Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale
Menu

Perugia, 29 dicembre

Master Universitario di II livello in Data Science, le iscrizioni entro l’8 gennaio 2018 

Sino all’8 gennaio 2018 sono aperte,  le iscrizioni al Master Universitario di II livello in Data Science.  E’ organizzato dal Dipartimento di Ingegneria (DI) dell’Università degli Studi di Perugia in collaborazione con aziende ICT di rilievo internazionale presso le quali sono previsti 3 mesi di stage non retribuito per lo sviluppo di un project work, valutato ai fini del conseguimento del titolo.

“Il Master ha una dimensione internazionale, è di natura fortemente applicativa e la maggior parte delle lezioni sono svolte in laboratorio; inoltre tutti quelli che hanno partecipato alla prima edizione del corso hanno il lavoro”,  viene evidenziato dagli organizzatori.

La figura del Data Scientist è una professionalità emergente nel panorama lavorativo europeo e internazionale e diverse imprese stanno definendo proprio il profilo del Data Scientist sulla base delle effettive esigenze delle specificità del proprio dominio di business. Il Master, pertanto, è una grande opportunità anche per le aziende in quanto le incentiva ad acquisire e supportare la nuova formazione nel campo del Data Science.

Le imprese si possono proporre come sponsor ufficiale del corso (sostenendolo mediante borse di studio o stage aziendali) oppure supportare economicamente la formazione dei propri dipendenti attraverso l’iscrizione al Master. Entrambi i canali garantiscono alle aziende la preparazione di candidati e professionisti esperti in Data Science, avendo partecipato attivamente alla formazione di giovani neolaureati e dei propri dipendenti.


Caratteristiche del corso:
- Titolo rilasciato: diploma universitario di Master di II livello in DATA SCIENCE.
- Durata: un anno.
- Lingua ufficiale del corso: tutte le lezioni saranno erogate in inglese.
- Ammissione: l’iscrizione è automatica per i laureati delle classi di laurea dell’Ingegneria Industriale e dell’Informazione, in Ingegneria Informatica, delle aree di Matematica, Fisica e Scienze Statistiche. Per i possessori di lauree appartenenti ad altre classi, il Consiglio Direttivo, mediante un colloquio di valutazione e orientamento, dovrà accertare l’idoneità del profilo del candidato e stabilirne l’ammissibilità al Master.
- Numero partecipanti: massimo 30 ammessi.
- Quota di iscrizione: 3.000 euro.

Per informazioni http://masterds.unipg.it/    oppure    http://ing.unipg.it/it/

Perugia, 29 dicembre

Scuola di Paleoantropologia di Perugia, iscrizioni entro l’8 gennaio 2018. C’è la possibilità di partecipare alle ricerche nella Gola di Olduvai, in Tanzania

Il Dipartimento di Fisica e Geologia, in collaborazione con la Galleria di Storia Naturale, ha organizzato la Scuola di Paleoantropologia di Perugia che  rappresenta un’occasione unica, nel panorama nazionale, per il perfezionamento e l’approfondimento delle conoscenze sul tema dell’evoluzione umana; avrà luogo dal 19 al 24 febbraio 2018.

Il modulo d’iscrizione (scaricabile dal sito www.paleoantropologia.it/download), debitamente compilato, dovrà essere inviato entro le ore 12 dell’8 gennaio 2018, esclusivamente via mail all’indirizzo: info@paleoantropologia.it

Ospiti straordinari dell’ottava edizione saranno Guido Barbujani (Università di Ferrara), esperto di genetica delle popolazioni, che terrà la conferenza di apertura, Martin Häusler, responsabile del gruppo di ricerca in Morfologia Evolutiva e Adattamento dell’Institute of Evolutionary Medicine dell’Università di Zurigo, e Jonathan Kingdon (University of Oxford), zoologo, scrittore ed eccellente illustratore, probabilmente il più grande esperto mondiale di tassonomia ed evoluzione dei mammiferi africani, protagonista dell’ incontro di chiusura.

I partecipanti potranno essere selezionati per svolgere le attività di ricerca della Scuola di Paleoantropologia di Perugia nella Gola di Olduvai, in Tanzania, uno dei siti paleoantropologici più importanti del mondo.

La Scuola sarà articolata su due livelli:

- Primo Livello -  formazione di base: aperto a studenti, laureati, dottorandi, insegnanti e semplici appassionati, ha come obiettivo offrire una conoscenza di base nel campo della paleoantropologia e delle discipline correlate (antropologia molecolare, paleontologia dei vertebrati, archeologia preistorica, archeozoologia, geologia del Quaternario, morfologia funzionale, ecc.).

- Secondo Livello - workshop tematico di Archeologia preistorica, curato da Giovanni Boschian (Università di Pisa). Si tratta di un corso specialistico e professionalizzante focalizzato, di anno in anno, su uno specifico tema o approccio metodologico, dedicato a partecipanti con buone basi in paleoantropologia e/o discipline correlate, che siano interessati ad approfondire la tematica.

Le lezioni si terranno da lunedì 19 a venerdì 23 febbraio 2018 al Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università di Perugia, in Piazza Università.

L’ultima giornata, nella mattinata di sabato 24 febbraio, avrà luogo alla Galleria di Storia Naturale dell’Università di Perugia, a Casalina (Deruta). Sarà caratterizzata dalla conferenza di chiusura di Jonathan Kingdon e dalla consegna degli attestati di partecipazione.

Il Comitato organizzatore della Scuola è composto da Marco Cherin, Roberto Rettori (Dipartimento di Fisica e Geologia, Università di Perugia), Angelo Barili e Sergio Gentili (Galleria di Storia Naturale, CAMS, Università di Perugia), con la collaborazione di Costantino Buzi (Sapienza Università di Roma), Valerio Gennari, Alessandro Mancini, Giulia Margaritelli (Università di Perugia).

Perugia, 27 dicembre

Master Universitario di II livello in Data Science, le iscrizioni entro l’8 gennaio 2018 

Sono aperte, sino all’8 gennaio 2018, le iscrizioni al Master Universitario di II livello in Data Science.  E’ organizzato dal Dipartimento di Ingegneria (DI) dell’Università degli Studi di Perugia in collaborazione con aziende ICT di rilievo internazionale presso le quali sono previsti 3 mesi di stage non retribuito per lo sviluppo di un project work, valutato ai fini del conseguimento del titolo.

“Il Master ha una dimensione internazionale, è di natura fortemente applicativa e la maggior parte delle lezioni sono svolte in laboratorio; inoltre tutti quelli che hanno partecipato alla prima edizione del corso hanno il lavoro”,  viene evidenziato dagli organizzatori.

La figura del Data Scientist è una professionalità emergente nel panorama lavorativo europeo e internazionale e diverse imprese stanno definendo proprio il profilo del Data Scientist sulla base delle effettive esigenze delle specificità del proprio dominio di business. Il Master, pertanto, è una grande opportunità anche per le aziende in quanto le incentiva ad acquisire e supportare la nuova formazione nel campo del Data Science.

Le imprese si possono proporre come sponsor ufficiale del corso (sostenendolo mediante borse di studio o stage aziendali) oppure supportare economicamente la formazione dei propri dipendenti attraverso l’iscrizione al Master. Entrambi i canali garantiscono alle aziende la preparazione di candidati e professionisti esperti in Data Science, avendo partecipato attivamente alla formazione di giovani neolaureati e dei propri dipendenti.


Caratteristiche del corso:
- Titolo rilasciato: diploma universitario di Master di II livello in DATA SCIENCE.
- Durata: un anno.
- Lingua ufficiale del corso: tutte le lezioni saranno erogate in inglese.
- Ammissione: l’iscrizione è automatica per i laureati delle classi di laurea dell’Ingegneria Industriale e dell’Informazione, in Ingegneria Informatica, delle aree di Matematica, Fisica e Scienze Statistiche. Per i possessori di lauree appartenenti ad altre classi, il Consiglio Direttivo, mediante un colloquio di valutazione e orientamento, dovrà accertare l’idoneità del profilo del candidato e stabilirne l’ammissibilità al Master.
- Numero partecipanti: massimo 30 ammessi.
- Quota di iscrizione: 3.000 euro.

Per informazioni http://masterds.unipg.it/    oppure    http://ing.unipg.it/it/

Approvato il bilancio di previsione 2018 dell’Università degli Studi di Perugia

In data odierna, alla presenza dei rappresentanti di tutte le componenti di Ateneo, è stato approvato il bilancio di previsione 2018 dell’Università degli Studi di Perugia.

Tra gli elementi principali: formalizzata l’attesa stabilizzazione di tutti i precari, mantenute le risorse destinate alla ricerca di base e all’internazionalizzazione (mobilità di studenti e docenti, cooperazione internazionale), garantite le borse di dottorato, per le quali l’Università, nello specifico, assicurerà la copertura per quasi cinque milioni di euro a fronte di un cofinanziamento ministeriale di circa due milioni.

E’ stata confermata anche l’attenzione dell’Ateneo per gli studenti in condizioni di fragilità economica e sociale, con l’esonero dal pagamento delle tasse per le fasce ISEE fino a 15.000 euro (2.000 euro oltre la soglia prevista dalla legge), per gli studenti disagiati residenti nei comuni colpiti dal sisma e per quelli particolarmente meritevoli. In aggiunta, è stata garantita un’incidenza della tassazione sugli studenti ampiamente al di sotto dei limiti previsti dalla normativa in materia.

L’Ateneo continua, inoltre, al fine di proseguire nella sua politica di equilibri virtuosi di bilancio, a finanziare gli investimenti senza fare ricorso a indebitamento esterno. Grazie anche a questa attenta e oculata gestione delle risorse a disposizione, volta ad incrementare l’efficacia e l’efficienza dell’azione di Governance, nonché in virtù della costante condivisione delle linee strategiche adottate, è stato possibile realizzare gli obiettivi deliberati dagli organi di Ateneo.

Occorre quindi proseguire sul cammino tracciato, in grado di assicurare non soltanto gli importanti risultati ottenuti nell’ambito della ricerca e dell’aumento del numero degli iscritti, ma anche di assolvere alla missione sociale, culturale ed economica di un’ Università pubblica.

Perugia, 20 dicembre

L’Ateneo di Perugia risponde alla Sinistra Universitaria - Udu

E’ nostra intenzione rassicurare i neo-eletti rappresentanti della Sinistra Universitaria - Udu a proposito del supposto disinteresse dell’amministrazione di questa Università rispetto alla possibile assenza dei suddetti dalla prossima seduta del Senato Accademico, durante la quale si discuterà anche il bilancio preventivo 2018.

Con decreto predisposto dai nostri uffici nei giorni scorsi (come chiaramente risulta dalle procedure tecniche e di protocollo interne) ed emesso proprio nel pomeriggio di ieri, sono stati infatti formalmente nominati i nuovi rappresentanti in Senato Accademico. Rimane ovviamente l’obbligo di scelta dei rappresentanti attualmente in carica al Consiglio di Amministrazione, che dovranno esercitare l’opzione per presenziare alla seduta del Senato.

Invitiamo per il futuro i firmatari della missiva, pur apprezzandone l’entusiasmo e lo spirito critico, necessari per portare avanti la propria missione elettorale, ad assicurarsi che questa amministrazione non abbia già dato seguito alle loro istanze prima di dare adito a polemiche che sicuramente non giovano all’istituzione della quale facciamo tutti parte.

Perugia, 19 dicembre

Presentazione del Calendario Erasmus 2018 di Scienze Farmaceutiche - Mercoledì 20 dicembre 2017, ore 16.45, a Umbrò

Il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università degli Studi di Perugia presenterà, mercoledì 20 dicembre 2017, alle ore 16.45, a Umbrò, Sala del Muro Etrusco (Via S. Ercolano – Perugia) il Calendario Erasmus 2018 dal titolo “Ho visto un posto che mi piace, si chiama Mondo!”.

Alla presentazione interverranno Claudio Montecucco, fotografo, Giorgio Graziotti e Fortunato Licandro, autori del libro: “Que fuerte! diversamente Erasmus”, Davide Mercati, responsabile relazioni media del Gruppo Aboca S.p.A. che parlerà sul tema “Botanica Svalbard Aboca. Nella Natura c'è tutto”.  Saranno presenti, inoltre, Il Magnifico Rettore, Franco Moriconi, il Delegato per le Relazioni internazionali, Elena Stanghellini, il Direttore del Dipartimento di Scienze farmaceutiche Prof.ssa Violetta Cecchetti e il Coordinatore Erasmus del Dipartimento Maura Marinozzi.

In programma anche un momento musicale con la partecipazione del Quartetto di sassofoni del Liceo Musicale A. Mariotti di Perugia.

Perugia, 18 dicembre

La presentazione del Calendario Erasmus 2018  di Scienze Farmaceutiche - Mercoledì 20 dicembre 2017, ore 16.45, a Umbrò

Il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università degli Studi di Perugia presenterà, mercoledì 20 dicembre 2017, alle ore 16.45, a Umbrò, Sala del Muro Etrusco (Via S. Ercolano – Perugia) il Calendario Erasmus 2018  dal titolo “Ho visto un posto che mi piace, si chiama Mondo!”.

Alla presentazione parteciperanno Claudio Montecucco, fotografo, Giorgio Graziotti e Fortunato Licandro, autori del libro: “Que fuerte! diversamente Erasmus”, Davide Mercati, responsabile relazioni media del Gruppo Aboca S.p.A. che parlerà sul tema “Botanica Svalbard Aboca. Nella Natura c'è tutto”.

In programma anche un momento musicale con la partecipazione del Quartetto di sassofoni del Liceo Musicale A. Mariotti di Perugia.

Perugia, 18 dicembre

La professoressa Daniela Farinelli a “L’Uovo di Colombo” per parlare delle nuove varietà di piante prodotte dall’Ateneo di Perugia  Mercoledì 20 dicembre 2017, ore 19.05

La professoressa Daniela Farinelli ospite de “L’Uovo di Colombo”, il programma radiofonico dedicato alla ricerca scientifica sviluppata all’interno dell’Ateneo di Perugia. Andrà in onda domani, mercoledì 20 dicembre 2017 sulle frequenze di Umbria Radio (Perugia 92.000Mz; Terni 105.300Mz) dalle ore 19.05 alle 19.30.

La professoressa Farinelli, docente del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali, parlerà delle nuove varietà di piante prodotte dall’Università degli Studi di  Perugia; in particolare della nocciola Tonda Francescana®, garantita con brevetto europeo frutto delle  ricerche condotte sul nocciolo, caratterizzate da elevata innovazione oltre che dall’ottima gestione tecnica dei noccioleti, realizzati con piante innestate non pollonifere e ad alta densità  di  piantagione. Illustrerà inoltre la ricca collezione di varietà  di  nocciolo  (oltre 70) presenti presso il laboratorio didattico - sperimentale .  

“L’Uovo di Colombo” è condotto dai giornalisti Francesco Locatelli (Umbria Radio) e Laura Marozzi, responsabile dell’Ufficio Comunicazione Istituzionale, social media e grafica.

La replica del programma andrà in onda sabato 23 dicembre 2017, alle ore 8.30.

Le puntate si possono riascoltare in podcast alla pagina http://www.umbriaradio.it/podcast.html  canale “Uovo di Colombo”.

Perugia, 18 dicembre

Seminario di Stefano Andreani (Harvard University di Boston) a Ingegneria  - Mercoledì 20 dicembre 2017, ore 15 

Il professor Stefano Andreani, della Harvard University di Boston, mercoledì 20 dicembre 2017, alle ore 15, nell’Aula Magna del Polo di Ingegneria, terrà il seminario “Responsive Design, tecnologie interattive ed esperienze urbane aumentate”.

L’incontro sarà aperto dai saluti del professor Annibale Luigi Materazzi, direttore del Dipartimento di Ingegneria civile ed ambientale (Dica) dell’Università di Perugia e di Maria Luisa Guerrini, presidente dell’Ordine degli Architetti. Seguirà l’introduzione del professor Fabio Bianconi che da alcuni anni condivide ricerche con il collega di Boston.

“Le tematiche toccate riguarderanno prevalentemente le metodologie di ricerca per lo studio e la quantificazione dell'impatto di diverse qualità degli ambienti urbani nella percezione soggettiva e nei comportamenti degli utenti attraverso tecnologie di sensoristica e wearable – spiega il professor Bianconi -. Oltre alle strategie progettuali per la creazione di spazi e artefatti interattivi, responsivi e dinamici all'intersezione di realtà fisiche e ambienti digitali, con ambiti di applicazione nelle smart cities”.

Le conclusioni saranno del professor  Marco Filippucci, del Dica dell’Ateneo di Perugia.

Il professor Stefano Andreani è docente ricercatore di tecnologie dell’architettura alla Graduate School of Design della Harvard University. Ad Harvard GSD è coordinatore del laboratorio di ricerca REAL (Responsive Environments and Artifacts Lab), che si occupa di studiare l’impatto delle tecnologie innovative nella progettazione di ambienti urbani.

In ambito professionale Andreani è responsabile di INVIVIA Europe, branch office dello studio di progettazione e consulenza INVIVIA con sede a Boston specializzato in user experience, design research e technology strategies.

15 dicembre

Scuola di Paleoantropologia di Perugia, iscrizioni entro l’8 gennaio 2018, c’è la possibilità di partecipare alle ricerche nella Gola di Olduvai, in Tanzania

La Scuola di Paleoantropologia di Perugia,  organizzata dal Dipartimento di Fisica e Geologia, in collaborazione con la Galleria di Storia Naturale, rappresenta un’occasione unica, nel panorama nazionale, per il perfezionamento e l’approfondimento delle conoscenze sul tema dell’evoluzione umana; avrà luogo dal 19 al 24 febbraio 2018.

Il modulo d’iscrizione (scaricabile dal sito www.paleoantropologia.it/download), debitamente compilato, dovrà essere inviato entro le ore 12 dell’8 gennaio 2018, esclusivamente via mail all’indirizzo: info@paleoantropologia.it

Ospiti straordinari dell’ottava edizione saranno Guido Barbujani (Università di Ferrara), esperto di genetica delle popolazioni, che terrà la conferenza di apertura, Martin Häusler, responsabile del gruppo di ricerca in Morfologia Evolutiva e Adattamento dell’Institute of Evolutionary Medicine dell’Università di Zurigo, e Jonathan Kingdon (University of Oxford), zoologo, scrittore ed eccellente illustratore, probabilmente il più grande esperto mondiale di tassonomia ed evoluzione dei mammiferi africani, protagonista dell’ incontro di chiusura.

I partecipanti potranno essere selezionati per partecipare alle attività di ricerca della Scuola di Paleoantropologia di Perugia nella Gola di Olduvai, in Tanzania, uno dei siti paleoantropologici più importanti del mondo.

La Scuola sarà articolata su due livelli:

- Primo Livello -  formazione di base: aperto a studenti, laureati, dottorandi, insegnanti e semplici appassionati, ha come obiettivo offrire una conoscenza di base nel campo della paleoantropologia e delle discipline correlate (antropologia molecolare, paleontologia dei vertebrati, archeologia preistorica, archeozoologia, geologia del Quaternario, morfologia funzionale, ecc.).

- Secondo Livello - workshop tematico di Archeologia preistorica, curato da Giovanni Boschian (Università di Pisa). Si tratta di un corso specialistico e professionalizzante focalizzato, di anno in anno, su uno specifico tema o approccio metodologico, dedicato a partecipanti con buone basi in paleoantropologia e/o discipline correlate, che siano interessati ad approfondire la tematica.

Le lezioni si terranno da lunedì 19 a venerdì 23 febbraio 2018 al Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università di Perugia, in Piazza Università.

L’ultima giornata, nella mattinata di sabato 24 febbraio, avrà luogo alla Galleria di Storia Naturale dell’Università di Perugia, a Casalina (Deruta). Sarà caratterizzata dalla conferenza di chiusura di Jonathan Kingdon e dalla consegna degli attestati di partecipazione.

Il Comitato organizzatore della Scuola è composto da Marco Cherin, Roberto Rettori (Dipartimento di Fisica e Geologia, Università di Perugia), Angelo Barili e Sergio Gentili (Galleria di Storia Naturale, CAMS, Università di Perugia), con la collaborazione di Costantino Buzi (Sapienza Università di Roma), Valerio Gennari, Alessandro Mancini, Giulia Margaritelli (Università di Perugia).

14 dicembre

Il saluto dell’Ateneo a Corrado Corradini scienziato di chiara fama, Ha svolto un importante ruolo dentro e fuori dell’Accademia - Perugia (Polo di Ingegneria) - Venerdì 15 dicembre 2017 – ore 10

L’Università degli Studi di Perugia saluta il professor Corrado Corradini, in quiescenza dal 1° novembre scorso, con il convegno, “Il segno scientifico, istituzionale e umano”, in programma domani, venerdì 15 dicembre 2017, alle ore 10, nell’Aula Magna del Polo di Ingegneria.

Un’occasione che consentirà al docente di salutare il mondo accademico e tutti coloro che in tanti anni di attività lavorativa lo hanno accompagnato lungo il cammino che lo ha visto protagonista, prima di approdare all’Ateneo perugino, presso il CNR - Consiglio Nazionale delle Ricerche e presso altri Atenei italiani. L’incontro, organizzato in suo omaggio, ha un titolo evocativo dell’importate e poliedrico ruolo ricoperto per molti anni da Corrado Corradini ed è anche un’opportunità per riflettere sul segno che i docenti accademici possono trasmettere agli studenti che a tutti i colleghi.

All’evento, oltre al professor Franco Moriconi, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, sono previsti interventi che consentiranno di ripercorrere le principali fasi della carriera del prof Corradini e per sottolineare il significato del suo contributo alla scienza:

Lucio Ubertini (direttore H2CU, Inter-university Center for International Education e titolare della Cattedra Unesco “Water Resources Management and Culture”), Roberto Sorrentino (vincitore del premio alla carriera Microwave Career Award del IEEE MTT - Microwave Theory and Techniques dell’Institute of Electrical and Electronics Engineers, già Preside della Facoltà di Ingegneria), Edvige Pucci (Dipartimento di Ingegneria - già vice-Preside della Facoltà di Ingegneria), Maurizio Braconi (Università degli Studi di Perugia - Nucleo di Valutazione.

Inoltre:Tommaso Moramarco (CNR IRPI – Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica), Fabio Castelli (Università degli Studi di Firenze), Aldo Fiori (Università di Roma Tre), Rao S. Govindaraju (Lyles School of Civil Engineering – Purdue University), Vijay P. Singh (Zachry Department of Civil Engineering – Texas A and M University) e Nicola Berni (Servizio Organizzazione e Sviluppo del Sistema di Protezione Civile - Regione Umbria, già allievo di Corradini).

Corrado Corradini è scienziato di chiara fama internazionale, documentata dalle numerose pubblicazioni, la maggior parte pubblicate su riviste internazionali, e dal ruolo ricoperto tutt’ora di “Editor in Chief” della rivista internazionale più prestigiosa al mondo nel settore dell’Idrologia (primo italiano). Nella pluridecennale attività lavorativa Corradini ha costantemente associato all’attività di ricerca un’intensa e costante attività didattica fin dall’istituzione, a Perugia, della facoltà di Ingegneria, rappresentando il docente “di riferimento” nell’ambito dell’Idrologia per molteplici generazioni di ingegneri.

A questa intensa attività si è associato, con continuità, anche un ruolo istituzionale, che ha coinvolto il professor Corradini in numerosi e prestigiosi, ma altrettanto impegnativi, incarichi istituzionali. Tra queste quella di vice-Preside, prima, e Preside, successivamente, della Facoltà di Ingegneria di Perugia e, da ultimo, quella di Coordinatore del Nucleo di Valutazione d’Ateneo.

La speranza di tutti gli appartenenti al gruppo di lavoro da lui stesso creato, a partire dagli anni ’90 subito dopo il suo approdo all’Università degli Studi di Perugia e di tutti quelli che lo stimano, è che continui a fornire il suo fondamentale apporto nell’ambito della ricerca, nell’interesse della comunità scientifica, nazionale e internazionale.

corrado corradini

14 dicembre

“Disturbi specifici dell’apprendimento, incontro domani a Perugia al Dipartimento di Filosofia, scienze sociali, umane e della formazione 

“Disturbi specifici dell’apprendimento: un intreccio di discorsi” è il tema della tavola rotonda di domani, venerdì 15 dicembre 2017, alle ore 14.30, a Perugia, nell’Aula III del Dipartimento di Filosofia, scienze sociali, umane e della formazione (Piazza Ermini 1).

L'iniziativa, rivolta a studenti, insegnanti, educatori, docenti universitari e genitori (l’ingresso è libero) verrà aperta dai saluti del Magnifico Rettore, professor Franco Moriconi, e della professoressa Claudia Mazzeschi, direttrice del Dipartimento.

Sarà poi la professoressa Laura Arcangeli, delegato del Rettore per gli studenti con disabilità e DSA e direttrice del Corso di specializzazione per le attività di sostegno, ad aprire il dibattito e a coordinare gli interventi dei relatori che affronteranno la tematica dei DSA.

Parteciperanno la professoressa Tamara Zappaterra dell’Università di Firenze, il dottor Sergio Messina, neuropsichiatra e presidente dell’Associazione Italiana Dislessia, le dottoresse Laura Cesarini, neuropsichiatra infantile dell’USL Umbria 1,  Sabrina Boarelli, dirigente tecnico dell’ Ufficio Scolastico Regionale Umbria e Marilena Meloni, insegnante e formatrice AID e Pietro Marsili, rappresentante degli studenti con DSA dell’Ateneo di Perugia.

14 dicembre

L'Università degli Studi di Perugia e la Camera di Commercio di Terni si aggiudicano il progetto internazionale BLUES per formare i giovani imprenditori del futuro.

  • La Commissione Europea ha finanziato un progetto chiamato BLUES per un importo di 270.000 Euro per “promuovere” giovani imprenditori in quattro paesi dell'UE. Tra questi vi è l’Italia attraverso l’Università degli Studi di Perugia e la Camera di Commercio di Terni.
  • In particolare, il progetto BLUES si impegna a sviluppare metodologie innovative di educazione imprenditoriale per migliorare l'occupabilità dei giovani in Europa.

Il 27 Novembre è partito il progetto BLUES (Blended-Learning International Entrepreneurship Skills) attraverso un meeting internazionale che si è tenuto presso l’Università di Cantabria a Santander in Spagna, al quale per l’Italia hanno partecipato l’Università degli Studi di Perugia e la Camera di Commercio di Terni. Il progetto, che rientra nel programma europeo Erasmus+, sarà realizzato nei prossimi due anni in quattro paesi: Italia, Portogallo, Slovenia e Spagna.

Tutto ciò sarà raggiunto grazie agli sforzi coordinati dell'Università della Cantabria (Spagna), dell'Università Nova Lisbon (Portogallo), dell'Università di Lubiana (Slovenia), dell'Università di Perugia (Italia) e dell'Università della Tecnologia di Lapperaanta (Finlandia), insieme con l'associazione imprenditoriale spagnola CEOE-CEPYME Cantabria, due camere di commercio (Terni e Slovenia) e il MADAN Technological Park di Portogallo. Tutti questi partners saranno guidati dal CISE (Centro internazionale per l'imprenditoria di Santander) dell'Università della Cantabria in Spagna.

Le più recenti ricerche europee hanno mostrato che attraverso una adeguata formazione professionale è possibile incentivare l’imprenditorialità tra i più giovani e in particolare fornire a questi le necessarie competenze per iniziare un’attività imprenditoriale. Come risposta a questa esigenza, il progetto BLUES, coordinato dal dott. Simone Poledrini insieme al prof. Francesco Rizzi e al dott. Antonio Picciotti del Dipartimento di Economia di Perugia, realizzerà dei nuovi strumenti per la formazione all’imprenditorialità rivolti ai più giovani. Tra le varie competenze fornite vi sarà la formazione alla leadership, il pensiero creativo, l’innovazione e il lavoro di squadra. In particolare a tale riguardo il dott. Poledrini commenta: “il presente progetto rappresenta una bella opportunità per il nostro Dipartimento perché ci permetterà di mettere a disposizione del territorio le competenze che sono state sviluppate negli ultimi anni sul tema dell’imprenditorialità e allo stesso tempo di acquisire nuove conoscenze in tema di metodologie d’insegnamento innovative”.

Inoltre, il progetto, basato sulle migliori esperienze europee per la presenza dei prestigiosi partners, prevede la realizzazione di una metodologia di apprendimento innovativa che sfrutti le nuove tecnologie ICT. In particolare, durante i due anni di durata del progetto, saranno creati dei manuali, video, Corsi aperti online su larga scala (MOOC) e tutorial multimediali per facilitare la diffusione e la replicabilità della metodologia da parte di altre università europee.

BLUES promuoverà anche la cooperazione con le aziende del territorio attraverso la partecipazione della Camera di Commercio di Terni, che coinvolgerà le imprese in fase di attuazione del progetto, nella validazione dei contenuti e attraverso la partecipazione degli imprenditori ai programmi di imprenditorialità, che si terranno presso l’Università degli Studi di Perugia, in veste di mentori per gli studenti.

“Sarà la cooperazione tra Università ed imprenditori di Italia, Portogallo, Finlandia, Spagna e Slovenia che permetterà di avere uno strumento per formare studenti europei ad una mentalità imprenditoriale” - afferma il Presidente della Camera di Commercio di Terni Flamini – “Siamo molto soddisfatti perché il progetto BLUES permetterà alle imprese del nostro territorio di partecipare alla costruzione di uno strumento per gli imprenditori del futuro!”

La prof. ssa Elena Stanghellini, Delegato del Rettore alle Relazioni Internazionali, conclude dicendo che: “il progetto è un importante riconoscimento del lavoro dei ricercatori coinvolti e costituisce un motivo di soddisfazione per l’Ateneo, sempre più impegnato nella direzione della internazionalizzazione ”.

12 dicembre

Il professor  Massimiliano Gioffrè a  “L’Uovo di Colombo” illustrerà l’utilizzo della ‘muratura confinata’ in zona sismica. Mercoledì 13 dicembre 2017, ore 19.05 su “Umbria Radio” 

il professor Massimiliano Gioffrè  ospite de “L’Uovo di Colombo”, il programma radiofonico, alla quarta stagione, dedicato alla ricerca scientifica sviluppata all’interno dell’Ateneo di Perugia. Andrà in onda domani, mercoledì 13 dicembre 2017, sulle frequenze di Umbria Radio (Perugia 92.000Mz; Terni 105.300Mz) dalle ore 19.05 alle 19.30.

Il professor  Gioffrè è docente del Dipartimento di ingegneria civile ed ambientale, coordinatore dei Corsi di Laurea Magistrali in Ingegneria Edile e Architettura e in Ingegneria Civile. Illustrerà il progetto di ricerca scientifica sull'utilizzo della muratura confinata, una tecnica costruttiva tradizionale che vede l'impiego del laterizio in zona sismica; ricerca finanziata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia  per attività di formazione a queste tecniche costruttive sia per il recupero che per la ricostruzione in area sismica.

“L’Uovo di Colombo” è condotto dai giornalisti Francesco Locatelli (Umbria Radio) e Laura Marozzi, responsabile dell’Ufficio Comunicazione Istituzionale, social media e grafica.

La replica del programma andrà in onda sabato 16 dicembre 2017, alle ore 8.30.

Le puntate si possono riascoltare in podcast alla pagina

http://www.umbriaradio.it/podcast.html  canale “Uovo di Colombo”.

 

massimiliano gioffre

6 dicembre

CONFERENZA STAMPA - La presidente Martina Domina e il prof. Federico Rossi fanno il punto a conclusione dei due anni di mandato dell'organo di rappresentanza studentesca. Martedì 12 dicembre 2017, ore 11.30 

Martedì 12 dicembre 2017, alle ore 11.30, nella sala Dessau a Palazzo Murena, sede del Rettorato dell'Università degli Studi di Perugia, si terrà la conferenza stampa della presidente del Consiglio degli Studenti, Martina Domina, insieme al delegato per i Servizi degli Studenti, prof. Federico Rossi, a conclusione dei due anni di mandato dell'organo di rappresentanza studentesca. 

Sarà l'occasione per fare il punto su quanto fatto a favore degli studenti e delle studentesse nel corso del mandato in scadenza. 

Sono  stati invitati ad intervenire il Magnifico Rettore e tutti i suoi delegati.

L'incontro è aperto anche alla cittadinanza. 

Perugia, 6 dicembre

A “Speciale Università” focus sulla ricerca DAMPE e sulla variabilità genetica del popolo Mongoloocus sulla ricerca DAMPE e sulla variabilità genetica del popolo Mongolo 

Domani, giovedì 6 dicembre 2017, alle ore 21.15, andrà in onda “Speciale Università”, la trasmissione dedicata all’Ateneo di Perugia, in onda su Tef Channel, canale 12 del digitale terrestre, condotta da Cristina Castellano.

Nel corso della prima parte della puntata verranno presentati i risultati della ricerca DAMPE; presente in studio il gruppo di ricerca della professoressa Bruna Bertucci, responsabile scientifico del progetto per l’Ateneo di Perugia.

La seconda parte sarà dedicata allo studio sulla variabilità genetica che caratterizza il popolo Mongolo, condotto dalla dottoressa Irene Cardinali che ha ricevuto il Premio National Geographic Society.

La puntata sarà replicata su Tef Channel martedì 12 dicembre 2017, alle ore 18.20.

6 dicembre

Domani la presentazione delle tesi del Master "Tecnologie Birrarie - Brewing Technologies - Giovedì 7 dicembre, ore 14.30, Aula Magna di Agraria

Domani, giovedì 7 dicembre, alle ore 14.30 nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali (DSA3) in Borgo XX Giugno, 74 si terrà la giornata di presentazione orale degli elaborati del Master di 1° Livello in "Tecnologie Birrarie - Brewing Technologies, anno accademico 2016-2017. I candidati, che discuteranno il proprio elaborato davanti alla commissione formata da docenti, sono:

Alessandro Calabrò con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Birra del Borgo: “Determinazione del Total Package Oxygen (TPO) nella birra: confronto fra differenti metodiche di misurazione”;

Federica Cappelletti con il lavoro sperimentale svolto presso il CERB: “Valutazione analitico-tecnologica di diverse tipologie di lievito secchi commerciali per la produzione di birra”;

Jacopo Cascianelli con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Baladin: “Processi e protocolli di sanitizzazione in un birrificio artigianale”; 

Davide Mobili con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Ducato: “Gestione tecnico pratica delle birre a fermentazione spontanea”;   

Pedro Torres Pinto con il lavoro sperimentale svolto presso l’Università di Ghent: “Progettazione dell’ammostamento di bevanda fermentata a base di grano saraceno”; 

Michele Scantamburlo con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Amarcord “Analisi sensoriale: rifermentazione in bottiglia e pastorizzazione. Analisi del prodotto finito e comparazione sensoriale dei metodi di processo”.

Il Master in Tecnologie Birrarie, diretto dal professor Giuseppe Perretti, è finalizzato a fornire le basi culturali e le conoscenze tecnico-scientifiche necessarie per formare una figura professionale (tecnico, specialista) preparata ad operare, da responsabile, nell’ambito della produzione del malto e della birra. 

6 dicembre

A Lizori (Campello sul Clitunno) domani si parla  dell'architettura tradizionale

“Saper Fare, l'attualità dell'architettura tradizionale” è il seminario di domani, giovedì 7 dicembre 2017, alle ore 11.30, a Lizori (Campello sul Clitunno) per promuovere la conoscenza della pratica architettonica tradizionale mostrandone l’attualità.

L'iniziativa vede coinvolti il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale e il Laboratorio Internazionale di Ricerca sul Paesaggio dell'Università degli Studi di Perugia, la Fondazione di Ricerca Scientifica e Umanistica Antonio Meneghetti, il Comune di Campello.

L’incontro sarà introdotto dal prof. Fabio Bianconi (Università di Perugia) e si cala all'interno di una convezione di ricerca fra il Dipartimento, Comune di Campello sul Clitunno e Fondazione  che interverranno ai lavori insieme a rappresentanti degli Ordini Professionali degli Ingegneri e degli Architetti della Provincia di Perugia e alla Rete delle Professioni Umbra.

La presentazione dell'iniziativa è affidata a Pamela Bernabei, presidente della Fondazione di Ricerca Scientifica e Umanistica Antonio Meneghetti, protagonista dei processi di riqualificazione del paesaggio urbano del luogo dell'incontro, perla dell'Umbria di rara bellezza per la cura profusa.

A introduzione della giornata, il prof. Fabio Bianconi e il prof. Marco Filippucci, insieme all'arch. Michela Meschini e all'ing. Elisa Bettollini, vincitrici delle borse di studio della Fondazione, presenteranno le ricerche svolte sul territorio di Campello, strutturate da una cultura di Piano e da analisi rappresentative rivolte a ipotizzare sviluppi paesaggistici nella tutela del carattere del luogo.

La centralità del valore dei segni della tradizione è analizzata in un confronto che non si esime di ricercare riferimenti e sinergie a livello europeo. A riguardo, è centrale la presenza dell'International Network for Traditional Building, Architecture & Urbanism, INTBAU, charity internazionale non profit, sotto il patrocinio di SAR il Principe di Galles, che si occupa di formazione e promuove le tradizioni attraverso l’architettura, l’urbanistica, le arti applicate e la cultura dei territori. In Italia è rappresentata dal prof. Giuseppe Amoruso del Politecnico di Milano che ne presiede la rete nazionale occupandosi di progetti di recupero, documentazione urbana e di promozione di laboratori sulle tecniche costruttive locali. Il prof. Amoruso interverrà al seminario affiancato da Harriet Wennberg (INTBAU Executive Director) presentando le iniziative in atto a livello mondiale coordinate da INTBAU e l’articolazione della rete che conta 29 rappresentanze nazionali con più di cinquemila membri associati di 100 diverse nazioni. INTBAU ITALIA proporrà anche un programma di studio e ricerca applicata per far conoscere, anche su scala internazionale, le straordinarie bellezze architettoniche e le tecniche costruttive locali.

Ospite internazionale al centro del seminario è l’arch. Helmut Rudolf Peuker, progettista di Monaco di Baviera, noto per la sua straordinaria capacità di interpretare, in chiave moderna, la lunga tradizione classica in architettura.

 

5 dicembre

La professoressa Floriana Falcinelli a  “L’Uovo di Colombo” parlerà di come formare i futuri insegnanti nelle competenze digitali - Mercoledì 6 dicembre 2017, ore 19,05 su “Umbria Radio” 

Nuova puntata de “L’Uovo di Colombo”, il programma radiofonico, alla quarta stagione, dedicato alla ricerca scientifica sviluppata all’interno dell’Ateneo di Perugia.

Andrà in onda domani, mercoledì 6 dicembre 2017 sulle frequenze di Umbria Radio (Perugia 92.000Mz; Terni 105.300Mz) dalle ore 19,05 alle 19,30.

Ospite della puntata sarà la professoressa Floriana Falcinelli, docente del Dipartimento di filosofia, scienze sociali, umane e della formazione, coordinatore del Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Formazione Primaria e delegato per l'e-learning.

Da tempo si avverte la necessità di formare in modo più efficace i futuri insegnanti alla competenza digitale, competenza ritenuta tra quelle chiave per la formazione permanente – spiega la professoressa Falcinelli -. D'altra parte il MIUR ha elaborato il Piano Nazionale Scuola Digitale nel quale si ribadisce l'importanza di attivare processi di innovazione scolastica nei quali le tecnologie digitali sono fondamentali. Il progetto Europeo ITELab vuole sperimentare percorsi formativi innovativi (MOOC e MOdules on line) nei quali gli studenti che saranno futuri insegnanti potranno sperimentare soluzioni tecnologiche innovative messe a disposizione dalle aziende che sono partner nel progetto (Microsoft, Smart,Iris)”.

“L’Uovo di Colombo” è condotto dai giornalisti Francesco Locatelli (Umbria Radio) e Laura Marozzi, responsabile dell’Ufficio Comunicazione Istituzionale, social media e grafica.

1 dicembre

Centro di Eccellenza per la ricerca sulla Birra - Presentazione delle tesi del Master "Tecnologie Birrarie - Brewing Technologies - Giovedì 7 dicembre, ore 14.30, Aula Magna di Agraria

Il Master in Tecnologie Birrarie, diretto dal professor Giuseppe Perretti, è finalizzato a fornire le basi culturali e le conoscenze tecnico-scientifiche necessarie per formare una figura professionale (tecnico, specialista) preparata ad operare, da responsabile, nell’ambito della produzione del malto e della birra.

Giovedì 7 dicembre, alle ore 14.30 nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali (DSA3) in Borgo XX Giugno, 74 si terrà la giornata di presentazione orale degli elaborati del Master di 1° Livello in "Tecnologie Birrarie - Brewing Technologies, anno accademico 2016-2017. I candidati discuteranno il proprio elaborato davanti ad una commissione formata da docenti.

Alessandro Calabrò con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Birra del Borgo: “Determinazione del Total Package Oxygen (TPO) nella birra: confronto fra differenti metodiche di misurazione”;

Federica Cappelletti con il lavoro sperimentale svolto presso il CERB: “Valutazione analitico-tecnologica di diverse tipologie di lievito secchi commerciali per la produzione di birra”;

Jacopo Cascianelli con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Baladin: “Processi e protocolli di sanitizzazione in un birrificio artigianale”;

Davide Mobili con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Ducato: “Gestione tecnico pratica delle birre a fermentazione spontanea”;  

Pedro Torres Pinto con il lavoro sperimentale svolto presso l’Università di Ghent: “Progettazione dell’ammostamento di bevanda fermentata a base di grano saraceno”;

Michele Scantamburlo con il lavoro sperimentale svolto presso il birrificio Amarcord “Analisi sensoriale: rifermentazione in bottiglia e pastorizzazione. Analisi del prodotto finito e comparazione sensoriale dei metodi di processo”.

1 dicembre

“Indovina chi viene a pranzo?”. Il Rettore Moriconi ha incontrato gli alunni della “Santa Croce”

Il professor Franco Moriconi, Magnifico Rettore dell’Università di Perugia, nuovo ospite ‘a sorpresa’ per i piccoli alunni della scuola dell’infanzia montessoriana “Santa Croce”, nell’ambito dell’iniziativa “Indovina chi viene a pranzo?”, in cui i bambini incontrano i protagonisti della vita pubblica della città; in precedenza era toccato al sindaco Andrea Romizi.

Il professor Moriconi, anch’egli ex alunno della scuola, è stato accolto ieri, con grande entusiasmo, dalla coordinatrice didattica Flavia Morelli, dal direttore amministrativo Maria Eva Rossi e dalle maestre Sara CricchiSilvia MoriconiFederica BianconiValentina Mencaroni e Charlotte Anne Copson, che lo hanno accompagnato nella visita alla struttura, ricca di storia, ma anche fortemente proiettata verso il futuro.

Poi l’incontro con i piccoli ‘padroni di casa’, sin da subito dimostratisi molto curiosi e interessati; in particolare bambini, al professor  Moriconi seduto in mezzo a loro, hanno posto varie domande sul suo lavoro da Rettore e da veterinario.

E’ seguita l’esibizione del coro degli alunni, guidato dal maestro di musica Enrico Bindocci e infine l’incontro si è concluso con il pranzo insieme a maestre e alunni nel refettorio della scuola.

moriconi alla santa croce 2

moriconi alla santa croce 1o

moriconi alla santa croce 1


Torna su
×