Università degli Studi di Perugia

Skip to content

Unit HISTORY OF UMBRIAN ART

Course
Archaeology and history of art
Study-unit Code
GP003585
Curriculum
In all curricula
Teacher
Laura Teza
Teachers
  • Laura Teza - Didattica Ufficiale
Hours
  • 36 ore - Didattica Ufficiale - Laura Teza
CFU
6
Course Regulation
Coorte 2017
Offered
2018/19
Learning activities
Affine/integrativa
Area
Attività formative affini o integrative
Sector
L-ART/02
Type of study-unit
Opzionale (Optional)
Type of learning activities
Attività formativa monodisciplinare
Language of instruction
italian
Contents
Trattazioine sistematrica dei principali fenomeni figurativi presenti in ambito Umbro in epoca moderna (XVI-XVIII sec.), delle loro interazioni e specificità di forma e contenuto.
Reference texts
F. F. MANCINI, La pittura in Umbria nel Cinquecento, in La pittura in Italia. Il Cinquecento, Electa, Milano, 1988, I, pp. 369-386.
B. TOSCANO, La pittura in Umbria nel Seicento, in La pittura in Italia. Il Seicento, Electa, Milano, 1989, I, pp. 361-381.
V. CASALE, La pittura del Settecento in Umbria, in La pittura in Italia. Il Settecento, Electa, Milano, 1990, I, pp. 351-370.

Il programma e la maggioranza (90%) dei testi previsti per la bibliografia dell'esame saranno consultabili on-line in pdf nel sito http://unistudium.unipg.it/. Tale consultazione sarà riservata agli studenti dell'ateneo
Educational objectives
Lo studente sarà in grado di leggere l'ambiente storico artistico circostante e in grado di sviluppare abilità di descrizione delle principali emergenze culturali, interpretazione e valorizzazione delle stesse.
Prerequisites
Buona conoscenza dell'arte moderna in generale.
Teaching methods
Lezioni frontali con dinamica interattiva e frequente coinvolgimento degli studenti. Visite didattiche alle principali emergenze monumentali della Regione. Alla fine del corso viene solitamente lasciato spazio ad approfondimenti seminariali
Learning verification modality
Oral exams.
Extended program
Dopo le presenze di Raffaello e Luca Signorelli all'inizio del Cinquecento si prenderà in esame la scuola umbra post raffaellesca e quella successiva della Rocca Paolina con il fenomeno della diffusione di una cultura manieristica post-vasariana, e il sorgere dei grandi cantieri chiesastici della Controriforma come quelli del duomo di Orvieto e della basilica di Santa Maria degli Angeli. L'intervento di Federico Barocci provocherà il risorgere di una scuola pittorica perugina che nel Seicento a Perugia avrà delle connotazioni post caravaggesche e classicistiche. Nel Settecento si assisterà a importanti fenomeni di importazione di origine romana mentre si assosterà al l fenomeno di ristrutturazione dell'Accademia di Belle Arti a Perugia.
Go top
Table of content
×