Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale

Perugia, 30 maggio 2019

Consegnati i diplomi del Master di I livello in “Ingegneria della sicurezza ed analisi dei rischi in ambito industriale” dell’Ateneo di Perugia. Consegnati i premi Inail ai migliori allievi del corso

Nell’Aula Magna del Polo di Ingegneria si è svolta questa mattina la cerimonia di conferimento del diploma di Master di I livello in “Ingegneria della sicurezza ed analisi dei rischi in ambito industriale” AA 2017/18. Sono intervenuti Franco Moriconi, Rettore Università degli Studi di Perugia, Giuseppe Saccomandi, Direttore del Dipartimento di Ingegneria, Alessandra Ligi, Direttore regionale INAIL Umbria, Ermanno Cardelli, Direttore del Master, Elio Schettino, direttore generale di Confindustria Umbria.

“Questo Master è molto importante - ha rilevato il Rettore Moriconi - perchè vede la collaborazione di diverse istituzioni quali Università, Inail e Confindustria su un tema, quello della sicurezza che, come Ateneo, perseguiamo e affrontiamo con diversi iniziative; penso, ad esempio, al Corso di laurea Magistrale in Protezione e sicurezza del territorio e del costruito con sede a Foligno. So bene, come Rettore, quali e quanto sono le responsabilità in tema di sicurezza che riguardano il personale, gli studenti, le strutture. E’un aspetto, quello generale della sicurezza sul lavoro, delicato e molte volte trascurato, come testimoniano gli incidenti che spesso accadono. Mi auguro che con questo Master l’Università continui in futuro su questa strada che ha portato risultati significativi”.

 

Il Master, frutto della sinergia tra la Direzione Regionale INAIL dell’Umbria ed il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia – è stato evidenziato nel corso dei diversi interventi -, ha per scopo principale la formazione di tecnici in materia di sicurezza sul lavoro (quali il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il Coordinatore per la progettazione e l’esecuzione dei lavori, l’Esperto nella progettazione antincendio) fornendo loro le competenze necessarie per effettuare l’analisi dei rischi di processi o di impianti e di impostare su tali basi interventi strutturali ed organizzativi di riduzione e gestione conservativo/migliorativa della sicurezza, nel rispetto delle conoscenze dello stato dell’arte e della normativa vigente. Il coinvolgimento di Confindustria – quotidianamente impegnata in azioni di sostegno alle imprese assicurando alle stesse un ruolo determinante anche nell’attuazione di politiche di prevenzione – ha permesso l’individuazione e la partecipazione delle imprese del territorio che hanno ospitato gli studenti per gli stage previsti nell’ambito delle attività del Master.

“Mi piace rilevare – ha aggiunto il coordinatore del Master, professor Cardelli – che i partecipanti alla prima edizione siano tutti impiegati e quelli del secondo o hanno trovato lavoro o hanno rafforzato la loro posizione all’interno del contesto lavorativo in cui erano inseriti. Un Master che ha ottenuto apprezzamenti a livello nazionale e che, per l’edizione 2019-2020, la terza, potrà essere seguito in teledidattica, con l’opportunità di ampliare ulteriormente il numero i coloro che potranno fruirne”.

E’ stato il Rettore Moriconi a consegnare poi i diplomi del Master agli allievi: Erica Baldoni, Catia Cavadenti, Lorenzo Fattorini, Alessandro Ferraresi, Dario Giuseppe Galluccio, Pietro Giannò, Giuseppe Marzano, Devid Mencarelli, Luca Minelli, Daniele Moroni, Benedetta Negroni, Simone Pioppi, Giuseppina Tursi.

A seguire la dottoressa Ligi ha attribuito i premi INAIL ai cinque migliori allievi del corso che sono risultati: Erica Baldoni, Lorenzo Fattorini, Luca Minelli, Daniele Moroni, Benedetta Negroni.

 

gruppo master 2gruppo master 330052019 franco moriconi master 130052019 ermanno cardelli30052019 elio schettino30052019 alessandra ligi

Successo per il Semantic Brand Score del professor Andrea Fronzetti Colladon, misura la forza di un ‘marchio’, si può applicare anche alla politica  

Andrea Fronzetti Colladon, ricercatore dell’Università degli Studi di Perugia nel Dipartimento di Ingegneria, ha sviluppato il Semantic Brand Score, un innovativo indicatore che misura la forza dei brand, che sta avendo numerosissime applicazioni e successo anche a scopo predittivo: può essere utilizzato in ambito commerciale, ma anche in altri settori, come quello delle previsioni in campo politico. Un’intuizione, quella del docente dell’Ateneo Perugino, che parte da lontano, da almeno dieci anni di lavoro e di esperienza nel campo della Social Network Analysis e dei Big Data Analytics, al fianco di grandi aziende (come Telecom Italia, Genpact e Galaxy Advisors).

Il Semantic Brand Score è una misura nata per valutare l’importanza di uno o più brand, la loro ‘forza’. Si basa su tecniche di Text Mining e Social Network Analysis applicate a dati testuali, anche big data; un metodo che rappresenta un’evoluzione rispetto ai modelli tradizionali (come quelli proposti da Keller e Aaker) che si basano sulla somministrazione di questionari ai consumatori o su valutazioni finanziarie.

Il nuovo metodo parte dall'analisi di dati testuali che rappresentano espressioni potenzialmente meno condizionate di vari stakeholder, senza che questi vengano sottoposti ad intervista diretta, limitando così possibili distorsioni e pregiudizi. La metrica può essere ad esempio calcolata analizzando articoli di giornale, il dialogo dei consumatori su forum di discussione online o post pubblicati sui social media.

La misura studiata da Andrea Fronzetti Colladon ha tre dimensioni che considerano, oltre alla frequenza con cui un brand viene menzionato (Prevalenza), anche la ricchezza lessicale del discorso che lo riguarda (Diversità) e il fatto che il brand stesso possa fare da ponte tra temi differenti (Connettività). Maggiori dettagli sono disponibili sul sito internet https://semanticbrandscore.com.

La fortuna che sta riscuotendo l’innovativo sistema di misurazione è data dal fatto che può essere applicato a brand di tipo commerciale, ma anche a esponenti e forze politiche, o a rappresentazioni più ampie (non necessariamente brand in senso stretto).

“Recentemente sto collaborando con Istat e con Enea che sono interessate a questo progetto – spiega il professor Fronzetti Colladon. La ricerca sull'indicatore e sulle sue applicazioni è in evoluzione. Un articolo in uscita su International Journal of Forecasting mostra le potenzialità della metrica in ambito previsionale politico; con una collega della Northeastern University di Boston stiamo invece valutando possibili applicazioni nel campo del turismo.”.

Per questa attività Andrea Fronzetti Colladon ha ottenuto, nel 2018, il premio Pagliarani, il riconoscimento dell’Associazione Italiana Ingegneria Gestionale per la migliore ricerca dell’anno.

 

Andrea Fronzetti Colladon, ora all’Ateneo di Perugia, in precedenza è stato professore incaricato e ricercatore presso l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Visiting Scholar presso il Centro per l’Intelligenza Collettiva del Massachusetts Institute of Technology, dove attualmente porta avanti numerosi progetti di ricerca. È docente di diversi corsi sulla Social Network Analysis e sui Big Data Analytics, presso dottorati e master universitari. I suoi interessi accademici includono l’analisi delle reti sociali, il text mining, la gestione della creatività e dell’innovazione, la comunicazione organizzativa e il brand management. Andrea Fronzetti Colladon è membro dell’ICKN core team (ickn.org), del comitato tecnico del Centro Studi in Intelligence Economica e Security Management e degli steering committee di diverse conferenze internazionali.

andrea fronzetti colladon 3

Perugia, 30 maggio 2019

Ateneo di Perugia, i fondi Erasmus crescono del 18%: oltre 1 milione e 800 mila euro

E’ pervenuta dall’Agenzia Nazionale INDIRE la comunicazione ufficiale circa le erogazioni al nostro Ateneo nell’ambito del programma Erasmus+, che per il prossimo anno accademico 2019-2020 superano un milione e 800 mila euro, + 18 percento rispetto all’anno in corso.

L’Unione Europea eroga i finanziamenti in funzione dei risultati raggiunti e dei progetti presentati. In questi ultimi anni, l’Ateneo ha utilizzato al meglio i fondi europei, selezionando con attenzione gli studenti in uscita, che hanno quindi “riportato a casa” buoni risultati in termini di crediti acquisiti all’estero. In contemporanea, sono stati presentati progetti formativi per allargare il numero di paesi dove è possibile beneficiare di borse Erasmus+: recentemente l’Ateneo è risultato vincitore di un progetto con la Cina.

In conseguenza di queste buone prassi, rispetto allo scorso anno i finanziamenti alla mobilità per fini di studio crescono del 24 per cento, mentre quelli per tirocinio (prima e dopo la laurea) del 12,6 percento. Cresce molto, del 42,3 percento, la disponibilità per la mobilità dello staff (docenti e personale) per finalità di formazione e aumenta del 18,7 percento il finanziamento a tutto ciò che è supporto all’organizzazione (welcome days, giornate informative, materiali vari, missioni di promozione e supervisione, ecc.).

Rispetto a sei anni fa, i finanziamenti europei sono più che raddoppiati, passando da 824.000 euro a oltre 1,8 milioni, con quindi un balzo del 120 per cento. L’incremento interessa tutte le azioni previste dal programma. Da notare che è triplicata voce relativa alla mobilità degli studenti per scopo di tirocinio, una azione volta a creare un legame fra il mondo accademico e quello del lavoro, passando da 147 mila a 588 mila euro (+300 percento). Una occasione di formazione particolarmente gradita degli studenti che sempre più numerosi si recano all’estero presso imprese, enti pubblici, scuole, istituti di ricerca, per svolgere attività di formazione ed avere un primo rapporto con il mondo del lavoro. Nello scorso anno accademico, oltre 250 studenti dell’Ateneo si sono recati all’estero in mobilità a fini di tirocinio nell’ambito del programma Erasmus+, e si prevede un numero ancora superiore per l’anno accademico in corso.

“Tutto ciò - fa notare la professoressa Elena Stanghellini, Delegata del Rettore per le Relazioni Internazionali - è stato ottenuto grazie all’impegno di tutto il personale dell’Area relazioni internazionali e alla collaborazione dei Delegati di Dipartimento. E’ inoltre importante segnalare il sostegno dell’Ateneo, che crede nell’alto valore formativo del progetto Erasmus”.

Perugia, 30 maggio 2019

“A San Pietro - Scienza Arte Territorio”, sesta edizione degli Open Days di Agraria - Sabato 1 e domenica 2 giugno 2019, Complesso Monumentale di San Pietro

A Perugia, sabato 1 e domenica 2 giugno 2019 si svolgerà “A San Pietro - Scienza Arte Territorio”, sesta edizione degli Open Days di Agraria.

Nei due giorni verranno aperte al pubblico le porte del Complesso monumentale di San Pietro, sede del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali (DSA3), per l'annuale incontro con la cittadinanza così da consentire di conoscere e apprezzare le bellezze e le tante attività che vi si svolgono.

La manifestazione, coordinata dal professor Eric Conti, sarà articolata in tre percorsi dedicati alla Scienza, all’Arte e al Territorio.

Consentiranno di apprezzare e visitare i laboratori per bambini (fattoria didattica con gli animali da allevamento e macchine agricole, estrazione del Dna, piante, insetti, semi, lavori dell’orto, cura degli alberi, mimetismo, trapianti); 13 mostre ed esposizioni scientifiche; visite guidate nell’ambito dei tre percorsi “Scienza”, “Arte” e “Territorio” (70 turni complessivi): laboratori di ricerca, orto medievale, orto botanico, osservatorio sismico “Andrea Bina”, Abbazia benedettina, capolavori del seicento, moderne installazioni artistiche, orti urbani, Centro di ateneo musei scientifici di Casalina; mostra mercato delle eccellenze regionali nel Chiostro delle Stelle; incontri di lettura e conversazioni in musica in biblioteca; concerti di musica, tra il classico e il contemporaneo.

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso libero.

Centinaia di persone (docenti, studenti, personale tecnico) accoglieranno adulti e bambini curiosi di conoscere il ruolo della scienza nella produzione agraria e agroalimentare di qualità, visitare le antiche opere d’arte custodite nel Complesso Monumentale e le nuove espressioni artistiche, apprezzare e acquistare i prodotti di eccellenza del territorio umbro.

Anno dopo anno è quindi confermata la tradizione del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali (DSA3), l’antica Facoltà di Agraria, di offrire alla città di Perugia e a buona parte dell’Italia centrale i frutti del lavoro svolto nell’ultimo anno accademico, immersi in un’atmosfera allegra e stimolante.

L’iniziativa è organizzata dal Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali (DSA3) dell'Università degli Studi di Perugia (UNIPG), in collaborazione con la Fondazione per l'Istruzione Agraria (FIA), il Centro di Ateneo per i Musei Scientifici (CAMS), il Centro Servizi Bibliotecari (CSB) dell’Università degli Studi di Perugia, i Monaci Benedettini dell'Abbazia di San Pietro, il GAL Media Valle del Tevere, l’Associazione Borgobello, il Magnifico Rione di Porta San Pietro.

L’apertura ufficiale, con il saluto delle autorità, è in programma sabato 1 giugno 2019, alle ore 10, nel secondo chiostro del Complesso monumentale di San Pietro.

Nell’occasione sarà inaugurata anche l’installazione artistica “Tutti giù per terra (giro giro tondo, casca il mondo, casca la terra)" di Ornella Ricca e Pietro Spagnoli.  

Per informazioni: http://dsa3.unipg.it/asanpietro/     email: evento.asanpietro@unipg.it

#asanpietro

Si allega il programma

Perugia, 29 maggio 2019

A Perugia i leader mondiali della chimica del selenio - 30 maggio – 1° giugno 2019 

Perugia ospita da domani, 30 maggio al 1° giugno 2019, l’8° workshop del Network internazionale SeSRedCat nell’ambito delle ricerche che riguardano il selenio, lo zolfo e la catalisi Redox.

Si svolgerà nell’Aula G del Dipartimento di Chimica Biologia e Biotecnologie dell’Università degli Studi di Perugia ed è stato organizzato dai docenti del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche che afferiscono al Network SeSRedCat.

“L’idea di SeSRedCat - spiega il coordinatore internazionale professor Claudio Santi - è nata nel 2011 nel nostro Dipartimento e ha subito riscosso un enorme interesse internazionale sino ad arrivare oggi a contare un centinaio di scienziati afferenti ad oltre 40 differenti università ed enti di ricerca di tutto il mondo. Si tratta di un Network spontaneo che ha come scopo principale quello di creare opportunità per i giovani ricercatori nel settore attraverso l’intercettazione di programmi di scambio e mobilità e la partecipazione congiunta a progetti di ricerca dall’elevato aspetto multidisciplinare. Anche questo anno saremo particolarmente felici di assegnare 3 premi ai migliori giovani ricercatori, uno dei quali sarà (come negli ultimi 3 anni) intitolato alla memoria del professor Marcello Tiecco che, in Italia, è stato uno dei pionieri della chimica organica del Selenio creando una scuola che è tutt’oggi riconosciuta come un riferimento a livello internazionale”.

Quest’anno il workshop sarà anche pre-evento dell’ International Conference on the Chemistry of Selenium and Tellurium (ICCSTche si svolgerà a Cagliari a partire dal 3 giugno.

Questa concomitanza garantirà una platea di circa 120 partecipanti, soprattutto stranieri, che daranno vita a un’iniziativa di elevato spessore scientifico con 5 conferenze plenarie, 12 conferenze su invito, 24 comunicazioni orali e flash-presentation, alle quali si aggiungeranno circa 30 comunicazioni posters.

Nella giornata di sabato 1°giugno il workshop sarà ospitato dalla Eco Tech di Ponte San Giovanni che con il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche ha stipulato un accordo quadro per lo sviluppo di ricerche nel campo della green chemistry e la produzione ecosostenibile di principi attivi.  

selenio in brasileclaudio santi

Perugia, 29 maggio 2019

Integrazione politica in Europa, ne parla il prof. Luca Castelli a “L’Uovo di Colombo” - giovedì 30 maggio, su Umbria Radio

Il professor Luca Castelli, Professore associato di Diritto pubblico nel Dipartimento di Economia dell’Ateneo di Perugia, interverrà al programma radiofonico “L’Uovo di Colombo”, dedicato alla ricerca scientifica sviluppata all’interno dell’Ateneo perugino. La trasmissione andrà in onda domani, giovedì 30 maggio 2019, sulle frequenze di Umbria Radio (Perugia 92.000Mz; Terni 105.300Mz) dalle ore 19.05 alle 19.30.

Luca Castelli è stato di recente nominato Emile Noël Global Fellow presso il Jean Monnet Center della New York University - School of Law per il Fall semester dell’anno accademico 2019-2020 (1° settembre 2019 - 31 dicembre 2019).

Nel corso della trasmissione illustrerà il suo progetto di ricerca (grazie al quale è stato ammesso presso l’Università americana), di grande attualità, dal titolo “Between Unity and Federalism: Paths of Territorial Differentiation in the European Union”: un campo di indagine particolarmente scottante, nell’attuale momento storico durante il quale una forte spinta alla differenziazione territoriale attraversa l’intera Europa.

Il progetto di ricerca di Castelli muove dall’esame di queste tendenze per capire se la differenziazione territoriale possa essere ancora considerata uno strumento utile per gestire i conflitti dentro e oltre lo Stato. Lo scopo ultimo del lavoro è di dimostrare la necessità di una differenziazione anche nell’assetto istituzionale dell’Unione europea, per separare gli Stati che vogliono realizzare una più stretta integrazione politica, dando vita ad una vera e propria Unione federale, da quelli che non vogliono più integrazione sul piano politico, ma sono solo interessati al mercato comune.

 

“L’Uovo di Colombo” è condotto dalla giornalista Laura Marozzi, responsabile dell’Ufficio Comunicazione Istituzionale, social media e grafica.

La replica del programma andrà in onda sabato 31 maggio 2019, alle ore 8.30.

Le puntate si possono riascoltare in podcast alla pagina

http://www.umbriaradio.it/podcast.html   canale “Uovo di Colombo”.

luca castelli per uovo

Perugia, 29 maggio 2019

Insegnanti e docenti universitari Croati in visita all’Università di Perugia e alle scuole dell’Umbria, si parla di educazione inclusiva –30 e 31 maggio 2019

 

“L’Educazione Inclusiva – Modelli europei a confronto, Italia – Croazia” è il titolo del seminario di studio di domani, giovedì 30 maggio 2019, alle ore 14, nell’aula 4 di Palazzo Florenzi, sede del Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione.

L’iniziativa, inclusa tra le attività formative del Corso di Studio in Scienze della Formazione primaria e organizzato dal gruppo di ricerca Humanities Research for Sustainable Future, coordinato dalla professoressa Annalisa Morganti, intende promuovere la dimensione internazionale delle ricerche e delle pratiche di inclusione scolastica, forti di una tradizione, tutta italiana, presa a modello da numerosi Paesi d’Europa.

Al seminario interverranno le professoresse Claudia Mazzeschi, Direttrice del Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione, Floriana Falcinelli, Coordinatrice del Corso di Studio in Scienze della Formazione Primaria, che tratterà il tema della  formazione degli insegnanti in Italia e Annalisa Morganti, docente di Pedagogia speciale, che illustrerà i percorsi di formazione degli insegnanti specializzati per il sostegno agli allievi con disabilità; inoltre gli studenti dell’ultimo anno del Corso di Studio in Scienze della Formazione primaria descriveranno il ruolo del tirocinio nella formazione all’inclusione scolastica.

A seguire gli interventi della professoressa Zrinjka Stančić  del Dipartimento di Educazione Inclusiva e Riabilitazione dell’Università di Zagabria, dal titolo “L’educazione inclusiva in Croazia – somiglianze e differenze con la scuola italiana” e della professoressa Dubrovka Vajdić, - Presidente dell’Udruga edukacijskih rehabilitatora Grada Zagreba i Zagrebačke županije, (UERGZIZŽ) Associazione Riabilitatori Educativi della Città di Zagabria e della Contea di Zagabria che illustrerà i percorsi di formazione degli insegnanti Croati all’inclusione scolastica.

Oltre a docenti, tutor del corso di studio, dottorandi e studenti, parteciperà ai lavori anche una delegazione di oltre 50 insegnanti Croati di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria.

Al termine del seminario, tutti i partecipanti visiteranno l’“Associazione Montessori, Maria Antonietta Paolini” e il “Montessori Training Center”, Centro Internazionale di formazione degli insegnanti, per scoprire l’illustre tradizione della scuola perugina al metodo Montessori, nato per promuovere l’accessibilità all’apprendimento per tutti gli allievi.

Venerdì 31 maggio, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria, la delegazione di insegnanti croati visiterà alcune scuole della provincia di Perugia per osservare il modello di inclusione scolastica in esse realizzato.

L’iniziativa si inserisce nel solco della continuità di rapporti tra l’Ateneo di Perugia, l’Università di Zagabria e altri Atenei Europei, sorti grazie a progetti di ricerca nell’ambito dell’educazione inclusiva, coordinati dal Dipartimento FISSUF, nello specifico dalla professoressa Annalisa Morganti a partire dal 2012 ad oggi (www.eap-sel.eu, inclusive-education.net).

 

Perugia, 28 maggio 2019

Master di I livello in “Ingegneria della sicurezza ed analisi dei rischi in ambito industriale”, consegna dei diplomi e cerimonia di premiazione

È prevista per giovedì 30 maggio 2019, alle ore 11, nell’Aula Magna del Polo di Ingegneria, (Perugia, Via G. Duranti, 67) la cerimonia di conferimento del diploma di Master di I livello in “Ingegneria della sicurezza ed analisi dei rischi in ambito industriale” AA 2017/18.

Il Master, frutto della sinergia tra la Direzione Regionale INAIL dell’Umbria ed il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia, ha per scopo principale la formazione di tecnici in materia di sicurezza sul lavoro (quali il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il Coordinatore per la progettazione e l’esecuzione dei lavori, l’Esperto nella progettazione antincendio) fornendo loro le competenze necessarie per effettuare l’analisi dei rischi di processi o di impianti e di impostare su tali basi interventi strutturali ed organizzativi di riduzione e gestione conservativo/migliorativa della sicurezza, nel rispetto delle conoscenze dello stato dell’arte e della normativa vigente.

Oltre alla consegna dei diplomi di Master, la cerimonia prevede l’attribuzione dei premi INAIL ai cinque migliori allievi del corso.

Prevista la presenza di:

  • Franco Moriconi – Rettore Università degli Studi di Perugia
  • Giuseppe Saccomandi – Direttore Dipartimento Ingegneria
  • Alessandra Ligi – Direttore regionale INAIL Umbria
  • Ermanno Cardelli – Direttore del Master
  • Antonio Alunni – Presidente Confindustria Umbria

 Il coinvolgimento di Confindustria – quotidianamente impegnata in azioni di sostegno alle imprese assicurando alle stesse un ruolo determinante anche nell’attuazione di politiche di prevenzione – ha permesso l’individuazione e la partecipazione delle imprese del territorio che hanno ospitato gli studenti per gli stage previsti nell’ambito delle attività del Master.

Nel corso della cerimonia sarà anche illustrata la nuova edizione del Master, giunto alla terza edizione.

 

Perugia, 28 maggio 2019

Giochi della Chimica 2019, i vincitori della selezione regionale umbra e i partecipanti alla fase nazionale, da domani a Roma

Al Dipartimento di Chimica Biologia e Biotecnologie dell’Università degli Studi di Perugia, hanno avuto luogo le premiazioni della selezione regionale dei Giochi della Chimica 2019 svoltasi lo scorso 4 maggio.

Vi hanno partecipato un totale di 376 studenti delle scuole secondarie di secondo grado (16 scuole dalla provincia di Perugia e 6 da quella di Terni), divisi in tre classi di concorso: classe A, riservata in maniera indifferenziata agli studenti dei primi due anni della scuola secondaria superiore; classe B, riservata agli studenti del successivo triennio che frequentano istituti non compresi tra quelli di seguito indicati; classe C, riservata agli studenti del triennio dei nuovi Istituti Tecnici, settore Tecnologico, indirizzo Chimica, materiali e biotecnologie.

Sono risultati vincitori gli studenti:

Filippo Perugini, del Liceo Classico “G.C. Tacito” di Terni (classe A), Elia Bronzo, del Liceo Scientifico “G. Marconi” di Foligno (classe B) e Carmine Rotondaro, dell’Istituto Tecnico “A. Volta” di Perugia (classe C).

Con loro sono stati premiati anche gli studenti:

Anna Giulia D’Amario, del Liceo Classico “G.C. Tacito” di Terni (2° classificata classe A), Martina De Rosa, del Liceo Classico “G.C. Tacito” di Terni (3° classificata classe A), Giacomo Gregori, del Liceo Scientifico “G. Marconi” di Foligno (2° classificato classe B), Alex Giannoni, del Liceo Scientifico “G. Alessi” di Perugia (3° classificato classe B), Oscar Pizzoli, dell’Istituto Tecnico “A. Volta” di Perugia (2° classificato classe C) e Rachele Gradozzi dell’Istituto Tecnico “A. Volta” di Perugia (3° classificata classe C).

Sulla base dei brillanti risultati ottenuti alla selezione regionale, è stata individuata la delegazione che parteciperà alle finali nazionali.

Accompagnati dalla Professoressa Rita Floridi, del Liceo Scientifico Alessi di Perugia, prenderanno parte alle prove che si svolgeranno a Roma, Parco Tirreno, il 29-31 maggio 2019, gli studenti Filippo Perugini, Elia Bronzo, Carmine Rotondaro, Giacomo Gregori, Alex Giannoni. La speranza è che possano entrare a far parte della squadra olimpica che rappresenterà l’Italia alle LI Olimpiadi Internazionali della Chimica che si terranno a Parigi, dal 21 al 30 luglio 2019.

Riconoscimenti sono andati ai primi dieci classificati delle tre classi di concorso; un premio più consistente è stato riservato ai primi tre classificati di ogni categoria, grazie ai contributi concessi da Italmatch Chemicals S.p.A., Saci Industrie S.p.A., Sterling S.p.A., SOL S.p.A., Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie e Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università di Perugia.

foto 1 delegazione umbra giochi della chimica

foto 2 premiazioni giochi chimica 2019

Perugia, 28 maggio 2019

Il professor Luca Castelli nominato Global Fellow al Jean Monnet Center della New York University 

Luca Castelli, Professore associato di Diritto pubblico nel Dipartimento di Economia dell’Ateneo di Perugia, è stato nominato Emile Noël Global Fellow presso il Jean Monnet Center della New York University - School of Law per il Fall semester dell’anno accademico 2019-2020 (1° Settembre 2019 - 31 Dicembre 2019), dopo aver superato un processo di selezione è stato particolarmente competitivo, fra candidati altamente qualificati.

Il professor Castelli è stato ammesso al Programma grazie al suo progetto di ricerca, di grande attualità, dal titolo “Between Unity and Federalism: Paths of Territorial Differentiation in the European Union”: Castelli, quindi, farà ricerca e insegnerà su questi temi presso il Jean Monnet Center della New York University – School of Law, durante il primo semestre del prossimo anno accademico.

Il campo di indagine è particolarmente scottante, nell’attuale momento storico durante il quale una forte spinta alla differenziazione territoriale attraversa l’intera Europa.

La Brexit sta mettendo in discussione non solo i rapporti tra il Regno Unito e l’Unione europea, ma il futuro della stessa unione tra le diverse nazioni che compongono il Regno. Il referendum illegale del 2017 sull’indipendenza della Catalogna ha fatto emergere le criticità del modello autonomico spagnolo. Persino in Francia, la patria dell’uniformità, il Presidente Macron ha proposto una riforma costituzionale per riconoscere la specialità della Corsica. Quanto all’Italia, siamo alle prese con la delicata attuazione del cd regionalismo differenziato, previsto dall’art. 116, terzo comma, della Costituzione.

Il progetto di ricerca di Castelli muove dall’esame di queste tendenze per capire se la differenziazione territoriale possa essere ancora considerata uno strumento utile per gestire i conflitti dentro e oltre lo Stato. Lo scopo ultimo del lavoro è quello di dimostrare la necessità di una differenziazione anche nell’assetto istituzionale dell’Unione europea, per separare gli Stati che vogliono realizzare una più stretta integrazione politica, dando vita ad una vera e propria Unione federale, da quelli che non vogliono più integrazione sul piano politico, ma sono solo interessati al mercato comune.

Il Global Fellows Program si rivolge ad accademici, giudici, avvocati, funzionari governativi e studiosi post-doc di tutto il mondo, che vengono ospitati alla NYU per almeno un semestre per svolgere e presentare le loro ricerche in vista della futura pubblicazione sulle riviste scientifiche dell’Ateneo.

Il principale obiettivo del Programma è la produzione di sapere attraverso l’avanzamento della ricerca. I Global Fellows sono completamente immersi nella vita intellettuale della School of Law attraverso la residenza a tempo pieno e la partecipazione attiva a fori, lezioni, colloqui, seminari e conferenze.

luca castelli ok

 

Perugia, 23 maggio 2019

Il professor Maurizio Oliviero nuovo Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, guiderà l’Ateneo per il sessennio accademico 2019/2020 – 2024/2025 

Il professor Maurizio Oliviero, Ordinario di Diritto Pubblico comparato nel Dipartimento di Giurisprudenza è il nuovo Magnifica Rettore dell’Università degli Studi di Perugia; guiderà lo Studium Perusinum per il sessennio accademico 2019/2020 – 2024/2025. 

Questo l’esito del ballottaggio svoltosi oggi, con i seggi allestiti nell’Aula Magna presso Palazzo Murena, rimasti aperti per tutta la giornata; risultati provvisori in attesa della verifica della Commissione elettorale centrale.

Aventi diritto al voto in totale: 2.271., hanno votato in  1.960

Seggi n.1 e n. 2 destinati ai Professori di Ruolo I e II fascia, Ricercatori di ruolo e a tempo determinato e rappresentanze studentesche:

aventi diritto 1.176 (n. 997 docenti e 179 studenti), hanno votato  1.085

Seggi n.3 e n. 4 destinati al Personale di Ruolo Tecnico Amministrativo, Bibliotecario, Collaboratori Esperti Linguistici (CEL) e Dirigenziale (I voti espressi dal personale di ruolo tecnico amministrativo, bibliotecario, CEL e dirigenziale sono computati nella misura del dieci per cento in riferimento al numero dei professori ordinari, associati, dei ricercatori a tempo indeterminato e a tempo determinato, secondo quanto previsto dall’articolo 31 del Regolamento Generale d’Ateneo).

aventi diritto 1.095, hanno votato 875    

SCHEDE BIANCHE:  13,092

SCHEDE NULLE:  21,275

VOTI OTTENUTI:

Franco Cotana  491,487

Maurizio Oliviero 638,771

“La nostra è una grandissima Università – ha dichiarato il professor Oliviero facendo il suo ingresso in Aula Magna al termine dello scrutinio - e da domani la faremo ancora più grande, lo faremo insieme, in un clima rinnovato. Credo che questo Ateneo abbia una grandissima tradizione, ma avrà anche un grandissimo futuro.

Voglio fare due ringraziamenti – ha aggiunto -. Il primo lo devo alla mia famiglia: provengo da una famiglia che credo abbia fatto tanti sacrifici e i giovani devono vedere in me un esempio di incoraggiamento. Metteteci passione, amore, coraggio: per questa Università, per il nostro Paese, perché i traguardi si raggiungono.

Voglio ringraziare, inoltre, gli studenti, il personale, i docenti. Voglio ringraziare tutti, tutti i candidati che sin qui si sono misurati in questa prova: insieme rifaremo ancor più grande questo Ateneo.

Ma soprattutto voglio ringraziare il professor Fausto Elisei: tutto ciò è la dimostrazione che da soli si fa molto poco, bisogna imparare a lavorare insieme e noi cominceremo.

Abbiamo sempre detto che volevamo un’Università migliore, ma per pretendere un’Università migliore dobbiamo essere migliori noi stessi per primi.

Con tutta l’onestà, l’onore, la responsabilità, mi rendo conto che di fronte a noi abbiamo una prova importante. Posso farvi una sola promessa – ha concluso il professor Oliviero -: metterò tutto il mio impegno affinché questa Università possa avere gli onori che merita, in Italia e in qualsiasi luogo del mondo. Vi ringrazio tutti”.

Curriculum:

https://www.unipg.it/ateneo/procedure-elettorali/votazioni-per-l-elezione-del-rettore-sessennio-accademico-2019-2020-2024-2025

elisei e olivieromaurizio oliviero 2tabellone personaletabellone finale

Perugia, 23 maggio 2019

Incontro con Antonello Soro, presidente dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali - Bilancio del primo anno di applicazione del GDPR

Domani, venerdì 24 maggio 2019, dalle 9 alle 13, si terrà a Perugia, nella Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni il convegno “Persone in rete: bilancio del primo anno di applicazione del GDPR”, organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza.

L’incontro è l'occasione per affrontare alcuni tra i temi più attuali e “caldi” in materia di protezione dei dati personali, a un anno dalla piena efficacia del GDPR (Regolamento UE 2016/679): il bilancio dell’ultimo anno, le sfide e le prospettive per il prossimo futuro.

L’incontro, al quale l’Autorità garante per la protezione dei dati personali ha offerto il proprio patrocinio, si aprirà con la relazione del Presidente dell’Autorità medesima, dott. Antonello Soro, e proseguirà con le relazioni dei professori Stefano Bistarelli (direttore Cybersecurity National Lab - Nodo Unipg) e Stefania Stefanelli (Dipartimento di giurisprudenza), oltre che dell’avv. Francesco P. Micozzi (Commissione privacy del Consiglio nazionale forense).

Programma:

SALUTI ISTITUZIONALI (9.00 - 9.30) - Prof.ssa Daniela Porzi (Presidente dell’Assemblea Regionale Umbra); Prof. Giovanni Marini (Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Perugia); Avv. Massimo Brazzi (Vice presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia); Avv. Emilio Bagianti (Fondazione Forense di Perugia “Giovanni Dean”). Introduce e modera: Prof. Giovanni Marini

INTERVENTI (9.30 - 13.00) - Dott. Antonello Soro (Presidente dell'Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali) “Evoluzione della società e della protezione dei dati nei sette anni da Garante”; Prof. Avv. Stefania Stefanelli (Professore associato di diritto privato nell’Università degli studi di Perugia, Commissione informatica giuridica e privacy Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia) “Persona e mercato dei dati personali: l'uso personale e domestico nel GDPR”; Prof. Ing. Stefano Bistarelli (Professore associato di informatica nell’Università degli studi di Perugia, Coordinatore del Nodo UniPg del Laboratorio Nazionale di Cyber Security - CINI) “Blockchain e privacy”; Avv. Francesco Paolo Micozzi (Avvocato – Componente commissione privacy CNF) “I confini applicativi del GDPR e la tutela sostanziale e non formale”.

Nel corso dell'evento sarà presentato il volume: "Persone in rete. I dati tra poteri e diritti", di Antonello Soro ed. Fazi, 2018.

La partecipazione è libera, nei limiti di capienza della sala, e non necessita di iscrizione.

Perugia, 21 maggio 2019

Bilancio del primo anno di applicazione del GDPR, incontro con Antonello Soro presidente dell’Autorità garante per la protezione dei dati personali

Venerdì 24 maggio 2019, dalle 9 alle 13, si terrà a Perugia, nella Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni, il convegno “Persone in rete: bilancio del primo anno di applicazione del GDPR”, organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza.

L’incontro è l'occasione per affrontare alcuni tra i temi più attuali e “caldi” in materia di protezione dei dati personali, a un anno dalla piena efficacia del GDPR (Regolamento UE 2016/679): il bilancio dell’ultimo anno, le sfide e le prospettive per il prossimo futuro.

L’iniziativa, alla quale l’Autorità garante per la protezione dei dati personali ha offerto il proprio patrocinio, si aprirà con la relazione del Presidente dell’Autorità medesima, dott. Antonello Soro, e proseguirà con le relazioni dei professori Stefano Bistarelli (direttore Cybersecurity National Lab - Nodo Unipg) e Stefania Stefanelli (Dipartimento di giurisprudenza), oltre che dell’avv. Francesco P. Micozzi (Commissione privacy del Consiglio nazionale forense).

Programma:

SALUTI ISTITUZIONALI (9.00 - 9.30) - Prof.ssa Daniela Porzi (Presidente dell’Assemblea Regionale Umbra); Prof. Giovanni Marini (Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Perugia); Avv. Massimo Brazzi (Vice presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia); Avv. Emilio Bagianti (Fondazione Forense di Perugia “Giovanni Dean”). Introduce e modera: Prof. Giovanni Marini.

INTERVENTI (9.30 - 13.00) - Dott. Antonello Soro (Presidente dell'Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali) “Evoluzione della società e della protezione dei dati nei sette anni da Garante”; Prof. Avv. Stefania Stefanelli (Professore associato di diritto privato nell’Università degli studi di Perugia, Commissione informatica giuridica e privacy Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Perugia) “Persona e mercato dei dati personali: l'uso personale e domestico nel GDPR”; Prof. Ing. Stefano Bistarelli (Professore associato di informatica nell’Università degli studi di Perugia, Coordinatore del Nodo UniPg del Laboratorio Nazionale di Cyber Security - CINI) “Blockchain e privacy”; Avv. Francesco Paolo Micozzi (Avvocato – Componente commissione privacy CNF) “I confini applicativi del GDPR e la tutela sostanziale e non formale”.

Nel corso dell'evento sarà presentato il volume: "Persone in rete. I dati tra poteri e diritti", di Antonello Soro ed. Fazi, 2018.

La partecipazione è libera, nei limiti di capienza della sala, e non necessita di iscrizione.

Perugia, 21 maggio 2019

Michele Battistoni  ‘visiting professor’ alla  King Abdullah University of Science and Technology” in Arabia Saudita

Il professor Michele Battistoni, docente di Fluidodinamica delle Macchine e di Macchine a fluido nel Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Perugia,  è stato nominato ‘visiting professor’ alla  King Abdullah University of Science and Technology” (Kaust),  prestigioso ateneo privato, con sede a Thuwal, in Arabia Saudita, di alto profilo scientifico nell’ambito di ingegneria, fisica, chimica e scienze; sta operando, in questo periodo, presso il Clean Combustion Research Center (CCRC), Physical Science and E​ngineering Division.

Battistoni ha in corso un progetto che coinvolge il Dipartimento di Ingegneria di Perugia e Kaust, finanziato interamente dall’Università saudita, del valore totale di un milione di euro, di cui 200.000 per Perugia, col quale sono finanziati due dottorati, postdoc e programmi di scambio.

“Il progetto prevede lo sviluppo di un software di fluidodinamica computazionale ambizioso, che cerca di colmare il gap nel trattare i flussi di fluidi supercritici e subcritici, in maniera unificata e con elevata accuratezza – sottolinea il professor Battistoni -. Il campo di impiego riguarda i futuri sistemi di propulsione terrestri ed aerei e di produzione di energia. Si sta assistendo infatti a un continuo aumento delle pressioni e temperature di esercizio nei motori per massimizzarne l’efficienza e la sostenibilità. Questi modelli richiedono risorse di calcolo parallelo massivo e know-how molto specializzato e Kaust con il Supercomputing Core Lab offre ottime possibilità in questo contesto”.

michele battistoni 1

michele battistoni 2ok

 

Perugia, 17 maggio 2019

“Note dal cosmo”, storie di scienziati e musica di grandi compositori nel complesso monumentale di San Pietro – 18 maggio, ore 10.30

Domani, sabato 18 maggio 2019, alle ore 10.30, a Perugia, nell’ Aula Magna del complesso monumentale di San Pietro, si terrà “Note dal cosmo”, evento di divulgazione scientifica aperto al pubblico: sarà un viaggio attraverso i confini dell'universo accompagnato dalla musica.

In apertura la dottoressa Marica Branchesi, ricercatore del Gran-Sasso Science Institute, interverrà aggiornando la comunità sulle recenti scoperte riguardanti le onde gravitazionali. 

Poi, dopo il saluto del professor Franco Moriconi, Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, il professor Eugenio Coccia, direttore del Gran-Sasso Science Institute, presenterà le storie di scienziati che hanno trasformato la nostra visione del cosmo sulle suggestive note di grandi compositori, interpretate, al pianoforte, da Lara Leccisi.

Summit scientifico internazionale, da domani, 16 maggio  2019,.

Scienziati di tutto il mondo parteciperanno al workshop “Multi frequency to multi messenger, the new sight of the universe” organizzato dall’ Istituto Nazionale Fisica Nucleare in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese.

L’incontro chiude la due giorni del workshop “Multi frequency to multi messenger, the new sight of the universe” svoltosi nella Rocca di Sant’Apollinare a Marsciano, organizzato dall’ Istituto Nazionale Fisica Nucleare in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese.

Perugia, 17 maggio 2019

“Notte Europea dei Musei”, Mirko Revoyera legge brani mitologici in Gipsoteca, iniziativa del Centro di Ateneo per i Musei scientifici (Cams)

Gli spazi della Gipsoteca dell’Università degli Studi di Perugia, sabato 18 maggio, alle ore 21, apriranno al pubblico per ospitare un interessante evento culturale in occasione della ‘Notte Europea dei Musei’, della ‘Giornata Internazionale dei Musei’ e del finissage della mostra ‘Canone Inverso. Ciro in Gipsoteca’: l’attore Mirko Revoyera si esibirà nella lettura performativa di brani mitologici, declamati nella splendida cornice della Sala dei gessi romani.

L’iniziativa è organizzata dal Centro di Ateneo per i Musei Scientifici (Cams) sarà accompagnata dalla degustazione di infusi e tisane del Commercio Equo e Solidale, offerti al pubblico, che potrà cogliere l’occasione di visitare la collezione permanente dei gessi e la mostra dell’artista contemporaneo Roberto Cipollone, in arte ‘Ciro’.

L’incontro si inserisce nell’ambito del progetto di promozione della Gipsoteca di Palazzo Pontani come contenitore d’arte e di eventi culturali ad ampio raggio, per renderla uno spazio accessibile e fruibile a favore dell’intera cittadinanza, oltre che un luogo di propagazione e crescita culturali di respiro internazionale.

L’attore Mirko Revoyera è un contastorie, autore teatrale, scrittore e burattinaio umbro di grande talento ed estremamente prolifico. Nei suoi spettacoli teatrali, innovativi e sperimentali, si avvale di fruttuose collaborazioni con musicisti e professionisti della recitazione, a servizio di progetti di grande spessore culturale e sociale.

"La Notte Europea dei Musei" è una manifestazione nata in Francia che prevede l’apertura serale e all'occasione gratuita dei Musei, con l’intento di offrire un’esperienza insolita ai visitatori, soprattutto al pubblico più giovane. La manifestazione è promossa dal Consiglio d’Europa in tutti i Paesi dell'Unione.

La "Giornata Internazionale dei Musei" è organizzata a livello mondiale da ICOM - International Council of Museums, selezionando di volta in volta un tema specifico. In questo giorno i Musei che partecipano all’iniziativa programmano eventi e attività che evidenziano l’importanza dei Musei come istituzioni al servizio della società e del suo sviluppo.  Nel 2018, più di 40.000 musei hanno partecipato all'evento in circa 158 paesi e territori.

Perugia, 16 maggio 2019

Elezioni del Rettore: al ballottaggio i professori Franco Cotana e Maurizio Oliviero, i risultati provvisori in attesa della verifica della Commissione elettorale centrale 

La seconda tornata elettorale di oggi, 16 maggio 2019, non ha determinato l’elezione del Rettore dell’Università degli Studi di Perugia: nessuno dei tre candidati ha raggiunto il quorum della maggioranza dei voti esprimibili: Franco Cotana ha ottenuto 448,027 voti, Fausto Elisei 248,194, Maurizio Oliviero 413,943.

I due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti, Franco Cotana e Maurizio Oliviero, andranno al ballottaggio fissato dal Decano d’Ateneo, professor Vito Peduto, per giovedì 23 maggio 2019.

 

Risultati di oggi, 16 maggio 2019

Aventi diritto al voto in totale:  2.272., hanno votato in 1.895

Seggi n.1 e n. 2 destinati ai Professori di Ruolo I e II fascia, Ricercatori di ruolo e a tempo determinato e rappresentanze studentesche:

aventi diritto 1.176 (n. 997 docenti e 179 studenti), hanno votato 1.059

Seggi n.3 e n. 4 destinati al Personale di Ruolo Tecnico Amministrativo, Bibliotecario, Collaboratori Esperti Linguistici (CEL) e Dirigenziale (I voti espressi dal personale di ruolo tecnico amministrativo, bibliotecario, CEL e dirigenziale sono computati nella misura del dieci per cento in riferimento al numero dei professori ordinari, associati, dei ricercatori a tempo indeterminato e a tempo determinato, secondo quanto previsto dall’articolo 31 del Regolamento Generale d’Ateneo).

aventi diritto 1.096, hanno votato   836

SCHEDE BIANCHE:  10,546

SCHEDE NULLE:  14,366

VOTI OTTENUTI:

Franco Cotana  448,027

Fausto Elisei 248,194

Maurizio Oliviero 413,943

seconda votazione rettore seggi docenti studentiseconda votazione rettore seggi personaleseconda votazione spoglio 3seconda votazione spoglio 1seconda votazione spoglio 2

Perugia, 16 maggio 2019

Lo sfruttamento delle donne dietro al cibo che arriva ogni giorno sulle nostre tavole, mostra fotografica a Palazzo Murena  

La mostra “Oro rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo” della fotoreporter Stefania Prandi è ospitata a Perugia, al piano terra di Palazzo Murena, sede del Rettorato, sino a venerdì 17 maggio 2019.

“Oro rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo”, che è anche il titolo del volume scritto dalla Prandi, è il risultato di un lavoro di inchiesta e documentazione durato più di due anni, con oltre centotrenta interviste a lavoratrici, sindacaliste e sindacalisti e associazioni; progetto che ha ottenuto numerosi riconoscimenti a livello internazionale. Un reportage importante sulle donne che raccolgono e confezionano il cibo che arriva ogni giorno sulle nostre tavole, un racconto che si snoda in tre Paesi affacciati sul mare Mediterraneo, Italia, Spagna e Marocco, tra i maggiori esportatori di ortaggi e frutta in Europa e nel mondo.

Nelle pagine del libro sono descritte le vite delle molte lavoratrici che spesso la maggioranza delle persone ignora: la sopravvivenza quotidiana, la resistenza alla violenza, il coraggio delle denunce che, malgrado gli sforzi, cadono nel vuoto. Queste braccianti, non solo sono pagate meno degli uomini, pur costrette a turni altrettanto estenuanti, ma vengono ricattate, subiscono violenze verbali, fisiche e sessuali.

Il lavoro di Stefania Prandi denuncia con forza come, in tutti i luoghi dell’inchiesta, sia radicato un clima di omertà e la regola non scritta e spacciata per inevitabile che per ottenere e mantenere il proprio posto di lavoro si debba accettare di essere sottoposte a molestie e violenze sessuali.

L’iniziativa è promossa dal Centro Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG) dell’Ateneo di Perugia nell’ambito delle attività per l’a.a. 2018/2019 finalizzate a sensibilizzare il personale studentesco e universitario più in generale sul tema della discriminazione e della violenza di genere.

Nella giornata inaugurale Stefania Prandi ha illustrato l’inchiesta giornalistica e discusso del suo libro con le organizzatrici dell’evento, Maria Giuseppina Pacilli, vicepresidente CUG e coordinatrice del gruppo Intersezioni di Genere del Dipartimento di Scienze Politiche e con Mirella Damiani, delegata del Rettore per le pari opportunità e politiche sociali.

mostra prandi 1

mostra prandi 3

mostra prandi 2

Perugia, 16 maggio 2019

Domani la giornata di studio su “La tutela  del  consumatore nella  moderna  realtà  bancaria (profili internazionali)”  - 17 maggio, ore 9.15, Terni

A Terni, all’Hotel Valentino, si svolgerà domani, venerdì 17 maggio 2019, dalle ore 9.15, la giornata di studio “La tutela del consumatore nella moderna realtà bancaria (profili internazionali)” tradizionale occasione di confronto e approfondimento in materia consumeristica grazie alla partecipazione di insigni esperti nazionali e internazionali.

Il tema convegno sarà analizzato avendo riguardo non soltanto alle soluzioni normative adottate nell’ordinamento giuridico italiano, ma guardando, in una prospettiva comparata, anche alle esperienze di altri ordinamenti giuridici europei e latino-americani.

I lavori avranno inizio alle ore 9.15 con i saluti di: Nicola Avenia, Direttore del Polo Scientifico-Didattico di Terni, Libero Mario Mari, Direttore del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Perugia, Loris Nadotti, Coordinatore del Corso di Laurea in Economia Aziendale, sede di Terni, Carmelo Campagna, Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili della Provincia di Terni, Francesco Emilio Standoli, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Terni e Lorenzo Mezzasoma, Direttore del Centro di Studi Giuridici sui Diritti dei Consumatori dell’Università degli Studi di Perugia.

Successivamente, la seduta mattutina e quella pomeridiana vedranno la partecipazione di insigni relatori, italiani e stranieri, in rappresentanza del mondo accademico, bancario, della magistratura, di istituzioni economico-finanziarie.

Durante la giornata di studio sarà inoltre presentato il volume “Il consumatore e la riforma del diritto fallimentare” a cura di E. Llamas Pombo, L. Mezzasoma, U. Rana e V. Rizzo, edito dalla Edizioni Scientifiche Italiane di Napoli, che raccoglie gli Atti della Giornata di studio tenutasi a Terni il 18 maggio 2018.

 

La giornata è organizzata dal Centro di Studi Giuridici sui Diritti dei Consumatori del Polo Scientifico-Didattico di Terni dell’Università degli Studi di Perugia, in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Terni e con l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili della Provincia di Terni, che è espressione di una tradizione consolidata nel panorama scientifico. Ogni anno, infatti, i convegni che si svolgono nella città di Terni rappresentano un’importante occasione di confronto e approfondimento in materia consumeristica grazie alla partecipazione di insigni esperti nazionali e internazionali.

 

 

Perugia, 15 maggio 2019

Osservazione dello spazio, scienziati di tutto il mondo alla Rocca di Sant’Apollinare. La conclusione, sabato 18 maggio, a Perugia, con “Note dal cosmo”

Summit scientifico internazionale, da domani, 16 maggio  2019, nella Rocca di Sant’Apollinare a Marsciano.

Scienziati di tutto il mondo parteciperanno al workshop “Multi frequency to multi messenger, the new sight of the universe” organizzato dall’ Istituto Nazionale Fisica Nucleare in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese. 

Vuole essere l’occasione per creare una rete di studiosi impegnati nell’osservazione dello spazio e monitorare e studiare gli eventi di astronomia ‘multimessaggera’ come onde gravitazionali e neutrini cosmici, le prime frutto della coalescenza di oggetti compatti, mentre i secondi frutto dell’interazione di particelle ‘pesanti’ all’interno dei getti di galassie attive distanti miliardi di anni luce dalla terra. 

Il congresso si concluderà sabato 18 maggio 2019, alle ore 10.30, a Perugia, nell’ Aula Magna del complesso monumentale di San Pietro, con “Note dal cosmo”, evento di divulgazione scientifica aperto al pubblico: sarà un viaggio attraverso i confini dell'universo accompagnato dalla musica.

In apertura la dottoressa Marica Branchesi, ricercatore del Gran-Sasso Science Institute, interverrà aggiornando la comunità sulle recenti scoperte riguardanti le onde gravitazionali. 

Poi, dopo il saluto del professor Franco Moriconi, Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, il professor Eugenio Coccia, direttore del Gran-Sasso Science Institute, presenterà le storie di scienziati che hanno trasformato la nostra visione del cosmo sulle suggestive note di grandi compositori, interpretate, al pianoforte, da Lara Leccisi.

Perugia, 15 maggio 2019

Domani a Terni il conferimento del titolo di Dottore di Ricerca in Diritto dei consumi a doppio titolo Italia-Spagna – Giovedì 16 maggio 2019, ore 11, Sala Consiliare del Comune di Terni 

A Terni, nella sala consiliare del Comune, domani, giovedì 16 maggio 2019, alle ore 11, avrà luogo la cerimonia di conferimento del titolo di Dottore di Ricerca del Corso di Dottorato Internazionale di Ricerca in Diritto dei consumi (XXXI ciclo), a doppio titolo (Italia-Spagna), del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Perugia per i candidati dottori Cinzia Di Miele, Federico Fratini, Maria Giulia Ortolani e Silvia Tosti.

Parteciperanno all’evento il Sindaco, Avv. Leonardo Latini, i Professori Eugenio Llamas Pombo e Lorenzo Mezzasoma, Coordinatori del Corso di Dottorato, il Prof. José Luis Pérez-Serrabona Gonzalez, Presidente della Commissione di docenti italo-spagnoli che ha valutato le tesi di dottorato, l’Avv. Francesco Emilio Standoli e il Dott. Carmelo Campagna, rispettivamente Presidente dell’Ordine degli Avvocati e dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Provincia di Terni in qualità di rappresentanti degli Ordini che da diverso tempo collaborano con il Centro di Studi Giuridici sui Diritti dei Consumatori del Polo Scientifico-Didattico di Terni.

Il Dottorato di Ricerca oltre a rappresentare il più alto grado di istruzione previsto nell’ordinamento accademico italiano, è anche un’esperienza formativa di fondamentale importanza per i giovani che si impegnano a garantire la crescita e lo sviluppo della società. In questa prospettiva, l’Università degli Studi di Perugia desidera rendere il giusto riconoscimento al lavoro svolto dai quattro Dottori di ricerca in Diritto dei consumi, cui deve essere riconosciuta una eccellente formazione, nonché l’acquisizione di una professionalità di elevatissimo livello.

Si conclude così il secondo ciclo (il XXX ciclo si è chiuso nel mese di maggio dello scorso anno con la discussione di tre tesi di dottorato presso l’Università di Salamanca, Spagna) di questo Corso di Dottorato che, frutto dell’impegno dell’Ateneo perugino nell’alta formazione e che vede nel settore del Diritto dei consumi un impegno del Rettore di circa 400.000,00 euro all’anno, forma futuri Dottori di ricerca che sicuramente potranno svolgere funzioni di elevata competenza tanto presso Università ed Enti di ricerca pubblici e privati quanto in aziende e studi professionali.

 

Perugia, 15 maggio 2019

Sfruttamento del lavoro delle donne nel Mediterraneo, mostra a Palazzo Murena promossa dal Centro Unico di Garanzia per le pari opportunità

A Perugia, a Palazzo Murena, sede del Rettorato, è ospitata la mostra “Oro rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo della fotoreporter Stefania Prandi.

E’promossa dal Centro Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni (CUG) dell’Ateneo di Perugia nell’ambito delle attività per l’a.a. 2018/2019 finalizzate a sensibilizzare il personale studentesco e universitario più in generale sul tema della discriminazione e della violenza di genere.

Oro rosso. Fragole, pomodori, molestie e sfruttamento nel Mediterraneo”, che è anche il titolo del volume scritto dalla Prandi, è il risultato di un lavoro di inchiesta e documentazione durato più di due anni, con oltre centotrenta interviste a lavoratrici, sindacaliste e sindacalisti e associazioni; progetto che ha ottenuto numerosi riconoscimenti a livello internazionale. Un reportage importante sulle donne che raccolgono e confezionano il cibo che arriva ogni giorno sulle nostre tavole, un racconto che si snoda in tre Paesi affacciati sul mare Mediterraneo, Italia, Spagna e Marocco, tra i maggiori esportatori di ortaggi e frutta in Europa e nel mondo.

Nella giornata inaugurale di ieri Stefania Prandi ha illustrato l’inchiesta giornalistica e discusso del suo libro con le organizzatrici dell’evento, Maria Giuseppina Pacilli, vicepresidente CUG e coordinatrice del gruppo Intersezioni di Genere del Dipartimento di Scienze Politiche e con Mirella Damiani, delegata del Rettore per le pari opportunità e politiche sociali.

Nelle pagine del libro sono descritte le vite delle molte lavoratrici che spesso la maggioranza delle persone ignora: la sopravvivenza quotidiana, la resistenza alla violenza, il coraggio delle denunce che, malgrado gli sforzi, cadono nel vuoto. Queste braccianti, non solo sono pagate meno degli uomini, pur costrette a turni altrettanto estenuanti, ma vengono ricattate, subiscono violenze verbali, fisiche e sessuali.

Il lavoro di Stefania Prandi denuncia con forza come, in tutti i luoghi dell’inchiesta, sia radicato un clima di omertà e la regola non scritta e spacciata per inevitabile che per ottenere e mantenere il proprio posto di lavoro si debba accettare di essere sottoposte a molestie e violenze sessuali.

La mostra, allestita nel corridoio a piano terra di Palazzo Murena, potrà essere visitata sino a venerdì 17 maggio 2019.

mostra prandi 1mostra prandi 3mostra prandi 2

Perugia, 14 maggio 2019

Il prof. Michl, al Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie ha illustrato i suoi studi sul processo della "Singlet Fission" e il suo ruolo sulle celle solari ad alta efficienza

Il professor Josef Michl  (University of Colorado – Boulder e Institute of Organic Chemistry and Biochemistry Czech Academy of Sciences – Prague) è stato invitato come Visiting Professor dal gruppo di Fotochimica dell’Università di Perugia coordinato dal professor Fausto Elisei.

Lo scienziato questa mattina ha tenuto un interessante e affollato seminario dal titolo “Molecular Packing and Singlet Fission” al Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie.  La “Singlet Fission” (processo descritto come lo splitting di un eccitone di singoletto in due tripletti) è di interesse nel tentativo di migliorare l’efficienza delle celle solari a singola giunzione.

Il professor Michl è membro dell’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti, dell’Accademia Americana di Arti e Scienze, Presidente dell’Accademia Internazionale di Scienza Quantistica e Molecolare. Ha ricevuto numerosi e prestigiosi premi e onorificenze tra cui “Porter Medal” e  “Schrodinger Medal”.

 michl 1michl 2

Perugia, 14 maggio 2019

Giornata di studio su “La  tutela  del  consumatore nella  moderna  realtà  bancaria (profili internazionali)”  - 17 maggio 2019, ore 9.15, Terni

Venerdì 17 maggio 2019, dalle ore 9.15, a Terni, all’Hotel Valentino, si terrà la giornata di studio dal titolo “La  tutela  del  consumatore nella  moderna  realtà  bancaria (profili internazionali)” organizzata dal Centro di Studi Giuridici sui Diritti dei Consumatori del Polo Scientifico-Didattico di Terni dell’Università degli Studi di Perugia, in collaborazione con l’Ordine degli Avvocati di Terni e con l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili della Provincia di Terni, che è espressione di una tradizione consolidata nel panorama scientifico. Ogni anno, infatti, i convegni che si svolgono nella città di Terni rappresentano un’importante occasione di confronto e approfondimento in materia consumeristica grazie alla partecipazione di insigni esperti nazionali e internazionali.

L’analisi del tema oggetto del convegno di quest’anno – la tutela del consumatore nella moderna realtà bancaria – sarà condotta avendo riguardo non soltanto alle soluzioni normative adottate nell’ordinamento giuridico italiano, ma guardando, in una prospettiva comparata, anche alle esperienze di altri ordinamenti giuridici europei e latino-americani.

I lavori avranno inizio alle ore 9.15 con i saluti di: Nicola Avenia, Direttore del Polo Scientifico-Didattico di Terni, Libero Mario Mari, Direttore del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Perugia, Loris Nadotti, Coordinatore del Corso di Laurea in Economia Aziendale, sede di Terni, Carmelo Campagna, Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti contabili della Provincia di Terni, Francesco Emilio Standoli, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Terni e Lorenzo Mezzasoma, Direttore del Centro di Studi Giuridici sui Diritti dei Consumatori dell’Università degli Studi di Perugia.

Successivamente, la seduta mattutina e quella pomeridiana vedranno la partecipazione di insigni Relatori, quali Professori ordinari appartenenti ad Università italiane (in particolare, di Milano, del Salento, di Perugia, di Roma Tor Vergata, di Parma e di Napoli), nonché Professori ordinari appartenenti ad Università europee e dell’America latina (in particolare, di Salamanca, di Granada, di Barcellona e della Università della Repubblica di Uruguay di Montevideo). Vi sarà, altresì, la partecipazione della magistratura ordinaria, in particolare del Tribunale di Perugia, del Vicepresidente del Comitato esecutivo di BCC Umbria e del Direttore generale dell’Agenzia dell’Entrate dell’Umbria.

Durante la giornata di studio sarà, inoltre, presentato il volume “Il consumatore e la riforma del diritto fallimentare” a cura di E. Llamas Pombo, L. Mezzasoma, U. Rana e V. Rizzo, edito dalla Edizioni Scientifiche Italiane di Napoli, che raccoglie gli Atti della Giornata di studio tenutasi a Terni il 18 maggio 2018.

La giornata di studio si inserisce nell’àmbito del Dottorato di Ricerca in Diritto dei consumi dell’Università degli Studi di Perugia, i cui dottorandi del XXXI ciclo (dott.ssa Cinzia Di Miele, dott. Federico Fratini, dott.ssa Maria Giulia Ortolani e dott.ssa Silvia Tosti) si accingono a discutere, il 15 maggio, le rispettive tesi di dottorato, conseguendo il doppio titolo di Dottori di ricerca valido in Italia e in Spagna.

Perugia, 14 maggio 2019

Conferimento del titolo di Dottore di Ricerca in Diritto dei consumi a doppio titolo Italia-Spagna – Giovedì 16 maggio 2019, ore 11, Sala Consiliare del Comune di Terni 

Giovedì 16 maggio 2019, alle ore 11, nella sala consiliare del Comune di Terni, avrà luogo la cerimonia di conferimento del titolo di Dottore di Ricerca per i candidati dottori Cinzia Di Miele, Federico Fratini, Maria Giulia Ortolani e Silvia Tosti del Corso di Dottorato Internazionale di Ricerca in Diritto dei consumi (XXXI ciclo), a doppio titolo (Italia-Spagna), del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Perugia.

Parteciperanno all’evento il Sindaco, Avv. Leonardo Latini, i Professori Eugenio Llamas Pombo e Lorenzo Mezzasoma quali Coordinatori del Corso di Dottorato, il Prof. José Luis Pérez-Serrabona Gonzalez, Presidente della Commissione di docenti italo-spagnoli che ha valutato le tesi di dottorato, l’Avv. Francesco Emilio Standoli e il Dott. Carmelo Campagna, rispettivamente Presidente dell’Ordine degli Avvocati e dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili della Provincia di Terni in qualità di rappresentanti degli Ordini che da diverso tempo collaborano con il Centro di Studi Giuridici sui Diritti dei Consumatori del Polo Scientifico-Didattico di Terni.

Il Dottorato di Ricerca oltre a rappresentare il più alto grado di istruzione previsto nell’ordinamento accademico italiano, è anche un’esperienza formativa di fondamentale importanza per i giovani che si impegnano a garantire la crescita e lo sviluppo della società. In questa prospettiva, l’Università degli Studi di Perugia desidera rendere il giusto riconoscimento al lavoro svolto dai quattro Dottori di ricerca in Diritto dei consumi, cui deve essere riconosciuta una eccellente formazione, nonché l’acquisizione di una professionalità di elevatissimo livello.

Si conclude così il secondo ciclo (il XXX ciclo si è chiuso nel mese di maggio dello scorso anno con la discussione di tre tesi di dottorato presso l’Università di Salamanca, Spagna) di questo Corso di Dottorato che, frutto dell’impegno dell’Ateneo perugino nell’alta formazione e che vede nel settore del Diritto dei consumi un impegno del Rettore di circa 400.000,00 euro all’anno, forma futuri Dottori di ricerca che sicuramente potranno svolgere funzioni di elevata competenza tanto presso Università ed Enti di ricerca pubblici e privati quanto in aziende e studi professionali.

Perugia, 14 maggio 2019

Identificate le spoglie del Marchese Ascanio della Corgna, grazie ad accertamenti medico-legali coordinati dal professor Mauro Bacci

E’stata effettuata una nuova ricognizione sui resti Marchese Ascanio della Corgna (1516 – 1561): lo studio ha condotto a un’attendibile identificazione delle spoglie appartenute al grande condottiero, esponente dell’antica e famosa casata.

Ad operare è stato un gruppo di medici-legali, composto da Marta Bianchi, Sara Gioia, Laura Panata, coordinati dal prof. Mauro Bacci, Direttore della Sezione di Medicina Legale dell’Università degli Studi di Perugia. 

La ricognizione ha portato a significativi riscontri che, prossimamente, verranno illustrati nel dettaglio. 

L’iniziativa all'indagine, che ha coinvolto il Comune e l'Università degli Studi di Perugia, è stata promossa da Gianfranco Cialini, fondatore e attuale presidente del Lions Club di Corciano intitolato per l’appunto ad Ascanio della Corgna.

Cialini, infatti, già curatore del Fondo Antico librario/documentario dell’Università di Perugia, nel 2013, a seguito ricerche bibliografiche e archivistiche, individuava le spoglie mortali dei membri della famiglia Della Corgna, contenute in nove cassette metalliche, abbandonate in un angolo nella sacrestia della Chiesa di San Francesco al Prato, in Perugia.

Dopo il ritrovamento delle cassette, nel 2014 fu effettuata una prima ricognizione delle spoglie, che risultò tuttavia molto sommaria e che non portò, nell'ambito dei diversi resti, neppure ad ipotizzare quali potessero appartenere al Nobile Ascanio della Corgna.

Il Lions club di Corciano, volendo dare un’adeguata sepoltura ai membri della famiglia Della Corgna, attraverso il presidente Cialini, ha preso contatti con il Comune di Perugia, in particolare con il sindaco Andrea Romizi e l’assessore Maria Teresa Severini che hanno autorizzato e incoraggiato (con la collaborazione dell’Unità operativa Acquisti e Patrimonio del Comune) la nuova ricognizione dei resti.

ascanio

Perugia, 14 maggio 2019

Utilizzo degli aerogel negli edifici, volume curato dalla prof. Buratti con contributi di esperti di Università di tutto il mondo 

Tutto sugli aerogel, materiali d’avanguardia nella costruzione di edifici: la professoressa Cinzia Buratti, del Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia è editor del libro “Translucent silica aerogel: properties, preparation, and applications”, pubblicato dalla casa editrice Novapublishers di New York. Il volume fornisce una panoramica generale sullo stato dell'arte degli aerogel trasparenti e traslucidi e delle loro applicazioni negli edifici e raccoglie un set di dati sulle proprietà termiche e fisiche, utili nella simulazione e nella progettazione delle prestazioni energetiche degli edifici.

La professoressa Buratti vanta una profonda esperienza nel settore: si occupa infatti da oltre 15 anni dello studio delle proprietà degli aerogel, mediante un’intensa attività sperimentale svolta nei laboratori del Dipartimento di Ingegneria perugino.

Gli aerogel sono materiali capaci di migliorare le prestazioni di isolamento termico dell'involucro trasparente degli edifici, senza compromettere la trasmissione della luce diurna. Sono disponibili in forma granulare (traslucidi) e monolitica (trasparenti): i granulari sono relativamente facili da produrre e meno costosi, ma con prestazioni ottiche e termiche peggiori; i monolitici consentono la visione attraverso il materiale, ma il loro processo di fabbricazione non è sviluppato su scala industriale e costituiscono pertanto ancora oggi uno stimolo per la ricerca e una sfida per il futuro.

Il libro curato dalla professoressa Buratti, oltre al contributo dell’Ateneo di Perugia, raccoglie quelli di esperti che lavorano in Università di tutto il mondo: Stati Uniti, Giappone, Svizzera, Turchia, Gran Bretagna, Francia, Norvegia.

cinzia buratti

Perugia, 13 maggio 2019

Giovani ricercatori illustrano sforzi e risultati scientifici della ricerca in campo oncologico, martedì 14 maggio, ore 15.30, Aula VIII di Palazzo Murena

Divulgare gli sforzi e i risultati scientifici della ricerca in campo oncologico: punta a questo l’incontro “Fellowships FIRC-AIRC 2018-2019 e Università degli Studi di Perugia: i giovani ricercatori condividono le loro ricerche” che si svolgerà domani, martedì 14 maggio 2019, alle ore 15.30, nell’Aula VIII di Palazzo Murena sede del Rettorato.

Il programma prevede alle ore 15.30 il benvenuto e i saluti delle autorità: Franco Moriconi, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, Elisabetta Puccetti Margaritelli, presidente AIRC Umbria, Filippo Antonelli, presidente Movimento Turismo del vino Umbria.

 

Ore 16: Lettura Magistrale del professor Andrea Velardi, M.D., Ph.D. Delegato del Rettore alla Comunicazione della Cultura Scientifica sul tema “Come ‘usare’ l’immunità del donatore per eradicare la leucemia nel trapianto ematopoietico allogenico”.

Seguiranno le comunicazioni dei giovani ricercatori Desirée Bartolini, Tommaso Felicetti e Corinne Quadalti finanziati in questo biennio dall’associazione FIRC-AIRC e ospitati nell’ Ateneo di Perugia per lo svolgimento dei loro progetti presso i Dipartimenti di Medicina e Scienze Farmaceutiche:

Ore 16.30: Desirée Bartolini, Ph.D. “Targeting terapeutico dell'interattoma della Glutatione S-transferasi nell'epatocarcinoma”. Introduce: Prof. Francesco Galli, Ph.D

Ore 16.50 Tommaso Felicetti, Ph.D. “Agenti chinolonici in grado di modulare il processo di silenziamento genico (RNAi) per una terapia anticancro innovativa”. Introduce: Prof. Giuseppe Manfroni, Ph.D

Ore 17.10: Corinne Quadalti, Ph.D. “Genome editing applicato allo studio dei meccanismi di leucemogenesi nella Leucemia Mieloide Acuta con mutazione di NPM1”. Introduce: Prof.ssa Maria Paola Martelli, M.D., Ph.D.

Ore 17.30 Discussione aperta a tutti i partecipanti e commenti finali.

Sarà l’occasione per raccontare la propria esperienza di ricerca ad AIRC Umbria, al “Movimento Turismo del Vino Umbria” che ha sponsorizzato la raccolta fondi per le loro borse di ricerca, e alla comunità locale; un momento per condividere con i partecipanti successi e difficoltà della ricerca in campo oncologico.

Al contempo, con questa iniziativa l’Università degli Studi di Perugia assieme ai suoi giovani ricercatori, intende ribadire l’importante contributo di AIRC alla ricerca sul cancro che si svolge nell’ Ateneo perugino grazie ad una collaborazione di successo e un impegno comune.

Promotori di questa prima iniziativa, che si auspica potrà avere un seguito negli anni a venire, sono stati i tutor dei borsisti FIRC-AIRC, i professori Francesco Galli, Giuseppe Manfroni e Maria Paola Martelli che si sono impegnati a garantire, con la loro supervisione e con fondi dedicati, lo svolgimento delle ricerche.

Perugia, 13 maggio 2019

Perugia, 13 maggio 2019

Osservazione dello spazio, onde gravitazionali e neutrini cosmici, dal 16 maggio, a Marsciano summit internazionale di scienziati. Sabato 18 maggio incontro divulgativo, a Perugia, 

Dal 16 al 18 maggio  2019, nella Rocca di Sant’Apollinare a Marsciano, si svolgerà il workshop scientifico internazionale “Multi frequency to multi messenger, the new sight of the universe”; è organizzato dall’ Istituto Nazionale Fisica Nucleare in collaborazione con  il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese. 

Vuole essere l’occasione per creare una rete di scienziati impegnati nell’osservazione dello spazio e monitorare e studiare gli eventi di astronomia ‘multimessaggera’ come onde gravitazionali e neutrini cosmici, le prime frutto della coalescenza di oggetti compatti, mentre i secondi frutto dell’interazione di particelle ‘pesanti’ all’interno dei getti di galassie attive distanti miliardi di anni luce dalla terra. 

Il congresso si concluderà sabato 18 maggio 2019, alle ore 10.30, a Perugia, nell’ Aula Magna del complesso monumentale di San Pietro, con “Note dal cosmo”, evento di divulgazione scientifica aperto al pubblico. Sarà un viaggio attraverso i confini dell'universo accompagnato dalla musica.

In apertura la dottoressa Marica Branchesi, ricercatore del Gran-Sasso Science Institute, interverrà aggiornando la comunità sulle recenti scoperte riguardanti le onde gravitazionali. 

Poi, dopo il saluto del professor Franco Moriconi, Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, il professor Eugenio Coccia, direttore del Gran-Sasso Science Institute, presenterà le storie di scienziati che hanno trasformato la nostra visione del cosmo sulle suggestive note di grandi compositori, interpretate, al pianoforte, da Lara Leccisi.

Perugia, 9 maggio 2019

Fellowships AIRC 2018/19 e Università di Perugia: i giovani ricercatori condividono le loro ricerche- martedì 14 maggio, ore 15.30, Aula VIII di Palazzo Murena, Aula VIII di Palazzo Murena

“Fellowships FIRC-AIRC 2018-2019 e Università degli Studi di Perugia: i giovani ricercatori condividono le loro ricerche” si svolgerà martedì 14 maggio 2019, alle ore 15.30, nell’Aula VIII di Palazzo Murena sede del Rettorato: intende divulgare gli sforzi e i risultati scientifici della ricerca in campo oncologico.

Nasce da un’iniziativa dei giovani ricercatori Desirée Bartolini, Tommaso Felicetti e Corinne Quadalti finanziati in questo biennio dall’associazione FIRC-AIRC e ospitati nell’ Ateneo di Perugia per lo svolgimento dei loro progetti presso i Dipartimenti di Medicina e Scienze Farmaceutiche.

L’incontro sarà l’occasione per raccontare la propria esperienza di ricerca ad AIRC Umbria, al “Movimento Turismo del Vino Umbria” che ha sponsorizzato la raccolta fondi per le loro borse di ricerca, e alla comunità locale; un momento per condividere con i partecipanti successi e difficoltà della ricerca in campo oncologico. Al contempo, con questa iniziativa l’Università degli Studi di Perugia assieme ai suoi giovani ricercatori, intende ribadire l’importante contributo di AIRC alla ricerca sul cancro che si svolge nell’ Ateneo perugino grazie a una collaborazione di successo e un impegno comune.

Promotori di questa prima iniziativa, che si auspica potrà avere un seguito negli anni a venire, sono stati i tutor dei borsisti FIRC-AIRC, i professori Francesco Galli, Giuseppe Manfroni e Maria Paola Martelli che si sono impegnati a garantire, con la loro supervisione e con fondi dedicati, lo svolgimento delle ricerche.

Programma

Ore 15.30: Benvenuto e saluti delle autorità: Franco Moriconi, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, Elisabetta Puccetti Margaritelli, presidente AIRC Umbria, Filippo Antonelli, presidente Movimento Turismo del vino Umbria.

Ore 16: Lettura Magistrale del professor Andrea Velardi, M.D., Ph.D. Delegato del Rettore alla Comunicazione della Cultura Scientifica, sul tema “Come ‘usare’ l’immunità del donatore per eradicare la leucemia nel trapianto ematopoietico allogenico”.

Ore 16.30: Desirée Bartolini, Ph.D. “Targeting terapeutico dell'interattoma della Glutatione S-transferasi nell'epatocarcinoma”. Introduce: Prof. Francesco Galli, Ph.D

Ore 16.50 Tommaso Felicetti, Ph.D. “Agenti chinolonici in grado di modulare il processo di silenziamento genico (RNAi) per una terapia anticancro innovativa”. Introduce: Prof. Giuseppe Manfroni, Ph.D

Ore 17.10: Corinne Quadalti, Ph.D. “Genome editing applicato allo studio dei meccanismi di leucemogenesi nella Leucemia Mieloide Acuta con mutazione di NPM1”. Introduce: Prof.ssa Maria Paola Martelli, M.D., Ph.D.

Ore 17.30 Discussione aperta a tutti i partecipanti e commenti finali.

Perugia, 9 maggio 2019

Venerdì 10 maggio,  a Foligno, presentazione e inaugurazione della mostra “Per commodo della Città” con la lectio magistralis di Paolo Portoghesi. Sinergia Accademia Nazionale di San Luca, Comune, Ateneo di Perugia 

A Foligno, a Palazzo Brunetti Candiotti, dal 10 maggio sino al 21 luglio 2019, si terrà la mostra “Per commodo della Città. L’immagine architettonica nei disegni dell’Accademia Nazionale di San Luca XVII-XIX secolo”. Rappresenta il primo risultato del felice incontro fra una città colta, ricca di storia ed energia, e un’istituzione antica, prestigiosa e tuttavia molto attiva e vitale. Incontro che nasce soprattutto dalla volontà di valorizzare, diffondere e vivificare i rispettivi patrimoni culturali, materiali e umani: quello di Foligno, forte anche delle sue istituzioni, strutture, associazioni, fondazioni e della presenza e supporto offerto dall’Università di Perugia, e quello dell’Accademia Nazionale di San Luca.

Domani, venerdì 10 maggio 2019 sono in programma due momenti: la presentazione e l’inaugurazione dell’esposizione.

 

L’illustrazione della mostra si terrà a partire dalle ore 16.30 nell’Auditorium Santa Caterina, aperto dai saluti istituzionali di Nando Mismetti, sindaco del Comune di Foligno, Donatella Porzi, presidente Assemblea Legislativa Regione Umbria, Franco Moriconi, Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, Marica Mercalli Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria, Paolo Bazzica, presidente di Confindustria sede di Foligno, Alessandro Bonci, consigliere dell’Ordine degli Architetti di Perugia, Marco Struzzi, presidente dell’Ordine degli Architetti di Terni.

Seguirà la lectio magistralis di Paolo Portoghesi, architetto e storico dell’architettura, già presidente dell’Accademia Nazionale di San Luca nel biennio 2012-2013.

Il vernissage dell’esposizione si svolgerà alle ore 19, a Palazzo Brunetti Candiotti.

“L’Università degli Studi di Perugia - afferma il Rettore Franco Moriconi - è aperta e disponibile a supportare con le proprie strutture la realizzazione di attività culturali con istituzioni di prestigio di livello nazionale e internazionale che possano arricchire sia il patrimonio storico ed architettonico della Regione Umbria e sia attrarre studiosi e ricercatori da tutto il mondo”.

La prospettiva e l’impegno, implicito in quest’iniziativa fra il Comune di Foligno, l’Accademia Nazionale di San Luca, l’Università di Perugia, tramite i_Lab SCD del Dipartimento di Ingegneria - diretto e coordinato da Paolo Verducci e Valerio Palini e il Centro Studi della Città di Foligno diretto da Mario Margasini - è quello di collaborare alla costruzione di un polo attivo, accessibile, frequentato, internazionale e aggiornato che, su queste basi, possa sperimentare nuove attività di ricerca, lavoro e formazione, nel campo della produzione culturale per lo sviluppo di economie della conoscenza e la valorizzazione e riqualificazione di beni storici e culturali.

In questa prima fase, nella cornice di Palazzo Brunetti Candiotti, esempio pregevole di architettura urbana settecentesca, seguendo le suggestioni delle sue sale dipinte, attraverso la selezione di circa ottanta disegni delle collezioni dell’Accademia Nazionale di San Luca, si è inteso comporre l’immagine di una città “ideale”, fantastica perché viva solo sulla carta, ma estremamente “vera” e moderna, conformata “per commodo” delle diverse attività di una società in pieno sviluppo, che rapidamente cambiava il proprio aspetto, soprattutto con l’incalzare delle nuove esigenze e con le innovazioni del secolo dei Lumi.

“Il percorso espositivo – sottolinea Francesco Cellini, Presidente dell’Accademia Nazionale di San Luca e curatore della mostra - prevede anche una selezione di progetti che Giuseppe Valadier, uno tra i protagonisti dell’architettura italiana tra il XVIII e il XIX secolo, elaborò per alcune città dell’Umbria – Spoleto, Gubbio, Trevi – e alcuni dei disegni redatti da Valadier per Roma relativi a progetti molto conosciuti, come quello per la liberazione del Pantheon o quello per la definizione di piazza del Popolo”.

“In particolare, la formazione di un archivio dinamico sull’architettura moderna e contemporanea italiana, da collocarsi nelle stanze di Palazzo Brunetti Candiotti, con materiale proveniente dall’Accademia Nazionale di San Luca - aggiunge Paolo Verducci, in qualità di docente di Progettazione architettonica e urbana del Dipartimento di Ingegneria e progettista assieme a Valerio Palini dell’allestimento della mostra e della sistemazione generale del secondo livello del Palazzo -. Costituirà il fulcro per l’attivazione di percorsi didattici di alta formazione, confermando la necessità di coniugare lo studio di fonti iconografiche storiche con l’urgenza di ripensare le città ‘medie’ in una logica intelligente, socialmente compatibile e di maggiore sicurezza ambientale”.

Perugia, 8 maggio 2019

Prima votazione per il Rettore, nessun candidato ottiene il quorum, hanno votato in 1.937. Risultati provvisori in attesa della verifica da parte della Commissione elettorale centrale

Urne chiuse, in Aula Magna, dopo la prima votazione per l’elezione del Rettore dell’Università degli Studi di Perugia per il sessennio accademico 2019-2025.  Nessun candidato ha raggiunto il quorum. Il professor Vito Peduto, Decano dell’Università degli Studi di Perugia, ha programmato la seconda votazione per giovedì 16 maggio 2019, l’eventuale ballottaggio giovedì 23 maggio 2019.

Gli aventi diritto al voto erano in totale 2.277,  Hanno votato in 1.937 

Risultati di oggi, 8 maggio 2019

Seggi n.1 e n. 2 destinati ai Professori di Ruolo I e II fascia, Ricercatori di ruolo e a tempo determinato e rappresentanze studentesche:

aventi diritto 1.181, hanno votato 1.083  

Seggi n.3 e n. 4 destinati al Personale di Ruolo Tecnico Amministrativo, Bibliotecario, Collaboratori Esperti Linguistici (CEL) e Dirigenziale *:

aventi diritto 1.096, hanno votato 854   

SCHEDE BIANCHE: 6,728

SCHEDE NULLE: 11,365

VOTI OTTENUTI:

Franco Cotana  180,463

Fausto Elisei 199,735

Fabrizio Figorilli 113,827

Claudia Mazzeschi 125,555

Maurizio Oliviero 277,473

Ambrogio Santambrogio 77,732

Elena Stanghellini 71,187

Francesco Tei 96,649

* I voti espressi dal personale di ruolo Tecnico Amministrativo, Bibliotecario, CEL e Dirigenziale sono computati nella misura del dieci per cento in riferimento al numero dei professori ordinari, associati, dei ricercatori a tempo indeterminato e a tempo determinato, secondo quanto previsto dall’articolo 31 del Regolamento Generale d’Ateneo.

 seggio 1seggio 2spoglio 1spoglio 2spoglio 3spoglio 4

 

 Perugia, 8 maggio 2019

Tecnologie avanzate per le trasmissioni satellitari: ne parla il prof. Cristiano Tomassoni  a “L’Uovo di Colombo -  giovedì 9 maggio,  su Umbria Radio

 Il professor Cristiano Tomassoni, ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia, interverrà al programma radiofonico “L’Uovo di Colombo”, dedicato alla ricerca scientifica sviluppata all’interno dell’Ateneo perugino. La trasmissione andrà in onda giovedì 9 maggio 2019, sulle frequenze di Umbria Radio (Perugia 92.000Mz; Terni 105.300Mz) dalle ore 19.05 alle 19.30.

Cristiano Tomassoni parlerà del progetto TESLA, finanziato dall'Unione Europea nell'ambito dell'Azione Marie Skłodowska-Curie, Horizon2020, al quale partecipano 8 Università Europee, fra le quali, appunto, Perugia. Il progetto è stato finanziato con circa 4 milioni di Euro e prevede l'assunzione di 15 giovani ricercatori che svolgeranno un dottorato di ricerca nell'ambito  delle tecnologie avanzate per applicazioni spaziali satellitari: due di questi giovani ricercatori, in particolare, lavoreranno a Perugia sotto il tutoraggio del professor Tomassoni, responsabile per l'Ateneo perugino di TESLA. 

Nel corso della trasmissione il professor Tomassoni illustrerà anche le ricerche sviluppate nello studio di filtri a microonde destinati alle applicazioni radio, televisive e delle comunicazioni wireless - dai cellulari ai wi-fi -, ricerche che hanno condotto anche alla stipula di contratti con l’European Space Agency (Esa) finalizzati alla sperimentazione di nuovi filtri a microonde adatti per le applicazioni spaziali e, infine, delle innovative tecnologie di stampa 3D in corso di applicazione nella produzione dei filtri a microonde medesimi.

“L’Uovo di Colombo” è condotto dalla giornalista Laura Marozzi, responsabile dell’Ufficio Comunicazione Istituzionale, social media e grafica.

La replica del programma andrà in onda sabato 11 maggio 2019, alle ore 8.30.

Le puntate si possono riascoltare in podcast alla pagina

http://www.umbriaradio.it/podcast.html   canale “Uovo di Colombo”.

  

cristiano tomassoni

Perugia, 8 maggio 2019

“La traduzione come atto politico”, convegno a Perugia dal 9 all’11 maggio

Perugia ospiterà da domani, giovedì 9 fino a sabato 11 maggio 2019, il convegno “La traduzione come atto politico”: intende esplorare il ruolo della traduzione nello sviluppo e nella diffusione delle idee politiche nel passato e nel presente, nei diversi media, e nel contesto della politica istituzionale e dei movimenti sociali.

L’apertura dell’incontro internazionale si terrà giovedì 9 maggio nella Sala dei Notari di Palazzo dei Priori, alle ore 9.30, con gli interventi di Franco Moriconi (Rettore dell’Università di Perugia), Ambrogio Santambrogio (Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche), Alessandra Pioggia (Direttore LEPA), Andrea Romizi (Sindaco di Perugia), Caterina Falbo (Vice-Presidente Do.Ri.F Università), Antonio Lavieri (Presidente della Società italiana di Traduttologia).

Alle 10 la prima sessione plenaria su The Politics of Aspirational Translation and the Temporal Dynamics of Narration”; relatrice Mona Baker (University of Manchester, UK and Shanghai Jiao Tong University, China);  Presiede: Federico Zanettin (Università di Perugia).

I lavori si svolgeranno al Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Perugia che ha organizzato il convegno in collaborazione con il Genealogies of Knowledge Project, dell’Università di Manchester, nel Regno Unito; in particolare grazie all’impegno del prof. Federico Zanettin, insieme ai colleghi Francesca Piselli e Diana Bianchi dell’Università di Perugia e Jan Buts e Henry Jones, dell’Università di Manchester.

Idea centrale del convegno è che la traduzione, intesa non solo come mera trasposizione linguistica ma anche come attività culturale e sociale, abbia svolto, e svolga tuttora, un ruolo chiave nella comunicazione politica a diversi livelli e in diversi campi, dalle relazioni diplomatiche alla mediazione nei conflitti internazionali, dal funzionamento di organizzazioni internazionali quali le Nazioni Unite e l’Unione Europea al ruolo giocato dai media nel diffondere o contrastare discorsi e ideologie discordanti. 

Si articola attorno a quattro aree tematiche: il ruolo della traduzione nello sviluppo e nella diffusione delle idee politiche; le pratiche traduttive nel contesto della politica istituzionale; le pratiche collettive della traduzione politica nell’ambito dei movimenti sociali e dei gruppi di interesse; le pratiche traduttive all’interno dei media, con particolare riguardo alla politica internazionale.

 

Relatori invitati: Mona Baker (University of Manchester, UK & Jiao Tong University, China); Nicole Doerr (University of Copenhagen, Denmark); Fruela Fernandez (Newcastle University, UK & Universidad Complutense, Spain); Lynne Franjié (Université Lille 3, France); Guy Rooryck (Universiteit Gent, Belgium) and Lieve Jooken (Universiteit Gent, Belgium).

Tutte le informazioni all’indirizzo   http://home.translationaspoliticalact.net

Si allegano programma e locandina

Perugia, 7 maggio 2019

Elezioni del Rettore dell’Ateneo di Perugia per il sessennio 2019/2020 - 2024/2025, domani la prima votazione, alle urne in 2.277, spoglio in diretta streaming

Domani, mercoledì 8 maggio 2019 è in programma la prima votazione per l’elezione del Rettore dell’Università degli Studi di Perugia per il sessennio accademico 2019/2020 – 2024/2025, con otto candidati: professori Franco Cotana, Fausto Elisei, Fabrizio Figorilli, Claudia Mazzeschi, Maurizio Oliviero, Ambrogio Santambrogio, Elena Stanghellini, Francesco Tei.

Nell’Aula Magna dell’Ateneo di Perugia, presso Palazzo Murena, saranno allestiti i 4 seggi che rimarranno aperti dalle ore 8.30 alle ore 18.30:

seggi n.1 e n.2 destinati ai Professori di Ruolo I e II fascia, Ricercatori di ruolo e a tempo determinato e rappresentanze studentesche

seggi n.3 e n.4 destinati al Personale di Ruolo Tecnico Amministrativo, Bibliotecario, Collaboratori Esperti Linguistici (CEL) e Dirigenziale. 

Al termine delle votazioni ci sarà lo spoglio che sarà trasmesso in diretta streaming all’indirizzo www.unipg.it

Gli aventi diritto al voto sono, in totale 2.277, così suddivisi:

  • Professori di Ruolo I e II fascia, Ricercatori di ruolo e a tempo determinato: n. 998
  • Personale di Ruolo Tecnico Amministrativo, Bibliotecario, Collaboratori Esperti Linguistici (CEL) e Dirigenziale: n. 1096 *
  • rappresentanti degli studenti eletti nel Senato Accademico, Consiglio di Amministrazione, Consigli di Dipartimento e Consiglio degli studenti: n. 183. 

* I voti espressi dal personale di ruolo tecnico amministrativo, bibliotecario, CEL e dirigenziale sono computati nella misura del dieci per cento in riferimento al numero dei professori ordinari, associati, dei ricercatori a tempo indeterminato e a tempo determinato, secondo quanto previsto dall’articolo 31 del Regolamento Generale d’Ateneo.

Il Rettore è eletto in prima votazione a maggioranza assoluta dei voti esprimibili dal corpo elettorale.

Nel caso nessuno degli otto candidati raggiungesse il quorum, le date delle eventuali successive votazioni sono già state fissate dal professor Vito Peduto, Decano dell’Università degli Studi di Perugia:

seconda votazione giovedì 16 maggio 2019;

eventuale ballottaggio giovedì 23 maggio 2019.

 

Perugia, 7 maggio 2019

La traduzione? E’un atto politico, convegno internazionale a Perugia / 9-11 maggio 2019

“La traduzione come atto politico” è il convegno che si svolgerà a Perugia da giovedì 9 a sabato 11 maggio 2019: intende esplorare il ruolo della traduzione nello sviluppo e nella diffusione delle idee politiche nel passato e nel presente, nei diversi media, e nel contesto della politica istituzionale e dei movimenti sociali.

L’apertura dell’incontro internazionale si terrà giovedì 9 maggio nella Sala dei Notari di Palazzo dei Priori, alle ore 9.30, con gli interventi di Franco Moriconi (Rettore dell’Università di Perugia), Ambrogio Santambrogio (Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche), Alessandra Pioggia (Direttore LEPA), Andrea Romizi (Sindaco di Perugia), Caterina Falbo (Vice-Presidente Do.Ri.F Università), Antonio Lavieri (Presidente della Società italiana di Traduttologia).

Alle 10 la prima sessione plenaria su The Politics of Aspirational Translation and the Temporal Dynamics of Narration”; relatrice Mona Baker (University of Manchester, UK and Shanghai Jiao Tong University, China);  Presiede: Federico Zanettin (Università di Perugia).

I lavori si svolgeranno al Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Perugia che ha organizzato il convegno in collaborazione con il Genealogies of Knowledge Project, dell’Università di Manchester, nel Regno Unito; in particolare grazie all’impegno del prof. Federico Zanettin, insieme ai colleghi Francesca Piselli e Diana Bianchi dell’Università di Perugia e Jan Buts e Henry Jones, dell’Università di Manchester.

Idea centrale del convegno è che la traduzione, intesa non solo come mera trasposizione linguistica ma anche come attività culturale e sociale, abbia svolto, e svolga tuttora, un ruolo chiave nella comunicazione politica a diversi livelli e in diversi campi, dalle relazioni diplomatiche alla mediazione nei conflitti internazionali, dal funzionamento di organizzazioni internazionali quali le Nazioni Unite e l’Unione Europea al ruolo giocato dai media nel diffondere o contrastare discorsi e ideologie discordanti. 

Si articola attorno a quattro aree tematiche: il ruolo della traduzione nello sviluppo e nella diffusione delle idee politiche; le pratiche traduttive nel contesto della politica istituzionale; le pratiche collettive della traduzione politica nell’ambito dei movimenti sociali e dei gruppi di interesse; le pratiche traduttive all’interno dei media, con particolare riguardo alla politica internazionale.

 

Relatori invitati: Mona Baker (University of Manchester, UK & Jiao Tong University, China); Nicole Doerr (University of Copenhagen, Denmark); Fruela Fernandez (Newcastle University, UK & Universidad Complutense, Spain); Lynne Franjié (Université Lille 3, France); Guy Rooryck (Universiteit Gent, Belgium) and Lieve Jooken (Universiteit Gent, Belgium).

Tutte le informazioni all’indirizzo   http://home.translationaspoliticalact.net

 

Si allega programma

 

Perugia, 6 maggio 2019

Aperte le iscrizioni alla Start Cup Umbria 2019, c’è tempo sino al 9 settembre 2019

Sono aperte le iscrizioni alla Start Cup Umbria 2019, la business plan competition organizzata dall’Università degli Studi di Perugia: si propone di sostenere la ricerca e l’innovazione tecnologica in Umbria e si rivolge a gruppi costituiti da soggetti sia interni che esterni all’Accademia. 

Si tratta di una vera competizione tra gruppi che elaborano idee imprenditoriali innovative per uno dei seguenti settori: Life Sciences, ICT, Cleantech & Energy, Industrial.

I soggetti interessati dovranno presentare le proprie idee innovative entro il 9 settembre 2019.

Il Regolamento e tutte le informazioni sulla partecipazione al premio sono reperibili al seguente link:    http://startcup.unipg.it/

Ai tre progetti vincitori potranno essere assegnati premi in denaro dell’importo minimo di 4.000, 2.000 e 1.500 euro e accederanno alle fasi finali del Premio Nazionale per l’Innovazione, che quest’anno si terrà a Catania il 28 e 29 novembre 2019. Potranno anche essere assegnate due menzioni speciali: “Pari Opportunità” e “Social Innovation”.

Obiettivo di Start Cup Umbria 2019 è sostenere la ricerca e il trasferimento tecnologico finalizzati allo sviluppo economico della Regione Umbria, attraverso la diffusione della cultura d’impresa nel territorio e la promozione dell’innovazione.

Perugia, 3 maggio 2019

Verso un nuovo polo culturale a Foligno, sinergia Accademia Nazionale di San Luca, Comune, Ateneo di Perugia. Venerdì 10 maggio  presentazione e inaugurazione della mostra “Per commodo della Città” con la lectio magistralis di Paolo Portoghesi 

A Foligno, a Palazzo Brunetti, dal 10 maggio al 21 luglio 2019, si terrà la mostra “Per commodo della Città. L’immagine architettonica nei disegni dell’Accademia Nazionale di San Luca XVII-XIX secolo”, primo risultato del felice incontro fra una città colta, ricca di storia ed energia, e un’istituzione antica, prestigiosa e tuttavia molto attiva e vitale. Incontro che nasce soprattutto dalla volontà di valorizzare, diffondere e vivificare i rispettivi patrimoni culturali, materiali e umani: quello di Foligno, forte anche delle sue istituzioni, strutture, associazioni, fondazioni e della presenza e supporto offerto dall’Università di Perugia, e quello dell’Accademia Nazionale di San Luca.

“L’Università degli Studi di Perugia - afferma il Rettore Franco Moriconi - è aperta e disponibile a supportare con le proprie strutture la realizzazione di attività culturali con istituzioni di prestigio di livello nazionale e internazionale che possano arricchire sia il patrimonio storico ed architettonico della Regione Umbria e sia attrarre studiosi e ricercatori da tutto il mondo”.

La prospettiva e l’impegno, implicito in quest’iniziativa fra il Comune di Foligno, l’Accademia Nazionale di San Luca, l’Università di Perugia, tramite i_Lab SCD del Dipartimento di Ingegneria - diretto e coordinato da Paolo Verducci e Valerio Palini e il Centro Studi della Città di Foligno diretto da Mario Margasini - è quello di collaborare alla costruzione di un polo attivo, accessibile, frequentato, internazionale e aggiornato che, su queste basi, possa sperimentare nuove attività di ricerca, lavoro e formazione, nel campo della produzione culturale per lo sviluppo di economie della conoscenza e la valorizzazione e riqualificazione di beni storici e culturali.

In questa prima fase, nella cornice di Palazzo Brunetti Candiotti, esempio pregevole di architettura urbana settecentesca, seguendo le suggestioni delle sue sale dipinte, attraverso la selezione di circa ottanta disegni delle collezioni dell’Accademia Nazionale di San Luca, si è inteso comporre l’immagine di una città “ideale”, fantastica perché viva solo sulla carta, ma estremamente “vera” e moderna, conformata “per commodo” delle diverse attività di una società in pieno sviluppo, che rapidamente cambiava il proprio aspetto, soprattutto con l’incalzare delle nuove esigenze e con le innovazioni del secolo dei Lumi.

“Il percorso espositivo – sottolinea Francesco Cellini, Presidente dell’Accademia Nazionale di San Luca e curatore della mostra - prevede anche una selezione di progetti che Giuseppe Valadier, uno tra i protagonisti dell’architettura italiana tra il XVIII e il XIX secolo, elaborò per alcune città dell’Umbria – Spoleto, Gubbio, Trevi – e alcuni dei disegni redatti da Valadier per Roma relativi a progetti molto conosciuti, come quello per la liberazione del Pantheon o quello per la definizione di piazza del Popolo”.

“In particolare, la formazione di un archivio dinamico sull’architettura moderna e contemporanea italiana, da collocarsi nelle stanze di Palazzo Brunetti Candiotti, con materiale proveniente dall’Accademia Nazionale di San Luca - aggiunge Paolo Verducci, in qualità di docente di Progettazione architettonica e urbana del Dipartimento di Ingegneria e progettista assieme a Valerio Palini dell’allestimento della mostra e della sistemazione generale del secondo livello del Palazzo -. Costituirà il fulcro per l’attivazione di percorsi didattici di alta formazione, confermando la necessità di coniugare lo studio di fonti iconografiche storiche con l’urgenza di ripensare le città ‘medie’ in una logica intelligente, socialmente compatibile e di maggiore sicurezza ambientale”.

Venerdì 10 maggio 2019 sono in programma due momenti: la presentazione e l’inaugurazione dell’esposizione. 

L’illustrazione della mostra si terrà a partire dalle ore 16.30 nell’Auditorium Santa Caterina, aperto dai saluti istituzionali di Nando Mismetti, sindaco del Comune di Foligno, Donatella Porzi, presidente Assemblea Legislativa Regione Umbria, Franco Moriconi, Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, Marica Mercalli Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio dell’Umbria, Paolo Bazzica, presidente di Confindustria sede di Foligno, Alessandro Bonci, consigliere dell’Ordine degli Architetti di Perugia, Marco Struzzi, presidente dell’Ordine degli Architetti di Terni.

Seguirà la lectio magistralis di Paolo Portoghesi, architetto e storico dell’architettura, già presidente dell’Accademia Nazionale di San Luca nel biennio 2012-2013.

Il vernissage della mostra si svolgerà alle ore 19, a Palazzo Brunetti Candiotti.

Perugia, 3 maggio 2019

Giochi della Chimica: domani, a Perugia e a Terni, sfida tra 22 scuole e 456 studenti  

Si svolgeranno domani, sabato 4 maggio 2019 a Perugia (al Dipartimento di Economia) e a Terni (sede di Ingegneria dell’Università) le selezioni umbre dei Giochi della Chimica che, come ogni anno, vedranno molti studenti umbri cimentarsi in questa disciplina che sta acquisendo un ruolo sempre più importante nella gestione dello uno sviluppo sostenibile del nostro pianeta.

L’edizione 2019 vedrà la partecipazione di 16 scuole dalla provincia di Perugia e 6 da quella di Terni, per un totale di 456 studenti iscritti.

La manifestazione culturale è promossa dalla Società Chimica Italiana, con lo scopo di stimolare tra i giovani l'amore per questa disciplina e di selezionare la squadra che rappresenterà l’Italia alle Olimpiadi Internazionali della Chimica, edizione numero 51, che si terranno a Parigi, a luglio 2019.

La fase regionale, durante la quale i candidati avranno 150 minuti per risolvere 60 problemi a risposta multipla, è aperta a tutti gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, divisi nelle tre categorie A, B, e C, a seconda che si tratti rispettivamente di: studenti del primo biennio, studenti del secondo triennio degli istituti non ad indirizzo chimico, studenti del secondo triennio degli istituti ad indirizzo chimico.

Per l’Umbria la selezione è curata dal direttivo della Sezione Umbria della SCI, presieduto dal Prof. Luigi Vaccaro, docente di Chimica Organica del Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie dell’Università di Perugia.

I risultati della selezione saranno resi pubblici venerdì 17 maggio 2019, nel corso della cerimonia di premiazione che si terrà nell’aula G del Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie in via Pascoli a Perugia, alle ore 16. Riconoscimenti sono previsti per i primi dieci classificati delle tre classi di concorso; un premio più consistente sarà riservato ai primi tre classificati di ogni categoria, grazie ai contributi gentilmente concessi da Italmatch Chemicals S.p.A., Saci Industrie S.p.A., Sterling S.p.A., SOL S.p.A., Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie e Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università di Perugia.

I primi classificati parteciperanno alla selezione nazionale che si svolgerà a Roma, Parco Tirreno, nei giorni 29-31 maggio 2019. La cerimonia di premiazione della prova nazionale avrà luogo il 30 maggio 2019, all’Hotel Parco Tirreno, Roma.

La Società Chimica Italiana, da qualche tempo, si è data un motto molto significativo che interpreta l’urgenza di un cambiamento di rotta che sia funzionale alla salvaguardia del pianeta: “[…] la Chimica ha il compito di custodire il pianeta e aiutare a ridurre le diseguaglianze mediante l’uso delle energie rinnovabili e dell’economia circolare.”

In questa ottica i giovani dovranno diventare i portatori di questa consapevolezza e tanto più lo sapranno fare quanto più le loro conoscenze scientifiche saranno in grado di assisterli nelle scelte necessarie. I Giochi della Chimica rappresentano un primo momento importante con cui i gli studenti misurano le proprie conoscenze verso una materia chiave per il nostro futuro.

Perugia, 2 maggio 2019

Giochi della Chimica 2019, 22 scuole umbre coinvolte con 456 studenti iscritti  

Sabato 4 maggio 2019 si svolgeranno a Perugia (al Dipartimento di Economia) e a Terni (sede di Ingegneria dell’Università) le selezioni umbre dei Giochi della Chimica che, come ogni anno, vedranno molti studenti umbri cimentarsi in questa disciplina che sta acquisendo un ruolo sempre più importante nella gestione dello uno sviluppo sostenibile del nostro pianeta.

La manifestazione culturale è promossa dalla Società Chimica Italiana, con lo scopo di stimolare tra i giovani l'amore per questa disciplina e di selezionare la squadra che rappresenterà l’Italia alle Olimpiadi Internazionali della Chimica, edizione numero 51, che si terranno a Parigi, Francia, a luglio 2019.

La fase regionale, durante la quale i candidati avranno 150 minuti per risolvere 60 problemi a

risposta multipla, è aperta a tutti gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, divisi nelle tre categorie A, B, e C, a seconda che si tratti rispettivamente di: studenti del primo biennio, studenti del secondo triennio degli istituti non ad indirizzo chimico, studenti del secondo triennio degli istituti ad indirizzo chimico.

Per l’Umbria la selezione è curata dal direttivo della Sezione Umbria della SCI, presieduto dal Prof. Luigi Vaccaro, docente di Chimica Organica del Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie dell’Università di Perugia.

L’edizione 2019 vedrà la partecipazione di 16 scuole dalla provincia di Perugia e 6 da quella di Terni, per un totale di 456 studenti iscritti.

I risultati della selezione saranno resi pubblici venerdì 17 maggio 2019, nel corso della cerimonia di premiazione che si terrà nell’aula G del Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie in via Pascoli a Perugia, alle ore 16. Verranno dati dei riconoscimenti ai primi dieci classificati delle tre classi di concorso; un premio più consistente sarà riservato ai primi tre classificati di ogni categoria, grazie ai contributi gentilmente concessi da Italmatch Chemicals S.p.A., Saci Industrie S.p.A., Sterling S.p.A., SOL S.p.A., Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie e Dipartimento di Scienze Farmaceutiche dell’Università di Perugia.

I primi classificati parteciperanno alla selezione nazionale che si svolgerà a Roma, Parco Tirreno, nei giorni 29-31 Maggio 2019. La cerimonia di premiazione della prova nazionale avrà luogo il 30 maggio 2019, presso l’Hotel Parco Tirreno, Roma.

La Società Chimica Italiana, da qualche tempo, si è data un motto molto significativo che interpreta l’urgenza di un cambiamento di rotta che sia funzionale alla salvaguardia del pianeta: “[…] la Chimica ha il compito di custodire il pianeta e aiutare a ridurre le diseguaglianze mediante l’uso delle energie rinnovabili e dell’economia circolare.”

In questa ottica i giovani dovranno diventare i portatori di questa consapevolezza e tanto più lo sapranno fare quanto più le loro conoscenze scientifiche saranno in grado di assisterli nelle scelte necessarie. I Giochi della Chimica rappresentano un primo momento importante con cui i gli studenti misurano le proprie conoscenze verso una materia chiave per il nostro futuro.

Perugia, 2 maggio 2019

La professoressa Barbara Palumbo eletta nel consiglio direttivo dell’Associazione Italiana di Medicina Nucleare ed Imaging Molecolare (AIMN)

La professoressa Barbara Palumbo, Professore Associato di Medicina Nucleare dell’Università degli Studi di Perugia, dirigente medico in convenzione con l’Azienda Ospedaliera di Perugia (come responsabile di Struttura Semplice Dipartimentale), membro del CIRIAF (Centro Interuniversitario di Ricerca sull’Inquinamento e sull’Ambiente “Mauro Felli”), è stata eletta nel consiglio direttivo dell’Associazione Italiana di Medicina Nucleare ed Imaging Molecolare (AIMN).  Il mandato durerà dal 2019 al 2023.

L’ AIMN è la società scientifica nazionale che ha lo scopo di promuovere lo sviluppo scientifico e applicativo dell'impiego medico e biologico delle proprietà fisiche del nucleo atomico e rappresenta il riferimento in Italia delle attività di Medicina Nucleare ed Imaging Molecolare; conta quasi 900 iscritti.

Il consiglio direttivo è composto da 6 membri e dal Presidente, Orazio Schillaci (Professore Ordinario di Medicina Nucleare e Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Roma Tor Vergata), eletti dagli iscritti all’Associazione durante il Convegno Nazionale dell’AIMN che quest’anno si è tenuto a Rimini nel mese di aprile.

barbara palumbo 2

Vai a inizio pagina
Sommario
×