Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale
Menu

Insegnamento PRIVATE BANKING AND ASSET MANAGEMENT

Corso Finanza e metodi quantitativi per l'economia
Codice insegnamento GP004236
Curriculum Statistics for finance and economics
Docente Paola Musile Tanzi
Docenti
  • Paola Musile Tanzi - Didattica Ufficiale
Ore
  • 42 ore - Didattica Ufficiale - Paola Musile Tanzi
CFU 6
Regolamento Coorte 2018
Erogato 2018/19
Attività Caratterizzante
Ambito Aziendale
Settore SECS-P/11
Tipo insegnamento Obbligatorio (Required)
Tipo attività Attività formativa monodisciplinare
Lingua insegnamento Inglese
Contenuti L’oggetto del corso è l’analisi delle principali tendenze nei settori private banking e asset management. Saranno inoltre analizzati alcune soluzioni presenti nella gamma di offerta degli operatori, con particolare attenzione al piano di investimento e al piano assicurativo –previdenziale.
Testi di riferimento MUSILE TANZI P. (a cura di), Manuale del private banker, Egea, Milano, edizione 2016 (esclusi i capitoli 9-10-11-12)In alternativa per la versione inglese del programma EVENSKY-HORAN-ROBINSON, The New Wealth Management: the Financial Advisor Guide to Managing and Investing Client Assets, CFA Institute Investment Series, 2011 (chapters 2, 11, 17 not included)
Obiettivi formativi Lo scopo del corso è:

- fornire agli studenti gli strumenti per valutare le scelte strategiche degli intermediari specializzati nel campo wealth management;

- esaminare le diverse componenti che caratterizzano la finanza personale in fase di costruzione del piano di investimento;

- allenare ad una visione ampia nell’approccio al mercato wealth.
Prerequisiti Si suppongono conosciuti i principi base di costruzione di un portafoglio finanziario
Metodi didattici Lezioni, analisi di casi, esercitazioni, seminari tenuti su temi specifici a cura di operatori economici ed esperti del settore finanziario
Altre informazioni Lo svolgimento degli assessment previsti durante il corso è parte integrale della valutazione complessiva
Modalità di verifica dell'apprendimento Per gli studenti che frequentano il corso l'esame è articolato in tre prove: - un assigment scritto durante il corso da svolgersi attraverso un lavoro di gruppo con presentazione in plenaria relativo all’analisi settoriale (peso 20% sul risultato finale);- un assigment da svolgersi in lavoro di gruppo relativo alla parte di analisi del portafoglio finanziario (peso 20% sul risultato finale);- una prova scritta finale individuale, che si compone di sei domande in forma aperta, da svolgere in un’ora di tempo (peso 60% sul risultato finale). Per gli studenti che non frequentano il corso l’esame consiste in una prova scritta finale individuale, che si compone di sei domande in forma aperta, da svolgere in un’ora di tempo, comprensiva di tutto il programma.

Per informazioni sui servizi di supporto agli studenti con disabilità e/o DSA visita la pagina http://www.unipg.it/disabilita-e-dsa
Programma esteso - Lo scenario competitivo nel settore dell’asset management e del private banking/wealth management- Le scelte strategiche ed organizzative degli intermediari finanziari operativi nel private banking/wealth management.- L’analisi dei differenti modelli di business- L’analisi dei bisogni del cliente: il processo di personal financial planning- La costruzione di un piano di investimento: l’asset allocation e la gestione dei portafogli.- La diversificazione del portafoglio attraverso gli hedge funds.- la diversificazione del portafoglio attraverso commodities- La valutazione della performance nel risparmio gestito.- La finanza comportamentale.- La pianificazione previdenziale e assicurativa: diagnosi del fabbisogno e soluzioni di copertura.- L’investimento in arte

Legenda

Corso di tipo "LT"
Laurea
Corso di tipo "LM"
Laurea Magistrale

Glossario
Laurea (primo livello)
Titolo accademico di primo livello, la sua reale denominazione dovrebbe essere laurea, ma viene solitamente aggiunto "triennale" o "di primo livello" per differenziarlo dalle lauree esistenti prima della riforma 509 del 1999, per le quali gli atenei danno il titolo a chi risulta ancora iscritto

Laurea Magistrale (secondo livello)
Titolo che sostituisce la laurea specialistica ai sensi del decreto ministeriale 270/2004. Consta di 120 crediti suoi propri

Ciclo Unico (secondo livello)
Le lauree magistrali a ciclo unico sono quelle che si conseguono al termine di corsi della durata quinquennale (300 crediti) o esennale (360 crediti, comprensivi di 60 crediti di tirocinio) a cui si può accedere con il diploma di scuola secondaria superiore

Info pagina

Referente di sezione

Prof.ssa Elena Stanghellini
(Delegato per il settore Relazioni internazionali)


Torna su
×