ingresso".
I test prevedono cinque sezioni: matematica, logica, comprensione verbale, scienze e inglese, sono erogati dal consorzio CISIA e sono validi in tutte le sedi aderenti al consorzio.
La valutazione del test dipende dalla votazione conseguita nelle sezioni matematica, logica e comprensione verbale.
Gli studenti possono preventivamente allenarsi simulando un test on-line. Per informazioni dettagliate sul test, tra cui le date e i criteri di valutazione positiva, si rimanda al seguente link
http://orienta.ing.unipg.it/test-ingresso.html
Alcune settimane prima dell'inizio dell'anno accademico si organizzano dei corsi introduttivi di matematica di base presso la sede del Dipartimento di Ingegneria, per aiutare gli studenti a colmare eventuali lacune e affrontare il test di ingresso della sessione di settembre. I corsi introduttivi sono fortemente consigliati anche agli studenti che abbiano già superato il test di ingresso.
Sono previste attività supplementari, note con l'acronimo OFA (Obblighi Formativi Aggiuntivi), per tutti gli studenti immatricolati che non hanno ancora superato il test. Tali attività comprendono anche una verifica dell’effettivo recupero delle carenze evidenziate Le specifiche modalità sono descritte alla pagina web:
http://www.ing.unipg.it/it/didattica/iscriversi-ai-nostri-corsi/test-di-ingresso
Requisiti di ammissione
L'iscrizione al corso è regolata in conformità alle norme di accesso agli studi universitari. Prima dell'inizio dei corsi è prevista una procedura di verifica dei requisiti richiesti per l'ammissione al corso di studio. Se necessario saranno organizzate attività formative propedeutiche e di recupero di eventuali obblighi formativi, per omogeneizzare la formazione degli studenti di diversa provenienza allineandoli, per quanto possibile, ad una base di conoscenza sufficiente per poi inserirsi in maniera adeguata nel processo di formazione specifico.
Si richiedono capacità di comprensione verbale e ragionamento logico, attitudine ad un approccio metodologico, conoscenza di argomenti di matematica fisica e chimica comuni ai programmi delle scuole secondarie superiori.
Le conoscenze necessarie basate sugli studi pregressi, le modalità di verifica e gli strumenti per la individuazione degli obblighi formativi, nonché i criteri per la loro acquisizione, saranno specificati nel dettaglio nel regolamento didattico del corso di studio. In ogni caso le lacune individuate dalla procedura di verifica dei requisiti richiesti per l'ammissione al corso di studi implicano dei OFA che devono essere estinti, con l'aiuto di una didattica integrativa e del tutorato, nel primo anno di studi.
Modalità di verifica
Strumenti di verifica:

Verifica delle conoscenze per l'accesso

L'accesso al Corso prevede una test di ingresso teso a verificare il possesso dei requisiti d'ingresso e a stabilire eventuali Obblighi Formativi Aggiuntivi (OFA). Il test di ingresso è il test on-line TOLC del CISIA.
Una descrizione dettagliata delle modalità e delle date di svolgimento del test di ingresso sono pubblicate al seguente link:http://www.ing.unipg.it/it/didattica/iscriversi-ai-nostri-corsi/test-di-ingresso.

Verifica delle conoscenze in itinere

La verifica delle conoscenze acquisite nei vari insegnamenti può avvenire con le seguenti modalità:
a) Esami orali, consistenti in quesiti relativi ad aspetti teorici e applicativi inerenti alle tematiche sviluppate nel singolo insegnamento e volti ad accertare la comprensione degli argomenti e le conoscenze acquisite e da parte dello studente, nonché la capacità di esposizione e quella di inserirli nel contesto degli insegnamenti affini già svolti.
b) Esami scritti di natura teorica, aventi i medesimi contenuti e obiettivi di quelli orali ma svolti in forma scritta.
c) Esami scritti di natura applicativa, consistenti nell'utilizzo delle conoscenze acquisite per la soluzione di casi pratici (esercizi, programmazione, disegni ed elaborati tecnici) , di norma associati o propedeutici a prova orale.
d) Esami svolti in forma di presentazioni di elaborati, consistenti in verifiche di profitto centrate sullo sviluppo autonomo di riflessioni e/o sperimentazioni su tematiche riconducibili al programma dell'insegnamento e, in genere,volti a provare l'acquisizione di una autonoma capacità di giudizio sulle stesse e di comunicazione.
e) Esami svolti in forma di esperimenti od operazioni di laboratorio, di carattere prettamente applicativo.

Prova finale

L'esame finale consiste in una verifica delle capacità di elaborazione e sintesi delle conoscenze acquisite su un determinato argomento con particolare riguardo alle competenze progettuali e ad elaborati tecnici. Lo studente presenta elaborati scritti.

Ulteriori informazioni:
Prove di orientamento
Orientamento in ingresso
L'orientamento in ingresso è coordinato da un delegato all'orientamento, nominato dal Direttore del Dipartimento. Il coordinatore si avvale della collaborazione di un gruppo di docenti appartenenti ai corso di studio gestiti dal Dipartimento.


Open-Day organizzati nel territorio

Relativamente alle iniziative collettive il CdS, insieme al Dipartimento, partecipa a tutti gli eventi (Open-Day) organizzati dall'Ateneo, per promuovere la propria offerta formativa presso i Comuni principali del territorio (Perugia, Terni, Foligno, Città di Castello, Fabriano, etc.).
In queste occasioni, presso il punto espositivo del CdS, gli studenti di tutte le scuole del Comune organizzatore possono:
- ritirare materiale informativo prodotto sia dall'Ateneo che dal CdS;
- porre domande specifiche ad almeno due docenti del CdS;
- guardare un video realizzato dal CdS sulle strutture didattiche, di ricerca, e le attività dei propri laboratori;
- interagire, in alcune occasioni e compatibilmente con gli spazi messi a disposizione, con alcuni studenti di Laurea Magistrale, o Dottorato, o Post-Doc, i quali durante l'incontro testimoniano la loro esperienza e illustrano attività alle quali hanno partecipato nel corso della loro formazione.

Questi incontri rendono molto efficace la promozione del corso di laurea, perché permettono di entrare in contatto con ragazzi che sono realmente interessati all'ambito tematico del corso di laurea in Ingegneria Meccanica. Allo stesso tempo rende possibile la promozione del corso ad una platea più ampia rispetto a quanto fatto negli anni precedenti in cui le iniziative, essendo mirate alle singole scuole, erano per forza di cose limitate.


Open-Day organizzati in sede

Per tutti i propri corsi di studio, il Dipartimento, anche in collaborazione con il servizio orientamento dell'Ateneo, organizza, presso la propria sede, open-day dedicati alla illustrazione dettagliata dei percorsi formativi e alla visita delle strutture, degli spazi a disposizione delle attività degli studenti e dei propri laboratori disciplinari e di ricerca.
Lo scopo è quello di illustrare l'alto livello della ricerca svolta nella sede, anche in collaborazione con importanti aziende locali e nazionali. In questo modo lo studente percepisce direttamente l'ambiente in cui si svolgerà il proprio percorso didattico, le sue potenzialità e gli stimoli che quotidianamente riceverà nel corso della sua formazione.
Un docente accompagna gli studenti nei diversi laboratori dove gli studenti sono accolti da personale esperto che illustra le attività che vi si svolgono e, quando possibile, mostra qualche esemplificazione.
Visite alle strutture e ai laboratori avvengono anche su richiesta delle scuole e sono svolte con le stesse modalità.

Qualunque sia il tipo di iniziativa, ovvero gli incontri con le scuole presso le varie città e gli open-day o altri incontri con le potenziali matricole, il CdS porta anche le testimonianze di alcuni studenti, già iscritti al corso di laurea, che partecipano al progetto di ateneo Formula SAE Student. Il progetto prevede la partecipazione ogni anno di un team di studenti che, supportati dai docenti, si cimentano nello sviluppo completo del progetto e nella realizzazione fisica di una monoposto da competizione. Il corso di laurea in Ingegneria Meccanica fornisce la maggior parte degli studenti al team, le cui testimonianze sono particolarmente attrattive nei confronti delle potenziali matricole.


Orientamento basato su test di autovalutazione della preparazione in ingresso

Un ulteriore elemento di supporto all'orientamento è fornito dai test di autovalutazione indirizzati alle potenziali matricole. Sulla base dei risultati del test, il futuro studente può ottenere indicazioni rilevanti in merito alla predisposizione ed eventuali difficoltà che potrà incontrare nell'affrontare il percorso formativo offerto dai CdS.
Già dal precedente anno accademico, tutti i corsi di primo livello del Dipartimento di Ingegneria utilizzano i test on-line CISIA (cosiddetti test TOLC-I) per la verifica della preparazione in ingresso. Si sottolinea che la finalità del test è esclusivamente di autovalutazione per le potenziali matricole, le quali possono iscriversi al CdS indipendentemente dall'esito dello stesso. Il test può essere ripetuto più volte durante il primo semestre dell'anno accademico, e lo studente in caso di valutazione negativa, può avvalersi di un apposito tutorato per colmare eventuali lacune formative pregresse.

Orientamento contestuale alle esperienze di Alternanza Scuola-Lavoro

Il CdS si è adoperato, insieme al Dipartimento, alla formulazione di proposte di esperienze di Alternanza Scuola-Lavoro, sulla base dell’accordo quadro tra Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria, Confindustria Umbria, Università degli Studi di Perugia, Università per Stranieri di Perugia e Regione dell’Umbria. Esperienze specifiche sono state progettate per permettere agli studenti provenienti dagli istituti scolastici di frequentare le strutture del Dipartimento e sperimentare in questo modo in prima persona il tipo di attività che li vedranno coinvolti nel corso della formazione universitaria.

Ufficio Orientamento di Ateneo

L'Ateneo dispone di un proprio Ufficio Orientamento che, rispetto all'orientamento in ingresso, fornisce i seguenti servizi:

- colloqui individuali di tipo attitudinale con gli studenti;
- informazioni in merito all'offerta formativa e alle modalità di iscrizione;
- organizzazione di incontri e giornate informative con i Dipartimenti durante l'anno;
- organizzazione di incontri di orientamento alla scelta dei corsi di laurea presso le scuole superiori, e presso spazi messi a disposizione dai Comuni del territorio limitrofo.
- organizzazione di eventi conoscitivi dell'intero Ateneo cittadino.

Rispetto a questo ultimo punto, si segnala la partecipazione attiva del CdS e di tutto il Dipartimento, all'iniziativa "Pedibus Matricolarum". Attraverso questa iniziativa, gruppi di potenziali matricole sono guidati sia dai docenti sia da studenti già iscritti, attraverso i vari "campus" dell'Ateneo di Perugia, per conoscerne non solo le strutture didattiche, di ricerca e le biblioteche, ma anche i servizi accessori di mensa, segreteria studenti, alloggio studenti, nonché le strutture ricreativo/sportive.
Per maggiori informazioni si può visitare la pagina-web di Ateneo: http://www.unipg.it/orientamento

Eventi ed attività specifiche

Un elenco dettagliato di eventi, iniziative ed attività specifiche effettuate tra aprile 2016 e marzo 2017 è fornito nel file PDF allegato.
Orientamento e tutorato in itinere
Orientamento in itinere

Per quanto riguarda iniziative di orientamento in itinere specifiche per il CdS, si segnalano:

- Un orientamento dedicato agli studenti del terzo della laurea triennale, che comprende la visita ai laboratori didattici e di ricerca descritti al punto B4, al fine di motivarli a proseguire gli studi con la laurea magistrale in Ingegneria meccanica;

- Un'iniziativa denominata “Job day”, in collaborazione con aziende umbre (e non solo) del settore meccanico ed industriale, che si tiene presso il Dipartimento in primavera ogni anno. Si tratta di un momento importante di orientamento in itinere, per gli studenti della laurea triennale al fine di comprendere di sbocchi lavorativi della laurea magistrale ed orientare la relativa scelta

- Numerosi incontri, a cura del Delegato Erasmus, indirizzati agli studenti di tutti corsi di laurea gestiti dal Dipartimento, al fine di illustrare le modalità di partecipazione ai bandi Erasmus ed orientare la scelta della sede estera ed il programma didattico (si veda anche il punto B5).

Tutorato in itinere

Ogni 30 studenti immatricolati si prevede l'istituzione di un tutor che svolga le funzioni previste dal Regolamento didattico di Ateneo.
Possono svolgere attività di tutorato
A) professori e ricercatori
B) soggetti previsti dalla legge 170/2003.
C) ulteriori soggetti previsti nel Regolamento didattico di Ateneo.

Ritenendo che le immatricolazioni siano in numero minore o uguale alla numerosità massima prevista per la classe, sono previsti 3 tutor.

Qualora vengano immatricolati soggetti con bisogni educativi speciali, la struttura didattica provvederà, su richiesta, a mettere a disposizione mezzi strumentali compensativi.
Numero degli iscritti
Il CdS ha monitorato i risultati del proprio percorso formativo in termini di attrattività (ingresso), esiti didattici (percorso), laureabilità (uscita). L'analisi è basata sui dati forniti dall'Ateneo.

(dati aggiornati al 29/09/2016).
Risultati in termini di occupabilità
I dati relativi all'efficacia esterna sono disponibili al link di seguito riportato. Tali dati sono pubblicati da Almalaurea e si riferiscono ad un'indagine del 2014, aggiornata a marzo 2015. In tale documento, la sezione di maggiore interesse rispetto all'efficacia esterna è denominata "Condizione Occupazionale".
Vai a inizio pagina
Sommario
×