Università degli Studi di Perugia

Studiare, insegnare e lavorare all’estero fanno da sempre parte integrante della vita accademica e fin dalle sue origini l’Università degli Studi di Perugia ha favorito la mobilità internazionale dei suoi docenti e ricercatori

Grazie al programma europeo Erasmus+, è possibile attivare accordi bilaterali con Atenei europei e quindi godere di un finanziamento della Unione Europea per fini didattici, oppure per sviluppare nuovi progetti didattici e scientifici. E' anche possibile stringere accordi a fini di tirocinio e scambio di buone prassi. Gli accordi permettono ai docenti dell'Università degli Studi di Perugia di recarsi presso le sedi straniere (mobilità outgoing) e ai docenti delle sedi consorziate di recarsi presso di noi (mobilità incoming).

Per attivare un accordo di mobilità con sedi europee (programme countries) occorre compilare il Modello accordo UE-programme countries. Ogni nuovo accordo deve essere inviato al Delegato Erasmus di Dipartimento per l'approvazione.

Dall'anno accademico 2015-2016 è anche possibile stringere accordi con sedi extra-europee (partner countries). Per attivare un accordo di mobilità occorre compilare il Modello accordo extraUE-partners countries. Ogni nuovo accordo deve essere inviato al Delegato Erasmus di Dipartimento per l'approvazione.

IMPORTANTE: gli accordi possono contemplare anche la mobilità per studenti (suddivisa in I livello, II livello e III livello). E' utile valutare, dopo un'attenta disamina della congruità dei piani di studio,  se l'accordo può coinvolgere anche i nostri studenti, aumentando le loro opportunità di formazione all'estero. Inoltre, gli accordi possono contemplare anche la mobilità per il personale non docente, altra forma di mobilità che l'Ateneo intende incentivare in ogni modo.

Ogni anno, l'Ateneo emette un bando per l'attribuzione dei contributi di mobilità outgoing per professori, ricercatori ed assegnisti di ricerca, all'interno degli accordi stipulati dai docenti nell'ambito del programma Erasmus+.

Inoltre, l'Ateneo mette a disposizione risorse per la mobilità dei docenti in uscita all’interno degli Accordi Quadro, per svolgere attività di ricerca e per agevolare la creazione di percorsi didattici congiunti.

Gli anzidetti bandi sono consultabili al link:

www.unipg.it/internazionale/bandi/bandi-per-professori-professori-a-contratto-ricercatori-assegnisti?view=concorsi

Infine, l'Ateneo mette a disposizione risorse per invitare docenti (Visiting Professors) a svolgere attività didattica e attività di ricerca. I dettagli sono nella sezione Visiting Professors:

www.unipg.it/internazionale/visiting-professors

 

- Modulo di accettazione della mobilità da inviare, debitamente compilato e firmato, a: ufficio.relint@unipg.it entro i termini previsti dal bando.

Documenti da presentare almeno 30 giorni prima della partenza:

- Accordo finanziario

N.B. L'allegato I all'accordo finanziario (MOBILITY AGREEMENT STAFF MOBILITY FOR TEACHING) va compilato nuovamente solo nel caso in cui il periodo differisca rispetto a quello già indicato al momento della candidatura;

- Autorizzazione a svolgere la missione, debitamente firmata, per il personale docente, dal Direttore di Dipartimento (in base alla struttura di afferenza);

- Impegno di spesa  e tabelle D.M. 23/03/2011;

- Richiesta anticipo missione;

- Modulo missione paesi esteri (assicurazione)  e  modalità attivazione  e  attestazione copertura della Polizza assicurativa.

Compilare i moduli sopra indicati interamente a computer, stampare, firmare e trasmetterli, in duplice originale (informato cartaceo), all’Area Relazioni Internazionali - Ufficio relazioni internazionali, programmi comunitari e cooperazione internazionale – Piazza dell’Università, 1 – 06123 Perugia.

Qui sotto è disponibile, inoltre:

- un fac-simile di Certificato Staff Mobility for Teaching, da far compilare e firmare dal funzionario competente presso la sede partner, al termine dell’attività di formazione. Tale certificato, in originale, rilasciato dall'Istituto ospitante al termine del periodo di mobilità all'estero, debitamente timbrato e firmato, dovrà certificare le date e le ore di effettivo svolgimento dell’attività di docenza all’estero.

Entro 15 giorni dalla data di rientro, inviare, in originale, **all’Ufficio Archivio e Protocollo** dell'Ateneo, la seguente documentazione:

- Certificato Staff Mobility for Teaching [link come sopra] rilasciato dall'Istituto ospitante al termine del periodo di mobilità all'estero, debitamente timbrato e firmato, che certifichi le date e le ore di effettivo svolgimento dell’attività di docenza all’estero;

- tutti i documenti giustificativi delle spese sostenute.

Si ricorda che il rimborso delle spese avviene dietro presentazione dei documenti in originale, secondo quanto previsto dal Regolamento Missioni di Ateneo. Contestualmente, tale documentazione dovrà inoltre essere inviata tramite e-mail all’Area Relazioni Internazionali (e-mail: area.relint@unipg.it), debitamente scansionata ed organizzata secondo un diario giornaliero e rendicontata attraverso un file Excel:

- Foglio di calcolo rimborso spese.

Il contributo finanziario può essere corrisposto, ai sensi del Regolamento missioni dell'Ateneo, secondo le seguenti modalità alternative, richieste in fase di autorizzazione della missione, come segue:

- Rimborso analitico al partecipante a seguito di presentazione dei documenti giustificativi ai sensi del Regolamento missioni dell’Ateneo;

- Rimborso al partecipante delle spese di viaggio a seguito di presentazione dei giustificativi e rimborso del soggiorno utilizzando il trattamento alternativo di missione previsto dal Decreto Ministero Affari Esteri del 23/03/2011, (Regolamento missioni dell’Ateneo);

La copertura finanziaria è garantita per periodi non superiori ai 14 giorni, compresi i giorni di viaggio. Per mobilità di durata superiore, saranno garantite la copertura assicurativa da parte dell’Ateneo e il riconoscimento del periodo di mobilità.

Ai fini del rimborso, le date di inizio e di fine della mobilità devono coincidere rispettivamente con il primo e l’ultimo giorno in cui il destinatario del contributo di mobilità è presente presso l’ente ospitante.

Il contributo viaggio, sarà erogato solo se la partenza è effettuata fino ad un massimo di due giorni precedenti l’inizio della mobilità e il ritorno entro un massimo di due giorni successivi alla fine della mobilità.

I costi di viaggio vanno sempre documentati, come dettagliato all’Articolo 10 del Bando e saranno rimborsati tenendo conto della spesa realmente sostenuta in base al Regolamento missioni dell’Ateneo.

Al termine della mobilità, compilare il questionario online predisposto dalla Commissione Europea che sarà inviato da questo indirizzo e-mail: replies-will-be-descarded@ec.europa.eu alla e-mail istituzionale del beneficiario della mobilità ed avente come oggetto: “Erasmus+ participant report”.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti si prega di contattare l’Ufficio relazioni internazionali, programmi comunitari e cooperazione internazionale ai numeri: 075 585 2106 – 075 585 2084 o via e-mail a: area.relint@unipg.it.

- Modulo di accettazione della mobilità da inviare, debitamente compilato e firmato, a: ufficio.relint@unipg.it entro i termini previsti dal bando.

Documenti da presentare almeno 30 giorni prima della partenza:

- Accordo finanziario

N.B. L'allegato I all'accordo finanziario (MOBILITY AGREEMENT STAFF MOBILITY FOR TRAINING) va compilato nuovamente solo nel caso in cui il periodo differisca rispetto a quello già indicato al momento della candidatura;

- Autorizzazione a svolgere la missione, debitamente firmata, per il personale docente o assegnista, dal Direttore di Dipartimento/Struttura di afferenza;

- Impegno di spesa e tabelle D.M. 23/03/2011;

- Richiesta anticipo missione;

- Modulo missione paesi esteri (assicurazione)  e  modalità attivazione  e  attestazione copertura della Polizza assicurativa.

Compilare i moduli sopra indicati interamente a computer, stampare, firmare e trasmetterli, in duplice originale (in formato cartaceo), all’ Area Relazioni Internazionali - Ufficio relazioni internazionali, programmi comunitari e cooperazione internazionale – Piazza dell’Università, 1 – 06123 Perugia.

Di seguito è, inoltre, disponibile:

- un fac-simile di Certificato Staff Mobility for Training – personale docente, da far compilare e firmare dal funzionario competente presso la sede partner, al termine dell’attività di formazione. Tale certificato, in originale, rilasciato dall'Istituto ospitante al termine del periodo di mobilità all'estero, debitamente timbrato e firmato, dovrà certificare le date di effettivo svolgimento dell’attività di formazione all’estero.

Entro 15 giorni dalla data di rientro, inviare, in originale, **all’Ufficio Archivio e Protocollo** dell’Ateneo, la seguente documentazione:

- Certificato Staff Mobility for Training [link come sopra] rilasciato dall'Istituto ospitante al termine del periodo di mobilità all'estero, debitamente timbrato e firmato, che certifichi le date di effettivo svolgimento dell’attività di formazione all’estero;

- tutti i documenti giustificativi delle spese sostenute.

Si ricorda che il rimborso delle spese avviene dietro presentazione dei documenti in originale, secondo quanto previsto dal Regolamento Missioni di Ateneo. Contestualmente, tale documentazione dovrà inoltre essere inviata tramite e-mail all’Area Relazioni Internazionali (e-mail: area.relint@unipg.it), debitamente scansionata ed organizzata secondo un diario giornaliero e rendicontata attraverso un file Excel:

- Foglio di calcolo rimborso spese.

Il contributo finanziario può essere corrisposto, ai sensi del Regolamento missioni dell'Ateneo, secondo le seguenti modalità alternative, richieste in fase di autorizzazione della missione, come segue:

- Rimborso analitico al partecipante a seguito di presentazione dei documenti giustificativi ai sensi del Regolamento missioni dell’Ateneo;

- Rimborso al partecipante delle spese di viaggio a seguito di presentazione dei giustificativi e rimborso del soggiorno utilizzando il trattamento alternativo di missione previsto dal Decreto Ministero Affari Esteri del 23/03/2011 (Regolamento missioni dell’Ateneo);

La copertura finanziaria è garantita per periodi non superiori ai 14 giorni, compresi i giorni di viaggio. Per mobilità di durata superiore, saranno garantite la copertura assicurativa da parte dell’Ateneo e il riconoscimento del periodo di mobilità.

Ai fini del rimborso, le date di inizio e di fine della mobilità devono coincidere rispettivamente con il primo e l’ultimo giorno in cui il destinatario del contributo di mobilità è presente presso l’ente ospitante.

Il contributo viaggio, sarà erogato solo se la partenza è effettuata fino ad un massimo di due giorni precedenti l’inizio della mobilità e il ritorno entro un massimo di due giorni successivi alla fine della mobilità.

I costi di viaggio vanno sempre documentati, come dettagliato all’Articolo 10 del Bando e saranno rimborsati tenendo conto della spesa realmente sostenuta in base al Regolamento missioni dell’Ateneo.

Al termine della mobilità, occorre compilare il questionario online predisposto dalla Commissione Europea che sarà inviato da questo indirizzo e-mail: replies-will-be-descarded@ec.europa.eu alla e-mail istituzionale del beneficiario della mobilità ed avente come oggetto: “Erasmus+ participant report”.

Per ulteriori informazioni o chiarimenti si prega di contattare l’Ufficio relazioni internazionali, programmi comunitari e cooperazione internazionale ai numeri: 075 585 2106 – 075 585 2084 o via e-mail a: area.relint@unipg.it.