Università degli Studi di Perugia

Insegnamento LINGUISTICA GENERALE

Nome del corso Scienze della comunicazione
Codice insegnamento GP003617
Curriculum Comune a tutti i curricula
Docente responsabile Franco Lorenzi
Docenti
  • Franco Lorenzi - Didattica Ufficiale
Ore
  • 63 Ore - Didattica Ufficiale - Franco Lorenzi
CFU 9
Regolamento Coorte 2020
Erogato Erogato nel 2020/21
Erogato altro regolamento
Attività Base
Ambito Discipline semiotiche, linguistiche e informatiche
Settore L-LIN/01
Periodo Secondo Semestre
Tipo insegnamento Obbligatorio (Required)
Tipo attività Attività formativa monodisciplinare
Lingua insegnamento
Italiano
Contenuti
Il corso presenta i concetti e i metodi fondamentali della linguistica e un’analisi dettagliata dei diversi livelli linguistici. Le ricerche linguistiche sono poste in stretta relazione alle scienze umane e alle discipline filosofiche e storiche. Il corso propone anche approfondimenti sul metalinguaggio, sulla comunicazione e sulla tipologia dei testi, collegata allo studio della variabilità linguistica.
Testi di riferimento
Testi di riferimento per il primo modulo:
RAFFAELE SIMONE, Nuovi fondamenti di linguistica, Milano, MacGraw-Hill, 2013 (capitoli 1-8).
Testi di riferimento per il secondo modulo:
RAFFAELE SIMONE, Nuovi fondamenti di linguistica, Milano, MacGraw-Hill, 2013 (capitoli 9-14).
Testi di riferimento per il terzo modulo:
MIRKO TAVOSANIS – MARCO GASPERETTI, Comunicare, Milano, Apogeo, 2004, e-book.

Durante il corso saranno fornite indicazioni bibliografiche per ulteriori approfondimenti.
Obiettivi formativi
Il corso si propone i seguenti obbiettivi di apprendimento:
(a) conoscenza dei concetti e dei metodi fondamentali della linguistica contemporanea, con riferimenti alle scienze umane, filosofiche e storiche;
(b) conoscenza degli strumenti metalinguistici utili alla descrizione delle lingue storico-naturali;
(c) conoscenze relative alla comunicazione e all’analisi del testo, collegate allo studio della variabilità sociale e linguistica.

Le principali abilità (ossia le capacità di applicare le conoscenze acquisite) saranno:
(a) descrivere le unità linguistiche ai vari livelli (da quello fonetico/fonologico a quello semantico e testuale) con strumenti formali adeguati, in particolare di tipo matematico;
(b) usare le categorie della grammatica e della retorica tradizionali in modo strumentale, cioè con la consapevolezza insieme dei loro limiti e della loro importanza storico-sociale.
Prerequisiti
Non sono necessari prerequisiti specifici per seguire gli argomenti trattati nel corso. È opportuno il recupero delle categorie della “grammatica tradizionale” e dei concetti e degli strumenti matematici usati negli anni di formazione scolastica, poiché avranno rilievo nell’analisi linguistica.
Metodi didattici
Il corso è organizzato nel seguente modo:
- lezioni in aula su tutti gli argomenti del corso
- esercitazioni sugli Esercizi e problemi contenuti nel volume di R. Simone, Fondamenti di linguistica, Milano, McGraw-Hill, 2013.
- esercitazioni su tipologie di testi presentati nel volume di M. Tavosanis – M. Gasperetti, Comunicare, Milano, Apogeo, 2004.
Altre informazioni
Per informazioni su lezioni ed esami consultare il sito http://www.scicom.unipg.it/.
La frequenza al corso è fortemente consigliata.
Modalità di verifica dell'apprendimento
L’esame prevede una prova orale finale consistente in una discussione della durata di circa mezz’ora. Essa è finalizzata ad accertare le conoscenze dello studente sui contenuti teorici e metodologici indicati nel programma e trattati durante il corso, con particolare attenzione alle modalità di descrizione delle lingue storico-naturali. Inoltre, la prova orale consentirà di verificare le capacità di argomentazione e sintesi dello studente, soprattutto per quanto riguarda la presentazione ragionata delle analisi linguistiche.
È prevista la possibilità di sostenere prove orali in itinere relative ai primi due moduli del corso; tali prove saranno condotte seguendo i criteri precedenti.
Programma esteso
Il corso presenta in modo sistematico i concetti, i metodi e i risultati fondamentali della linguistica. Le ricerche sul linguaggio naturale e sulle lingue verbali sono trattate in relazione alle scienze umane (antropologia, psicologia, sociologia, pedagogia) e alle discipline filosofiche e storiche. Un’attenzione particolare è rivolta alla tradizione grammaticale, stilistica e retorica, che rappresenta un ambito di conoscenze importante, ma spesso mal conosciuto. Il corso si compone di tre moduli: i primi due sono dedicati agli aspetti generali, mentre il terzo approfondisce il tema della comunicazione e dei generi testuali.

PRIMO MODULO
La prima parte del corso introduce i concetti basilari della disciplina e le metodologie d’analisi dei dati linguistici. Il modulo parte dalla teoria del segno e dalla semiotica, quindi presenta lo studio degli universali linguistici e della competenza specifica in una lingua storico-naturale. Saranno descritti in dettaglio i livelli fonetico-fonologico, morfologico e sintattico.

SECONDO MODULO
Nel secondo modulo prosegue l’analisi dei livelli linguistici; sono trattate le strutture sintattiche complesse e la teoria dei casi profondi, il discorso, il testo, la semantica e il lessico. Un’attenzione particolare sarà dedicata alla pragmatica linguistica e all’analisi delle funzioni comunicative del linguaggio.

TERZO MODULO
La parte finale del corso è dedicata alla comunicazione e alla variabilità linguistica, in senso sociale e psicologico. Il modulo introduce i concetti fondamentali relativi allo studio della produzione e comprensione linguistiche, e approfondisce la tipologia dei generi testuali nei contesti d’uso sociale. Un’attenzione specifica è rivolta agli ipertesti e alla comunicazione multimediale.