Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale

Offerta Formativa 2017/18 - Regolamento 2016

Corso di laurea in Infermieristica (abilitante alla professione sanitaria di infermiere)

Altre Info

Servizi agli studenti
Informazione in corso di inserimento
Assistenza svolgimento periodi di formazione all'esterno
Il CdS prepara per una Laurea abilitante per la quale le attività di Tirocinio professionalizzante costituiscono una componente fondamentale.
Sono state, a tal fine, stipulate numerose convenzioni sia con le Aziende Ospedaliere regionali che con le strutture sanitarie territoriali.
Tali convenzioni vengo utilizzate per gli studenti dei tre anni di corso e vengono regolamentate come descritto di seguito.
Le attività di tirocinio sono finalizzate a far acquisire allo studente competenze specifiche previste dal profilo professionale.
I 60 crediti minimi riservati al tirocinio sono da intendersi come impegno complessivo necessario allo studente per raggiungere le competenze professionali.
ll tirocinio professionale comprende:
sessioni tutoriali che preparano lo studente all'esperienza;
esercitazioni e simulazioni in cui si sviluppano le abilità tecniche, relazionali e metodologiche in situazione protetta, prima o durante la sperimentazione nei contesti reali;
•esperienze dirette sul campo con supervisione;
•sessioni tutoriali e feedback costanti;
•compiti didattici, elaborati e approfondimenti scritti specifici e mandati di studio guidato.
Le suddette attività sono organizzate e svolte sotto la supervisione del Coordinatore degli insegnamenti tecnico pratici e di tirocini. La figura del Coordinatore appartiene al profilo professionale di infermiere, in possesso della Laurea Specialistica o Magistrale ed è nominato dal Consiglio di Corso fra i Docenti dello specifico settore scientifico disciplinare; dura in carica tre anni. E ' responsabile degli insegnamenti tecnico pratici delle attività di tirocinio, e della loro interazione con gli altri insegnamenti. Organizza le attività complementari, assegna gli studenti ai tutori appositamente formati, supervisionandone le attività; regola l'accesso degli studenti alle strutture sede degli insegnamenti tecnico pratici e di tirocinio raccordandosi
con la Direzione delle Aziende Sanitarie sedi di tirocinio.
Interagisce e mantiene uno stretto contatto con i docenti di tutti i settori in particolare con quelli incaricati dell'insegnamento delle discipline tecnico pratiche, concorrendo alla definizione della quota tecnico pratica della didattica, nel rispetto degli obiettivi definiti dal Consiglio del Corso di Laurea.Propone la nomina dei tutor professionali al Consiglio di Corso.

Le iniziative di Ateneo sono descritte nel file pdf allegato
Informazione in corso di inserimento
Accompagnamento al lavoro
Tenuto conto delle competenze e delle abilità acquisite, gli sbocchi occupazionali di interesse per il laureato Infermiere sono l'inserimento nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie ospedaliere e territoriali, sia pubbliche che private.
Il tirocinio clinico professionalizzante si avvale della collaborazione delle due aziende ospedaliere umbre di Perugia e Terni e inoltre di 10 presidi ospedalieri regionali, 9 residenze sanitarie assistite e 19 centri di salute. Questa impostazione è finalizzata alla formazione, ma incrementa altresì l'interazione e il contatto con le strutture e i servizi sanitari della Regione, favorendo l'inserimento occupazionale.
L'esigenza di potenziare l'attività di orientamento in uscita dal CdS, trova attuazione nel progetto volto ad incentivare l'invio da parte dei laureati, del proprio curriculum al Collegio IPASVI, punto di incontro fra domanda ed offerta di lavoro nel settore specifico. Inoltre, si propone di orientare meglio l'intero percorso formativo, anche tramite “indagini di mercato”, in base alle nuove esigenze epidemiologico-assistenziali.
Le iniziative di Ateneo nel campo sono descritte nel file pdf allegato
Vai a inizio pagina
Sommario
×