Università degli Studi di Perugia

Offerta Formativa 2021/22 - Regolamento 2021

Corso di laurea in Fisica

Presentazione

Obiettivi formativi specifici
L'obiettivo formativo del Corso di Laurea è quello di fornire una preparazione di base sul metodo scientifico impiegato in fisica oltre ad un'introduzione alle principali conoscenze in alcuni settori portanti delle moderne aree di indagine. Sebbene il corso di laurea sia metodologico ed il suo scopo prevalente sia la preparazione ai successivi cicli di studio, viene data un'adeguata importanza alle conoscenze sulle tecniche sperimentali, sull'impiego di strumentazione avanzata e sull'analisi dei dati che possono permettere ai laureati un inserimento nel mondo del lavoro in vari settori tecnologici. Il corso si articola in modo da avere sufficiente flessibilità per garantire sia l'accesso diretto, quando sarà istituita, alla Laurea Magistrale in Fisica (Classe LM-17) presso l'Università di Perugia, sia l'inserimento nel mondo del lavoro in vari settori, quali l'impiego di strumentazione avanzata, acquisizione ed analisi dei dati sperimentali in campo biomedico, ambientale ed informatico. La distribuzione dei CFU fra le varie attività formative è organizzata in modo da garantire a tutti i laureati un insieme comune di conoscenze di base (74 CFU) ed un adeguato bagaglio di conoscenze caratterizzanti per tutti (minimo 50 CFU, massimo 65 CFU). Il percorso formativo viene poi completato nei piani di studio individuali o aumentando il numero di CFU fra le attività caratterizzanti o aumentando il numero di CFU fra le attività affini ed effettuando eventualmente un tirocinio, che non potrà comunque implicare attività per meno di 6 CFU, per ulteriore formazione con specifiche competenze. Infine il percorso formativo prevede 2 CFU per ulteriori abilità informatiche e telematiche che integreranno una prova finale di 6 CFU, le cui caratteristiche saranno definite in dettaglio dal Regolamento Didattico.
Descrizione del percorso formativo
Il corso di studio in breve
La Fisica indaga l'Universo nei suoi aspetti più fondamentali, ricercando e formulando leggi generali per la descrizione dei fenomeni naturali. Il confronto tra teoria ed esperienza è alla base della loro validità.
Il Corso di Laurea in Fisica ha lo scopo primario di dare una formazione di base nelle discipline fisiche e nelle loro applicazioni ad alcuni settori dello sviluppo tecnologico. La Laurea in Fisica rappresenta il primo ciclo di un percorso di istruzione superiore indispensabile per accedere ai due cicli di formazione successivi, cioè la Laurea Magistrale in Fisica (Classe LM-17) ed il Dottorato di Ricerca. Il percorso formativo deve permettere al laureato di acquisire le conoscenze fondamentali nei settori più importanti della Fisica, le metodologie di base del metodo scientifico e la comprensione e uso delle moderne tecnologie, con riferimento anche a quelle legate all'informatica. Per garantire l’acquisizione delle competenze, il Corso di Laurea in Fisica segue un percorso basato sulla propedeuticità degli insegnamenti, premettendo le conoscenze di Matematica, che trovano poi applicazione nella Fisica, e introducendo fin dal primo anno metodologie di laboratorio, incluse le tecnologie informatiche. Solo dopo l'acquisizione di un adeguato bagaglio di conoscenze di base, sia matematiche che fisiche, si passa a un'offerta formativa mirata o al completamento dei cicli di formazione superiore o all'acquisizione di conoscenze eventualmente impiegabili in vari settori del mondo del lavoro. Nella fase finale del corso di laurea sono presenti insegnamenti in ambiti relativamente avanzati nel campo della Fisica dei sistemi condensati, della Fisica atomica, della Fisica nucleare e sub-nucleare. Il corso di studio è strutturato con il fine di fornire un buon livello di conoscenze e favorire gli aggiornamenti relativi alle tecniche di laboratorio e di analisi dei dati sperimentali. Inoltre, al fine di promuovere la mobilità e di iniziare gli studenti alla didattica in lingua straniera, due insegnamenti, fra quelli a scelta dello studente, saranno erogati in lingua inglese.

Gli ambienti in cui si svolgono le attività didattiche e di studio favoriscono un rapporto aperto e informale tra gli studenti, nonché tra gli studenti e i docenti. Le interazioni continue rappresentano un importante sostegno per gli studenti e permettono loro di affrontare eventuali difficoltà di inserimento universitario, specialmente durante il primo anno. L'organizzazione del corso di laurea pone particolare cura alla comunicazione, informando puntualmente gli studenti su tutto ciò che è di loro interesse, ricordando scadenze importanti e fornendo tempestive risposte via e-mail ai loro quesiti. Gli spazi per lo studio e lo scambio di esperienze tra studenti comprendono, tra gli altri, una spaziosa aula studio recentemente ristrutturata, un'aula di informatica dotata di trenta postazioni, liberamente disponibile tranne che in occasione dello svolgimento delle lezioni. Per molti corsi del primo e del secondo anno viene organizzato un tutoraggio volto ad aiutare gli studenti a superare eventuali difficoltà riguardanti sia l'inserimento nel nuovo ambiente, che lo studio di nuove materie.

La preparazione del laureato in Fisica è caratterizzata da conoscenze di base adeguate per eventuali studi successivi e da una solida preparazione tecnologica riguardante sia l'utilizzo, che le possibili applicazioni di diverse strumentazioni scientifiche. Il complesso delle conoscenze teoriche e sperimentali acquisite durante il corso di studi e l'abitudine all'analisi critica dei dati consentiranno al laureato in Fisica di inserirsi efficacemente negli ambienti di lavoro e di ricerca, operando sia in autonomia, che in gruppo.
Conoscenze richieste per l'accesso
Per essere ammessi al corso di laurea in Fisica occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero, ritenuto idoneo dalla struttura didattica. Viene richiesto inoltre il possesso, ovvero l'acquisizione, di una adeguata preparazione iniziale su argomenti di matematica di base, di calcolo algebrico elementare e di geometria.

Gli studenti dovranno sostenere una prova sulle conoscenze richieste per l'accesso, le cui modalità saranno definite dal Regolamento Didattico dove saranno altresì indicati gli obblighi formativi aggiuntivi previsti nel caso in cui la verifica non sia positiva.
Modalità di ammissione
L'accesso al Corso di Laurea in Fisica è libero. Il numero di riferimento di studenti immatricolati in Fisica è quantificato in 75 unità.
Per essere ammessi al corso di laurea in Fisica occorre avere un diploma di scuola secondaria superiore o altro titolo di studio conseguito all'estero, ritenuto idoneo dalla competente struttura didattica (DM 270/2004, art. 6 comma 1 e 2). Sono richieste conoscenze di base di matematica, quali aritmetica elementare, calcolo algebrico elementare, elementi di geometria.
Gli studenti iscritti, o che intendono iscriversi, al Corso di Laurea devono sostenere una prova di autovalutazione al fine di verificare l'adeguatezza della preparazione iniziale. La prova è basata su un insieme di quesiti a riposta multipla e verte su argomenti di matematica di base e logica. La prova si svolge, di norma, in uno dei primi giorni di lezione, o attraverso una procedura informatica, in collaborazione con l'organizzazione 'con.Scienze' (http://www.conscienze.it), oppure in modalità cartacea, attraverso la somministrazione di un test costituito da 15 domande a risposta multipla.
Gli studenti che non superano la prova sono invitati a frequentare un corso di recupero organizzato dal Corso di Laurea in Fisica, le cui lezioni si svolgono in contemporanea con i corsi ufficiali. Il corso di 'allineamento' si tiene durante le due settimane successive alla prova di autovalutazione.
Orientamento in ingresso
L'orientamento in ingresso alla Laurea in Fisica è attuato attraverso iniziative organizzate sia a livello di Ateneo, sia attraverso contatti diretti del Dipartimento di Fisica e Geologia con le scuole superiori. L'Ufficio Orientamento di Ateneo svolge attività di supporto agli studenti in entrata, in itinere e in uscita. Le informazioni sulle molteplici iniziative e attività previste per gli studenti in entrata sono reperibili all'URL: http://www.unipg.it/studenti-futuri.
Il coordinatore delle attività di orientamento per il Dipartimento di Fisica e Geologia, delegato dal Direttore del Dipartimento, è il Dottor Marco Cherin. Le attività riguardanti il Corso di Laurea in Fisica sono coordinate dalla Dottoressa Palmerini, di concerto con il coordinatore del CdS. Un gruppo di lavoro, costituito dai docenti G. Grignani, A. Orecchini, M. Madami, S. Pacetti, A. Paciaroni e M. Rinaldi partecipa alle attività organizzate dal Delegato all'Orientamento dell'Ateneo. I docenti si avvalgono anche del supporto di studenti del corsi di Laurea in Fisica, di Dottorandi e di Post-Doc. La loro presenza si è rivelata particolarmente utile, in quanto la minore differenza di età rende particolarmente agevole l'interazione con gli studenti delle scuole medie superiori.

Nel corso degli eventi organizzati dall'Ateneo per promuovere l'offerta formativa presso i maggiori comuni del territorio ('Saloni di orientamento'), i docenti del CdS presidiano il punto espositivo, presso il quale gli studenti di tutte le scuole del Comune organizzatore possono ritirare materiale informativo prodotto sia dall'Ateneo che dal CdS e porre domande specifiche riguardanti l'organizzazione del CdS.

L'Open Day virtuale del CdS di Fisica, condotto dalla Dottoressa Sara Palmerini, si è svolto in modalità virtuale il 14 di aprile 2021, nell'ambito dell'evento 'UNIPGORIETALIVE',12-21 aprile 2021 (https://www.clickorientaunipg.it/calendario-open-day/), che ha visto la partecipazione di moltissimi studenti delle scuole superiori.

L'orientamento in ingresso viene svolto anche attraverso un'intensa attività di divulgazione. Il Comitato per la Didattica del CdS cura in modo particolare i rapporti con le scuole, in collaborazione con il Dipartimento di Fisica e Geologia, attraverso una serie di progetti. Fra questi si colloca l'iniziativa 'la Fisica incontra le Scuole' (https://www.fisgeo.unipg.it/physdid/LaFIS/index.html), coordinata dal Professor Simone Pacetti e giunta alla undicesima edizione (precedentemente coordinata dalla Professoressa Giuseppina Anzivino). Si tratta di cicli di seminari divulgativi tenuti da docenti del dipartimento presso le scuole. I seminari hanno lo scopo di presentare agli studenti, in maniera a loro accessibile e comprensibile, alcuni aspetti della Fisica che non fanno parte, in generale, dei programmi scolastici, e illustrare, inoltre, le attività di ricerca che si svolgono presso il Dipartimento.

Tra le attività di orientamento si inseriscono le azioni previste dal Piano Nazionale Lauree Scientifiche, un progetto nazionale condotto e supportato dal MIUR negli ultimi dieci anni, al quale il CdS partecipa. Tali iniziative sono concepite con tre finalità: autovalutazione degli studenti; introduzione al metodo scientifico con i laboratori di fisica moderna; auto-formazione e formazione degli insegnanti. I laboratori di fisica moderna, che consistono in attività da svolgere in Dipartimento, hanno, assieme alla finalità formativa sia per gli studenti che per gli insegnati, anche quella di orientamento. Il responsabile per queste attività è il Prof. Simone Pacetti. Informazioni dettagliate sono reperibili al link: http://www.fisgeo.unipg.it/pacetti/pls2020/.

Nello stesso ambito sono state svolte attività con l'allestimento di esperienze presso le scuole e la partecipazione diretta anche degli insegnanti.
Una iniziativa di divulgazione, con finalità anche di orientamento, organizzata dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), ma che vede anche la partecipazione del Dipartimento di Fisica e Geologia, si svolge in collaborazione con il CERN di Ginevra. Si tratta delle 'International Masterclasses - Hands on Particle Physics' (http://www.pg.infn.it/Masterclass2021/), giornate 'full immersion' di lezioni, esercitazioni e misure di grandezze fisiche, utilizzando i dati di esperimenti reali provenienti da laboratori internazionali, a cui partecipano circa 100 studenti delle scuole umbre, in due o tre giornate.

Tutte queste attività ci consentono di mantenere una collaborazione stretta e continua con le scuole; con alcune scuole sono in essere convenzioni formali per attività specifiche. Ulteriori attività sono svolte mediante l'allestimento di mostre tematiche, anche in collaborazione con altri enti di ricerca.

Per quanto riguarda gli studenti provenienti dal territorio extra-regionale, che non hanno accesso diretto a queste iniziative, le informazioni sul CdS sono disponibili presso il sito web del Dipartimento di Fisica e Geologia e presso il sito web dell'Ateneo di Perugia. Inoltre la Segreteria Didattica del Dipartimento di Fisica e Geologia svolge un servizio di informazioni personalizzate, per gli studenti che contattano la struttura per telefono o per e-mail.
Orientamento e tutorato in itinere
Durante il corso di laurea, ciascun docente svolge di fatto un'attività di orientamento continuativa, cercando di indirizzare gli studenti e di affrontare e chiarire in itinere eventuali problemi o dubbi che dovessero insorgere. Questa attività, parte integrante dei compiti didattici, viene svolta durante i periodi di ricevimento.
Sono previsti, inoltre, docenti di riferimento incaricati ai quali gli studenti possono rivolgersi in caso di necessità e richiedere un servizio di tutorato personale e definirne la modalità di svolgimento. I tutor per l'A.A. 2021-2022 sono: Luca Gammaitoni, Gianluca Grignani, Andrea Orecchini, Marta Orselli e Simone Pacetti.

Inoltre, compatibilmente con le disponibilità finanziarie del Corso di Laurea, viene attivato un servizio di tutorato d'aula per i corsi del primo anno e per quelli che ne abbiano una giustificata necessità. Il tutorato d'aula è in genere assegnato a dottorandi o dottori di Ricerca in Fisica che siano particolarmente competenti nella materia del corso per il quale il servizio sia stato attivato.
Sono previste anche attività di studio assistito a cura dei docenti titolari degli insegnamenti.
Per quanto riguarda la prova finale, sono organizzate da parte del Coordinatore della Didattica giornate informative durante le quali i docenti con disponibilità di tesi illustrano gli argomenti e le modalità di svolgimento del lavoro previsto. In generale vengono tenuti due incontri informativi per anno; l'ultimo incontro si è svolto in modalità a distanza nelle giornate dell'11 e 12 marzo 2021. Gli argomenti di tesi offerti dai docenti in questa occasione sono reperibili nelle presentazioni pubblicate
nella pagina web: https://www.fisgeo.unipg.it/physori/
Numero degli iscritti
Nel triennio 2017/2018-2019/2020 il numero medio di iscritti al primo anno del Corso di Laurea in Fisica (L-30) è di 56,3 studenti, in linea con gli immatricolati degli anni precedenti. In base ai questionari compilati dai Laureati nel 2018 (fonte Almalaurea), la maggior parte degli studenti (circa 85%) proviene dal liceo scientifico (8% dal liceo classico), con un voto di diploma medio pari ad 94,2/100. Questo dato rivela la capacità del Corso di Laurea in Fisica di attrarre gli studenti migliori. Tra le motivazioni, quelle maggiormente indicate sono prevalentemente culturali con circa il 46%, ma anche culturali e professionalizzanti, con il 31%. Quest'ultimo dato è in aumento rispetto all'anno precedente, indicando un maggiore interesse verso l'acquisizione di professionalità. Un'altissima percentuale del 93% degli studenti dichiara di aver frequentato regolarmente le lezioni. Il punteggio medio alla fine del corso è di 27.2/30, con un voto di laurea in uscita medio di 106.5/110 e il 77% di laureati in corso. Questi ultimi indicatori sono elevati e in aumento rispetto alle rilevazioni precedenti, probabilmente a causa della stabilità dell'ottimizzazione del carico didattico e dell'impegno di studio. L'indice di ritardo (rapporto tra il ritardo e la durata legale del corso) si mantiene abbastanza stabile, 0.24. Inoltre, il 92% dei laureati di primo livello prosegue con la laurea magistrale. Fonti: Dati di Ateneo e Corso di Studio, Almalaurea e Universitaly.

Almalaurea
http://www2.almalaurea.it/cgi-php/universita/statistiche/framescheda.php?anno=2019&corstipo=L&ateneo=70023&facolta=1354&oldgruppo=1&pa=70023&classe=10025&corso=tutti&postcorso=0540106203000001&isstella=0&isstella=0&presiui=tutti&disaggregazione=&LANG=it&CONFIG=profilo

Universitaly
https://www.universitaly.it/index.php/public/schedaCorso/anno/2020/corso/1562443
Risultati in termini di occupabilità
Dalla rilevazione più recente, ovvero quella di AlmaLaurea del 2019, risulta che il 92,6% degli studenti della Laurea in Fisica è interessato a proseguire gli studi per completare i primi due livelli e conseguire, quindi, la Laurea Magistrale, sia nella stessa Università sia in altre Università in Italia e all'estero. Pertanto la percentuale di laureati che accede al mondo del lavoro è trascurabile e poco significativa. Le elevate competenze acquisite sono impiegate dalla totalità dei laureati occupati. L'acquisizione di professionalità è ritenuta la caratteristica più importante per entrare nel mondo del lavoro.
Per le informazioni generali sull'ingresso dei laureati nel mondo del lavoro si fa riferimento ai dati di AlmaLaurea, come già indicato e di Universitaly.
Riferimenti.
Universitaly - https://www.universitaly.it/index.php/public/schedaCorso/anno/2020/corso/1562443
Almalaurea - http://www2.almalaurea.it/cgi-php/universita/statistiche/framescheda.php?anno=2019&corstipo=L&ateneo=70023&facolta=1354&oldgruppo=1&pa=70023&classe=10025&corso=tutti&postcorso=0540106203000001&isstella=0&isstella=0&presiui=tutti&disaggregazione=&LANG=it&CONFIG=profilo