Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale
Menu

Perugia, 27 settembre 2018

Domani il taglio del nastro di SHARPER, la Notte Europea dei Ricercatori - Perugia, venerdì 28 settembre 2018, ore 16.30

Sharper – La Notte Europea dei Ricercatori - a Perugia prenderà il via domani, venerdì 28 settembre, alle ore 16.30, con un simbolico taglio del nastro presso l’ex Barbieria di via Mazzini, lo storico locale nel Centro storico, di proprietà dell’Ateneo.

A sottolineare l’importanza dell’evento, interverranno Alessandra Luchetti, Direttore Excellent Science Department presso la Research Executive Agency di Bruxelles, il Magnifico Rettore Franco Moriconi, l’ Assessore regionale Antonio Bartolini e il Sindaco di Perugia Andrea Romizi: da quel momento in avanti, e sino a notte fonda, la città si trasformerà in un grande laboratorio diffuso, aperto a tutti, grandi e piccoli, studenti e famiglie.

Nel capoluogo umbro sono previste oltre 70 attività, per grandi e piccini, dal centro storico a San Pietro, da Via Pascoli alla Biblioteca comunale di San Matteo degli Armeni, sul Minimetrò o sul treno di SHARPER fino ad arrivare alla cittadella di Monteluce; coinvolti 29 luoghi (tra i quali piazze, musei, sale storiche, dipartimenti universitari, birrerie, giardini e teatri) nei quali oltre 400 ricercatori dell’ateneo perugino dialogheranno con i curiosi di tutte le età.

Il programma completo di tutti gli eventi che si svolgeranno a Perugia è scaricabile dal sito: http://www.sharper-night.it/sharper-perugia

Durante l’evento sarà presentata la vasta gamma di attività di tutti gli ambiti di ricerca dell'Ateneo perugino, con modalità anche molto originali quali trekking urbani, degustazioni, laboratori, giochi e sfide di abilità. Tra queste: "Ricercatore per una notte" e “Quale delle tre?”, due percorsi incrociati a tappe, che consentiranno ai visitatori di collezionare timbri nei diversi punti della città, oppure di ricostruire un motto, rispondendo esattamente ai quesiti distribuiti nelle numerose postazioni a cura di UNIPG. 

Per la prima volta, inoltre, sarà aperto fino a notte anche Palazzo Murena, sede del Rettorato dell’Ateneo, palazzo che ospiterà, oltre a diverse iniziative universitarie per SHARPER, anche il desk delle premiazioni di "Ricercatore per una notte" e “Quale delle tre?”.

All’evento hanno contribuito tutti i Dipartimenti e i Centri dell’Ateneo perugino. Infatti l’apertura fino a notte inoltrata delle strutture dipartimentali situate nella zona Sharper (Centro storico, Via Pascoli, Piazza Università, complesso di San Pietro in Borgo XX Giugno), ed un sistema di ospitalità incrociate a fianco dei numerosi spazi cittadini sia nel centro storico che nel nuovissimo polo di Monteluce, consentiranno a tutti i Dipartimenti e Centri universitari di contribuire all’evento con le proprie proposte, in uno sforzo corale e volontario, nel segno di un Ateneo generalista, in cui convivono mille anime del sapere.

L’Università ha colto anche pienamente lo spirito della Notte Europea dei Ricercatori, un grande momento di avvicinamento ad un pubblico vasto, mosso da curiosità ma da voglia di scoprire divertendosi; per questo motivo la maggior parte delle iniziative offerte da UNIPG è destinata ad un pubblico eterogeneo di famiglie, bambini, teenagers e studenti, adulti curiosi.  

Perugia, 26 settembre 2018

Ingegneria Industriale di Terni fa da apripista al primo corso triennale in convenzione con l’Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. L’accordo prevede la possibilità per tutti gli studenti della scuola secondaria superiore di svolgere il praticantato prima della laurea.

Ingegneria Industriale a Terni ha recentemente siglato una Convenzione con MIUR, Ministero della Giustizia e Consiglio Nazionale dei Periti Industriali per l’attivazione di un semestre professionalizzante all’ultimo anno della laurea triennale. Il corso di laurea ternano, primo a livello nazionale in questa iniziativa, amplia pertanto la propria offerta formativa con un percorso dal taglio professionale che vede il coinvolgimento diretto di aziende e studi tecnici. Il percorso permette l’iscrizione al Collegio dei Periti Industriali, maturando il tirocinio professionale obbligatorio durante il terzo anno di studi e di accedere direttamente all’esame di Stato per l’esercizio della professione subito dopo il conseguimento della laurea di primo livello. Secondo quanto prevede la convenzione nazionale per lo svolgimento del tirocinio saranno riconosciuti fino a 30 crediti formativi universitari in conformità con il piano di studio. Il percorso è pensato per chi intende entrare subito nel mondo del lavoro ed è rivolto sia a studenti con diploma di perito industriale sia con altri diplomi. La nuova offerta didattica verrà presentata il prossimo 27 settembre alle ore 11:30 presso la sede del Corso di Laurea di Ingegneria Industriale di Terni alla presenza del Sindaco di Terni, Leonardo Latini, del Direttore del Dipartimento di Ingegneria, Giuseppe Saccomandi e del Presidente del Corso di Laurea in Ingegneria Industriale, Federico Rossi. Alla presentazione saranno inoltre presenti Giancarlo Cencetti, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Terni, Giampiero Giovannetti, Presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e Sandro Gabriele, Presidente del Collegio dei Periti Industriali dellaProvincia di Terni.

 

Perugia, 25 settembre 2018

Ingegneria Industriale di Terni fa da apripista al primo corso triennale in convenzione con l’Ordine dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati. L’accordo prevede la possibilità per tutti gli studenti della scuola secondaria superiore di svolgere il praticantato prima della laurea.

Ingegneria Industriale a Terni ha recentemente siglato una Convenzione con MIUR, Ministero della Giustizia e Consiglio Nazionale dei Periti Industriali per l’attivazione di un semestre professionalizzante all’ultimo anno della laurea triennale. Il corso di laurea ternano, primo a livello nazionale in questa iniziativa, amplia pertanto la propria offerta formativa con un percorso dal taglio professionale che vede il coinvolgimento diretto di aziende e studi tecnici. Il percorso permette l’iscrizione al Collegio dei Periti Industriali, maturando il tirocinio professionale obbligatorio durante il terzo anno di studi e di accedere direttamente all’esame di Stato per l’esercizio della professione subito dopo il conseguimento della laurea di primo livello. Secondo quanto prevede la convenzione nazionale per lo svolgimento del tirocinio saranno riconosciuti fino a 30 crediti formativi universitari in conformità con il piano di studio. Il percorso è pensato per chi intende entrare subito nel mondo del lavoro ed è rivolto sia a studenti con diploma di perito industriale sia con altri diplomi. La nuova offerta didattica verrà presentata il prossimo 27 settembre alle ore 11:30 presso la sede del Corso di Laurea di Ingegneria Industriale di Terni alla presenza del Sindaco di Terni, Leonardo Latini, del Direttore del Dipartimento di Ingegneria, Giuseppe Saccomandi e del Presidente del Corso di Laurea in Ingegneria Industriale, Federico Rossi. Alla presentazione saranno inoltre presenti Giancarlo Cencetti, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale di Terni, Giampiero Giovannetti, Presidente del Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e Sandro Gabriele, Presidente del Collegio dei Periti Industriali dellaProvincia di Terni.

Perugia, 25 settembre 2018

Cyber minacce per le aziende: come individuarle e neutralizzarle - Perugia, martedì 9 ottobre 2018, ore 9

A Perugia, martedì 9 maggio 2018, presso l’Università degli Studi, è in programma il Cybersecurity Day 2018, un’iniziativa che si rivolge, in particolare, alle aziende del territorio: l’obiettivo è aumentare la consapevolezza dei rischi e migliorare le misure di protezione da attacchi cibernetici per la pubblica amministrazione e le imprese, supportando processi di definizione di standard e framework metodologici.

L'Unione Europea, infatti, ha dichiarato ottobre il mese europeo della sicurezza informatica, invitando tutti gli stati membri a promuovere tra i cittadini la conoscenza dei pericoli informatici e dei metodi per contrastarli, e fornire informazioni aggiornate in materia di protezione cibernetica e sicurezza informatica.

La partecipazione all’evento è gratuita ma è necessaria la pre-registrazione all’indirizzo

http://www.dmi.unipg.it/cybersecuritylab/cday18.html#how

I lavori saranno introdotti, alle ore 9, dai professori Stefano Bistarelli, docente dell’Ateneo perugino e Direttore Nodo Unipg CINI Cyber Security National Lab e Giuseppe Liotta, Delegato del Rettore per il Settore Informatizzazione, Agenda Digitale e I.C.T.

A seguire, una serie di sessioni tecniche su temi giuridici e informatici di grande rilevanza, in particolare per le aziende: dalla protezione dei dati alla violazione delle reti, fino alle nuove frontiere dell’autenticazione biometrica.

La giornata terminerà con la presentazione del Libro Bianco CINI Cybersecurity da parte di alcuni componenti del Nodo UniPG del laboratorio CINI di Cyber security ed una tavola rotonda moderata dal direttore del Nodo UniPg Prof. Stefano Bistarelli, cui interverranno l’Avv. Massimo Brazzi, Referente informatica ordine degli avvocati – Fondazione Forense di Perugia e del Dott. Roberto Palazzetti, Presidente ASSINTEL Umbria.

“L’economia di un paese avanzato si basa ormai su sistemi informativi complessi e reti interconnesse che ne costituiscono il cyberspazio. Per garantire la prosperità di una Nazione diventa quindi imperativo rendere il cyberspazio un luogo sicuro – spiega il professor Bistarelli -. Il Laboratorio Nazionale CINI di Cyber Security intende coordinare questa rete e proporre azioni a livello nazionale e internazionale, in grado di aiutare il sistema paese sul territorio ad essere più resiliente alla minaccia cibernetica”.

Il programma dettagliato della giornata al link

http://www.dmi.unipg.it/cybersecuritylab/cday18.html

Perugia 24 settembre 2018 

Il Capo della Protezione Civile Nazionale Angelo Borrelli  alla presentazione  del Progetto di ricerca per lo studio e la definizione delle linee guida per interventi temporanei post sismici in ambito regionale e nazionale 

Presentato questa mattina a Perugia, nella Sala ex Senato di Palazzo Murena, sede del Rettorato, il Progetto di ricerca finalizzato alla realizzazione di un manuale contenente le Linee guida per la qualificazione socio-economica, urbanistica, architettonica ed energetica degli interventi temporanei post sismici in ambito regionale e nazionale.

E’intervenuto Angelo Borrelli, Capo della Protezione Civile Nazionale.

“Si tratta di un progetto molto utile e importante – ha sottolineato Borrelli -: confido molto in  questa attività, nel lavoro che oggi si presenta: sarà utile non solo per l’Umbria, ma per tutto il territorio nazionale, perché avere soluzioni operative più efficaci e veloci è fondamentale nelle emergenze. La Protezione civile in Umbria è all’avanguardia e plaudo alla decisione dell’Università degli Studi di Perugia di aver fatto evolvere il corso di laurea in Protezione civile di Foligno con nuove iniziative sia formative che di ricerca scientifica, come in presentazione oggi”.

“Questo progetto, oltre a raccontare un’esperienza di ricerca applicata, intende rafforzare la strategia della nostra Università di impegno nello sviluppo del territorio: da questo punto di vista, l’istituzione di una nuova Laurea Specialistica sui temi della Protezione e Sicurezza del Territorio e del Costruito attivata presso il Polo universitario di Foligno conferma la volontà di agire fattivamente in questo ambito” ha sottolineato il Rettore Franco Moriconi, evidenziando come l’Ateneo di Perugia sia stato l’unico a disporre, ancora per il prossimo anno accademico, l’esenzione dalla tasse universitari per i ragazzi delle zone terremotate.

La ricerca è realizzata dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia, in collaborazione con il Dipartimento di Protezione Civile Nazionale, la Regione dell’Umbria e il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi ‘G. D’Annunzio’ di Chieti-Pescara; è stato illustrato dai professori Paolo Verducci (Perugia) e Paolo Di Venosa  (Pescara). Il manuale che ne nascerà, raccoglierà sia i contributi disciplinari di ambito urbanistico/architettonico che di ambito ingegneristico/socioeconomico di importanti esponenti del mondo accademico e del mondo delle professioni e degli enti pubblici coinvolti.

“Oggi presentiamo il progetto e la realizzazione di 13 strutture temporanee che abbiamo ideato lo scorso anno e realizzato a Norcia e a Castelluccio, per l’accoglienza di ristoranti, bar e altre attività – hanno spiegato i professori Verducci e Di Venosa -. Si stratta di interventi nella fase dell’emergenza, per rilanciare le aree colite da calamità. Da qui, da questa esperienza, partirà il manuale che determinerà le linee guida per la costruzione di strutture temporanee: tema importante non solo dal punto di vista urbanistico e architettonico ma anche da punto di vista della giurisprudenza, con la speranza che possa colmare anche un vuoto interpretativo”.

All’incontro con i giornalisti sono inoltre intervenuti Vincenzo Pane, progettista del nuovo Corso di Laurea in Protezione e Sicurezza del Territorio e del Costruito, Alfiero Moretti, responsabile della Protezione Civile regionale dell’ Umbria, Antonio Bartolini, assessore regionale (che ha sottolineato l’enorme interesse della Regione Umbria per i temi in questione, a causa dell’alta esposizione del territorio: “ E’ senz’altro il momentodi individuare le migliori prassi per trasformarle in linee guida per il futuro”, ha sottolineato l’assessore), Diego Zurli, Direttore Protezione Civile, infrastrutture e Mobilità, Regione Umbria, e  Giuseppe

 

 

 

 

 

 

Saccomandi, Direttore del Dipartimento di Ingegneria,  che ha sottolineato  come il ‘manuale’ rappresenti una novità assoluta che raccoglie un’esperienza ventennale da parte dell’Ateneo perugino, e in particolare del suo Dipartimento, maturata in occasione degli eventi sismici del 1997 e del 2016.

moriconi borrelli

tavolo manuale 1

da sx di venosa verducci moriconi borrelli bartolini zurli pane moretti

da sx borrelli moretti pane

da sx bartolini zurli 

Perugia 21 settembre 2018 

Prospettive  della chimica in ambito farmaceutico ed energetico, Summer School a Perugia,  22-24 settembre 2018Summer School a Perugia,  22-24 settembre 2018 

A Perugia, dal 22 al 24 settembre 2018, si terrà la First Summer School del progetto europeo Solid Catalysts for activation of aromatic C-H bonds (H-CCAT), finanziato nell’ambito del programma Europeo Horizon 2020. E’ dedicata a studenti e ricercatori internazionali e le lezioni verranno tenute dai maggiori protagonisti dello sviluppo di processi di Carbonio-Idrogeno attivazione catalizzati da metalli. Tale ambito di ricerca è riconosciuto come tra i più innovativi per la preparazione di molecole di interesse applicativo, siano essi nuovi farmaci o materiali per applicazioni in ambito energetico.

La sessione inaugurale, aperta al pubblico, si svolgerà nella mattinata di sabato 22 settembre nella Sala dei Notari del Comune di Perugia.

Il progetto H-CCAT, che ha un budget di circa 8 milioni di euro, coinvolge gruppi di ricerca e industrie multinazionali di Inghilterra, Francia, Belgio, Germania e Norvegia.

Oltre a questi c’è anche il gruppo Green SOC (Synthetic Organic Chemistry) del professor Luigi Vaccaro del Dipartimento di Chimica Biologia e Biotecologie dell’Università di Perugia, responsabile della realizzazione di processi in flusso continuo che permetteranno di minimizzare i rifiuti e rendere green la produzione chimica.

Infatti, uno degli obiettivi principali del progetto europeo H-CCAT riguarda la realizzazione di nuovi processi di C-H attivazione in maniera sostenibile e quindi con un basso impatto ambientale, ridotto uso di risorse non rinnovabili e bassa produzione di materiali di scarto. Si prevede che gli sviluppi futuri in questo ambito di ricerca avranno una importante ricaduta sui metodi di produzione di una grande quantità di beni di consumo, con conseguenti benefici dal punto di vista ambientale e sociale.

Per ulteriori informazioni:

Sito del progetto www.h-ccat.eu - twitter  https://twitter.com/hccat_h2020

Perugia 21 settembre 2018 

Il Capo della Protezione Civile Nazionale Angelo Borrelli alla presentazione  del Progetto di ricerca per lo studio e la definizione delle linee guida per interventi temporanei post sismici in ambito regionale e nazionale - Lunedì, 24 settembre 2018, Perugia, Rettorato, ore 11 

E’ convocata per lunedì 24 settembre 2018, alle ore 11, a Perugia, nella Sala ex Senato di Palazzo Murena, sede del Rettorato, la conferenza stampa di presentazione del Progetto di ricerca finalizzato alla realizzazione di un Manuale contenente le Linee guida per la qualificazione socio-economica, urbanistica, architettonica ed energetica degli interventi temporanei post sismici in ambito regionale e nazionale.

All’incontro con i giornalisti interverranno: Franco Moriconi, Rettore dell’Ateneo, Catiuscia Marini, Presidente della Regione Umbria, Angelo Borrelli, Capo della Protezione Civile Nazionale, Giuseppe Saccomandi, Direttore del Dipartimento di Ingegneria, Diego Zurli, Direttore Protezione Civile, infrastrutture e Mobilità, Regione Umbria, Vincenzo Pane, progettista del nuovo Corso di Laurea in Protezione e Sicurezza del Territorio e del Costruito.

I temi e i contenuti del Progetto di ricerca, che confluiranno sviluppati sulla base di recenti realizzazioni a Norcia e Castelluccio di Norcia, verranno presentati da Matteo di Venosa e Paolo Verducci, coordinatori scientifici della ricerca.

Il Progetto è realizzato dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia, in collaborazione con il Dipartimento di Protezione Civile Nazionale, la Regione dell’Umbria e il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi ‘G. D’Annunzio’ di Chieti-Pescara.

Il Manuale, che raccoglierà sia i contributi disciplinari di ambito urbanistico/architettonico che di ambito ingegneristico/socioeconomico di importanti esponenti del mondo accademico e del mondo delle professioni e degli enti pubblici coinvolti “oltre a raccontare un’esperienza di ricerca applicata – dichiara il Rettore Moriconi -, intende rafforzare la strategia della nostra Università di occuparsi di sviluppo del territorio e, da questo punto di vista, l’istituzione di una nuova Laurea Specialistica sui temi della Protezione e Sicurezza del Territorio e del Costruito attivata presso il Polo universitario di Foligno conferma il nostro impegno”.

 

 

Perugia, 20 settembre 2018

La Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus ha consegnato 22 borse di studio a studenti dell’Università di Perugia per un totale di quasi 50.000 Euro

La Sala Dessau di Palazzo Murena, sede del Rettorato dell’Università degli Studi di Perugia ha ospitato la cerimonia di consegna delle borse di studio della Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus a favore di studenti dell’Ateneo perugino che si trovano in particolari condizioni di svantaggio fisico psichico, sociale o familiare o in difficoltà economica. 

I 22 studenti e studentesse che hanno ottenuto le borse (per un totale di 48.800 Euro) sono iscritti ai Dipartimenti dell’Università degli Studi di Perugia, così ripartiti: 5 a Filosofia, Scienze Sociali Umane e della Formazione; 4 a Scienze Farmaceutiche; 1 a Ingegneria; 1 a Economia; 3 a Lettere – Lingue Letterature e Civiltà Antiche e Moderne; 3 a Scienze Politiche; 3 a Medicina e Chirurgia; 1 a Giurisprudenza; 1 a Medicina Veterinaria.

Alla cerimonia sono intervenuti il Rettore Franco Moriconi, i Consiglieri di Amministrazione della Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus Michele Sala ed Ernesto Tagliarini.

Nel corso della premiazione è stato evidenziato dal Rettore Moriconi e dai Consiglieri della  Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus come la messa a disposizione di borse di studio rappresenti un sostegno concreto in favore di studenti dell’Ateneo di Perugia in condizioni di difficoltà: grazie alla disponibilità della Fondazione, infatti, potranno contare su un supporto economico per proseguire e concludere il proprio percorso universitario.

Un’iniziativa, quella delle borse, che va nel segno di favorire il diritto allo studio per giovani in condizioni economiche svantaggiate, così come sancito dalla Carta costituzionale italiana. Nel contempo rappresenta un vero e proprio investimento sui giovani e in favore dell’intera società, perché investire nello studio e nella formazione significa investire sul futuro.

tavolo intesa 3

tavolo intesa b

tavolo intesa c

tavolo intesa 2

franco moriconi intesa

michele sala

ernesto tagliarini

Perugia, 20 settembre 2018

Sisma e prevenzione, convegno a Spoleto - Rocca Albornoziana, venerdì 21 settembre 2018 

“Il sisma in Italia centrale: analisi multifattoriale in funzione della prevenzione” è il convegno di domani, venerdì 21 settembre 2018, alla Rocca Albornoziana di Spoleto, organizzato dalla Sezione Umbra della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (S.It.I.) e dalla USL 2 dell’Umbria, con la collaborazione dell’Università degli Studi di Perugia.

Intende essere un momento informativo e formativo sugli aspetti non solo emergenziali, ma soprattutto metodologici, legati alla prevenzione, intesa come sistemi organizzativi e gestionali propri della sanità pubblica e territoriale. Gli argomenti trattati, infatti, si propongono di accrescere consapevolezza, conoscenza e responsabilità nei soggetti coinvolti, preposti ad intervenire nelle varie situazioni di emergenza ambientale che colpiscono il nostro Paese.

“I lavori congressuali si svilupperanno attraverso quattro sessioni: gestione dell’emergenza, effetti sulla salute, sanità animale, pianificazione urbana post-terremoto – spiega il professor Massimo Moretti, presidente della Sezione Umbra della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (S.It.I.) -. Quanto emergerà dal convegno contribuirà alla realizzazione di utili linee guida su come affrontare e gestire il post-emergenza attraverso la prevenzione”.

I lavori, alle ore 9, saranno aperti dai saluti delle autorità: Catiuscia Marini, Presidente Regione Umbria, Umberto De Augustinis, Sindaco di Spoleto, Franco Moriconi, Rettore Università di Perugia, Imolo Fiaschini, Direttore Generale USL Umbria 2, Mons. Renato Boccardo, Arcivescovo di Spoleto-Norcia, Luca Barberini, Assessore Tutela e Promozione della Salute, Regione Umbria, Roberto Montagnoli, Coldiretti Umbria, Fausto Francia, Presidente Nazionale S.It.I., Massimo Moretti, Presidente S.It.I. Umbria.

Si allega programma del convegno

 

Perugia, 19 settembre 2018

Luca Fantaccione, studente Unipg, al City College di New YorkCity College di New York 

Luca Fantaccione, studente di Ingegneria Meccanica dell’Università degli Studi di Perugia si trova a New York, al City College della City University of New York (CUNY), dove rimarrà 5 mesi per sostenere 4 esami e completare il piano di studi.

Si tratta del primo studente proveniente dall’Ateneo di Perugia che può vivere quest’ importante esperienza didattica e scientifica al CUNY grazie all’accordo sottoscritto, alla fine dello scorso anno, dal professor Franco Moriconi, Rettore  dell’Università di Perugia, con il Calandra Institute e con la City University of New York; protocollo che prevede scambio di docenti e studenti e che ha consentito di avviare una collaborazione per attività di ricerca nel settore delle energie rinnovabili e delle Biomasse in particolare.


A New York, insieme a Fantaccione, nei giorni scorsi è stato presente il professor Franco Cotana (Ordinario di Fisica Tecnica Industriale nella Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Perugia presidente e coordinatore del Dottorato di Ricerca internazionale ed industriale in Energia e Sviluppo), promotore dell’accordo fra i due Atenei e che in prospettiva consentirà importanti collaborazioni scientifiche, non solo nel campo ingegneristico ma anche in tutti gli altri settori scientifici e anche umanistici.

Per il professor Cotana, che ha tenuto anche alcune lezioni volte a far conoscere le eccellenze scientifiche di Perugia, il soggiorno a New York è stata l’occasione per rafforzare i rapporti con i professori Marco J. Castaldi, direttore del Centro di ricerca Earth Engineering della CUNY e Anthony Tamburri, Rettore del Calandra Institute, per ulteriori progetti scientifici e scambio studenti: già in quest’anno accademico studenti da New York potranno frequentare il dottorato in Energia e Sviluppo sostenibile e corsi di studio umanistici presso lo Studium.

da sx fantaccione e cotana

da sx castaldi barabino migliori cotana 

Perugia, 19 settembre 2018

Conferenza stampa - Il Capo della Protezione Civile Nazionale Angelo Borrelli alla presentazione del Progetto di ricerca per lo studio e la definizione delle linee guida per interventi temporanei post sismici in ambito regionale e nazionale - Lunedì, 24 settembre, Perugia, Rettorato, ore 11

E’ convocata per lunedì 24 settembre 2018, alle ore 11, a Perugia, nella Sala ex Senato di Palazzo Murena, sede del Rettorato, la conferenza stampa per la presentazione del Progetto di ricerca finalizzato alla realizzazione di un Manuale contenente le Linee guida per la qualificazione socio-economica, urbanistica, architettonica ed energetica degli interventi temporanei post sismici in ambito regionale e nazionale.

All’incontro con i giornalisti interverranno: Franco Moriconi, Rettore dell’Ateneo, Catiuscia Marini, Presidente della Regione Umbria, Angelo Borrelli, Capo della Protezione Civile Nazionale, Giuseppe Saccomandi, Direttore del Dipartimento di Ingegneria, Diego Zurli, Direttore Protezione Civile, infrastrutture e Mobilità, Regione Umbria, Vincenzo Pane, progettista del nuovo Corso di Laurea in Protezione e Sicurezza del Territorio e del Costruito.

I temi e i contenuti del Progetto di ricerca, che confluiranno sviluppati sulla base di recenti realizzazioni a Norcia e Castelluccio di Norcia, verranno presentati da Matteo di Venosa e Paolo Verducci, coordinatori scientifici della ricerca.

Il Progetto è realizzato dal Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia, in collaborazione con il Dipartimento di Protezione Civile Nazionale, la Regione dell’Umbria e il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi ‘G. D’Annunzio’ di Chieti-Pescara.

Il Manuale, che raccoglierà sia i contributi disciplinari di ambito urbanistico/architettonico che di ambito ingegneristico/socioeconomico di importanti esponenti del mondo accademico e del mondo delle professioni e degli enti pubblici coinvolti “oltre a raccontare un’esperienza di ricerca applicata – dichiara il Rettore Moriconi -, intende rafforzare la strategia della nostra Università di occuparsi di sviluppo del territorio e, da questo punto di vista, l’istituzione di una nuova Laurea Specialistica sui temi della Protezione e Sicurezza del Territorio e del Costruito attivata presso il Polo universitario di Foligno conferma il nostro impegno”.

Perugia, 19 settembre 2018

Domani ultimo giorno per le domande di partecipazione a Start Cup Umbria 2018 

Scade domani, giovedì 20 settembre 2018, il termine per l'iscrizione delle idee di impresa alla Start Cup Umbria 2018;  idee che devono poi essere formalizzate entro l’8 ottobre 2018 in un business plan 

Il Premio per l'Innovazione Start Cup Umbria è una competizione tra gruppi che elaborano idee imprenditoriali innovative per uno dei seguenti settori: Life Sciences, ICT, Cleantech & Energy, Industrial.

Offre a tutti i partecipanti occasioni di formazione, di contatti professionali e incontri di divulgazione della cultura d’impresa, al fine di aiutare aspiranti imprenditori a dare concretezza alle proprie idee, mettendoli in condizione di affrontare adeguatamente la fase di start up di una nuova impresa. 

Ai tre gruppi vincitori saranno assegnati premi in denaro del valore minimo, rispettivamente, di 4.000, 2.000 e 1.500 euro per la costituzione e l’avvio dell’impresa.

I vincitori di Start Cup Umbria 2018 accederanno di diritto alle fasi finali del Premio Nazionale per l'Innovazione che si terrà a Verona il 29 e 30 novembre 2018.

Obiettivo di Start Cup Umbria 2018 è sostenere la ricerca e il trasferimento tecnologico finalizzati allo sviluppo economico della Regione Umbria, attraverso la diffusione della cultura d’impresa nel territorio e la promozione dell’innovazione.

 

Il Regolamento del Premio è scaricabile dal sito http://startcup.unipg.it/start-cup

 

 

Perugia, 17 settembre 2018

Presentata l’edizione 2018 di SHARPER – Notte Europea dei Ricercatori: la ricerca torna protagonista venerdì 28 settembre con eventi in 12 capoluoghi di provincia di 8 regioni. Ricco il programma a Perugia: quest'anno coinvolgerà anche la nuova area urbana di Monteluce

 

PERUGIA – Oltre 70 attività animeranno non solo il centro storico di Perugia ma anche la nuova area urbana di Monteluce, grande novità di quest’anno, e saranno 29 i luoghi tra i quali musei, sale storiche, dipartimenti universitari, birrerie, giardini e teatri nei quali oltre 400 ricercatori dell’ateneo perugino dialogheranno con i curiosi di tutte le età.

Si è svolta questa mattina, alla Sala del Dottorato dell’Università degli Studi di Perugia, la presentazione dell’edizione 2018 di SHARPER - Notte Europea dei Ricercatori, evento sostenuto dalla Commissione Europea e inserito tra i progetti di eccellenza in Europa nel quadro delle azioni Marie Skłodowska Curie, che si svolgerà il prossimo 28 settembre a Perugia, ma anche ad Ancona, Cagliari, Caserta, Catania, L’Aquila, Macerata, Napoli, Nuoro, Palermo, Pavia e Trieste.

SHARPER è infatti il progetto nazionale per la Notte Europea dei Ricercatori che promuove il dialogo tra mondo della ricerca e cittadini con oltre 600 iniziative in 12 capoluoghi di provincia di 8 regioni ed è inserito nel programma ufficiale del MìBAC tra le attività per l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale. A Perugia l’appuntamento si svolge per il sesto anno consecutivo ed è organizzato dall’Università degli Studi di Perugia e Psiquadro in collaborazione con Regione Umbria, Comune di Perugia e un’ampia rete di partner culturali. Durante la presentazione del programma di Perugia sono intervenuti il Magnifico Rettore Franco Moriconi, Anna Martellotti, delegato del rettore per l'orientamento e coordinatrice delle iniziative SHARPER per l’Università di Perugia, l’assessore regionale Antonio Bartolini, l’assessore del Comune di Perugia Michele Fioroni e Leonardo Alfonsi di Psiquadro, coordinatore nazionale di SHARPER, oltre ai rappresentanti dei partner che collaborano alla realizzazione del progetto.   Intervenuto anche il dottor Giovanni Giudice, dirigente della divisione anticrimine della Questura, in rappresentanza della Polizia Scientifica di Perugia che sarà presente alla Notte dei Ricercatori.

“Sharper – ha commentato il Rettore Moriconi – è un’iniziativa partita in sordina e che ha progressivamente acquisito sempre maggiore importanza, fino ad arrivare all’attuale sesta edizione. Ha il grande merito di riuscire a coinvolgere componenti diverse della vita cittadina e stimolare la partecipazione e l'interesse di persone di ogni età. L’Università degli studi di Perugia ha collaborato fin da subito al progetto in maniera significativa, riconoscendone la capacità di aggregazione e la trasversalità, anche nell’ottica del processo di internazionalizzazione dell'Ateneo. Voglio anche sottolineare l’importante collaborazione di tutte le istituzioni”. Moriconi ha inoltre evidenziato come Perugia sia “motore del progetto nazionale Sharper” che “si sta evolvendo in maniera ancora più significativa, visto il coinvolgimento, a oggi, di ben dodici città e altrettanti atenei”.

Per l’assessore Fioroni, Sharper “è un modo fondamentale per aprire i confini dell’Ateneo, di Perugia e del territorio e così per contaminarsi, modo migliore oggi di fare innovazione, e per dare degli stimoli alle nuovi generazioni”. A Fioroni, inoltre, piace l’idea che l’evento sia “spalmato” in tutta la città: “Quest’anno ci sarà anche il nuovo spazio deputato all’innovazione come la Nuova Monteluce e per il prossimo anno mi auguro anche quello di Fontivegge”.

Anche per l’assessore regionale all’innovazione Bartolini Sharper è “uno degli eventi più qualificanti per la città di Perugia, città che coordina il progetto nazionale, perché la ricerca, oltre al patrimonio di beni culturali, è una delle nostre eccellenze”. Ancora Bartolini ha inoltre sottolineato il nuovo spazio a Monteluce sede di parte del programma di Sharper: “Con l’Università e il Comune stiamo investendo su attrattori culturali e uno di questi è proprio la nuova piazza di Monteluce”.

Soddisfatto Alfonsi di Psiquadro, coordinatore nazionale di SHARPER, il quale ha evidenziato il “coinvolgimento corale di tutto l’Ateneo e di una intera città”. “Oggi – ha detto – vediamo tutti i nostri sforzi ripagati. Sei anni fa quando abbiamo cominciato avevamo un obiettivo, ovvero quello di trasformare i laboratori in piazze e le piazze in laboratori, creando uno scambio reciproco e coinvolgendo un pubblico sempre più ampio”. “Una sfida che sta avendo successo e non solo qua a Perugia, come dimostrano le altre città e atenei coinvolti” ha aggiunto Alfonsi.

Anna Martellotti infine, che ha tirato le fila delle proposte che sono arrivate dai dipartimenti, ha parlato di un programma “enorme” e “variegato” con “tante cose da fare contemporaneamente”. Oltre 500 persone coinvolte, tra docenti, studenti, specializzandi e amministrativi “per una macchina enorme, unita, gratuita e volontaria” e per un totale di 74 iniziative, ha ribadito Martellotti. “L’idea – ha concluso – è stata quella di offrire una grande vetrina per dare l’immagine del nostro straordinario Ateneo come motore culturale della città”.

La “Notte” perugina, che prenderà il via dal pomeriggio, si aprirà con l'inaugurazione ufficiale e il taglio del nastro presso la nuova aula studio dell’Università in via Mazzini alle 16.30 alla presenza di Alessandra Luchetti - Direttore Excellent Science Department presso la Research Executive Agency di Bruxelles, del Magnifico Rettore Franco Moriconi e del sindaco di Perugia Andrea Romizi.

Dal centro storico, a San Pietro, da Via Pascoli alla biblioteca comunale di San Matteo degli Armeni fino ad arrivare alla cittadella di Monteluce, nel minimetrò o sul treno di SHARPER la città si trasforma in laboratorio.  

L'edizione 2018 vede un ampliamento significativo dei luoghi coinvolti con il polo di Monteluce come nuovo spazio nel quale si alterneranno laboratori dedicati alla medicina, all'elettronica verde oltre che all'ingegneria e alle attività di investigazione della Polizia Scientifica e all'Urban Game ispirato all'uso delle tecnologie digitali e della realtà aumentata. La Nuova Monteluce, che fino ad alcuni anni fa era sede dell’ospedale cittadino e che diverrà a breve un hub dedicato alla cultura digitale e alla ricerca e all’innovazione sociale, ospiterà sino a tarda notte attività alla scoperta del DNA, laboratori per sperimentare le abilità del chirurgo o scoprire le caratteristiche delle cellule del sangue e le tecniche più avanzate nel trapianto di midollo e nella lotta contro il cancro, fino all’educazione per un’alimentazione corretta con il ritorno del laboratorio “Faccia da Toast”. Accanto alla medicina l’ingegneria esplorata con l’auto da corsa della Formula Student e l’appassionante laboratorio “Sulla scena del crimine” a cura del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica della Questura di Perugia. Anche l’arte del disegno e del 3DMapping trasformeranno la facciata della Chiesa di Santa Maria Assunta in un racconto di luce sulla ricerca e i ricercatori.

Tutta la città coinvolta, con gli spazi di San Pietro e l'ampliamento del numero dipartimenti aperti per la notte che quest'anno includeranno anche il Dipartimento di Matematica e Informatica e gli spazi di Palazzo Manzoni per l’area umanistica nel centro storico. Attività fino a San Matteo degli Armeni dove si svolgeranno incontri dedicati all’astrofisica e osservazioni di stelle, pianeti e Luna protagonisti anche delle iniziative ospitate sulla Torre degli Sciri. Numerosi gli incontri, arricchiti quest’anno anche da riflessioni sulla Costituzione nell’appuntamento in programma all’Auditorium Santa Cecilia: “Adotta un articolo della costituzione” che esplora il ruolo di giuristi e cittadini nel rendere accessibile e tutelare la Costituzione. E poi, laboratori aperti nella zona di via Pascoli e del Rettorato che attraverso lo SHARPER train sarà collegato costantemente a Monteluce.

Una vasta gamma di attività che comprende tutti gli ambiti di ricerca dell'Ateneo perugino e includono, tra gli altri: trekking urbani, due dei quali in costume dedicati alla Perugia barocca e alla città medievale, e inoltre degustazioni per scoprire i segreti della birra, laboratori per esplorare il mondo dei parassiti e dei batteri con l’officina degli animali allestita alla Loggia dei Lanari, giochi e sfide di abilità. Tra queste: "Ricercatori per una notte" e “Quale delle tre?” due percorsi incrociati, a tappe, che consentiranno ai visitatori di collezionare timbri nei diversi punti della città oppure di ricostruire un motto rispondendo esattamente ai quesiti distribuiti nelle numerose postazioni lungo le quali si dipanano le attività della Notte.

Per la prima volta aperto anche Palazzo Murena che ospiterà alcune esposizioni dalle 16 alle 23: "Pipenet - Moving the future" esposizione di un prototipo funzionante del sistema di trasporto merci innovativo ad aria evacuata; "Le biomasse e la rivoluzione verde" esposizione di campioni di materiali ottenuti dal trattamento delle biomasse, quali coloranti naturali, bio-materiali e biocombustibili; "Sostenibilità ed edilizia" esposizione di campioni di materiali innovativi da impiegare per l’involucro opaco e trasparente degli edifici e laboratorio interattivo sulla termografia. Non mancheranno anche i laboratori: "Osservare e mitigare il cambiamento climatico" (dalle 16 alle 23) con strumenti di misura e dati per riconoscere il cambiamento del clima. Nuove tecnologie per agire su di esso, "Stimoli ambientali e sensazioni" (alle ore 17, 18, 19, 20) su come percepire l’ambiente fisico che ci circonda grazie a un caschetto neurale e strumenti indossabili per studiare sensazioni personali e stimoli ambientali.

Molti gli appuntamenti che animeranno gli ormai tradizionali laboratori aperti nella zona di via Pascoli.

Al Dipartimento di Fisica e Geologia in via Elce di Sotto (dalle 18 alle 24) ci si potrà avvicinare al mondo della meccanica quantistica, delle onde elettromagnetiche, degli elettroni e dei raggi X, e cimentarsi in esperimenti sulle forze. Nello stesso dipartimento si susseguiranno le attività della sezione di Perugia dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare - INFN (dalle 18 alle 24) e sarà possibile scoprire i rilevatori di particelle usati per le ricerche sull'origine dell'Universo e conoscere da vicino le meraviglie del mondo subatomico dove materia e antimateria collidono a velocità prossime a quelle della luce. Mentre nella sede del Dipartimento di Fisica e Geologia di piazza Università si andrà alla ricerca di fossili di organismi marini e terrestri, e si indagherà il fenomeno dei terremoti (dalle 18 alle 24).

Al Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie si potrà familiarizzare con la chimica computazionale e la ricerca di modelli matematici che descrivano i fenomeni chimici (dalle 19 alle 22), osservare al microscopio il fitoplancton e lo zooplancton nei campioni di acqua del lago Trasimeno (dalle 17 alle 22), osservare i reperti faunistici delle collezioni del dipartimento (dalle 17 alle 23), scoprire le interazioni tra radiazioni elettromagnetiche e materiali e gli effetti legati a forma e dimensione dei materiali (dalle 17 alle 22), e immergersi in un viaggio nell'Artico attraverso immagini e racconti dei ricercatori che studiano gli effetti del cambiamento climatico (dalle 17 alle 22). Al Centro SMArt e CNR-ISTM si potrà creare un dipinto e partecipare all'investigazione scientifica per svelare i misteri che l'occhio non può risolvere (dalle 17 alle 22). Negli spazi riservati al Dipartimento di Medicina sperimentale ci si potrà immedesimare nel ruolo di scienziato per una notte e partecipare ai laboratori "La fattoria delle cellule" e "Vita da zanzara" (dalle 17 alle 23), nello stesso orario si potrà prender parte ad un viaggio nella microbiologia alla scoperta di batteri, funghi e parassiti.

Al Dipartimento di Scienze Farmaceutiche verrà mostrato come analizzare qualitativamente e quantitativamente ogni tipo di farmaco, conoscere più a fondo le molecole attraverso una serie di giochi ed esperimenti, e capire come sono fatte le proteine e, soprattutto, come funzionano (dalle 17 alle 22).

Al Dipartimento di Matematica e Informatica si terrà un incontro volto ad approfondire la geometria del pallone da calcio, manipolando oggetti e realizzando un mini-pallone in cartoncino (dalle 16 alle 19), e ci si avvicinerà alle principali tecniche di intelligenza artificiale e machine learning per scoprirne il funzionamento (dalle 17 alle 21).  

Al Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari ed Ambientali (DSA3) a San Pietro nel laboratorio dedicato alle cellule e al loro processo di differenziazione (dalle 15 alle 17), ci si potrà trasformare in orticoltore per un giorno (dalle 16.30 alle 18.30), preparare il mosto cotto, approfondendo la storia della birra, degli stili, delle materie prime e del processo produttivo (dalle 19 alle 22).

Sempre a San Pietro, negli spazi del DSA3, nell’area che ospita il Dipartimento di Ingegneria civile e ambientale (DICA) si potrà partecipare a una serie di giochi interattivi utilizzando la strumentazione in due edifici storici oggetto di monitoraggio sismico continuo (dalle 19 alle 23).

Il programma completo di tutti gli eventi che si svolgeranno a Perugia è scaricabile dal sito: http://www.sharper-night.it/sharper-perugia

Il progetto SHARPER (www.sharper-night.it) è coordinato dalla società di comunicazione scientifica Psiquadro in collaborazione con un consorzio di partner nazionali che comprende l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), l’Università di Palermo, l’Università degli Studi di Perugia, l’Università Politecnica delle Marche, il museo Immaginario Scientifico di Trieste e il centro di ricerca Observa Science in Society, e coinvolge un ampio partenariato di 250 partner culturali tra i quali: enti pubblici, istituti di ricerca, università, imprese e associazioni culturali. Realtà che in ogni città costruiranno un ricco programma di appuntamenti trasformando strade, piazze, musei, teatri in laboratori nei quali ognuno potrà fare esperienza di cosa significhi essere ricercatore. Per l’edizione 2018 importanti istituzioni nazionali hanno aderito in tutte le 12 città alle iniziative di SHARPER tra queste: Istat, Polizia di Stato - Servizio di Polizia Scientifica e British Council Italia. L’Istat promuoverà una serie di iniziative mirate alla promozione della cultura statistica, mentre la Polizia di Stato sarà presente con laboratori mobili dedicati all’uso di tecniche scientifiche per le indagini forensi.

Il British Council sarà partner attraverso il coinvolgimento di giovani ricercatori che hanno partecipato al talent show della scienza FameLab Italia la cui edizione 2019 verrà lanciata proprio il 28 settembre. Il progetto ha come media partner nazionali Rai Cultura e Rai Radio 3. Le attività della Notte saranno seguite da numerose radio universitarie anche attraverso una staffetta organizzata dalla rete nazionale Raduni.

SHARPER - Notte Europea dei Ricercatori è ideata in modo da mettere in contatto diretto i cittadini, un pubblico eterogeneo di famiglie, teenagers e studenti, con i ricercatori di ogni ambito e disciplina attraverso l’ideazione e la realizzazione di format di comunicazione specifici per platee diverse con l’intento di condividere in modo efficace gli obiettivi e il sapere della ricerca scientifica all’interno della società, in modo da garantire uno sviluppo aperto, democratico, rispettoso dell’ambiente e dei valori dell’umanità. In ogni città decine di eventi animeranno strade piazze, laboratori, spazi pubblici.

moriconi fioroni

leonardo alfonsi 2

tavolo sharper

fioroni bartolini

franco moriconi

franco moriconi 1

fioroni alfonsi

anna martellotti 2

anna martellotti 1

giovanni giudice 1

alfonsi giudice

Perugia, 17 settembre 2018

CONFERENZA STAMPA - Domani presentazione di SHARPER – La Notte Europea dei Ricercatori a Perugia -  Martedì 18 settembre, ore 12, Rettorato (Palazzo Murena) 

Martedì 18 settembre, alle ore 12, a Palazzo Murena, sede del Rettorato dell’Università degli Studi di Perugia, sarà presentata, in conferenza stampa, l’edizione 2018 di SHARPER a Perugia, con tutte le iniziative in programma per il 28 settembre prossimo. 

Interverranno il Magnifico Rettore Franco Moriconi, l’Assessore regionale Antonio Bartolini, l’Assessore del Comune di Perugia Michele Fioroni, e Leonardo Alfonsi di Psiquadro, oltre ai rappresentanti dei partner che collaborano alla realizzazione del progetto. 

A Perugia l’evento si svolge per il quinto anno consecutivo ed è organizzato dall’Università degli Studi di Perugia in collaborazione con Psiquadro, Regione Umbria e Comune di Perugia.

In totale 29 luoghi tra i quali musei, sale storiche, dipartimenti universitari, birrerie, giardini e teatri che ospiteranno oltre 90 attività che animeranno non solo il centro storico di Perugia ma anche  la nuova area urbana di Monteluce.

SHARPER - Notte Europea dei Ricercatori

Il progetto SHARPER è coordinato dalla società di comunicazione scientifica Psiquadro in collaborazione con un consorzio di partner nazionali che comprende l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), l’Università di Palermo, l’Università degli Studi di Perugia, l’Università Politecnica delle Marche, il museo Immaginario Scientifico di Trieste e il centro di ricerca Observa Science in Society, e coinvolge un ampio partenariato di oltre 200 partner culturali tra i quali: enti pubblici, istituti di ricerca, università, imprese e associazioni culturali. Realtà che in ogni città hanno costruito un ricco programma di appuntamenti trasformando strade, piazze, musei, teatri in laboratori nei quali ognuno potrà fare esperienza di cosa significhi essere ricercatore.

SHARPER - Notte Europea dei Ricercatori è ideata in modo da mettere in contatto diretto i cittadini, un pubblico eterogeneo di famiglie, teenagers e studenti, con i ricercatori di ogni ambito e disciplina attraverso l’ideazione e la realizzazione di format di comunicazione specifici per platee diverse con l’intento di condividere in modo efficace gli obiettivi e il sapere della ricerca scientifica all’interno della società, in modo da garantire uno sviluppo aperto, democratico, rispettoso dell’ambiente e dei valori dell’umanità. In ogni città decine di eventi animeranno strade piazze, laboratori, spazi pubblici.

Per info su SHARPER Perugia: http://www.sharper-night.it/sharper-perugia

Ufficio stampa Psiquadro: Francesca Cecchini – 328.2334319 – fra.cecchini72@libero.it e Danilo Nardoni – 349.1441173 – danilonardoni74@gmail.com

 

Perugia,  13 settembre 2018

Delegazione cilena in visita ai noccioleti dell’Università di Perugia, grande interesseper la Tonda Francescana e per le produzioni ad alta densità e con piante innestate

Una delegazione proveniente dal Cile, composta da agricoltori e tecnici che operano nel settore della produzione e della lavorazione delle nocciole, ha visitato, in località Fosso di Provancio di Deruta, i noccioleti condotti dalla Unità di Ricerca Colture Arboree del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell'Università degli Studi di Perugia.

I 14 ospiti, guidati dalla professoressa Daniela Farinelli, uno dei costitutori delle nuove varietà di piante prodotte dall’Ateneo perugino, hanno manifestato interesse per le innovative ricerche condotte nei campi sperimentali quali le nuove cultivar di nocciolo prodotte dall'Università di Perugia con relativa licenza proprietaria; in particolare la varietà Tonda Francescana ®, con brevetto europeo, e i noccioleti ad alta densità e con piante innestate.

La delegazione ha poi visitato il vivaio della Fondazione per l'Istruzione Agraria in Perugia, dove vengono prodotte le piante della varietà Tonda Francescana ®.

 

delegazione cilena

Perugia,  12 settembre 2018

L’Ateneo di Perugia ha conferito a John R. Sandercock il Dottorato di Ricerca H. C. in “Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia” - Solenne cerimonia oggi nell’ Aula Magna Complesso monumentale di San Pietro 

Il professor Franco Moriconi, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, ha conferito il Dottorato di Ricerca Honoris Causa in “Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia” a John R. Sandercock, 75 anni, inglese, pioniere della Spettroscopia Brillouin da eccitazioni di superficie, fondatore della “JRS-Scientific Instruments” di Zurigo e figura di primo piano nell’ambito della ricerca e dell’imprenditoria.

La solenne cerimonia, secondo la tradizionale antica formula in lingua latina, si è svolta nel pomeriggio di oggi nell'Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali, presso il Complesso Monumentale di San Pietro.

In apertura, il Promotore del riconoscimento, il professore Giovanni Carlotti, coordinatore del Corso di Dottorato in Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia, con la laudatio ha presentato la figura dello scienziato e imprenditore inglese, sottolineandone le peculiarità e la rilevanza per l’avanzamento della ricerca e per l’innovazione nella produzione di apparecchiature che hanno segnato la storia della scienza.

“Sandercock è stato protagonista di un’eccezionale avventura scientifico-tecnologica, mostrando lo stretto legame tra ricerca di base, curiosità scientifica e sviluppi tecnologici capaci di ampliare le possibilità di indagine sperimentale – ha detto Carlotti -.  Verso la fine del 1987, la multinazionale RCA decise di chiudere la divisione ricerca in Europa; John Sandercock, anziché trasferirsi negli Stati Uniti, decise di licenziarsi, rimanere a Zurigo, e aprire la propria piccola compagnia, oggi diremmo il suo “spin-off”, per commercializzare i prodotti da lui brevettati nel campo dell’interferometria e dei sistemi antivibranti a stabilizzazione attiva”.

Da allora – è stato ancora evidenziato - la JRS-Scientific Instruments ha installato circa 200 apparati sperimentali per Spettroscopia Brillouin in tutto il mondo: nessun’altro scienziato ha saputo progettare e realizzare, in oltre trent’anni, uno strumento in grado di competere con il suo. Questo si deve anche alla continua capacità di innovare e migliorare le prestazioni dello spettrometro da parte di Sandercock, testimoniato dal fatto che l’ultimo brevetto è del 2006 e la nuova configurazione con contrasto migliorato è del 2015. Durante l’ultimo anno, in vista del suo ritiro, egli ha predisposto l’assetto societario della sua compagnia in modo da assicurarne il futuro, affidando la maggioranza delle quote societarie ai dipendenti.

A seguire, il professor Sandercock, ha tenuto la Lectio Magistralis sul tema “The invention of the Tandem Fabry-Perot interferometer and its impact on science”.

La Commissione per il conferimento del dottorato, quindi, composta dal Magnifico Rettore Franco Moriconi e dai professori  Maurizio BussoSilvia CorezziDaniele FiorettoLuca Gammaitoni e dai membri esperti, entrambi del CNR,     Lucia Comez e     Gianluca Gubbiotti, ha votato inserendo in un’ urna fave bianche in segno di approvazione o nere in caso contrario: unanime è stato il parere favorevole sulla Lectio tenuta dal professor Sandercock.

Il Rettore Moriconi ha quindi consegnato al Dottore honoris causa il libro (simbolo del sapere), l’anello (a significare l’ ‘unione’ del laureato con la disciplina), il bacio accademico, il ‘tocco’, la toga dottorale e la Pergamena. 

Nelle ore precedenti la cerimonia, nella stessa Aula Magna, si è tenuta una sessione seminariale durante la quale un centinaio di scienziati provenienti da molti Paesi hanno approfondito i recenti sviluppi della Spettroscopia Brillouin da eccitazioni di superficie, nell’ambito del convegno internazionale “Advances in Brillouin Light Scattering and BioBrillouin Meeting”. Sono stati ricordati, inoltre, il quarantesimo anniversario dall’invenzione dello strumento Interferometro Fabry-Pèrot Tandem Multipasso, da parte di John Sandercock, e sono stati celebrati i trent’anni di attività del laboratorio perugino GHOST (Group of High-resolution Optical Spectroscopy and related Techniques), avviato nel 1988 presso il Dipartimento di Fisica dell’ Università degli Studi di Perugia.

lettura rito latino

la commissione con rettore

img 4349

durante cerimonia aula magna

 

da sx il promotore carlotti sandercock

da sx moriconi carlotti sandercock

libro anello tocco toga pergamena dottorato hc

Perugia,  12 settembre 2018

Progetto BLUES per l’imprenditorialità giovanile, workshop a Economia - Perugia, 13 – 14 settembre 2018 

A Perugia, al Dipartimento di Economia, domani, giovedì 13, e venerdì 14 settembre 2018, si terrà il terzo workshop del progetto internazionale BLUES che intende realizzare   nuove metodologie d’insegnamento, per il settore dell’imprenditorialità, basate principalmente su strumentazioni ICT, con lo scopo di migliorare l'occupabilità dei giovani in Europa.

BLUES, che vede l’ Ateneo di Perugia in prima fila come uno dei principali partner strategici,   è coordinato dal dottor Antonio Picciotti insieme al professor Francesco Rizzi e al dottor Simone Poledrini.

La giornata di domani, 13 settembre, sarà aperta, alle ore 9, nell'Aula 101, dal professor Fabio M. Santucci, delegato alla cooperazione internazionale;  proseguirà poi con gli interventi dei vari responsabili delle attività progettuali, quali il CISE (Centro internazionale per l'imprenditoria di Santander) dell'Università della Cantabria in Spagna,  Capofila del progetto, e le Università della Cantabria (Spagna), di Nova Lisbon (Portogallo), di Lubiana (Slovenia), e della Tecnologia di Lapperaanta (Finlandia). Parteciperà, inoltre, un delegato della Camera di Commercio di Terni, insieme agli omologhi colleghi della Slovenia e dell'associazione imprenditoriale spagnola CEOE-CEPYME Cantabria, e, infine, il MADAN Technological Park (Portogallo).

I lavori si concluderanno nel pomeriggio di venerdì 14 settembre dopo una sessione dedicata alla discussione e all’approfondimento degli approcci e delle metodologie didattiche sperimentate all’Università di Perugia; in particolare, verranno presentati i progetti realizzati da alcuni studenti del Corso di Laurea in Design ad Ingegneria e di Management internazionale ad Economia.

Per il primo parteciperanno gli studenti Anna Bertinelli, Elisa Giannoni e Nadia Ubaldini che presenteranno i progetti realizzati nell’ambito del Laboratorio di Design, coordinato dai professori Elisabetta Furin, Luciano Tittarelli e Antonio Picciotti.

Per il secondo, sarà illustrato il project work che è stato predisposto nell’ambito degli insegnamenti di Strategie di comunicazione aziendale e di Marketing strategico e ricerche di mercato tenuti, rispettivamente, dai professori Cecilia Chirieleison e Andrea Runfola del Dipartimento di Economia.

programma

Perugia,  12 settembre 2018

Oltre cento studiosi di università italiane e straniere per il convegno della Società italiana di economia agraria (Sidea) - Perugia, 13 – 15 settembre 2018 

Il 55° convegno della Società italiana di economia agraria (Sidea), dal titolo “Metamorfosi verde: Agricoltura, Cibo, Ecologia”, si svolgerà a Perugia, nella Sala dei Notari e nel Complesso Monumentale di San Pietro, da domani, giovedì 13, sino a sabato 15 settembre 2018.

L’iniziativa, organizzata con il sostegno del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Università degli Studi di Perugia, propone una riflessione sui processi di cambiamento che l’agricoltura e la produzione di beni alimentari stanno attraversando in questi anni: mentre l’agricoltura definisce nuovi contorni d’impresa, nello spazio delle nuove domande sociali e ambientali si delinea una nuova trasformazione che attraversa i sistemi di offerta agroalimentari in Europa, che supera i confini segnati dalla fase della riscoperta del mondo e delle economie rurali.

La metamorfosi verde si colloca all’interno di un processo di trasformazione che coinvolge l’intera catena del valore. Il progressivo affermarsi di modelli di consumo consapevole e responsabile offre nuove occasioni di profitto per gli operatori della filiera, i quali non solo assecondano la trasformazione, ma spesso ne divengono coprotagonisti.

L’incontro scientifico, inoltre, dedicherà una sessione speciale, conclusiva della prima giornata, alla revisione della politica agraria dell’Unione Europea: alla presenza di autorità politiche nazionali e regionali, verranno illustrati e discussi i risultati di un dibattito che la Sidea ha avviato e sta sostenendo in questo anno su tali temi.

Il dibattito scientifico sarà animato dai contributi di oltre un centinaio di economisti agrari di numerose Università italiane e straniere e vedrà la partecipazione, in veste di relatori, dei professori Andrea Marchini (Università di Perugia), Giorgio Osti (Università di Trieste) ed Emanuele Massetti (Georgia Institute of Technology, Atlanta, Georgia, USA).  

Il programma della prima giornata

Giovedì 13 settembre 2018 - Sala dei Notari – 12 -13 Registrazione dei partecipanti

13 -14.30 Assemblea dei Soci SIDEA

14.30 - 14.45 Saluti delle Autorità

14.45 - 15 Apertura dei lavori del LV Convegno

Prima Sessione Plenaria - Coordina: Prof. Adriano Ciani 15 -16 - Relazione di Andrea Marchini (Università di Perugia) 16 -17 - Relazione di Giorgio Osti (Università di Trieste)

Seconda Sessione Plenaria - 17.15-19 - Il futuro della Politica Agraria Comune

Informazioni e programma: http://www.cesarweb.com/promo/20180530/

Perugia,  11 settembre 2018

Domani la solenne cerimonia per il conferimento a John R. Sandercock del Dottorato di Ricerca H. C. in Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia - Perugia, 12 settembre, ore 17.30, Aula Magna Complesso Monumentale di San Pietro 

Solenne cerimonia domani, mercoledì  12 settembre 2018, alle ore 17.30, nell'Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali, nel Complesso Monumentale di San Pietro: il Magnifico Rettore professor Franco Moriconi conferirà il Dottorato di Ricerca Honoris Causa in “Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia” al dottor John R. Sandercock, pioniere della Spettroscopia Brillouin da eccitazioni di superficie e fondatore della “JRS-Scientific Instruments” di Zurigo.

Dalle ore 16 alle 17.30, nella stessa Aula Magna, si terrà una sessione seminariale durante la quale saranno approfonditi i recenti sviluppi della Spettroscopia Brillouin da eccitazioni di superficie, nell’ambito del convegno internazionale “Advances in Brillouin Light Scattering and BioBrillouin Meeting”. 

“Questi eventi sono stati organizzati in occasione del quarantesimo anniversario dall’invenzione dello strumento Interferometro Fabry-Pèrot Tandem Multipasso, da parte di John Sandercock, ma anche per celebrare i trent’anni di attività del laboratorio perugino GHOST (Group of High-resolution Optical Spectroscopy and related Techniques), avviato nel 1988 presso il Dipartimento di Fisica del nostro Ateneo”, sottolinea il professor Giovanni Carlotti, coordinatore del Corso di Dottorato in Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia, e Promotore del Dottorato di Honoris Causa a Sandercock.

Perugia,  10 settembre 2018

A John R. Sandercock, scienziato, innovatore e imprenditore  il Dottorato di Ricerca Honoris Causa in Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia - Perugia, 12 settembre, ore 17.30, Aula Magna Complesso Monumentale di San Pietro 

Il Magnifico Rettore professor Franco Moriconi conferirà al dottor John R. Sandercock il Dottorato di Ricerca Honoris Causa in “Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia”. La solenne cerimonia mercoledì  12 settembre 2018, alle ore 17.30, nell'Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali, nel Complesso Monumentale di San Pietro. 

Sandercock è il  pioniere della Spettroscopia Brillouin da eccitazioni di superficie e fondatore della “JRS-Scientific Instruments” di Zurigo.

In tale occasione sarà celebrato il quarantesimo anniversario dell’invenzione e del brevetto dell’Interferometro Tandem Multipasso grazie al quale John Sandercock condusse, negli anni Settanta e Ottanta, i primi studi relativi alla diffusione anelastica della luce da parte di fononi e magnoni di superficie in mezzi opachi (metalli e semiconduttori). Questa sua invenzione, perfezionata poi nel corso degli anni seguenti, ha portato alla pubblicazione di risultati scientifici originali di grande impatto sulla comunità scientifica internazionale, aprendo la possibilità di esplorare nuova fisica e studiare nuovi materiali. A distanza di circa quarant’anni, lo strumento commercializzato dalla ditta che John Sandercock ha fondato è ancora insuperato a livello mondiale e circa duecento laboratori in tutto il modo possono fare ricerca grazie a questo strumento.

Dalle ore 16 alle 17.30, nella stessa Aula Magna, si terrà una sessione seminariale durante la quale saranno approfonditi i recenti sviluppi della Spettroscopia Brillouin da eccitazioni di superficie, nell’ambito del convegno internazionale “Advances in Brillouin Light Scattering and BioBrillouin Meeting”. 

“Questi eventi sono stati organizzati in occasione del quarantesimo anniversario dall’invenzione dello strumento Interferometro Fabry-Pèrot Tandem Multipasso, da parte di John Sandercock, ma anche per celebrare i trent’anni di attività del laboratorio perugino GHOST (Group of High-resolution Optical Spectroscopy and related Techniques), avviato nel 1988 presso il Dipartimento di Fisica del nostro Ateneo”, sottolinea il professor Giovanni Carlotti, coordinatore del Corso di Dottorato in Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia, e Promotore del Dottorato di Honoris Causa a Sandercock.

 

Perugia,  10 settembre 2018

Oltre cento studiosi di università italiane e straniere per il  convegno della Società italiana di economia agraria (Sidea) - Perugia, 13 – 15 settembre 2018

“Metamorfosi verde: Agricoltura, Cibo, Ecologia” è il 55° convegno della Società italiana di economia agraria (Sidea) che si svolgerà dal 13 al 15 settembre 2018 a Perugia, nella Sala dei Notari e nel Complesso Monumentale di San Piero.

Organizzato con il sostegno del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali dell’Università degli Studi di Perugia,  propone una riflessione sui processi di cambiamento che l’agricoltura e la produzione di beni alimentari stanno attraversando in questi anni. Mentre l’agricoltura definisce nuovi contorni d’impresa, nello spazio delle nuove domande sociali e ambientali si delinea una nuova trasformazione che attraversa i sistemi di offerta agroalimentari in Europa, che supera i confini segnati dalla fase della riscoperta del mondo e delle economie rurali.

La metamorfosi verde si colloca all’interno di un processo di trasformazione che coinvolge l’intera catena del valore. Il progressivo affermarsi di modelli di consumo consapevole e responsabile offre nuove occasioni di profitto per gli operatori della filiera, i quali non solo assecondano la trasformazione, ma spesso ne divengono coprotagonisti. 

L’incontro scientifico dedicherà una sessione speciale, conclusiva della prima giornata, alla revisione della politica agraria dell’Unione Europea: alla presenza di autorità politiche nazionali e regionali, verranno illustrati e discussi i risultati di un dibattito che la Sidea ha avviato e sta sostenendo in questo anno su questi temi.

Il dibattito scientifico sarà animato dai contributi di oltre un centinaio di economisti agrari di numerose Università italiane e straniere e vedrà la partecipazione, in veste di relatori, dei professori Andrea Marchini (Università di Perugia), Giorgio Osti (Università di Trieste) ed Emanuele Massetti (Georgia Institute of Technology, Atlanta, Georgia, USA). 

Il programma della prima giornata

Giovedì 13 settembre 2018 - Sala dei Notari – 12 -13 Registrazione dei partecipanti

13 -14.30 Assemblea dei Soci SIDEA

14.30 - 14.45 Saluti delle Autorità

14.45 - 15 Apertura dei lavori del LV Convegno

Prima Sessione Plenaria - Coordina: Prof. Adriano Ciani 15 -16 - Relazione di Andrea Marchini (Università di Perugia) 16 -17 - Relazione di Giorgio Osti (Università di Trieste)

Seconda Sessione Plenaria - 17.15-19 - Il futuro della Politica Agraria Comune

Informazioni: http://www.cesarweb.com/promo/20180530/

Perugia, 7 settembre 2018 

A John R. Sandercock, scienziato, innovatore e imprenditore  il Dottorato Honoris Causa in “Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia” - Perugia, 12 settembre, ore 17.30, Aula Magna Complesso monumentale di San Pietro

Il Magnifico Rettore Prof. Franco Moriconi conferirà al dottor John R. Sandercock il Dottorato di Ricerca  Honoris Causa in “Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia”. La solenne cerimonia mercoledì  12 settembre 2018, alle ore 17.30, nell'Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali, nel Complesso Monumentale di San Pietro.

Sandercock è il pioniere della Spettroscopia Brillouin da eccitazioni di superficie e fondatore della “JRS-Scientific Instruments” di Zurigo.

In tale occasione sarà celebrato il quarantesimo anniversario dell’invenzione e del brevetto dell’Interferometro Tandem Multipasso grazie al quale John Sandercock condusse, negli anni Settanta e Ottanta, i primi studi relativi alla diffusione anelastica della luce da parte di fononi e magnoni di superficie in mezzi opachi (metalli e semiconduttori). Questa sua invenzione, perfezionata poi nel corso degli anni seguenti, ha portato alla pubblicazione di risultati scientifici originali di grande impatto sulla comunità scientifica internazionale, aprendo la possibilità di esplorare nuova fisica e studiare nuovi materiali. A distanza di circa quarant’anni, lo strumento commercializzato dalla ditta che John Sandercock ha fondato è ancora insuperato a livello mondiale e circa duecento laboratori in tutto il modo possono fare ricerca grazie a questo strumento.

Dalle ore 16 alle 17.30, nella stessa Aula Magna, si terrà una sessione seminariale durante la quale saranno approfonditi i recenti sviluppi della Spettroscopia Brillouin da eccitazioni di superficie, nell’ambito del convegno internazionale “Advances in Brillouin Light Scattering and BioBrillouin Meeting”.

“Questi eventi sono stati organizzati in occasione del quarantesimo anniversario dall’invenzione dello strumento Interferometro Fabry-Pèrot Tandem Multipasso, da parte di John Sandercock, ma anche per celebrare i trent’anni di attività del laboratorio perugino GHOST (Group of High-resolution Optical Spectroscopy and related Techniques), avviato nel 1988 presso il Dipartimento di Fisica del nostro Ateneo”, sottolinea il professor Giovanni Carlotti, coordinatore del Corso di Dottorato in Scienza e Tecnologia per la Fisica e la Geologia, e Promotore del Dottorato di Ricerca Honoris Causa a Sandercock.

Motivazione del riconoscimento

John Sandercock, oggi settantacinquenne, è stato protagonista di un’eccezionale avventura scientifico-tecnologica, mostrando lo stretto legame tra ricerca di base, curiosità scientifica e sviluppi tecnologici capaci di ampliare le possibilità di indagine sperimentale.

Dopo la laurea ed il Master in Fisica compiuti negli anni sessanta ad Oxford, nel Regno Unito, egli si è trasferito a Zurigo per lavorare nei laboratori di ricerca e sviluppo della multinazionale americana RCA. In tale veste, durante gli anni settanta, egli ha lavorato allo sviluppo di un nuovo tipo di interferometro Fabry-Perot, in configurazione Tandem-Multipasso. L’invenzione di questo strumento, che fu premiata con la Medaglia “Duddell” della Società di Fisica di Londra nel 1979, portò alla successiva realizzazione di uno spettrometro ad altissimo contrasto e grande risoluzione, capace di estendere il campo della Spettroscopia Brillouin ai fononi (quanti di energia elastica) ed ai magnoni (quanti di energia magnetica) di superficie in mezzi opachi,

come metalli e semiconduttori. Sandercock pubblicò quindi negli anni Settanta e Oottanta una serie di lavori scientifici che sono rimasti pietre miliari nel campo della fisica dei materiali. Infatti, le misure spettroscopiche che si rendevano possibili con il nuovo strumento permettevano di determinare le costanti elastiche e/o le proprietà magnetiche di film sottili e di strutture a multistrato, con ricadute sia nel campo della ricerca di base che in quella applicata ai dispositivi elettronici. 

Parallelamente, sviluppando i presupposti tecnologici che erano stati utilizzati per il nuovo interferometro, Sandercock brevettò e mise sul mercato un nuovo sistema antivibrante a stabilizzazione attiva che rappresentò un deciso salto di qualità rispetto ai prodotti tradizionali, contribuendo allo sviluppo delle microscopie a scansione di sonda. Esso fu incluso nel 1986/87 tra i 10 migliori prodotti dal giornale scientifico “Lasers and Applications” e ricevette il premio “IR 100 Award”. 

E’ da notare che proprio a metà degli anni Ottanta, utilizzando un interferometro multipasso di tipo Fabry-Pèrot ad alta risoluzione, lo scienziato tedesco Peter Grunberg scoprì il fenomeno della magnetoresistenza gigante che dette il via al nuovo campo di ricerca della spintronica e gli fruttò il premio Nobel per la Fisica nel 2007.

Quando poi, verso la fine del 1987, la multinazionale RCA decise di chiudere la divisione ricerca in Europa, anziché trasferirsi negli Stati Uniti, John Sandercock decise di licenziarsi, rimanere a

Zurigo, ed aprire la propria piccola compagnia (oggi diremmo il suo “spin-off”) per commercializzare i prodotti da lui brevettati nel campo dell’interferometria e dei sistemi antivibranti a stabilizzazione attiva. Da allora, la ditta da lui fondata, “JRS-Scientific Instruments”, ha venduto circa 200 apparati sperimentali per Spettroscopia Brillouin in tutto il mondo, dal momento che nessun’altra industria ha saputo mettere sul mercato, in oltre trent’anni, uno strumento in grado di competere con il suo. Questo si deve anche alla continua capacità di innovare e migliorare le prestazioni dello spettrometro da parte di Sandercock, testimoniato dal fatto che l’ultimo brevetto è del 2006 e la nuova configurazione con contrasto migliorato del 2015.

Va infine sottolineato che sebbene John Sandercock nella sua lunga carriera si sia dedicato principalmente allo sviluppo di strumentazione, egli ha parimenti conseguito risultati scientifici di prim’ordine nel campo della fisica della materia, pubblicati su prestigiose riviste internazionali. Durante l’ultimo anno, in vista del suo ritiro, egli ha predisposto l’assetto societario della sua compagnia in modo da assicurare che possa continuare ad operare in futuro, affidando la maggioranza delle quote societarie ai dipendenti.

john r. sandercock

Perugia, 7 settembre 2018 

SettembreOrienta, gli appuntamenti dal 10 al 14 settembre a Perugia, Narni, Terni 

L'Università degli Studi di Perugia, sino al 19 settembre 2018, organizza SettembreOrienta, incontri per illustrare, alle aspiranti matricole, i corsi di Laurea ad accesso libero e per visitare le strutture (aule, laboratori, biblioteche, spazi attrezzati, ecc.), sia della sede di Perugia, sia di quelle di Terni, Assisi e Narni. Verranno anche spiegate le modalità di acquisizione dei crediti linguistici previsti dai percorsi.

Questi i prossimi incontri:

Corso di studio di Geologia - Dipartimento di Fisica e Geologia - via Pascoli, Perugia, lunedì 10 settembre 2018 - ore 9.30, aula ex-Biblioteca - programma della mattinata:

http://settembreorienta.unipg.it/files/geol-programma.pdf

Corsi di studio di Ingegneria Informatica ed Elettronica e di Ingegneria Meccanica - Dipartimento di Ingegneria - via G. Duranti, Perugia – lunedì 10 settembre 2018 - ore 15.00, aula Magna - programma della mattinata:

http://settembreorienta.unipg.it/files/inginfele-programma.pdf

Corso di studio di Fisica - Dipartimento di Fisica e Geologia - via Pascoli, Perugia – martedì 11 settembre 2018 - ore 9.30, aula A - programma della mattinata:

http://settembreorienta.unipg.it/files/fis-programma.pdf

Corso di studio di Scienze per l'investigazione e la sicurezza (sede di Narni) - Dipartimento di Filosofia, Scienze sociali, umane e della formazione, sede decentrata di Narni - Palazzo Sacripanti, Piazza Galeotto Marzio, Narni - 11 settembre 2018 - ore 9.30 - programma della mattinata:

http://settembreorienta.unipg.it/files/sciinv-nr-programma.pdf

Corsi di studio di Scienze politiche e Relazioni Internazionali, di Servizio Sociale e di Scienze della Comunicazione - Dipartimento di Scienze Politiche - Via Pascoli, Perugia
13 settembre 2018 - ore 11.00
, aula 1 - programma della mattinata:

http://settembreorienta.unipg.it/files/spri-programma.pdf

Corso di studio di Ingegneria Industriale (sede di Terni) - Dipartimento di Ingegneria, sede decentrata di Terni - Strada di Pentima 6, Terni - 14 settembre 2018- ore 9.30, aula 3 - programma della mattinata:

http://settembreorienta.unipg.it/files/ingind-programma.pdf

All'indirizzo internet https://www.unipg.it/studenti-futuri è disponibile il calendario dettagliato degli eventi relativi alle quattro aree in cui sono raggruppati i corsi di laurea: Giuridico-Politico-Economica, Scientifica, Tecnico-Scientifica, Umanistica.

Vi saranno inoltre caricate le brochure dei corsi e altri materiali ancora.

Perugia, 6 settembre 2018 

Sclerosi multipla e alterazioni delle funzioni cognitive, importante studio di scienziati dell’Ateneo di Perugia pubblicato su Nature Neuroscience Reviews  

La rivista internazionale Nature Neuroscience Reviews  ha pubblicato online l’ articolo “Multiple sclerosis and cognition: synaptic failure and network dysfunction”: riguarda la sclerosi multipla, patologia neurologica cronica del sistema nervoso centrale, molto diffusa e importante causa di disabilità nei giovani adulti in tutto il mondo.

La pubblicazione è frutto della collaborazione fra l’Università degli Studi di Perugia e le Fondazioni IRCCS Santa Lucia di Roma e Don Carlo Gnocchi di Firenze; dell’Ateneo perugino sono stati interessati i Laboratori di Neurologia Sperimentale e il Centro Malattie Demielinizzanti, con gli studi che sono stati coordinati dal professor Massimiliano Di Filippo nei laboratori diretti dal professor Paolo Calabresi.

“L'articolo analizza le cause di un importante aspetto della patologia, la presenza di alterazioni delle funzioni cognitive, tra cui la memoria, molto frequenti e precoci nel corso della patologia e causa di  significativa interferenza nella vita quotidiana delle persone con sclerosi multipla”, spiega il professor Di Filippo.

Tra le cause sottostanti i deficit cognitivi vengono  presentati nell'articolo i risultati degli studi sull'argomento condotti all’Università di Perugia (Laboratori di Neurologia Sperimentale, Centro Malattie Demielinizzanti) sulla presenza di alterazioni della capacità delle sinapsi neuronali di immagazzinare informazioni in corso di tale patologia. Complessi fenomeni di reciproca interazione tra il sistema immunitario e il sistema nervoso causerebbero infatti la perdita della capacità delle sinapsi e dei circuiti neuronali di modellarsi in maniera plastica e di garantire quindi un adeguato funzionamento cognitivo.

Tale teoria sperimentale è stata portata avanti negli ultimi anni nei Laboratori della Neurologia di Perugia grazie anche a finanziamenti pubblici e della Fondazione Italiana Sclerosi Multipla.

“La pubblicazione, il 29 agosto scorso, di tali teorie su Nature Neuroscience, una delle più prestigiose riviste al mondo sul tema delle Neuroscienze  - conclude il professor Di Filippo - testimonia la rilevanza degli studi condotti presso la nostra Università e sottolinea la necessità di attenzione agli aspetti cognitivi della persona con sclerosi multipla, capaci di influenzare qualità di vita, attività lavorative e sociali, aderenza alla terapia e possibilità riabilitative”.

foto staff neurologia or

foto staff neurologia r

Perugia, 5 settembre 2018 

Corsi ad accesso programmato, le prossime scadenze

I Corsi di Laurea ad accesso programmato sia locale che nazionale hanno scadenze anticipate per la presentazione delle domande.

I relativi bandi sono pubblicati sia sull’home page dell’Ateneo di Perugia sia all’indirizzo internet http://accessoprogrammato.unipg.it/ 

- Corso di Laurea magistrale in Valutazione del funzionamento individuale in Psicologia clinica e della salute - Termine presentazione domande 7 settembre 2018 ore 13

- Corsi di Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie - Termine presentazione domande 4 ottobre 2018 ore 13

IMMATRICOLAZIONI AI CORSI DI LAUREA DI PRIMO LIVELLO E PER I CORSI DI LAUREA A CICLO UNICO AD ACCESSO LIBERO

Sino al 22 ottobre 2018 sono aperte le immatricolazioni all’Università degli Studi di Perugia per i corsi di laurea di primo livello e per i corsi di laurea a ciclo unico ad accesso libero. La domanda di immatricolazione può essere compilata on-line direttamente da casa o recandosi presso il Punto Immatricolazioni di Perugia e Terni; Manifesto degli Studi e tutte le informazioni utili disponibili all’indirizzo: https://www.unipg.it/

Il Punto Immatricolazioni di Perugia è aperto nel Complesso Monumentale di San Pietro, nei pressi dell’Orto medievale e del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali (Borgo XX Giugno, 74 - 06121 Perugia); qui è possibile avere informazioni e supporto per lo svolgimento delle procedure di immatricolazione.

Numeri telefonici: 075/5856306 - 075/5856307 - 075/5856308 - Fax: 075/5856309 

email: puntoimmatricolazioni@unipg.it

Orari di apertura:

SETTEMBRE: dal lunedì al venerdì 9 - 16 (orario continuato)

OTTOBRE (DAL 1/10/2018 FINO AL 22/10/2018): dal lunedì al venerdì 9 - 16 (orario continuato)

Il Punto Immatricolazioni di Terni, con sede presso l'Ufficio Gestione Carriere Studenti del Polo Scientifico Didattico di Ateneo (Strada di Pentima 4 - 05100 Terni), fornisce informazioni e supporto per lo svolgimento delle procedure di immatricolazione.

Numeri telefonici: 0744/492926-0744/492951-0744/492981

Fax 0744/492917  - email: segr-studenti.terni@unipg.it

Orari di apertura:

OTTOBRE (DAL 1/10/2018 FINO AL 22/10/2018): dal lunedì al venerdì 9 - 16 (orario continuato).

Dal 23 OTTOBRE 2018 per le immatricolazioni occorrerà rivolgersi alle Segreterie Studenti di riferimento http://www.unipg.it/didattica/segreterie-studenti

Procedure specifiche sono previste per le immatricolazioni ai corsi di laurea magistrale di durata biennale (iscrizioni consentite sino al 28 febbraio 2019).

 

Perugia, 5 settembre 2018 

Prorogate al 20 settembre le domande di partecipazione a Start Cup Umbria 2018a Start Cup Umbria 2018

La scadenza per l'iscrizione delle idee di impresa alla Start Cup Umbria 2018 è stata prorogata, con nota del professor Loris Nadotti, direttore del premio, al 20 settembre 2018. 

Il Premio per l'Innovazione Start Cup Umbria è una competizione tra gruppi che elaborano idee imprenditoriali innovative per uno dei seguenti settori: Life Sciences, ICT, Cleantech & Energy, Industrial. Offre a tutti i partecipanti occasioni di formazione, di contatti professionali e incontri di divulgazione della cultura d’impresa, al fine di aiutare aspiranti imprenditori a dare concretezza alle proprie idee, mettendoli in condizione di affrontare adeguatamente la fase di start up di una nuova impresa. 

Le idee devono poi essere formalizzate entro l’8 ottobre 2018 in un business plan.

Ai tre gruppi vincitori saranno assegnati premi in denaro del valore minimo, rispettivamente, di 4.000, 2.000 e 1.500 euro per la costituzione e l’avvio dell’impresa.

I vincitori di Start Cup Umbria 2018 accederanno di diritto alle fasi finali del Premio Nazionale per l'Innovazione che si terrà a Verona il 29 e 30 novembre 2018.

Obiettivo di Start Cup Umbria 2018 è sostenere la ricerca e il trasferimento tecnologico finalizzati allo sviluppo economico della Regione Umbria, attraverso la diffusione della cultura d’impresa nel territorio e la promozione dell’innovazione.

Il Regolamento del premio è scaricabile dal sito      http://startcup.unipg.it/start-cup

Perugia, 4 settembre 2018

 

SettembreOrienta, gli appuntamenti dal 5 al 7 settembre ad Assisi, Terni e Perugia 

L'Università degli Studi di Perugia, sino al 19 settembre 2018,  organizza SettembreOrienta, incontri per illustrare, alle aspiranti matricole, i corsi di Laurea ad accesso libero e per visitare le strutture (aule, laboratori, biblioteche, spazi attrezzati, ecc.), sia della sede di Perugia, sia di quelle di Terni, Assisi e Narni. Verranno anche illustrate le modalità di acquisizione dei crediti linguistici previsti dai percorsi.

Questi i prossimi incontri:

Corso di studio di Economia del Turismo (sede di Assisi) - Dipartimento di Economia, sede decentrata di Assisi - Palazzo Bernabei, Assisimercoledì 5 settembre 2018 - ore 9.30 – programma della mattinata: http://settembreorienta.unipg.it/files/ecoturas-programma.pdf

Corso di studio di Economia aziendale (sede di Terni) - Dipartimento di Economia, sede decentrata di Terni - ex Convento di S. Valentino, Via Papa Zaccaria 8, Terni - mercoledì 5 settembre 2018  - ore 10.30 – programma della mattinata: http://settembreorienta.unipg.it/files/ecoaztr-programma.pdf

Corsi di studio di Matematica e di Informatica - Dipartimento di Matematica - via Pascoli, Perugia – giovedì 6 settembre 2018 - ore 9.00, aula A2 – programma della mattinata: http://settembreorienta.unipg.it/files/mate-programma.pdf

Corsi di studio di Economia e cultura dell'alimentazione, di Scienze agrarie e ambientali, di Scienze e tecnologie agro-alimentari e di Produzioni animali - Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali - Borgo XX giugno,  Perugia – venerdì 7 settembre 2018 - ore 10.00, aula Magna – programma della mattinata: http://settembreorienta.unipg.it/files/ecculali-programma.pdf

Corsi di studio di Ingegneria Civile e di Design - Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale - via G. Duranti 93, Perugia - 7 settembre 2018 - ore 10.30, aula Magna – programma della mattinata: http://settembreorienta.unipg.it/files/ingciv-programma.pdf

All'indirizzo internet https://www.unipg.it/studenti-futuri è disponibile il calendario dettagliato degli eventi relativi alle quattro aree in cui sono raggruppati i corsi di laurea: Giuridico-Politico-Economica, Scientifica, Tecnico-Scientifica, Umanistica.

Vi saranno inoltre caricate le brochure dei corsi e altri materiali ancora.

 


Torna su
×