Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale
Menu

Perugia, 30 ottobre

“La parola mi tradiva”-  Letteratura e crisi. Incontro di studio nella Biblioteca San Matteo degli Armeni

Perugia, venerdì 6 e sabato 7 novembre 2015

La Biblioteca San Matteo degli Armeni, a Perugia, il 6 e 7 novembre 2015, propone l’incontro “La parola mi tradiva”. Letteratura e crisi”, organizzato da Francesco Ragni (Università di Perugia) e Novella di Nunzio (Università di Vilnius). Venerdì 6 novembre, alle 10 i lavori saranno aperti dai saluti di: Gabriele De Veris e Sandra Fuccelli (Biblioteca San Matteo degli Armeni), Mario Tosti (Direttore del Dipartimento di Lettere – Lingue, Letterature e Civiltà Antiche e Moderne), Massimiliano Tortora (CEMS – Centre for European Modernism Studies).

L’iniziativa nasce dall’urgenza di cercare – più che trovare – la risposta alla domanda: perché, ancora e nonostante tutto, la letteratura. Perché, ancora e nonostante tutto, scrivere, leggere, interpretare, agire, fare critica, affrontando situazioni spesso al limite, tra precarietà ed esilio.

A questi interrogativi cercherà di dare una risposta l’incontro del 6 e 7 novembre a Perugia.

Perugia, 29 ottobre

Accolte in Aula Magna le matricole e premiati i migliori laureati nella Giornata del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche

“Manifestazioni, come questa di oggi, sono importanti perché aiutano il nostro ateneo a vivere l’Università”. Lo ha detto il Magnifico Rettore Franco Moriconi portando i saluti ai partecipanti alla Giornata del Dipartimento di Scienze farmaceutiche, svoltasi nell’Aula Magna della sede centrale dell’Ateneo; un’iniziativa che, da oltre quindici anni, sottolinea l’attenzione prima della Facoltà e oggi del Dipartimento per i migliori laureati e che, da questa edizione, vuole rappresentare l’occasione anche per salutare le ‘matricole’ dei corsi di laurea di Scienze farmaceutiche.

“Ho iniziato, nell’anno in corso che dedichiamo alla didattica,  le visite ai 16 Dipartimenti dell’Ateneo che completerò nelle prossime settimane  – ha aggiunto il Rettore –. Negli incontri già effettuati sono stati evidenziati  problemi di cui ho preso nota per risolverli quanto prima possibile. Il mio impegno sarà anche quello di verificare il superamento di tali problematicità. Ho già detto ai docenti che ho incontrato che mi aspetto dai titolari di cattedra che tengano le lezioni agli studenti. Il fatto che vengano affidati ad altri collaboratori, può essere un modo per far crescere e migliorare i docenti più giovani – ha sottolineato il prof Moriconi –. Mi aspetto, però, che nell’interesse  degli studenti che scelgono i nostri corsi di laurea,  siano, di norma, i titolari a svolgere le lezioni”.

Il Direttore del Dipartimento, professor Benedetto Natalini, ha evidenziato i motivi della festa odierna ricordando e ringraziando i presidi che l’hanno istituita a cominciare dalla professoressa Maria Cristina Fioretti, che la tenne a battesimo  dalla fine dello scorso millennio, e poi Carlo Rossi e Massimo Curini. “Questa Giornata, che per consuetudine prevede la premiazione dei migliori laureati, da quest’anno è anche un simbolico passaggio di testimone generazionale tra neo-laureati e matricole – ha detto Natalini -. Abbiamo voluto invitare i nuovi iscritti, sia delle lauree a ciclo unico che triennali e magistrali, per coinvolgerli sin dall’inizio nella vita dell’Ateneo. Importante, infatti, oltre alla didattica - ha concluso – è la vita comunitaria e le relazioni sociali con la città di Perugia”. Il direttore, inoltre, ha fornito i dati, forniti dal rapporto nazionale di AlmaLaura, relativi all’occupazione dei laureati del Dipartimento di Perugia nei vari settori professionali, rilevandone la positività con una media ben superiore a quella nazionale, sia nel breve periodo, un anno dalla laurea, che dopo 3 o 5 anni.

La conferenza inaugurale, che come consuetudine accompagna la cerimonia, è stata tenuta dal   

Cav. Valentino Mercati, fondatore, e presidente del Consiglio di Amministrazione di ABOCA S.p.A., sul tema: “L’agrofarmaceutica, un’evoluzione del terzo millennio: una visione imprenditoriale”.

La società ABOCA, sia in Italia che all’estero, è leader nei prodotti a base di complessi molecolari naturali.

Sono inoltre intervenuti: Rosanna Bettelli, rappresentante degli studenti nel Senato Accademico dell’Ateneo; i professori Violetta Cecchetti, per il corso di laurea a ciclo unico in Farmacia; Maurizio Ricci, per il corso di laurea a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche; Massimo Moretti, per il corso di laurea in Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana; Maura Marinozzi, coordinatore Erasmus e Relazioni Internazionali del Dipartimento di Scienze di Scienze farmaceutiche.

Al termine della cerimonia sono stati premiati i 95 laureati che, nel 2014, hanno conseguito il titolo con la votazione di 110/110 e 110/110 e lode nei vari corsi di laurea del Dipartimento.

Ad ognuno dei premiati è stato consegnato un prezioso libro sulle ‘medichesse’.

Franco Moriconi

Benedetto Natalini

Valentino Mercati

gruppo matricole erasmus r

Laureati gruppo 1r

Rosanna Bettelli

pubblico farmacia

Perugia, 29 ottobre

Sulle carni rosse e trasformate una soluzione a tutela della salute viene proposta dal Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Ateneo

Il prof. Beniamino Cenci Goga, docente del Dipartimento di Medicina Veterinaria e direttore del Master (II livello) di Sanità pubblica veterinaria e Igiene degli alimenti, interviene con alcune considerazioni e una possibile soluzione, veramente interessante:  

“Le recenti notizie rilanciate dai media in merito alla monografia dell’agenzia per la ricerca sul cancro (IARC) dell’organizzazione mondiale della sanità (OMS) sulle carni rosse e sulle carni trasformate (e non «processate», dall’inglese processed, come erroneamente diffuso da certi media) hanno accresciuto i quesiti riguardanti la pericolosità di certi alimenti.

L’OMS ha, infatti, rivisto la classificazione, includendo le carni trasformate nella categoria 1 (cancerogeni con prove sufficienti di tossicità basate su studi epidemiologici) e le carni rosse non trasformate nella categoria 2a (mancanza di dati epidemiologici significativi). Nel documento dell’OMS si fa riferimento ai nitriti e ai nitrati (sostanze aggiunte) che, come conservanti, rendono sicure dal punto di vista microbiologico le carni lavorate, ma una volta ingeriti, possono determinare la formazione di nitrosammine, delle quali è noto il potere cancerogeno.

In seguito alla cottura della carne, soprattutto per grigliate e barbecue, si possono, invece, liberare composti dotati di attività mutagena e cancerogena (sostanze neoformate, quali il benzopirene).

Questi sono i potenziali pericoli a cui fa riferimento l’OMS: sono però le abitudini alimentari e lo stile di vita a determinare la diversa incidenza delle malattie e a condizionare i fattori di rischio. In merito alla monografia dell’IARC, proprio per riportare la discussione dell’interpretazione allarmistica dei media in un ambito più razionale, la stessa OMS ha emesso successivamente un comunicato stampa in cui chiarisce che il consumo giornaliero di una quantità fissa di carni trasformate non è causa di malattia, ma può semplicemente aumentare la probabilità di contrarre determinate malattie di qualche punto percentuale (in ambito scientifico si parla di rischio e di analisi del rischio).

E’ però manifesto come l’industria debba puntare sull’innovazione per ridurre l’uso di additivi e conservanti, a prescindere dai calcoli fatti a tavolino dagli esperti. Il cluster di produttori umbri di carni di trasformate «David Salumi srl, Macelleria Farinelli Riccardo, Ciotti Antichi Sapori sas, Casagrande Francesco snc», vincitore nel 2014 e nel 2015 di un progetto iStart (Regione Umbria, Sviluppumbria), coadiuvato dal nascente spinoff universitario NoNitTM, uno dei vincitori della StartCup 2014 (Beniamino Cenci Goga, Antonella Leo, Paola Sechi e Maria Francesca Iulietto), ha avviato sin del 2013 dei processi di innovazione delle tecnologie di produzione per eliminare gradualmente l’uso dei nitriti e dei nitrati.

C'è, infine, un aspetto importante: il cibo non è solamente un carburante metabolico, ma considerazioni fisiologiche, psicologiche, sociali, culturali ed estetiche ne determinano la scelta e creano abitudini. A volte, pertanto, il beneficio di consumare alcuni alimenti può essere più importante della valutazione del rischio”.

Perugia, 29 ottobre

LA PASTICCA ANTI-LEUCEMIA

L’Istituto di Ematologia di Perugia sperimenta un nuovo rivoluzionario farmaco contro la leucemia a cellule capellute.

Lo studio,  ideato dai professori Falini e Tiacci, è pubblicato dal prestigioso New England Journal of Medicine.

Si chiama vemurafenib il nuovo farmaco contro la leucemia a cellule capellute che, per la prima volta al mondo, è stato sperimentato con successo a Perugia in pazienti che non rispondevano più alla chemioterapia convenzionale.

Lo studio, coordinato dal prof. Brunangelo Falini, Direttore della Struttura Complessa di Ematologia con Trapianto di Midollo Osseo, è stato pubblicato oggi, giovedì 29 ottobre 2015, dalla più influente rivista scientifica in assoluto, il New England Journal of Medicine.

Questo importante risultato è stato ottenuto anche grazie al supporto economico dell'Associazione Italiana Ricerca sul Cancro, nonché grazie al prestigioso finanziamento che l'European Research Council (ERC) ha concesso al prof. Enrico Tiacci - primo autore del lavoro –, per mettere a punto nuove cure contro la leucemia a cellule capellute.                                                                                                                                                                             

La causa di questo tipo di leucemia era rimasta ignota per più di 50 anni, fino a quando nel 2011 i medesimi Falini e Tiacci ne hanno scoperto la causa, identificandola nella mutazione del gene BRAF. Oggi, dopo solo 4 anni, i medici perugini hanno realizzato il passo successivo, il più importante per i pazienti, cioè la sperimentazione di un farmaco "intelligente" (il vemurafenib, appunto) che blocca solo il gene BRAF mutato e che, semplicemente preso per bocca, uccide selettivamente le cellule leucemiche, risparmiando quelle normali. Questa è una differenza di enorme rilievo rispetto alla chemioterapia convenzionale che, invece, uccide indistintamente tutte le cellule, provocando effetti tossici collaterali. Il farmaco sperimentato dai ricercatori perugini, al contrario, si è rivelato poco tossico e molto attivo in quasi tutti i pazienti trattati, nonostante fossero diventati refrattari alle terapie convenzionali.

“Scoprire la causa di una malattia e tradurla in una nuova terapia – sottolineano Falini e Tiacci - non solo è la missione del medico ricercatore, ma rappresenta anche la realizzazione della moderna ‘medicina di precisione’ che caratterizza e colpisce i punti deboli specifici di ogni particolare tumore in ogni particolare paziente”.  

Perugia, 28 ottobre

Domani, Festa delle matricole e dei neo-laureati del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche

Perugia, giovedì 29 ottobre 2015

L’Aula Magna dell’Università, domani giovedì 29 ottobre 2015, alle ore 9.15, ospiterà la Giornata del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche’, iniziativa che, da oltre quindici anni, sottolinea l’attenzione dell’istituzione verso i migliori  laureati e che, da questa edizione vuole rappresentare l’occasione anche per salutare le ‘matricole’.

Dopo l'introduzione del Direttore del Dipartimento, professor Benedetto Natalini, e i saluti del Magnifico Rettore Franco Moriconi  e di Donatella Porzi, Presidente del Consiglio Regionale, il Cav. Valentino Mercati, fondatore, patron e presidente del Consiglio di Amministrazione di ABOCA S.p.A. terrà la conferenza inaugurale, che come consuetudine accompagna la cerimonia. La società ABOCA nel territorio è leader nei prodotti a base di complessi molecolari naturali.

Alle 10.30 ci sarà il benvenuto alle 150 matricole che hanno scelto di iscriversi ai due corsi di laurea a ciclo unico, Farmacia e Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, e ai due corsi di laurea magistrale, Biotecnologie Farmaceutiche e Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana, coordinati dal Dipartimento di Scienze Farmaceutiche. A questi si uniranno i 24 studenti Erasmus spagnoli che hanno scelto di frequentare, nell’anno accademico 2015-2016, gli insegnamenti dei diversi corsi del Dipartimento.

Alle 11 ci sarà la premiazione dei 95 laureati che, nello scorso anno, hanno conseguito il loro titolo con la votazione di 110/110 e 110/110 e lode.

Perugia, 28 ottobre

L’Innovazione tecnologica tra Scienza e Architettura, ne parla a Ingegneria il prof. Andreani dell’Harvard University

Perugia, martedì 3 novembre 2015 – ore 11,30

“L’Innovazione tecnologica tra scienza e architettura” è il tema della conferenza che si terrà martedì 3 novembre alle ore 11,30 a Perugia, nell’Aula Magna del Polo di Ingegneria, in località Santa Lucia.

Relatore è il prof. Stefano Andreani, docente alla Harvard University di Boston che si è laureato in Ingegneria Civile a Perugia; in questi giorni  è in Italia per un progetto di ricerca sulle Smart City fra l'università di Harvard e il Comune di Bergamo.

Il seminario di studi è promosso dal prof. Fabio Bianconi, docente di Tecniche della rappresentazione nel corso di laurea in Ingegneria Edile-Architettura di Perugia.

Stefano Andreani è docente di Tecnologie Innovative per l’Architettura alla Graduate School of Design della Harvard University. Come project manager del gruppo di ricerca Harvard REAL (Responsive Environments and Artifacts Lab), tiene corsi e lavora su progetti di ricerca che esplorano il ruolo delle nuove tecnologie nel rapporto tra le persone e gli ambienti urbani, sviluppando strategie progettuali per una migliore qualità della vita in città più intelligenti ed accoglienti.

Andreani si è laureato nel 2009 in Ingegnere Civile alla Facoltà di Ingegneria dell’Università di Perugia, con una tesi guidata dal prof. Fabio Bianconi sull’Architettura Parametrica e nuovi strumenti digitali di progettazione. Dopo un’esperienza formativa e stimolante di collaborazione con lo stesso docente nell’insegnamento nei corsi di laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria Edile-Architettura del Polo di Ingegneria, nel 2011 si è  trasferito a Boston per conseguire un Master post-laurea in Design Technology alla Harvard University. Dopo la laurea ad Harvard nel 2013, è diventato Research and Teaching Associate alla Harvard Graduate School of Design — dove tuttora insegna.

Da due anni Stefano Andreani è coordinatore di un progetto di ricerca sul tema delle smart cities in collaborazione tra la Harvard University e l’Università di Bergamo. 

Perugia, 28 ottobre

A Speciale Università”  i professori Marella e Repetto presenteranno alcuni aspetti dell’attività di ricerca a Giurisprudenza.  Il prof Tinterri, docente di spettacolo, ricorderà la figura di Pier Paolo Pasolini

Domani, giovedì 29 ottobre 2015, alle ore 21.30, verrà trasmesso “Speciale Università”, la trasmissione dedicata all’Ateneo di Perugia, in onda su Tef Channel, canale 12 del digitale terrestre e condotta da Cristina Castellano.

Nella trasmissione sarà illustrata l'attività di ricerca condotta all'interno del Dipartimento di Giurisprudenza, con particolare riferimento alla recente istituzione delle law clinics, come momento fra ricerca e didattica sperimentale nel campo del diritto. Saranno presenti in studio la professoressa Maria Rosaria Marella e il professore Giorgio Repetto.

Il servizio esterno proporrà un'intervista al professore Alessandro Tinterri sulla figura di Pier Paolo Pasolini. Il prof. Tinterri è docente di Discipline dello spettacolo nel Dipartimento di Lettere, lingue, letterature e civiltà antiche e moderne dell’Ateneo di Perugia.

La puntata sarà replicata su Tef Channel martedì 3 novembre 2015, alle ore 19.25.

Perugia, 27 ottobre

Cerimonia di proclamazione delle lauree in Economia in un’Aula Magna gremita di studenti, famiglie  e pubblico

Aula Magna dell’Ateneo affollatissima, stamani, per la cerimonia di proclamazione delle lauree del Dipartimento di Economia. Ospite d’eccezione per la prolusione, che di consuetudine accompagna tale momento,  il sindaco di Perugia, Andrea Romizi che, trattenuto da improrogabili impegni istituzionali, è stato sostituito  dall’assessore comunale Michele Fioroni.

“E’ il momento finale di una lunga carriera scolastica – ha detto in apertura il professor Mauro Pagliacci, direttore del Dipartimento di Economia – che era iniziata molti anni fa nella scuola primaria. Una festa che oltre ai giovani laureati coinvolge le famiglie a sottolineare il passaggio importante nella vita di ognuno di voi. Da domani dovrete misurarvi con le sfide della vita. Speriamo di essere riusciti a darvi un aiuto, quella autonomia che contribuisca a superare le difficoltà. Oggi, é una seduta di laurea molto partecipata – ha sottolineato il direttore - con  105 laureandi delle lauree triennali, e una laureanda alla quale viene conferita la laurea magistrale in Economia e management, avendo avuto l'opportunità di accedere all'accordo internazionale per conseguire il doppio diploma con l'Université de Paris Creteil - Val de Marne.

Ben 63 sono i laureati ‘in corso’, che hanno terminato cioè il percorso di studi nel triennio previsto. Ben oltre il 50% di laureati in corso, che è un obiettivo indicato a livello nazionale e che noi siamo riusciti a centrare, con l’intenzione di andare avanti su questa strada. Inoltre, 18 sono i laureati con il massimo punteggio  di 110 e la lode”.

Prima  della consegna dei diplomi ai laureati il direttore ha dato la parola al prof. Michele Fioroni che, oltre che assessore municipale di Perugia, è docente incaricato di Marketing dell’Università di Perugia.

“La vita che sta davanti a voi – ha esordito Fioroni rivolto ai laureati –  è irta di complessità che non devono farvi paura, perché  da oggi per voi inizia  una fase nuova della vita, una sfida  per l’innovazione. Qualunque strada sceglierete dovrete tenere conto di due aspetti: l’aggiornamento, cioè le formazione continua, divenuta essenziale nell’attuale mondo globalizzato ad alta competitività, e la creatività, la capacità di andare fuori dagli schemi per individuare nuove soluzioni”.

I laureati:

Stefania Palmiotto, doppio diploma di laurea nell'ambito della convenzione tra l'Università di Perugia e quella di Paris Creteil - Val de Marne;

Laurea in Economia Aziendale:

Alicante Monia, Ambrogi Ester, Anghel Madalin-Marian, Bagattini Debora, Baldari Laura, Barcaccia Alessandra, Barna Tania, Bartocci Francesca, Bartolini Lorenzo, Bendolini Giulia, Bettarelli Giulia Betti Sorbelli Valentina, Borgarelli Alessandra, Bruschi Arianna, Buffelli Giovanni, Buzzao Giacomo, Calamitosi Serena, Castelli Gabriele, Cecchini Filippo, Cecchini Martina, Chiacchieroni Danilo, Codignoni Giulia, Columbu Cosimo, Comodo Silvia, Corvina Alessio, Crispino Alessandro, Cristofani Chiara, Darena Maria Stella, Demaj Hena, Deminicis Marco, Dominici Matteo, Donnini Marco, Duranti Laura, Esposito Leonardo, Ferra Antonietta, Floris Angelica, Fuccelli Elisa, Fucinese Alessandro, Galletti Cristina, Gambelli Marco, Gatti

Lorenzo, Ghawali Eliana K. J., Ghidoni Giacomo, Giannini Eleonora, Giannini Giulia, Giorgi Lidia, Giubbini Chiara, Hotaj Areta, Iskurti Emigranda, Leonardi Francesco, Maccarelli Leonardo, Mantovani Marco, Marani Giacomo, Marchini Cecilia, Marinucci Sara, Martini Sara, Mbabu Calvin Onil M., Micale Tommaso, Molinari Federica, Napoli Lorenzo, Nardelli Carla, Orioli Natalia, Ortiz Gavidia Martha E., Paffarini Francesco, Palmerini Silvia, Papi Daniele, Pedone Matteo, Petroni Valentina, Pieramati Alessandro, Pieretti Sara, Pierini Erica, Pipparoni Giulio, Pompei Nicola, Quartucci Lucrezia, Raduazzo Michele, Rega Rosario Agostino, Regoli Simona, Ricciarelli Andrea, Rinchi Simone, Rivi Alessandro, Rossetti Gabriele, Sabatelli Mariapia, Sabatino Martina, Salvati Francesca, Sanzi Francesco, Scarabattola Mara, Schiavone Daniela, Sdringola Francesco, Selimi Anila, Spito Michela, Sulcaj Hesiona, Surace Giulia, Tiberi Marco,

Tomassini Matteo, Tritoni Alessandra, Trivelli Giacomo, Venceslai Irene, Vujovic Giulia, Zinni Cesario.

Laurea in Economia dei Mercati e degli Intermediari Finanziari

Tamantini Filippo, Volpi Alessandro.

Laurea in Economia e legislazione d'impresa 

Algieri Annamaria, Greco Giuseppe, Onofri Matteo, Pieracci Lucio.

 Pagliacci 1

tavolo 1

Rosso 2

Fioroni 2

mani 11dx

spalle 1

Perugia, 27 ottobre

Secondo film in lingua originale proiettato al Centro Linguistico d’Ateneo con “Gran Canyon” di Lawrence Kasdan - Perugia, venerdì 30 ottobre 2015, alle 14 

“Film forum at the CLA”, la rassegna di cinema in lingua originale ideata dal Centro Linguistico d’Ateneo che propone  venerdì 30 ottobre 2015, alle ore 14,nella Sala Teatro del Cla (in via Enrico Dal Pozzo) il secondo appuntamento, con la proiezione di “Gran Canyon” di Lawrence Kasdan.  L’ingresso è gratuito.

L’iniziativa, organizzata dal Centro linguistico d’ateneo con il contributo del Dr. Albert Bell, collaboratore ed esperto linguistico di Inglese, propone quattro film, che ha come filo conduttore la solidarietà.

I film, tutti in Inglese, saranno proiettati con i sottotitoli nella stessa lingua. La proiezione sarà preceduta da una sintetica introduzione e una breve discussione in cui verranno sottolineati aspetti linguistici presenti nei dialoghi dei film stessi.

Il programma è disponibile all’indirizzo internet: http://cla.unipg.it/multimedia/eventi/261-cine-cla-film-forum.html

Perugia, 26 ottobre

A quattro studenti i premi di laurea “Alfredo De Poi”, “Eluggero Pii” e “Laura Viti”, la cerimonia nell’Aula Magna di Giurisprudenza 

Solenne cerimonia, questa mattina, nell’Aula Magna del Dipartimento di Giurisprudenza, per il conferimento dei premi di laurea intitolati ad “Alfredo De Poi”, “Eluggero Pii” e “Laura Viti”, riconoscimenti banditi dal Dipartimento di Scienze Politiche su proposta delle famiglie interessate.

“La consegna di questi premi, collegati a figure che hanno avuto un rapporto importante con il nostro Ateneo e, come Alfredo De Poi, da sempre impegnato per diffondere gli ideali europeistici fra i giovani, rappresenta un momento in cui emerge la dimensione comunitaria e umana che accompagna la quotidiana vita universitaria”, ha sottolineato il professor Luciano Tosi che, insieme al professor Roberto Segatori, ha presieduto la cerimonia di premiazione.

Il premio di laurea “Alfredo De Poi”, alla quinta edizione, riservato a laureati magistrali in discipline internazionalistiche, è stato assegnato al dottor Diego Proietti Peparelli, che ha conseguito il titolo di Dottore magistrale in Relazioni internazionali con il massimo dei voti e la lode, discutendo una tesi su “La riparazione delle vittime di crimini internazionali all’interno del diritto internazionale”; relatore la professoressa Amina Maneggia, docente di Diritto internazionale.

La tredicesima edizione del premio “Eluggero Pii”, in memoria dell’insigne docente di storia del pensiero politico contemporaneo nella Facoltà di Scienze Politiche, destinato ai laureati magistrali in discipline storiche e politologiche, è stato vinto dalla dottoressa Anna Megale. Neo Dottore magistrale in Relazioni internazionali, Megale, ha conseguito il titolo con il massimo dei voti e la lode discutendo una tesi dal titolo “L’azione dell’Italia alle Nazioni Unite per la moratoria della pena di morte”; relatore il professor Luciano Tosi, docente di Storia delle relazioni internazionali.

Il premio di laurea “Laura Viti”, riservato a laureati in discipline politico-sociali e giunto alla ventesima edizione, è stato istituito dalla famiglia Viti per onorare la memoria della figlia, già studentessa della Facoltà di Scienze Politiche. Quest’anno ha avuto due vincitrici ex-aequo: la dottoressa Irene Brizioli ha conseguito la Laurea magistrale in Sociologia e politiche sociali con il massimo dei voti e la lode discutendo una tesi su “La crisi della genitorialità e il caso dei padri separati”, relatore il professor Roberto Segatori, docente di Sociologia dei fenomeni politici; la dottoressa Chiara Petrocchi ha conseguito la Laurea magistrale in Sociologia e politiche sociali con il massimo dei voti e la lode discutendo una tesi su “L’agricoltura sociale in Umbria. Una ricerca sperimentale”, relatore la professoressa Fiorella Giacalone, docente di Antropologia dei processi culturali. 

Peparelli per De Poi

a sx Diego Proietti Peparelli

Megale a dx per Pii

a dx Anna Megale

Brizioli premio Viti

A dx Irene Brizioli

Petrocchi premio Viti 2

a dx Chiara Petrocchi

da sx Megale Paparelli Petrocchi Brizioli 2

da sx Megale, Peparelli Proietti, Petrocchi, Brizioli

2015 10 26 vincitori e relatori 2

da sx Anna Megale, Fiorella Giacalone, Chiara Petrocchi, Diego Proietti Peparelli, Amina Maneggia, Luciano Tosi, Irene Brizioli, Roberto Segatori

Perugia, 26 ottobre

Cerimonia di proclamazione delle lauree di Economia, il sindaco Andrea Romizi terrà la prolusione - Perugia, martedì 27 ottobre 2015 – ore 11 

Domani, Martedì 27 ottobre 2015, alle ore 11, nell'Aula Magna dell'Università degli Studi di Perugia, avrà luogo la cerimonia di proclamazione delle lauree del Dipartimento di Economia.

E’ prevista la partecipazione di 105 laureandi delle lauree triennali, ed anche una laureanda alla quale sarà conferita la laurea magistrale in Economia e management, avendo avuto l'opportunità di accedere all'accordo internazionale per conseguire il doppio diploma con l'Université de Paris Est-Creteil.

Nel corso della cerimonia l’avvocato Andrea Romizi, Sindaco del Comune di Perugia, terrà la prolusione ai laureandi e alle loro famiglie.

Perugia, 26 ottobre

Il Dipartimento di Scienze Farmaceutiche festeggia le proprie matricole e i neo-laureati - Perugia, giovedì 29 ottobre 2015

L’Aula Magna dell’Università, giovedì 29 ottobre 2015, alle ore 9.15, ospiterà la Giornata del Dipartimento di Scienze Farmaceutiche’, iniziativa che, da più di quindici anni, sottolinea l’attenzione dell’istituzione verso i migliori  laureati e che, da questa edizione vuole rappresentare l’occasione anche per salutare le ‘matricole’.

Dopo l'introduzione del Direttore del Dipartimento, professor Benedetto Natalini, e i saluti del Magnifico Rettore Franco Moriconi  e di Donatella Porzi, Presidente del Consiglio Regionale, il Cav. Valentino Mercati, fondatore, patron e presidente del Consiglio di Amministrazione di ABOCA S.p.A. terrà la conferenza inaugurale, che come consuetudine accompagna la cerimonia. La società ABOCA nel territorio è leader nei prodotti a base di complessi molecolari naturali.

Alle 10.30 ci sarà il benvenuto alle 150 matricole che hanno scelto di iscriversi ai due corsi di laurea a ciclo unico, Farmacia e Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, e ai due corsi di laurea magistrale, Biotecnologie Farmaceutiche e Scienze dell’Alimentazione e della Nutrizione Umana, coordinati dal Dipartimento di Scienze Farmaceutiche. A questi si uniranno i 24 studenti Erasmus spagnoli che hanno scelto di frequentare, nell’anno accademico 2015-2016, gli insegnamenti dei diversi corsi del Dipartimento.

Alle 11 ci sarà la premiazione dei 95 laureati che, nello scorso anno, hanno conseguito il loro titolo con la votazione di 110/110 e 110/110 e lode.

“Sarà un simbolico passaggio di testimone generazionale tra neo-laureati e matricole – spiega il direttore Natalini -. Per più di 15 anni è stata consuetudine dell’ex-Facoltà di Farmacia, organizzare una “Giornata della Facoltà”, appunto, che prevedeva oltre alle conferenze di due ospiti, la premiazione dei migliori laureati dell’anno accademico precedente. Questo evento che vedeva la partecipazione di docenti e discenti, rafforzando un comune senso di appartenenza, era una bella tradizione che la Facoltà ci ha lasciato in eredità e che non potevamo mandar perduta. Lo scorso anno è stata riproposta in occasione dell’inaugurazione del nascente Dipartimento. Avevamo, però, la consapevolezza che mancava ancora qualcosa alla piena realizzazione di quello che questo evento voleva significare: l’attenzione verso i ‘nostri’ studenti, volerli accompagnare nel loro percorso di studi con professionalità, competenza e attenzione, e inoltre farli sentire parte integrante ed essenziale del nostro Dipartimento. Quest’anno, quindi, abbiamo deciso, non solo di premiare i migliori laureati, ma anche di dare ufficialmente il benvenuto alle matricole dei nostri quattro corsi di laurea. Il Cav. Valentino Mercati, che tiene la conferenza, è persona carismatica che sa parlare alle giovani generazioni e, grazie alla sua capacità imprenditoriale e al suo intuito geniale, ha trasformato un’azienda familiare in una realtà industriale affermata anche in campo internazionale. L’azienda vede  oggi impiegati in vari ruoli molti dei nostri laureati”.

Perugia, 26 ottobre

Si apre domani a Perugia, nella Sala dei Notari, il Congresso internazionale sulla Biodiversità Microbica 

Domani, martedì 27 ottobre prenderà il via a Perugia nella Sala dei Notari il congresso internazionale sulla Biodiversità Microbica, che andrà avanti fino a giovedì 29 ottobre.

Saranno presenti più di 250 studiosi provenienti da 36 nazioni che daranno vita al “Third International Conference on Microbial Diversity - The challenge of the complexity” sul tema “The Challenge of Complexity”.

In apertura, martedì, alle ore 14, interverranno con i saluti Andrea Romizi, sindaco di Perugia, il Magnifico Rettore Franco Moriconi, il direttore del Dipartimento di Scienze farmaceutiche, Benedetto Natalini, e Fausto Elisei, presidente del Cemin (Centro di eccellenza per il Materiali Innovativi Nanostrutturali).

Il congresso è promosso  dalla Società Italiana di Microbiologia Agro-Alimentare ed Ambientale (SIMTREA) che ne ha affidato l’organizzazione al prof. Gianluigi Cardinali  e al suo staff, del Dipartimento di Scienze farmaceutiche dell’Università di Perugia.

Non è un caso che la complessità sia stata scelta dagli organizzatori come oggetto principale di questo congresso, mentre il respiro internazionale e l'apertura ai giovani ricercatori sono due delle caratteristiche su cui ha puntato la Società Italiana di Microbiologia Agro-Alimentare ed Ambientale.

La Biodiversità Microbica è l’insieme di tutti i microrganismi presenti nella biosfera connessi da una fittissima rete di complesse interazioni. I microrganismi sono responsabili di tutti i cicli biogeochimici che mantengono l’omeostasi del pianeta e sono anche gli agenti delle maggiori trasformazioni alimentari. Non è esagerato affermare che senza la biodiversità microbica non sarebbe possibile avere i sistemi alimentari attuali e soprattutto non sarebbe possibile godere di quella grande varietà e qualità propria dei prodotti tipici della cucina italiana. Le tecnologie alimentari moderne, infatti, hanno attinto a piene mani a questa grande diversità per ottenere prodotti sempre più sani, nutrienti e duraturi.

Perugia, 23 ottobre

In biblioteca si accede con l’app, tanti studenti per l'attivazione di accesso informatizzato all’aula Ceccherelli 

E’ stato attivato oggi pomeriggio il nuovo servizio automatico di controllo degli accessi nell’Aula studio e aggregazione intitolata al professor Paolo Ceccherelli, in via Elce di Sotto.

L’innovazione è stata presentata nel corso di una cerimonia nell’Aula studio, affollata soprattutto di studenti, tra i quali Alberto Maria Gambelli, presidente del Consiglio degli studenti dell’Ateneo.

Sono intervenuti il Pro Rettore prof. Fabrizio Figorilli, la professoressa Maria Cristina Fioretti, vedova del prof. Ceccherelli, al quale l’aula è dedicata, i professori Giuseppe Liotta, delegato per l’Informatizzazione e l’Agenda digitale, Andrea Capaccioni, delegato per i Servizi bibliotecari, Benedetto Natalini, direttore Dipartimento di Scienze farmaceutiche, Francesco Tarantelli, direttore Dipartimenti di Chimica, biologia e biotecnologie, Massimo Curini dello stesso Dipartimento, che ha portato una personale testimonianza sulla storia dell’aula, e Federico Rossi, delegato per i servizi agli studenti. 

Sul nuovo servizio ha parlato il prof. Rossi ricordando che l’Aula Ceccherelli è stata inaugurata nel novembre 2014, e affidata, per l’autogestione, a un gruppo di studenti coordinatori. “Il servizio automatico di controllo degli accesi è stato introdotto per la prima volta lo scorso settembre con l’apertura nel centro storico dell’aula studio ‘Urban Center’, in via Sant’Ercolano. L’ingresso ‘informatizzato’ degli accessi è reso possibile grazie a una ‘app’ messa a punto dal gruppo informatico dell’Ateneo, coordinato dal prof. Liotta e ora gli studenti potranno utilizzare l’aula per l’intero arco delle 24 ore. Funzionerà, infatti, come “spazio di lettura” dalle ore 8 alle 17 dal lunedì al venerdì; dalle 17 alle 8 e per tutto il fine settimana, invece, è previsto l’accesso automatico degli studenti con controllo delle presenze attraverso l’apposito sistema di riconoscimento”.

Il Pro Rettore Figorilli che ha portato il saluto del Rettore Moriconi impossibilitato a intervenire, ma molto interessato al buon esito dell’iniziativa, ha ricordato che è importante offrire servizi rapidi ed efficienti agli studenti, tali da rendere l’Ateneo accogliente e vicino alle loro esigenze. “L’Università va avanti – ha detto il Pro Rettore – se  tutte le componenti operano insieme e per lo stesso obiettivo, come dimostrato in questa vicenda delle aule studio”. Il prof. Figorilli ha concluso ringraziando per la sua presenza la professoressa Fioretti, alla quale ha rivolto sentimenti di vicinanza e affetto anche in memoria del compianto prof. Ceccherelli.

La signora Maria Cristina Fioretti, che è stata docente e preside della facoltà di Farmacia dell’Ateneo, ha ringraziato il Rettore e l’Università anche a nome della sua famiglia per l’iniziativa che onora la memoria del prof. Ceccherelli. “Oltre ai tratti e ai sentimenti umani – ha detto – voglio qui ricordare la passione e l’entusiasmo che Paolo metteva nell’attività scientifica e didattica, e della condivisione con gli studenti come ha dimostrato nel  voler trasformare quest’aula in un locale della biblioteca, quando ha svolto l’incarico di delegato alle biblioteche”

Al termine è stata data una dimostrazione delle modalità di acceso automatico all’aula, mediante con applicazione per smartphone.  

Aula Ceccherelli esterno 1

Aula Ceccherelli Rossi

Aula Ceccherelli Figorilli 2

Cristina Fioretti Ceccherelli 3

Aula Ceccherelli accesso 3

Aula Ceccherelli accesso 2

Aula Ceccherelli Curini

Perugia, 23 ottobre

Il sindaco Andrea Romizi terrà la prolusione allacerimonia di proclamazione delle lauree di Economia - Perugia, martedì 27 ottobre 2015 – ore 11 

Martedì 27 ottobre 2015, alle ore 11, nell'Aula Magna della Sede centrale dell'Università di Perugia, avrà luogo la cerimonia di proclamazione delle lauree del Dipartimento di Economia.

E’ prevista la partecipazione di 105 laureandi delle lauree triennali, ed anche una laureanda alla quale sarà conferita la laurea magistrale in Economia e management, avendo avuto l'opportunità di accedere all'accordo internazionale per conseguire il doppio diploma con l'Université de Paris Est-Creteil.

Nel corso della cerimonia l’avvocato Andrea Romizi, Sindaco del Comune di Perugia, terrà la prolusione ai laureandi e alle loro famiglie.

Perugia, 23 ottobre

Congresso internazionale sulla Biodiversità Microbica - Perugia (Sala dei Notari), 27 – 29 ottobre 2015 

Si parlerà di Biodiversità Microbica nell’incontro che, da martedì 27 a giovedì 29 ottobre 2015, si svolgerà alla Sala dei Notari di Perugia.

Ai lavori saranno presenti oltre 250 studiosi provenienti da 36 nazioni per partecipare al “Third International Conference on Microbial Diversity - The challenge of the complexity” sul tema “The Challenge of Complexity”. 

In apertura, martedì 27 ottobre, alle ore 14, interverranno con i saluti Andrea Romizi, sindaco di Perugia, il Magnifico Rettore Franco Moriconi, il direttore del Dipartimento di Scienze farmaceutiche, , di Benedetto Natalini, e Fausto Elisei, presidente del Cemin (Centro di eccellenza per il Materiali Innovativi Nanostrutturali). 

Il congresso è promosso  dalla Società Italiana di Microbiologia Agro-Alimentare ed Ambientale (SIMTREA) che ne ha affidato l’organizzazione al prof. Gianluigi Cardinali  e al suo staff, del Dipartimento di Scienze farmaceutiche dell’Università di Perugia.

Non è un caso che la complessità sia stata scelta degli organizzatori come oggetto principale di questo congresso, mentre il respiro internazionale e l'apertura ai giovani ricercatori sono due delle caratteristiche su cui ha puntato in modo particolare la Società Italiana di Microbiologia Agro-Alimentare ed Ambientale.

La Biodiversità Microbica è l’insieme di tutti i microrganismi presenti nella biosfera connessi da una fittissima rete di complesse interazioni. I microrganismi sono responsabili di tutti i cicli biogeochimici che mantengono l’omeostasi del pianeta e sono anche gli agenti delle maggiori trasformazioni alimentari. Non è esagerato affermare che senza la biodiversità microbica non sarebbe possibile avere i sistemi alimentari attuali e soprattutto non sarebbe possibile godere di quella grande varietà e qualità propria dei prodotti tipici della cucina italiana. Le tecnologie alimentari moderne, infatti, hanno attinto a piene mani a questa grande diversità per ottenere prodotti sempre più sani, nutrienti e duraturi.

Perugia, 23 ottobre

La consegna dei premi di laurea “De Poi”, “Eluggero Pii” e “Laura Viti” - Perugia, lunedì 26 ottobre 2915, Dipartimento di Giurisprudenza

Nella Sala delle Lauree del Dipartimento di Giurisprudenza (in Via Pascoli n. 33) lunedì 26 ottobre 2015, alle ore 12, avrà luogo il conferimento dei premi di laurea “Alfredo De Poi”, “Eluggero Pii” e “Laura Viti”, banditi dal Dipartimento di Scienze Politiche su proposta delle famiglie interessate.

Il premio di laurea “Alfredo De Poi”, alla quinta edizione, è stato istituito per volontà della famiglia per onorare, insieme al Dipartimento, la memoria di una personalità di spicco della scena internazionalistica, nazionale e umbra.

Riservato a laureati magistrali in discipline internazionalistiche, è stato assegnato al dott. Diego Proietti Peparelli che ha conseguito il titolo di Dottore magistrale in Relazioni internazionali con il massimo dei voti e la lode, discutendo una tesi su “La riparazione delle vittime di crimini internazionali all’interno del diritto internazionale”; relatore la professoressa Amina Maneggia, docente di Diritto internazionale.

È giunto alla tredicesima edizione il premio di laurea “Eluggero Pii”, in memoria dell’insigne docente di storia del pensiero politico contemporaneo nella Facoltà di Scienze Politiche, prematuramente scomparso.

Destinato ai laureati magistrali in discipline storiche e politologiche, è stato assegnato alla dottoressa Anna Megale. Il neo Dottore magistrale in Relazioni internazionali ha conseguito il titolo con il massimo dei voti e la lode discutendo una tesi dal titolo “L’azione dell’Italia alle Nazioni Unite per la moratoria della pena di morte”; relatore il professor Luciano Tosi, docente di Storia delle relazioni internazionali.

Il premio di laurea “Laura Viti”, riservato a laureati in discipline politico-sociali e giunto alla ventesima edizione, è stato istituito dalla famiglia Viti per onorare la memoria della figlia, già studentessa della Facoltà di Scienze Politiche.

Sono risultate vincitrici ex-aequo la dottoressa Irene Brizioli che ha conseguito la Laurea magistrale in Sociologia e politiche sociali con il massimo dei voti e la lode discutendo una tesi su “La crisi della genitorialità e il caso dei padri separati”, relatore il professor Roberto Segatori, docente di Sociologia dei fenomeni politici, e la dottoressa Chiara Petrocchi che ha conseguito la Laurea magistrale in Sociologia e politiche sociali con il massimo dei voti e la lode discutendo una tesi su “L’agricoltura sociale in Umbria. Una ricerca sperimentale”, relatore la professoressa Fiorella Giacalone, docente di Antropologia dei processi culturali. 

Perugia, 23 ottobre

Stage anche in Israele per i partecipanti al Master di 2° livello in “Dairy production medicine” attivato nel Dipartimento di Medicina veterinaria. Le domande entro il 4 novembre 2015

Al via la terza edizione del Master di 2° livello, riservato ai soli veterinari, in “Dairy Production Medicine”, nel Dipartimento di Medicina veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia.

“Il Corso punta alla formazione di professionisti sempre più specializzati e ‘padroni’ di tutti quei fattori genetici, ambientali, manageriali, nutrizionali e sanitari che concorrono, sia come fattori causali che come fattori di rischio, a condizionare le performance produttive, riproduttive e sanitarie e, non ultime economiche, sia delle singole bovine che dell’intero allevamento – spiega il professor Maurizio Monaci, referente del master -. Inoltre, il veterinario buiatra ha e sempre più avrà, una responsabilità oggettiva verso la salubrità degli alimenti di origine animale, all’eticità e sostenibilità delle produzioni”.

SCADENZA ISCRIZIONI: 4 novembre 2015

Lo stile del Master è quello coerente all’approccio culturale e scientifico tipico del vecchio mondo e di buona parte della cultura asiatica ossia quello di dotare il professionista di tutti quelle conoscenze di base (ricerca) e applicative (sviluppo tecnologico) necessarie ad un “approccio professionale” alle mutevoli esigenze delle bovine la latte e dei consumatori. La terza edizione del Master in “Dairy Production Medicine” si arricchisce di ulteriori competenze grazie all’accordo didattico con Hachaklait Veterinary Service LTD (Israele) per l’epidemiologia e con la Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche di Brescia per la Biosicurezza, che affiancano le ormai “ storiche” collaborazioni con l’ANAFI per la genetica, i docenti provenienti da ben 12 atenei, il Mastitis Council Italia e i migliori liberi professionisti italiani.

L’Università degli Studi di Perugia garantirà le spese di viaggio sostenute dagli allievi per lo stage in Israele e la Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche di Brescia supporterà quelle relative al modulo didattico in Brescia della durata di cinque giorni (vitto e alloggio).

Il contributo di iscrizione al Master è di € 3.800,00 per i due anni di corso.

Tutte le informazione necessarie per conoscere il percorso didattico e le modalità d’iscrizione sono consultabili in rete all’indirizzo : http://dpmmaster.unipg.it/

Perugia, 23 ottobre

Workshop al Dipartimento di Economia con esperti del settore primario, si aprono nuove prospettive occupazionali in Agricoltura

Di prospettive occupazionali e qualità della vita si è parlato nel corso del workshop “Agricoltura 2-0”, che si è svolto nel Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Perugia, nell’ambito degli stages professionalizzanti.

L’incontro coordinato dal prof. Simone Budelli, titolare della cattedra di Istituzioni di diritto pubblico, ha visto la partecipazione di Catia Mariani, Direttore della Confederazione Italiana Agricoltori (CIA)–Umbria e di Giovanni Dubini, noto enologo e titolare dell’azienda vitivinicola “Palazzone” di Orvieto.

Catia Mariani ha illustrato i dati presentati da Nomisma all’Expo Milano 2015 e messo in evidenza le criticità della produzione agricola mondiale di fronte all’incremento della popolazione. Inoltre, ha sottolineato la crescita del comparto agricolo in Italia, in controtendenza rispetto agli altri settori produttivi. Secondo i dati Istat, nonostante la  profonda crisi economica ed occupazionale, sono stati 57mila i nuovi assunti nel 2014, che rappresentano oltre il 7 per cento del tasso di occupati in un anno in Italia. I dati superano di gran lunga la media nazionale: +5,5 % rispetto ai lavoratori dipendenti e +8,7 % rispetto ai lavoratori autonomi.

L’imprenditore Dubini ha, invece, evidenziato le peculiarità del settore vitivinicolo, che costituisce un volano per l’intero territorio: con il vino si vende un’emozione, una storia, una cultura, una tradizione. Vendere il vino nel mercato globale vuol dire vendere tutto ciò. 

Budelli 1

budelli 5

Perugia, 22 ottobre

Conferita a Edmond Panariti, Ministro dell’Agricoltura dell’Albania, laurea magistrale honoris causa in Medicina Veterinaria 

Stamani con una solenne cerimonia nell’Aula Magna dell’Ateneo è stata conferita al prof. Edmond Panariti, Ministro dell’Agricoltura, Sviluppo Rurale e Risorse Idriche della Repubblica di Albania, la  Laurea Magistrale honoris causa in Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia. 

La cerimonia, che si è svolta con l’antica formula in latino, secondo il cerimoniale risalente al secolo XVI, è stata presieduta dal Magnifico Rettore Franco Moriconi. Sono intervenuti il promotore della Laurea prof. Giovanni Vitellozzi, il prof. Piero Ceccarelli, direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria, e dieci docenti dello stesso Dipartimento membri del Collegio dei Dottori.

Il prof. Edmond Panariti ha pronunciato, in italiano, la ‘Lectio doctoralis’ sottolineando i suoi rapporti di studioso con l’Università di Perugia e con la Facoltà di Medicina veterinaria, realtà, insieme all’Istituto Zooprofilattico perugino, con cui è venuto a contatto negli anni dopo la laurea. Qui, ha maturato le esperienze di studio e di ricercatore sui temi della sanità pubblica e delle cure per gli animali. Ha tratto straordinario giovamento, inoltre, dalla collaborazione scientifica sviluppata con la Facoltà di Agraria oltre che di Veterinaria. Ha ricordato di essere venuto a Perugia grazie ad un progetto finanziato dall’Unione Europea sul sistema sanitario degli allevamenti che gli ha permesso di apprezzare le vaste conoscenze in materia dei dipartimenti dell’Università di Perugia. In particolare, grazie al Master internazionale attivato agli inizi del nuovo millennio dal prof. Stefano Degl’Innocenti, docente di Ostetricia veterinaria.

Infine il Ministro Panariti ha ricordato i rapporti molto intensi fra Albania e Regione Umbria in materia di sanità e allevamenti di cui elemento catalizzatore è l’Ateneo di Perugia ed ha auspicato forme sempre più ampie di collaborazione con l’Italia.

La ‘lectio’ è stata preceduta dalla ‘Laudatio’, pronunciata dal promotore prof. Vitellozzi che ha tra l’altro evidenziato le motivazioni del conferimento della Laurea al prof. Panariti per i meriti da lui acquisiti in due realtà: la sua azione per favorire lo sviluppo della Medicina Veterinaria in Albania e nell’area dei Balcani e  per i contributi scientifici maturati in un contesto socio-economico molto difficile, instabile e complesso, ma che tuttavia hanno avuto un valido riconoscimento, testimoniato da incarichi di prestigio attribuitigli sia in campo nazionale che internazionale.

Al termine della cerimonia, aperta e conclusa dai canti del Coro dell’Università di Perugia, il Collegio dei Dottori del Dipartimento di Medicina Veterinaria (Franco Moriconi, Piero Ceccarelli, Antonio Di Meo, Fabrizio Passamonti, David Ranucci, Giorgia Della Rocca, Maria Teresa Mandara, Fabrizio Rueca, Francesco Porciello, Annabella Moretti e Andrea Verini Supplizi) ha votato ed espresso parere favorevole per il conferimento della laurea magistrale. Il Rettore Moriconi ha quindi consegnato al neodottore Edmond Panariti la pergamena, il libro (simbolo del sapere), l’anello (a significare la ‘congiunzione’ del laureato con la disciplina), il bacio accademico, il ‘tocco’ e la toga dottorale.

Prima della cerimonia in Aula Magna, il Ministro Panariti è stato accolto nella sede del Rettorato dove ha firmato il registro degli ospiti illustri e dove ha apprezzato alcune antiche pubblicazioni dedicate, in particolare, all’anatomia del cavallo e alle opere idrauliche.

 Panariti 2

aula magna 2

dottorat

vitellozzi

firma registro fl

gruppo finale

Perugia, 22 ottobre

Domani, l’attivazione Servizio H24 per l’ Aula studio ‘Paolo Ceccherelli’

Viene attivato domani, Venerdì 23 ottobre 2015, alle ore 15, il nuovo Servizio automatico di controllo degli accessi nell’Aula studio e aggregazione intitolata al professor Paolo Ceccherelli, in via Elce di Sotto, che è stata aperta nel novembre 2014.

Ora, grazie all’automazione degli accessi gli studenti potranno utilizzare l’aula 24 ore al giorno. Rimarrà “spazio di lettura” per la biblioteca dalle ore 8 alle 17 dal lunedì al venerdì; dalle 17 alle 8 e per tutto il fine settimana, invece, è previsto l’accesso automatico degli studenti con controllo delle presenze attraverso l’apposito sistema di riconoscimento. I dettagli per tale modalità saranno meglio specificati nel sito di Ateneo e in opportune brochure.

All’attivazione del servizio, venerdì, è prevista la presenza del Magnifico Rettore Franco Moriconi, e della professoressa Cristina Fioretti, vedova del prof. Ceccherelli, docente dell’Ateneo al quale l’aula è stata dedicata. Sarà presenta anche il professor Federico Rossi, delegato del Rettore per i servizi agli studenti.  

Perugia, 22 ottobre

Domani, l’attivazione Servizio H24 per l’ Aula studio ‘Paolo Ceccherelli’ 

Il nelle aule-studio dell’Ateneo viene gradualmente applicato a tutte le strutture attivate.

Viene attivato domani, Venerdì 23 ottobre 2015, alle ore 15, il nuovo Servizio automatico di controllo degli accessi nell’Aula studio e aggregazione intitolata al professor Paolo Ceccherelli, in via Elce di Sotto, che è stata aperta nel novembre 2014.

Ora, grazie all’automazione degli accessi gli studenti potranno utilizzare l’aula 24 ore al giorno.

Rimarrà “spazio di lettura” per la biblioteca dalle ore 8 alle 17 dal lunedì al venerdì; dalle 17 alle 8 e per tutto il fine settimana, invece, è previsto l’accesso automatico degli studenti con controllo delle presenze attraverso l’apposito sistema di riconoscimento. I dettagli per tale modalità saranno meglio specificati nel sito di Ateneo e in opportune brochure.

All’attivazione del servizio, venerdì, è prevista la presenza del Magnifico Rettore Franco Moriconi, e della professoressa Cristina Fioretti, vedova del prof. Ceccherelli, docente dell’Ateneo al quale l’aula è stata dedicata. Sarà presenta anche il professor Federico Rossi, delegato del Rettore per i servizi agli studenti.  

Perugia, 22 ottobre

Incontro a Ingegneria su Qualità ed export. Perugia, venerdì 23 ottobre 2015 

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Università di Perugia in collaborazione con Certiquality

organizza il workshop  “Qualità ed export: La nuova edizione della norma ISO 9001:2015 a supporto dell’export. Avrà luogo  domani mattina, venerdì 23 ottobre 2015, dalle ore 9 alle 13, al Polo di Ingegneria di Santa Lucia.

Il workshop si tiene alla confluenza di tre “fatti” concomitanti destinati ad incidere sull’economia del paese e sui sistemi di gestione per la qualità: la ripresa dell’industria trainata dall’export, i prevedibili effetti di EXPO 2015 sul Made in Italy e la pubblicazione della nuova versione della norma ISO 9001:2015 che fornisce attraverso i suoi requisiti un supporto metodologico alle imprese e in particolare a quelle esportatrici.

Sarà aperto, alle 9.15, dal saluto del Prof. Giuseppe Saccomandi, Direttore del Dipartimento di Ingegneria, poi il dottor. Enrico Strino, Area Manager Umbria Certiquality e il primo intervento: “Un primo Bilancio di EXPO 2015” - Ing. Armando Romaniello, Direttore Marketing, Industry Management e Certificazione di Prodotto – Certiquality;

Seguiranno poi le comunicazioni:

Ore 9.40 - Testimonianze di imprese esportatrici di successo Maglificio Galassia srl – Pashmere UAS – Umbria Aerospace Sysytems Srl:

Ore 10.20 – “I requisiti innovativi della nuova ISO 9001” -  Dr.ssa Alessandra Peverini, Product Management Quality Systems – Certiquality;

Ore 11 – “Valutazione del contesto esterno, il benchmarking e il contesto competitivo” -  Prof. Fabio Santini, Dipartimento di Economia, Università di Perugia;

Ore 11.40 – “Il processo di esportazione e i principali requisiti per l’Export” -  Dr. Enzo Faloci, Direttore Umbria Export - Confindustria Umbria;

Ore 12.10 – “Il supporto delle Camere di Commercio: il caso degli Emirati Arabi” -  Sig.Daniele Cavaleiro, Italian Representative della Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti Ore 12.40  Discussione 13.00 - Chiusura

Perugia, 21 ottobre

Laurea honoris causa in Medicina Veterinaria a Edmond Panariti, Ministro dell’Agricoltura dell’Albania - Perugia, giovedì 22 ottobre 2015, alle ore 11.30 

Domani, giovedì 22 ottobre 2015, alle ore 11.30, solenne cerimonia nell’Aula Magna della Sede centrale dell’Università degli Studi di Perugia, per il conferimento Laurea Magistrale “honoris causa” in Medicina Veterinaria al prof. Edmond Panariti, Ministro dell’Agricoltura, Sviluppo Rurale e Risorse Idriche della Repubblica di Albania

La cerimonia, secondo l’antica formula per il conferimento della Laurea Honoris Causa nello Studio Generale perugino del cerimoniale risalente al secolo XVI,  sarà presieduta dal Magnifico Rettore Franco Moriconi. Interverranno, inoltre, il promotore della Laurea honoris causa prof. Giovanni Vitellozzi, il prof. Piero Ceccarelli, direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria, e dieci docenti dello stesso Dipartimento membri del Collegio dei Dottori, presieduto dal Rettore, che domani sarà chiamato a valutare il ‘candidato’ al titolo accademico.

Il Coro dell’Università degli Studi di Perugia scandirà i momenti salienti della manifestazione.

Edmond Panariti è nato a Tirana nel 1960. Ha studiato Medicina Veterinaria laureandosi all’Università di Agricoltura di Tirana nel 1984 e conseguito il PhD nel 1993. Professore associato dal 1996 e professore ordinario di Tossicologia dal 2000, ha approfondito i suoi studi in Svizzera, Stati Uniti e Germania. E’ membro del “Socialist Movement for Integration” dal 2004. Eletto nella Municipalità di Tirana nel 2011, è stato vicesindaco dal luglio 2011 a luglio 2012. E stato Ministro degli Esteri dal 3 luglio 2012 al 3 aprile 2013, periodo in cui è stato anche Chairman del Comitato dei Ministri Europei al Consiglio d'Europa. E' Ministro dell’Agricoltura albanese dal 31 luglio 2013.

Perugia, 21 ottobre

Attivazione Servizio H24 per l’ Aula studio ‘Ceccherelli’, sarà presente anche la vedova prof. Cristina Fioretti

Il Servizio automatico di controllo degli accessi nelle aule-studio dell’Ateneo viene gradualmente applicato a tutte le strutture attivate.

Venerdì 23 ottobre 2015, alle ore 15, il nuovo sistema verrà attivato anche presso l’Aula studio e aggregazione intitolata al professor Paolo Ceccherelli, in via Elce di Sotto aperta da quasi un anno, che grazie all’automazione degli accessi gli studenti potranno utilizzare 24 ore al giorno. L’aula rimarrà “spazio di lettura” per la biblioteca dalle 8 alle 17 dal lunedì al venerdì; dalle 17 alle 8 e per tutto il fine settimana, invece, è previsto l’accesso automatico degli studenti con controllo delle presenze attraverso l’apposito sistema di riconoscimento. I dettagli per tale modalità saranno meglio specificati nel sito di Ateneo e in opportune brochure.

All’attivazione del servizio, venerdì, è prevista la presenza del Magnifico Rettore Franco Moriconi, e della professoressa Cristina Fioretti, vedova del prof. Ceccherelli, docente dell’Ateneo al quale l’aula è stata dedicata. Sarà presenta anche il professor Federico Rossi, delegato del Rettore per i servizi agli studenti.  

Perugia, 21 ottobre

Master di 2° livello in “Dairy production medicine” attivato nel Dipartimento di Medicina veterinaria 

Al via la terza edizione del Master di 2° livello, riservato ai soli veterinari, in “Dairy Production Medicine”, nel Dipartimento di Medicina veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia.

“Il Corso punta alla formazione di professionisti sempre più specializzati e ‘padroni’ di tutti quei fattori genetici, ambientali, manageriali, nutrizionali e sanitari che concorrono, sia come fattori causali che come fattori di rischio, a condizionare le performance produttive, riproduttive e sanitarie e, non ultime economiche, sia delle singole bovine che dell’intero allevamento – spiega il professor Maurizio Monaci, referente del master -. Inoltre, il veterinario buiatra ha e sempre più avrà, una responsabilità oggettiva verso la salubrità degli alimenti di origine animale, all’eticità e sostenibilità delle produzioni”.

SCADENZA ISCRIZIONI: 4 novembre 2015

Lo stile del Master è quello coerente all’approccio culturale e scientifico tipico del vecchio mondo e di buona parte della cultura asiatica ossia quello di dotare il professionista di tutti quelle conoscenze di base (ricerca) e applicative (sviluppo tecnologico) necessarie ad un “approccio professionale” alle mutevoli esigenze delle bovine la latte e dei consumatori. La terza edizione del Master in “Dairy Production Medicine” si arricchisce di ulteriori competenze grazie all’accordo didattico con Hachaklait Veterinary Service LTD (Israele) per l’epidemiologia e con la Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche di Brescia per la Biosicurezza, che affiancano le ormai “ storiche” collaborazioni con l’ANAFI per la genetica, i docenti provenienti da ben 12 atenei, il Mastitis Council Italia e i migliori liberi professionisti italiani.

L’Università degli Studi di Perugia garantirà le spese di viaggio sostenute dagli allievi per lo stage in Israele e la Fondazione Iniziative Zooprofilattiche e Zootecniche di Brescia supporterà quelle relative al modulo didattico in Brescia della durata di cinque giorni (vitto e alloggio).

Il contributo di iscrizione al Master è di € 3.800,00 per i due anni di corso.

Tutte le informazione necessarie per conoscere il percorso didattico e le modalità d’iscrizione sono consultabili in rete all’indirizzo : http://dpmmaster.unipg.it/

Perugia, 20 ottobre

Prorogato al 30 Ottobre 2015 il termine di scadenza per Immatricolazioni e Iscrizioni

Il termine per le immatricolazioni e iscrizioni ai corsi di laurea dell’Università degli Studi di Perugia nell’anno accademico 2015/2016, che scadeva oggi 20 ottobre, è stato prorogato a venerdì 30 ottobre 2015.

L’ha deciso il Magnifico Rettore, prof. Franco Moriconi, in considerazione del notevole afflusso di studenti verificatosi negli ultimi giorni presso il Punto Immatricolazioni, situato all’interno del Complesso monumentale di San Pietro a Perugia.

Ogni altro termine previsto dall’Ateneo relativo a immatricolazioni ed iscrizioni è immutato, compresa la possibilità prevista all’art. 3 del Regolamento procedure termini e tasse: “Per i corsi di laurea triennale e magistrale a ciclo unico, il Rettore può accogliere, per gravi e giustificati motivi, domande presentate anche dopo il termine previsto e comunque di norma non oltre il 31 dicembre di ogni anno, previo pagamento dell’indennità di mora di € 70,00”.

Perugia, 20 ottobre

Agricoltura 2.0, prospettive occupazionali e qualità della vita

Incontro nell’Aula 4 del Dipartimento di Economia

Perugia, 21 ottobre 2015 – ore 16 

Il Dipartimento di Economia dell’Università, nell’ambito degli stages professionalizzanti, ha organizzato il seminario “Agricoltura 2.0: prospettive occupazionali e qualità della vita”, che si terrà domani, mercoledì 21 ottobre alle ore 16, nell’Aula 4 del dipartimento in via Pascoli.

Discuteranno dell’argomento il prof. avv. Simone Budelli, il direttore della Confederazione italiana agricoltori-Cia dell’Umbria Catia Mariani e Giovanni Dubini, titolare dell’importante azienda vitivinicola “Palazzone” di Orvieto.

In un periodo di profonda crisi economica ed occupazionale, l’agricoltura sembra andare in controtendenza: secondo i dati Istat sono stati 57mila i nuovi assunti nel 2014, che rappresentano oltre il 7 per cento del tasso di occupati in un anno in Italia. I dati superano di gran lunga la media nazionale: +5,5 per cento rispetto ai lavoratori dipendenti e +8,7 per cento rispetto ai lavoratori autonomi. Per incentivare questo virtuoso trend di crescita, le Organizzazioni agricole chiedono un impianto legislativo specifico e flessibile, che venga incontro alle nuove esigenze produttive dell’agricoltura  2.0.

Non solo aiuti economici, ma riferimenti normativi e fiscali certi ed adeguati alla specificità dell’importante settore produttivo.

L’agricoltura costituisce un’attività economica in cui le risorse umane sono un valore e non un costo da tagliare, neppure nei periodi di più profonda sofferenza economica come l’attuale. Ma queste scelte imprenditoriali coraggiose, sostengono gli operatori, devono poter continuare a contare su un impianto legislativo specifico e flessibile, come confermato dai decreti attuativi del Jobs Act che, interpretando correttamente le esigenze del settore, non intaccando il sistema degli ammortizzatori sociali agricoli, né il regime “ad hoc” per i contratti a termine.

Anche sotto il profilo fiscale importanti novità sono contenute nella Legge di Stabilità ora all’esame del Parlamento, in cui non si potrà non tenere in considerazione la specificità del mondo agricolo: dall'abolizione dell’Irap e dell'Imu sui beni strumentali a partire dai terreni, alle agevolazioni fiscali sulla quota di consumo del gasolio agricolo.

Su queste tematiche l’agricoltura richiede non solo agronomi, ma anche giuristi ed economisti  preparati nello specifico settore produttivo, che possano accompagnare gli agricoltori verso le nuove sfide dell’internazionalizzazione.

Perugia, 20 ottobre

Il prof. Edmond Panariti, Ministro dell’Agricoltura dell’Albania riceverà Laurea honoris causa in Medicina veterinaria

Perugia, giovedì 22 ottobre 2015, alle ore 11.30

Il Magnifico Rettore Franco Moriconi conferirà la Laurea Magistrale “honoris causa” in Medicina Veterinaria al Ministro dell’Agricoltura, sviluppo rurale e risorse idriche della Repubblica di Albania prof. Edmond Panariti, nel corso  della solenne cerimonia in programma giovedì 22 ottobre 2015, alle ore 11.30, nell’Aula Magna della Sede centrale dell’Università degli Studi di Perugia.

La Laurea magistrale Honoris Causa viene conferita al prof. Panariti per i meriti da lui acquisiti in due realtà: una riferita alla sua azione svolta nel favorire lo sviluppo della Medicina Veterinaria in Albania e nell’area dei Balcani e l’altra per i contributi scientifici maturati in un contesto socio-economico molto difficile, instabile e complesso, ma che tuttavia hanno avuto un valido riconoscimento testimoniato da incarichi di prestigio attribuitigli sia in campo nazionale che internazionale. Queste in intesi sono le motivazioni per le quali il Dipartimento di Medicina veterinaria e l’Ateneo di Perugia hanno deciso di conferire il riconoscimento accademico al Ministro del governo albanese.


Edmond Panariti è nato a Tirana nel 1960, ha studiato Medicina Veterinaria laureandosi all’Università di Agricoltura di Tirana nel 1984. Ha conseguito il PhD nel 1993, professore associato dal 1996 e professore ordinario di Tossicologia dal 2000. Ha approfondito i suoi studi in Svizzera, Stati Uniti e Germania. E’ membro del “Socialist Movement for Integration” dal 2004. Eletto nella Municipalità di Tirana nel 2011, è stato vicesindaco dal luglio 2011 a luglio 2012. Ministro degli Esteri dal 3 luglio 2012 al 3 aprile 2013, periodo in cui è stato anche Chairman del Comitato dei Ministri Europei al Consiglio d'Europa. E' Ministro dell’Agricoltura albanese dal 31 luglio 2013.

Perugia, 20 ottobre

Workshop sull’etichettatura dei prodotti alimentari nell’Aula Magna di Medicina Veterinaria

Perugia, venerdì 23 ottobre 2015

L’etichettatura dei prodotti alimentari” è il titolo del workshop che venerdì 23 ottobre si svolgerà nell’Aula Magna di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia.  L’incontro di studi ha come obiettivo di rendere i produttori sempre più responsabili e i consumatori sempre più consapevoli.

“Al centro del seminario – sottolinea il professor Beniamino Cenci Goga, docente di Medicina Veterinaria dell’Ateneo perugino e promotore dell’evento scientifico – oltre alla responsabilità degli operatori della filiera e al disciplinare sugli aspetti sanitari c’è la provenienza delle materie prime, con riferimenti nutrizionali e salutistici. Sottoporremo all’attenzione dei partecipanti l’esperienza dell’avvocato Dario Dongo e del dottor Luigi Mancini de “Il fatto alimentare”, che sono tra i massimi esperti in tema di diritto agroalimentare. Sarà un confronto a tutto campo sulle attività a garanzia della qualità dei prodotti alimentari e della salute del consumatore”.

La giornata di studi, che si inserisce all’interno del Master in Sanità pubblica veterinaria e igiene degli alimenti del Dipartimento di Medicina veterinaria di Perugia, è promossa in collaborazione con l’Associazione veterinaria Veterinari Igienisti e con la Società Italiana di Medicina veterinaria preventiva.

Il workshop si aprirà con l’intervento del professor Beniamino Cenci Goga, responsabile scientifico del Master SPVIA. Interverranno, inoltre, il dottor Giuseppe Doliana, la consulente Antonella Leo, la veterinaria Elisabetta Bigliazzi, oltre all’avvocato Dongo e al dottor Mancini.

L’evento è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri, Regione Umbria, Comune Camera di Commercio di Perugia.

Perugia, 16 ottobre

Firmato Protocollo d’intesa per visite guidate degli studenti, presentato il nuovo Polo Museale, più grande dell’Umbria

Presentato stamani, nell’Aula Magna di Agraria, il progetto ‘Polo Museale Umbria’, messo a punto dall’Ateneo, in collaborazione con  la Fondazione per l’Istruzione Agraria, l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria e la Conferenza Episcopale Umbra.

Il Magnifico Rettore Franco Moriconi, intervenuto anche in qualità di Presidente della Fondazione per l’Istruzione Agraria, ha evidenziato l’importanza di questo progetto che avvicina ancora di più l’Università alla scuola.

“Dal mio insediamento alla guida dell’Ateneo – ha detto – abbiamo fatto di tutto per riprendere contatti diretti con il territorio, che erano stati interrotti bruscamente. La collaborazione con la realtà scolastica umbra è un’opportunità importante sotto numerosi aspetti, non ultimo quello di avviare, tempestivamente, un’attività condivisa di orientamento già con gli alunni più piccoli. Il progetto del polo museale, inoltre, è un’ iniziativa fondamentale per valorizzare il patrimonio storico, culturale, artistico e monumentale in possesso dell’Università e della Fondazione Agraria. Di questo va dato il merito alla professoressa Cristina Galassi, Direttore del C.A.M.S., che ha avuto l’idea e, con amore e determinazione, l’ha portata avanti. Saluto anche don Riccardo Pascolini, responsabile del Coordinamento degli Oratori della Conferenza Episcopale Umbra, che ha preso il posto nella chiesa dell’Ateneo del compianto don Elio Bromuri recentemente scomparso”.

“L’accordo di oggi – ha spiegato la prof. Galassi – viene a colmare un grande vuoto con la  creazione di un polo museale, il più grande dell’Umbria, che apre prospettive di notevole sviluppo. Innanzitutto consente di facilitare l’accesso degli studenti e del grande pubblico ai musei di valore artistico e scientifico, come il complesso monumentale di San Pietro gestito dalla Fondazione Agraria e le raccolte dell’Ateneo a Casalina (la Galleria di Storia Naturale, la Galleria di Matematica e il Museo di Storia dell’Agricoltura). Un contributo molto importante che è mirato al duplice obiettivo di promuovere la conoscenza della storia del territorio e valorizzare l’identità dell’Umbria. Il progetto – ha concluso la direttrice del Cams -, oltre a questi scopi, ha l’obiettivo di creare una ‘Scuola del Museo’ che è il sottotitolo del ‘Polo Museale’”.

Domenico Petruzzo, dirigente dell’Ufficio Scolastico regionale per l’Umbria, ha sottolineato il valore del progetto: “Inizialmente mi ha visto in un atteggiamento di attesa e ora, convinto come sono della sua validità, molto determinato a portarlo avanti in stretta collaborazione con tutti gli altri soggetti coinvolti. Ho potuto rilevare, infatti, che le visite guidate dei nostri studenti ai musei saranno un passaggio importante degli obiettivi di arricchimento didattico indicati dal Miur”.

Don Riccardo Pascolini, responsabile del Coordinamento degli Oratori della Conferenza Episcopale Umbra, è intervenuto in rappresentanza del Cardinale Gualtiero Bassetti, trattenuto a Roma perché impegnato nei lavori del Sinodo, ha sottolineato il ruolo degli oratori nel veicolare i ragazzi verso i musei anche nel periodo estivo.

Il dottor Paolo Calistroni della Sulga, infine, ha portato la piena disponibilità della sua società, che praticherà prezzi di favore nel trasporto degli alunni dalle scuole ai musei e ritorno, azienda già impegnata a fianco dell’Ateneo con agevolazioni tariffarie per gli studenti universitari e loro familiari nelle corse di bus extraregionali.

Al termine è stato firmato il protocollo d’intesa che dà il via al progetto del Polo Museale. Hanno siglato il documento  Magnifico Rettore,  Dirigente dell’Ufficio scolastico, Direttore del Cams e responsabile del coordinamento degli Oratori.

Alla cerimonia hanno assistito in Aula Magna alcuni alunni di scuole primarie e secondarie di Perugia che, al termine, sono stati accompagnati in una visita al complesso monumentale di San Pietro, guidata da laureate e dottorande del corso di laurea in Beni culturali dell’Ateneo perugino.

firma

tavolo 3

tavolo 4

GalassiMoriconi

pubblico

Perugia, 16 ottobre

La Giornata dell’Alimentazione a San Pietro, consegnati i premi alla carriera per 5 laureati in Agraria a Perugia 

L’Aula Magna del Complesso Monumentale di San Pietro ha ospitato questa mattina la “Giornata Mondiale dell’Alimentazione”, celebrata in tutto il mondo in collaborazione con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO).

E’ stata organizzata da Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali e dal Centro Europe Direct Umbria CeSAR.

Il tema di quest’anno è la conservazione e il miglioramento della fertilità dei suoli agricoli, base naturale della produzione agricola, purtroppo compromessi e desertificati per decine di milioni di ettari. Sono molte le cause che concorrono alla perdita di fertilità: pratiche agricole inadatte, disboscamento eccessivo, sovraccarico di bestiame, acque salmastre e tecniche irrigue sbagliate, monocultura, assenza di terrazzamenti, mancanza di titoli di proprietà o almeno di possesso garantito per un lungo periodo. A queste cause si aggiunge poi il cambiamento climatico, con aspetti solo apparentemente contrastanti: piogge violentissime che spazzano via il terreno, specialmente sulle aree collinari e montane, venti caldi e secchi che asciugano ogni cosa e facilitano incendi devastanti. Il deterioramento dei suoli aggrava la povertà rurale e in molti paesi spinge le popolazioni a spostarsi, con fenomeni di migrazione interna, oppure verso le città, o verso altri paesi. Il degrado dei suoli è anche causa di conflitti fra le famiglie, fra le etnie, aggrava la povertà urbana e appesantisce bilanci pubblici spesso già molto fragili.

I lavori sono stati aperti dal saluto del Rettore Franco Moriconi e dagli interventi dei professori Francesco Tei, direttore del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, e Fabio Maria Santucci, delegato per la cooperazione internazionale che hanno evidenziato il significato dell’iniziativa.

Hanno partecipato inoltre Ronald Vargas (Fao-Roma) e Alberto Agnelli; è stato letto il messaggio di José Graziano da Silva, direttore generale della Fao a Roma.

Sono stati infine premiati, con la consegna di targhe alla carriera, cinque ex studenti della Facoltà di Agraria di Perugia: professor Vittorio Cacchione, laureato nell’anno accademico 1969/70, insegnante e preside di istituti tecnici agrari; dottor Domenico Antonio Colombo (laureato nell’a.a. 1973/74), già funzionario e alto dirigente della Regione Umbria; dottor Adelmo Lucaccioni (a.a. 1967/68) specialista di patologia vegetale, già funzionario del Ministero e poi della Regione Umbria; professor Mario Quici (a.a. 1970/71), esperto di nutrizione animale e preside di istituti tecnici; dottor Enrico Sciascia, esperto di nutrizione animale, tecnico e dirigente delle società mangimistiche Petrini e Mignini.

Santucci

Santucci 2

Perugia, 15 ottobre

Tanti giovani in Aula Magna per  l’ ‘International Welcome Day’, ad accoglierli il Rettore Moriconi: “Dovete sentirvi come a casa”. Sono soprattutto le donne a scegliere di studiare all’estero 

Gli studenti stranieri che hanno scelto l’Università degli Studi di Perugia per trascorrere un periodo di studio grazie al programma Erasmus sono stati accolti, questa mattina, a Palazzo Murena, sede centrale dell’Ateneo, dal Rettore Franco Moriconi.

L’”International Welcome Day”, giornata di accoglienza organizzata dall’ufficio Relazioni internazionali, ha visto la presenza, oltre che del Rettore, di Leonardo Varasano, presidente del Consiglio comunale di Perugia, dei professori Elena Stanghellini, delegato per le relazioni internazionali dell’Ateneo, Maura Marinozzi,  di Luigi Russi, direttore del Centro Linguistico d’Ateneo. Cerimonia aperta da un momento musicale del Coro dell’Ateneo, diretto da Marta Alunni Pini.

“L’accoglienza è una peculiarità della città e del nostro Ateneo – ha sottolineato il professor Moriconi rivolgendosi alla platea cosmopolita -; un’Università antica, come quella di Perugia, ma giovane nello spirito e che guarda al domani puntando anche sull’internazionalizzazione. La presenza qui di giovani di altri Paesi e, al contempo, le esperienze all’estero di nostri studenti, rafforzano quello scambio di idee, il confronto che sono fondamentali per la crescita delle Nazioni. Auspica che questa permanenza vi faccia migliorare sul piano scientifico e didattico, ma anche su quello umano, delle amicizie, dell’incontro con gli altri. Sono a vostra disposizione al pari dell’intero Ateneo: dovete sentirvi come a casa vostra”.

La professoressa Stanghellini ha presentato poi l’Ateneo perugino con i suoi corsi, la città di Perugia e l’Umbria in generale, con le opportunità che offrono a chi vi studia e soggiorna.

“La mobilità studentesca, nell’anno accademico 2014-2015, è aumentata di oltre 100 unità fra giovani in entrata, che sono 519,  in uscita, pari a 616 – ha sottolineato la professoressa Stanghellini -; anche la mobilità dei docenti e del personale non docente ha conosciuto un incremento di partecipazione. Per quanto riguarda il 2015-2016 i dati sono ancora provvisori e quindi destinati ad aumentare, con 426 giovani in entrata e 577 in uscita. I giovani stranieri che hanno scelto Perugia per studiare sono in prevalenza donne. La stragrande maggioranza degli Erasmus incoming vengono dalla Spagna, seguita da Turchia e Germania, per un totale di una quarantina di Paesi rappresentati. I dipartimenti che  vedono il più alto numero di studenti sono quelli di Medicina, di Lettere – Lingue, letterature e civiltà antiche e moderne, di Economia, di Farmacia”.

Leonardo Varasano, presidente del Consiglio comunale di Perugia, ha portato il benvenuto a nome della Città, da sempre abituata ad accogliere gli studenti, sottolineando il valore formativo, a tutto tondo, dell’esperienza Erasmus. “E’capace – ha evidenziato -, come è emerso da studi,  di apportare vantaggi per il lavoro, per la personalità dei giovani, per aumentare il sentimento europeo”.

Maura Marinozzi,  ideatrice, lo scorso anno, del  concorso fotografico “Perugia lasciati ricordare”, ha presentato la seconda edizione dell’iniziativa, riservata agli studenti che trascorrono un periodo di studio nel capoluogo umbro. “Avranno l’opportunità di partecipare con fotografie – ha spiegate – dedicate al loro soggiorno a Perugia. La prima edizione, caratterizzata anche da una mostra finale e da premi, ha ottenuto un significativo successo che puntiamo a ribadire”.

Il direttore del Centro linguistico d’Ateneo, Luigi Russi, infine, ha illustrato  ‘Cine-Cla’, programma messo a punto per facilitare l’apprendimento delle lingue mediante la visione di film in lingua originale. Si comincia domani, venerdì 16 ottobre, alle 14, al Cla, con la proiezione del film “Crash”. “‘Cine-Cla’ – ha spiegato Russi - è un cineforum a cadenza bisettimanale, con pellicole in lingua originale e con un filo conduttore, che per questa prima serie sarà la solidarietà”.

La cerimonia si è conclusa con la consegna dei diplomi di lingua italiana agli studenti incoming che hanno frequentato i corsi al Centro Linguistico d’Ateneo.

Al termine, dopo un momento conviviale nei giardini del Rettorato, gli studenti stranieri sono stati accompagnati, in visita guidata, alla città di Perugia.

Moriconi e tavolo 2

aula 5

IngressoMoriconi e tavolo

Russi Varasano Stanghellini

Varasano Stanghellini 2

Marinozzi

Russi

Perugia, 15 ottobre

Laurea honoris causa a Edmond Panariti, Ministro dell’Agricoltura dell’Albania - Perugia, giovedì 22 ottobre 2015, alle ore 11.30

Solenne cerimonia, giovedì 22 ottobre 2015, alle ore 11.30, nell’Aula Magna della Sede centrale dell’Università degli Studi di Perugia. Il Magnifico Rettore Franco Moriconi conferirà la Laurea Magistrale “honoris causa” in Medicina Veterinaria a Edmond Panariti, Ministro dell’Agricoltura, Sviluppo Rurale e Risorse Idriche del Governo della Repubblica di Albania

Edmond Panariti è nato a Tirana nel 1960. Ha studiato Medicina Veterinaria laureandosi all’Università di Agricoltura di Tirana nel 1984. Ha conseguito il PhD nel 1993, professore associato dal 1996 e professore ordinario di Tossicologia dal 2000. Ha approfondito i suoi studi in Svizzera, Stati Uniti e Germania. E’ membro del “Socialist Movement for Integration” dal 2004. Eletto nella Municipalità di Tirana nel 2011, è stato vicesindaco dal luglio 2011 a luglio 2012. E stato Ministro degli Esteri dal 3 luglio 2012 al 3 aprile 2013, periodo in cui è stato anche Chairman del Comitato dei Ministri Europei al Consiglio d'Europa. E' Ministro dell’Agricoltura albanese dal 31 luglio 2013.

Perugia, 14 ottobre

La Giornata dell’Alimentazione chiude la Settimana internazionale dell’Università di Perugia 

Venerdì 16 ottobre 2015 è l’ultimo giorno dell’intenso programma della Settimana Internazionale dell’Università di Perugia, iniziativa promossa per condividere con studenti, personale dell’Ateneo e degli altri centri di ricerca operanti in Umbria e con il grande pubblico, alcune delle attività di ricerca, di alta formazione e di trasferimento tecnologico che i 16 Dipartimenti stanno realizzando in collaborazione con altre università estere. 

Venerdì, nell’Aula Magna di San Pietro, alle ore 11.30,  si tiene la tradizionale “Giornata Mondiale dell’Alimentazione”, celebrata in tutto il mondo in collaborazione con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO). Quest’anno è dedicata al problema della conservazione della fertilità dei suoli.

I lavori verranno aperti dai saluti del Rettore Franco Moriconi e dei professori Francesco Tei, direttore del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, e Fabio Maria Santucci, delegato per la cooperazione internazionale.

Seguiranno gli interventi di Alberto Agnelli e Ronald Vargas, successivamente la lettura del messaggio di José Graziano da Silva, direttore generale della Fao a Roma.

Alle 12.50 è prevista la premiazione di 5 laureati dell’ex Facoltà di Agraria di Perugia, over 65 anni, che si sono distinti nella vita professionale.

Infine, l’ultimo evento della Settimana, con la proiezione del film “Crash” , alle ore 14, presso il Centro Linguistico d’Ateneo, che inizia così un’attività del tutto nuova, il CINE_CLA: un cineforum a cadenza bisettimanale, con pellicole in lingua originale e con un filo conduttore, che per questa prima serie sarà la “solidarietà”.

Perugia, 14 ottobre

A Palazzo Bernabei, il 43°convegno di studi francescani “Pietro di Giovanni Olivi frate minore” - Assisi, 16 – 18 ottobre 2015   

Palazzo Bernebei, ad Assisi, ospiterà, da venerdì 16 a domenica 18 ottobre 2015 il convegno  “Pietro di Giovanni Olivi frate minore”, 43° appuntamento promosso dalla Società Internazionale di Studi Francescani con il Centro interuniversitario di Studi Francescani che vede insieme gli Atenei di Perugia, Chieti, L’Aquila, Macerata, Milano Statale, Milano (Sacro Cuore), Napoli (Federico II), Padova, Roma Tre e Verona.

La seduta inaugurale, alle ore 15, di venerdì 16 ottobre, sarà aperta dai saluti istituzionali. Seguiranno le comunicazioni di Jacques Chiffoleau (EHESS, CIHAM-UMR Lyon) e Clément Lenoble (CNRS, CIHAM-UMR Lyon) sul tema “Frati Minori nelle società di Provenza e Linguadoca ai tempi dell’Olivi”; Tiziana Suarez Nani (Université de Fribourg Suisse) “Il profilo intellettuale di Olivi e il progetto di una ‘filosofia spirituale’“, Fortunato Iozzelli (Pontificia Università Antonianum, Roma) “Aspetti dell’esegesi biblica di Pietro di Giovanni Olivi”.

Perugia, 13 ottobre

Protocollo d’Intesa sul nuovo Polo Museale. La firma nell’Aula Magna di Agraria

Perugia, venerdì 16 ottobre 2015 – ore 11

Nasce un grande Polo Museale in Umbria per iniziativa della Fondazione per l’Istruzione Agraria in Perugia, il Centro di Ateneo per i Musei Scientifici (C.A.M.S.) dell’Università degli Studi di Perugia, l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria e il Coordinamento Oratori della Conferenza Episcopale Umbra. Il Protocollo d’intesa che avvia tale collaborazione verrà firmato venerdì 16 ottobre 2015, alle ore 11, nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali.

Obiettivo dell’intesa è l’attuazione di un ampio programma di visite guidate e laboratori didattici per studenti di ogni ordine e grado presso il complesso monumentale di San Pietro in Perugia e nelle strutture museali gestite dal C.A.M.S. a Perugia e a Casalina di Deruta.

Alla firma interverranno il Magnifico Rettore Franco Moriconi, nella sua qualità di Presidente della Fondazione per l’Istruzione Agraria; Domenico Petruzzo, Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria; Cristina Galassi, Direttore del C.A.M.S.; don Riccardo Pascolini, responsabile del Coordinamento degli Oratori della Conferenza Episcopale Umbra. Sarà, inoltre, presente Paolo Calistroni, per la società Sulga.

Durante l’incontro verranno illustrate le proposte e le modalità di accesso per studenti e cittadini a questo grande Polo Museale integrato e multidisciplinare, creato mettendo insieme le risorse e le strutture dei due Enti (Fondazione e Università): con un unico biglietto si potrà accedere alla più ampia e variegata offerta culturale del’Umbria, nella quale si intrecciano arte, scienza e territorio (inteso come ambiente, agricoltura, alimentazione).

Perugia, 13 ottobre

International Welcome Day

Perugia (Aula Magna dell’Ateneo), giovedì 15 ottobre 2015 

Giornata di accoglienza degli studenti stranieri all’Università degli Studi di Perugia.

‘International Welcome Day’, è l’evento organizzato dall’ufficio Relazioni internazionali dell’Ateneo, in programma giovedì 15 ottobre nell’Aula Magna di Palazzo Murena, sede centrale dell’Università.

Dopo il benvenuto musicale ai giovani ospiti, ore 11,30, del Coro dell’Ateneo, diretto da Marta Alunni Pini, interverrà il Magnifico Rettore Franco Moriconi; a seguire Leonardo Varasano, presidente del Consiglio comunale di Perugia, che porterà il saluto della Città.

Quindi, interverrà Elena Stanghellini, Delegato per le relazioni internazionali dell’Ateneo, mentre Maura Marinozzi presenterà il 2° Concorso fotografico “Perugia lasciati ricordare”.

Il direttore del Centro linguisti d’Ateneo, Luigi Russi, presenterà ‘Cine-Cla’, programma messo a punto per facilitare l’apprendimento delle lingue mediante la visione di film in lingua originale.

La cerimonia si concluderà con la consegna dei diplomi di lingua italiana.

Al termine gli studenti stranieri saranno accompagnati in una visita guidata alla città di Perugia.

Sono già oltre 300 gli studenti e le studentesse arrivate a Perugia per il primo semestre, da oltre 30 paesi, ed altrettanti quelli già partiti. A costoro se ne aggiungeranno altri nel corso dell’anno accademico.

Perugia, 13 ottobre

Il Dipartimento di Filosofia, Scienze sociali, umane e della formazione presenta accordi e attività Internazionali in un incontro a Palazzo Florenzi

Il Dipartimento di Filosofia, Scienze sociali, umane e della formazione (Fissuf) giovedì 15 ottobre 2015, alle ore 15, a Palazzo Florenzi (Aula Tesi) a Perugia, terrà un incontro per la presentazione delle attività internazionali.

I docenti del dipartimento, responsabili di attività internazionali, presenteranno i numerosi accordi di collaborazione nel campo della ricerca e della didattica attivi sia con paesi europei che extraeuropei. Il quadro che verrà presentato metterà in luce la ricchezza delle relazioni stabilite, in campi specifici di studio del Dipartimento, particolarmente  apprezzati presso prestigiosi partner e atenei stranieri in posizioni di prestigio nelle graduatorie internazionali. Molti di questi accordi sono con sedi asiatiche e del Nord e Sud America oltre che con paesi della Federazione Russa e dell'Europa orientale. 

Tra le possibilità offerte per studenti saranno evidenziati i sei percorsi per il conseguimento del doppio titolo di Laurea con Atenei stranieri (IUS-Sophia, Tolosa, Siviglia, La Coruña). A completare l'offerta di Fissuf, un'ampia rete di scambi Erasmus sia per studenti che per docenti.

Una parte centrale delle attività Internazionali del Dipartimento sono gli accordi di ricerca con atenei e partner istituzionali. In queste azioni spiccano le intese con le più rilevanti Università brasiliane impegnate con il FISSUF a diverso titolo per la ricerca e la didattica in ambiti Filosofici, Psicologici e Antropologici.

Docenti del dipartimento sono anche responsabili e coordinatori di importanti azioni all'interno di progetti europei, finanziati dalla UE, nei programmi Leonardo, Comenius, Erasmus+, R.A.D.A.R.

Nel corso della giornata sono previsti collegamenti con docenti stranieri: il prof. E. Gabellieri dell’Università di Lione, la prof.ssa M. C. Bingemer della Università PUC di Rio de Janeiro. Sarà invece presente a Perugia il prof. Ali Ait Abdelmaleck dell'Università di Rennes 2, direttore del capsule  nonché delegato per la sicurezza della Bretagna.

 

Perugia, 13 ottobre

L’Ateneo di Perugia secondo classificato nel “Ferrero Hazelnut Award Contest”, prestigioso concorso internazionale per ricerche sulle nocciole

L’Università di Perugia ha ottenuto il secondo posto nel "FERRERO HAZELNUT AWARD CONTEST", riconoscimento che mira a finanziare e migliorare la ricerca e l'innovazione nel settore delle nocciole in tutti i suoi aspetti. La proclamazione dei vincitori si è svolta a EXPO Milano 2015, fra i tre finalisti  selezionati (su un totale di 46) e valutati da una commissione scientifica indipendente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, coordinata dal professor Lorenzo Morelli, Presidente della Facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali.

Il progetto proposto dall’Università di Perugia -  Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari, Ambientali, dal titolo "New cultivation system for more profitable and sustainable Hazelnut growing" (“Nuovi sistemi di coltivazione per una corilicoltura produttiva e sostenibile” (acronimo HAZELNUT GROWING 2.0) , è stato messo a punto dai dottori Daniela Farinelli e Sergio Tombesi, nella loro attività di ricerca.

Il primo premio di 150.000 euro è stato vinto dall’Instituto de Investigaciones Agropecuarias, INIA Carillanca, Cile (dott. Miguel Ellena), con il progetto "Improvement hazelnut production incorporating novel technologies for the most important world production areas".  Secondo l’Ateneo di Perugia (che ha avuto 5.000 euro)  mentre il terzo posto è andato all’Institut de Recerca i Tecnologias Agroalimentàries, Torre Marimon, Caldes de Montbui, Spagna (dott.ssa Mercé Rovira) in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DISAFA) dell'Università degli Studi di Torino (prof. Roberto Botta) e con il Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (SAF) dell'Università degli Studi di Palermo (Italia) (prof.ssa Maria Antonietta Germanà) , con il progetto "Developing a modern hazelnut industry by innovative crop technology and plant material", che ha ricevuto 5.000 euro.

Il premio lanciato da Ferrero Hazelnut Company ha lo scopo di sviluppare su scala globale il settore corilicolo,  ponendosi come attore di riferimento per l'innovazione, le buone pratiche agricole e la sostenibilità territoriale". Hanno partecipato dottorandi e ricercatori di
università, istituti di ricerca e di formazione no profit di tutto il mondo, presentando progetti
relativi al miglioramento, all'innovazione, alla sostenibilità e a nuove strategie per lo coltivazione delle nocciole.

“Un riconoscimento importante - sottolineano i ricercatori perugini Farinelli e Tombesi - considerando che l’Umbria non è una regione in cui si coltiva nocciolo su larga scala. Tale situazione non è dovuta a cause tecniche, come dimostra il fatto che presso i laboratori didattici–sperimentali del DSA3 il nocciolo viene studiato da decenni e i ricercatori hanno ottenuto 6 nuove varietà di nocciolo, tra le quali la Tonda Francescana con brevetto europeo”.

Il progetto dell’Ateneo di Perugia nasce dalla considerazione che in Turchia, primo paese produttore al mondo di nocciole, seguito a distanza dall’Italia, la coltivazione del nocciolo è attuata con costosi sistemi tradizionali che non riescono a far fronte alla sempre crescente la domanda di nocciole da parte dell’industrie dolciarie. Inoltre, negli ultimi anni è in forte aumento la richiesta di nocciole “salubri” cioè con un basso contenuto in aflatossine, e prodotte con sistemi “sostenibili”, sia dal punto di vista etico che ambientale, per rispondere sia agli standard commerciali internazionali che a quelli qualitativi. 

Farinelli Tombesi

Daniela Farinelli e Sergio Tombesi  

Perugia, 13 ottobre

Seminario di geografia antica

Perugia, 15 – 16 ottobre 2015 

Il quinto seminario di Geographia Antiqua, sul tema  “Historia periodiké. Costruzione e decostruzione della cartografia tolemaica”, si tiene a Perugia giovedì  15 e venerdì 16 ottobre  nella Sala delle Adunanze di Palazzo Manzoni - Dipartimento di Lettere, lingue, Letterature e Civiltà Antiche e Moderne.

I lavori saranno aperti, alle ore 9 di giovedì, da Pietro Janni su “Tolomeo, uno ‘sconfitto dalla storia’?”.

Seguiranno gli interventi di Klaus Geus, Pascal Arnaud, Philipp Seubert, Silvia Panichi.

La giornata di venerdì 16 ottobre vedrà le comunicazioni di Didider Marcotte, Arthur Haushalter e Francesco Prontera, dell’Università di Perugia.

Nella storia della scienza la cartografia greco-romana si identifica con la geografia astronomica e richiama subito l’attività di Eratostene e Claudio Tolemeo. La “Guida al disegno della terra” di quest’ultimo segna il culmine di una lunga tradizione di studi, che nel clima dell’umanesimo europeo conoscerà un nuovo inizio.

Al centro di questo seminario sta l’idea secondo cui la storia antica non alimenta solo l’ampliamento degli orizzonti geografici, ma orienta anche la loro rappresentazione, mentale e cartografica. Non si tratta di svalutare il relativo progresso della geografia ‘scientifica’ da Eratostene a Tolomeo, ma di capire concretamente l’interazione fra l’esiguità dei punti fissati grazie a rilevamenti astronomici e la molteplicità dei ‘punti di riferimento’ selezionati dalla geografia pratica in una dimensione topografica, regionale e sovra regionale.

Perugia, 12 ottobre 

La Settimana internazionale dell’Università dal 13 al 16 ottobre eventi di scienza e di alta formazione 

Domani, martedì 13 ottobre prende il via all’Università gli Studi di Perugia la Settimana Internazionale.

Quattro giorni, fino a venerdì, di eventi per condividere con studenti, personale dell’Ateneo e degli altri centri di ricerca operanti in Umbria e con il grande pubblico, alcune delle tante attività di ricerca, alta educazione e trasferimento tecnologico che si svolgono nell’Ateneo.

Nell’ambito dell’iniziati viene riproposta a Palazzo Murena la mostra fotografica “Perugia lasciati ricordare” con una selezione delle migliori fotografie scattate da studenti “incoming”, ovvero che hanno trascorso un periodo di studio o di tirocinio nell’Ateneo nell’anno accademico 2014/2015.

Martedì 13 ottobre, primo appuntamento al Dipartimento di Ingegneria  civile ed ambientale, con un convegno multidisciplinare sulle ricerche e attività di alta educazione realizzate in collaborazione con istituzioni israeliane, cui segue un seminario sull’internazionalizzazione della didattica e della ricerca al Dipartimento di  Economia.

Mercoledì 14 tre seminari: al Dipartimento di Medicina si parlerà di ricerca scientifica internazionale in cardiologia e delle sue ricadute nella pratica clinica; ad Agraria delle ricerche in campo olivicolo con università iraniane, e degli studi in corso di genetica animale con atenei dello Zululand, in Sud Africa. In contemporanea, il Dipartimento di Lettere ha organizzato un convegno, ricco di interventi, sulle ricerche internazionali passate e presenti.

Giovedì 15 ottobre, nell’Aula Magna dell’Ateneo, di mattina, “welcome day”, la giornata di benvenuto agli studenti di tutto il mondo – Erasmus e non Erasmus – con una performance del Coro dell’Università e la consegna dei certificati di conoscenza della lingua italiana.

Nel pomeriggio: convegno al Dipartimento di Filosofia, scienze sociali, umane e della formazione, sulle attività di ricerca in Italia e nel mondo; un seminario a Lettere sul “Libro antico spagnolo e l’Iberian Books Project”, e un seminario al polo di Medicina sulla ricerca internazionale in geriatria - dagli studi clinici alla clinica.

Venerdì 16 ottobre, nell’Aula Magna di San Pietro la “Giornata Mondiale dell’Alimentazione”, celebrata in tutto il mondo in collaborazione con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO). Quest’anno è dedicata al problema della conservazione della fertilità dei suoli.

L’ultimo evento è la proiezione del film “Crash” presso il Centro Linguistico d’Ateneo, che inizia così un’attività del tutto nuova, il CINE_CLA: cineforum a cadenza bisettimanale, con pellicole in lingua originale e con un filo conduttore, che per questa prima serie sarà la “solidarietà”. 

Perugia, 12 ottobre

Saranno illustrati al Dipartimento di Scienze agrarie i risultati delle ricerche in campo olivicolo svolte con Università della Repubblica islamica dell’Irani 

Perugia, 14 ottobre 2015 – ore 16

Al Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, nel corso della Settimana internazionale dell’Ateneo, giovedì 14 ottobre nell’Aula 4, alle ore 16, saranno illustrate le ricerche in campo olivicolo svolte con università dell’Iran.

Da due anni, infatti, è in corso una collaborazione scientifica tra l’Unità di ricerca di Colture arboree del Dipartimento di Scienze Agrarie, alcune istituzioni di ricerca iraniane. Nel 2013 una Delegazione della Repubblica Islamica dell’Iran, composta dall’ing. Aghaee (vice Ministro dell’Agricoltura della Repubblica Islamica dell’Iran), dott. Niaz Azari (membro del Parlamento Iraniano), S.E. Taghavi Motlagh (Ambasciatore e rappresentante presso la FAO) e Sig. Asghari (membro del Ministero dell’agricoltura iraniano), ha visitato il Dipartimento universitario di Perugia per valutare i progetti di ricerca di comune interesse. La Delegazione iraniana ha visitato, anche, gli oliveti e i laboratori in cui vengono condotte le prove sperimentali.

Successivamente, numerosi studenti, PhD e i ricercatori iraniani che hanno trascorso stage presso l’Unità di Ricerca di Colture Arboree del Dipartimento di Scienze agrarie, sotto la supervisione del prof. Primo Proietti

Perugia, 12 ottobre

I rapporti scientifici tra Università di Perugia e Israele illustrati domani in un Workshop al Polo di Ingegneria 

L’Università degli Studi di Perugia ha in corso una fitta rete di rapporti scientifici con Israele. Domani, martedì 13 ottobre 2015,  alle ore 10, nell'Aula Magna del Polo di Ingegneria dell'Ateneo perugino, si svolgerà un Workshop dal titolo “Cooperation Between the University of Perugia and The Israeli Scientific Institutions”.

L’incontro, che vuole illustrare le numerose cooperazioni attive tra alcuni Dipartimenti dell'Ateneo perugino e le più prestigiose istituzioni scientifiche Israeliane, è organizzato congiuntamente dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale e da quello di Medicina Veterinaria nell'ambito della Settimana internazionale dell’Università.

Ad aprire i lavori del Workshop interverranno: Magnifico Rettore Franco Moriconi, Sindaco di Perugia Andrea Romizi, Ministro Consigliere dell'Ambasciata di Israele in Italia Rafael Erdreich, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale A. Luigi Materazzi, il prof. Maurizio Monaci del Dipartimento di Medicina Veterinaria e il Presidente dell'Associazione Italia Israele di Perugia Maria Luciana Buseghin.

Successivamente verranno illustrati i rapporti di cooperazione fra l’Ateneo di Perugia e Israele; in particolare tra il Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale e il Technion, Israel Institute of Technology; tra il Dipartimento di Medicina Veterinaria e la Hachaklait Company; tra il Dipartimento di Economia e la Ben Gurion University of Negev; tra il Dipartimento di Lettere - Lingue, Letterature e Civiltà Antiche e Moderne e la Hebrew University of Jerusalem; tra il Dipartimento di Medicina e la Yazmonit Ltd.

Nel corso dei lavori, organizzati dai professori Annibale Luigi Materazzi (Dipartimento d’Ingegneria Civile ed Ambientale) e Maurizio Monaci     (Dipartimento di Medicina Veterinaria) sono previsti numerosi interventi di docenti dell'Ateneo di Perugia e di relatori provenienti dalle diverse istituzioni israeliane in collegamento audio-video in tempo reale, e testimonianze di studenti perugini attualmente in Israele nell’ambito dei programmi di scambio attivi.

Perugia, 12 ottobre

“Olduvai: la culla dell'umanità”, da domani la proiezione del documentario alla Galleria di Storia Naturale di Casalina

Il documentario “Olduvai: la culla dell'umanità”, dedicato all’evoluzione umana a partire dalla Rift Valley dell'Africa Orientale, sarà proiettato domani, martedi 13 e giovedi 15 ottobre 2015 nella Galleria di Storia Naturale dell'Università degli Studi di Perugia, a Casalina di Deruta.

L’iniziativa è organizzata nell’ambito della XXV Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica, promossa dal Miur, dal 12 al 18 ottobre 2015.

Le proiezioni, promosse dalla Scuola di Paleoantropologia di Perugia, dal Centro di Ateneo per i Musei Scientifici (CAMS), dal Dipartimento di Fisica e Geologia dell'Università degli Studi di Perugia e Soprintendenza Archeologica dell'Umbria, si svolgeranno alle ore 9/10/11/15/16/17 e sono a ingresso libero. Consentiranno di toccare con mano i calchi dei principali resti fossili di Ominidi “protagonisti” dell'evoluzione umana.

Le Gole di Olduvai

Perugia, 9 ottobre

Evento celebrativo per ricordare i 25 anni di Ingegneria nella città dell’acciaio

Terni, Polo Scientifico –Didattico - Lunedì 12 ottobre 2015 – ore 9

“I 25 anni della presenza di Ingegneria a Terni: dal passato un ponte per il futuro”, è l’evento promosso dall’Università degli Studi di Perugia, lunedì 12 ottobre, alle ore 9, nella sede del Corso di Laurea in Ingegneria Industriale (aula 3) - Polo Scientifico Didattico di Terni, in Strada di Pentima n. 6.

 
Una serie di interventi ricorderanno le tappe fondamentali che hanno caratterizzato a Terni la presenza Ingegneria: le attività di ricerca e i relativi riconoscimenti scientifici a livello nazionale e internazionale, le esperienze e i successi professionali dagli ingegneri usciti dai corsi di Terni e l’offerta formativa che nel corso degli anni si è evoluta, adattandosi alle necessità del territorio.

All’incontro, che avrà inizio alla ore 9, interverranno il Magnifico Rettore Franco Moriconi, il Sindaco di Terni  Leopoldo Di Girolamo, il Direttore Dipartimento di Ingegneria Giuseppe Saccomandi e Mario Fornaci, Presidente della Fondazione CARIT.

La storia del Corso di Laurea in Ingegneria a Terni sarà ricordata con un filmato che ripercorre l’evoluzione della sede di Ingegneria a Pentima, dalla sua inaugurazione nel 1991 come Ingegneria dei Materiali ad oggi.

José Maria Kenny, professore di Scienza e Tecnologia dei Materiali, terrà una relazione sul tema “Ingegneria a Terni”, mentre Federico Rossi, coordinatore dei Corsi di Laurea in Ingegneria Industriale, parlerà di “Ingegneria a Terni oggi e domani”.

Saranno presenti: Diego Guerri, ingegnere Lamborghini, e Dimitri Menecali, direttore Centro servizi Ast, entrambi soci dell’Associazione Alumni dell’Università degli Studi di Perugia.

La giornata si concluderà con una visita ai laboratori di ricerca del Polo scientifico didattico. 

Perugia, 9 ottobre

Nuove prospettive per l’apprendimento della matematica. Si conclude, domani a Casalina, AmareMatica

E’ in corso, al Polo Museale Universitario di Casalina di Deruta, “AmareMatica: amare la matematica”.

Domani, sabato 10 ottobre. Apertura dei lavori, ore 9.30, interverranno: Magnifico Rettore, Franco Moriconi, Gianluca Vinti, Direttore del Dipartimento Matematica e Informatica, Giorgio Faina, docente di Geometria – Dipartimento di Matematica e Informatica –, Domenico Petruzzo, Direttore - Ufficio Regionale Scolastico dell’Umbria.

Convegno internazionale “MiMa-Mathematics in the Making: quali risultati e quali prospettive per il futuro” (fino alle ore 13) Rocca di Casalina; alle 16 l’incontro “Il laboratorio di matematica: proposte editoriali e cinematografiche”, per illustrare le opportunità del metodo laboratoriale e il valore divulgativo degli Activity Book.

Interverranno inoltre Fausto Barbagli, Presidente dell' Associazione Nazionale Musei Scientifici(ANMS); Elena Corradini, Rete dei Musei Universitari; Simonetta Zuccaccia, Dirigente Istituto Comprensivo Perugia 3; Matelda Marinucci, Insegnante di Matematica Primaria di Tavernelle; Emanuela Ughi, Responsabile Scientifica progetto MiMa; Hilary Povey, Professor of Mathematics Education at Sheffield Hallam University e in qualità di moderatrice dei lavori Anna Martellotti, Delegato del Rettore per l’Orientamento dell’Università degli Studi di Perugia.

Al termine del convegno è prevista la visita guidata (ore 15:00/17:00) alla Galleria di Matematica che oltre a mostrare gli oggetti matematici della galleria e la matematica in essi nascosta, offrirà la possibilità ai partecipanti di apprezzare alcune mostre dei progetti MiMa realizzati dalle scuole di Foligno e di Passignano sul Trasimeno.

Il programma completo del convegno è disponibile su internet: http://www.unipg.it 

Perugia, 9 ottobre

Incontro al Dipartimento di Economia su “L’efficienza dei mercati interbancari: il caso dell’Euribor”

Perugia, 12 ottobre 2015, ore 10

Il  dipartimento di Economia e la Banca di Credito Cooperativo di Spello e Bettona hanno organizzato l’incontro “L’efficienza dei mercati interbancari: il caso dell’Euribor e gli effetti sui conti delle banche minori”, a Perugia, lunedì 12 ottobre 2015, alle ore 10, nell’Aula 1 del Dipartimento di Economia

Porteranno il saluto il Magnifico Rettore Franco Moriconi, Mauro Pagliacci,  direttore del Dipartimento di Economia e i rappresentanti della Bcc di Spello e Bettona.

L’introduzione e le conclusioni saranno del professor Loris Nadotti.

Interverranno  David Aristei e Manuela Gallo (“Analisi dei dati relativi all’andamento del tasso Euribor dal 2005 al 2015:la significatività del tasso interbancario e gli effetti sui tassi di interesse praticati dalle banche alla clientela”), Valeria Vannoni (“Andamento del tasso Euribor e conti economici delle banche minori”); discussant Giulio Tagliavini (Università di Parma) e  Cristiana Schena (Università degli Studi dell’Insubria).

L’EURIBOR (EURo InterBank Offered Rate) è il tasso interbancario di riferimento all’interno della Unione Economica Monetaria. Si tratta di un tasso di offerta a cui una primaria banca europea offre un deposito a termine interbancario ad un’altra primaria banca dell’euro zona, ad una precisa ora del giorno (le 11 a.m. ora di Bruxelles). L’Euribor, pertanto, misura il costo della raccolta sul mercato interbancario, ma può non corrispondere con il tasso effettivamente applicato alle transazioni interbancarie, essendo solo un tasso dichiarato e non praticamente applicato alle operazioni fra banche. Inoltre, il mercato interbancario e i tassi di interesse che su di esso si formano, sono fondamentali nel processo di trasmissione degli impulsi di politica monetaria all’economia reale, sia ai fini della stabilità finanziaria, sia dal punto di vista della stabilità dei prezzi

Perugia, 9 ottobre

I rapporti scientifici tra Università di Perugia e Israele illustrati in un Workshop al Polo di Ingegneria  

L’Università degli Studi di Perugia ha in corso una fitta rete di rapporti scientifici con Israele. Martedì 13 ottobre 2015,  alle ore 10, nell'Aula Magna del Polo di Ingegneria dell'Ateneo perugino, si svolgerà un Workshop dal titolo “Cooperation Between the University of Perugia and The Israeli Scientific Institutions”.

L’incontro, che vuole illustrare le numerose cooperazioni attive tra alcuni Dipartimenti dell'Ateneo perugino e le più prestigiose istituzioni scientifiche Israeliane, è organizzato congiuntamente dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale e da quello di Medicina Veterinaria nell'ambito della Settimana internazionale dell’Università.

Ad aprire i lavori del Workshop interverranno: Magnifico Rettore Franco Moriconi, Sindaco di Perugia Andrea Romizi, Ministro Consigliere dell'Ambasciata di Israele in Italia Rafael Erdreich, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale A. Luigi Materazzi, il prof. Maurizio Monaci del Dipartimento di Medicina Veterinaria e il Presidente dell'Associazione Italia Israele di Perugia Maria Luciana Buseghin.

Successivamente verranno illustrati i rapporti di cooperazione fra l’Ateneo di Perugia e Israele; in particolare tra il Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale e il Technion, Israel Institute of Technology; tra il Dipartimento di Medicina Veterinaria e la Hachaklait Company; tra il Dipartimento di Economia e la Ben Gurion University of Negev; tra il Dipartimento di Lettere - Lingue, Letterature e Civiltà Antiche e Moderne e la Hebrew University of Jerusalem; tra il Dipartimento di Medicina e la Yazmonit Ltd.

Nel corso dei lavori, organizzati dai professori Annibale Luigi Materazzi (Dipartimento d’Ingegneria Civile ed Ambientale) e Maurizio Monaci     (Dipartimento di Medicina Veterinaria) sono previsti numerosi interventi di docenti dell'Ateneo di Perugia e di relatori provenienti dalle diverse istituzioni israeliane in collegamento audio-video in tempo reale, e testimonianze di studenti perugini attualmente in Israele nell’ambito dei programmi di scambio attivi.

Perugia, 8 ottobre

25 anni di Ingegneria a Terni: un ponte verso il futuro

Lunedì 12 ottobre 2015 a Terni, nell’Aula 3 del Corso di Laurea in Ingegneria industriale si terrà una cerimonia per celebrare i 25 anni di attività di Ingegneria a Terni.

All’incontro, che avrà inizio alla ore 9, interverranno il Magnifico Rettore Franco Moriconi, il Sindaco di Terni  Leopoldo Di Girolamo, Mario Fornaci, Presidente della Fondazione CARIT,  Giuseppe Saccomandi, Direttore Dipartimento di Ingegneria.

La storia del Corso di Laurea in Ingegneria a Terni sarà ricordata con un filmato che ripercorre l’evoluzione della sede di Ingegneria a Pentima, dalla sua inaugurazione nel 1991 come Ingegneria dei Materiali ad oggi.

José Maria Kenny, professore di Scienza e Tecnologia dei Materiali, terrà una relazione sul tema:“Ingegneria a Terni”, mentre Federico Rossi, Coordinatore dei Corsi di Laurea in Ingegneria Industriale, parlerà di ‘Ingegneria a Terni oggi e domani’.

Interverranno, inoltre,  Diego Guerri, Ingegnere Lamborghini, e Dimitri Menecali, Direttore centro servizi Ast.

La giornata si concluderà con una visita ai laboratori di ricerca. 

Perugia, 8 ottobre

La Settimana internazionale dell’Università 

Perugia e sedi decentrate, 13 – 16 ottobre 2015

Dal 13 al 16 ottobre all’Università gli Studi di Perugia si svolgerà la Settimana Internazionale.

Quattro giorni di eventi per condividere con studenti, personale dell’Ateneo e degli altri centri di ricerca operanti in Umbria e con il grande pubblico, alcune delle tante attività di ricerca, di alta educazione e di trasferimento tecnologico che i 16 Dipartimenti dell’Ateneo stanno realizzando in collaborazione con altre università estere. La Settimana, coordinata dall’Area Relazioni Internazionali, prevede Convegni, Seminari, ed eventi di vario tipo, per dare spazio a diverse modalità di collaborazione internazionale.

Nell’ambito dell’iniziava viene riproposta a Palazzo Murena la mostra fotografica “Perugia lasciati ricordare” con una selezione delle migliori fotografie scattate da studenti “incoming”, ovvero che hanno trascorso un periodo di studio o di tirocinio nell’Ateneo durante l’anno accademico 2014/2015.

Martedì 13 ottobre, primo appuntamento al Dipartimento di Ingegneria  civile ed ambientale, con un convegno multidisciplinare sulle ricerche e attività di alta educazione realizzate in collaborazione con istituzioni israeliane, cui segue un seminario sull’internazionalizzazione della didattica e della ricerca al Dipartimento di  Economia.  Nella stessa giornata, a Narni si tiene un dibattito su “Identità e culture, tra territorio e professioni, comparazione tra Francia e Italia”, mentre a Perugia, al Dipartimento di Medicina Sperimentale, viene presentato il Centro d’eccellenza Jean Monnet su Diritti e Scienza, attivato grazie a un finanziamento dell’Unione Europea.

Mercoledì 14 sono previsti tre seminari: al Dipartimento di Medicina si parlerà di ricerca scientifica internazionale in cardiologia e delle sue ricadute nella pratica clinica; ad Agraria delle ricerche in campo olivicolo con università iraniane, e poi degli studi in corso di genetica animale con atenei dello Zululand, in Sud Africa. In contemporanea, il Dipartimento di Lettere ha organizzato un convegno, ricco di interventi, sulle ricerche internazionali passate e presenti.

Giovedì 15 ottobre, di mattina, presso l’Aula Magna dell’Ateneo è in programma il tradizionale “welcome day”, la giornata di benvenuto agli studenti di tutto il mondo – Erasmus e non Erasmus – con una performance del Coro dell’Università e la consegna dei certificati di conoscenza della lingua italiana. Sono già oltre 300 gli studenti e le studentesse arrivate a Perugia per il primo semestre, da oltre 30 paesi, ed altrettanti quelli già partiti. A costoro se ne aggiungeranno altri nel corso dell’anno accademico.

Nel pomeriggio sono previsti: convegno al Dipartimento di Filosofia, scienze sociali, umane e della formazione, sulle attività di ricerca in Italia e nel mondo; un seminario a Lettere sul “Libro antico spagnolo e l’Iberian Books Project”, ed un altro seminario al polo di Medicina sulla ricerca internazionale in geriatria - dagli studi clinici alla clinica.

Venerdì 16 ottobre, nell’Aula Magna di San Pietro  si tiene la tradizionale “Giornata Mondiale dell’Alimentazione”, celebrata in tutto il mondo in collaborazione con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO). Quest’anno è dedicata al problema della conservazione della fertilità dei suoli.

Infine, l’ultimo evento, con la proiezione del film “Crash” presso il Centro Linguistico d’Ateneo, che inizia così un’attività del tutto nuova, il CINE_CLA: un cineforum a cadenza bisettimanale, con pellicole in lingua originale e con un filo conduttore, che per questa prima serie sarà la “solidarietà”. 

Perugia, 8 ottobre

A Terni, cerimonia di chiusura del Festival della Spiritualità Teresiana. Il professor Stefano Zamagni terrà la Lectio Magistralis

Aula Magna del Dipartimento Economia, venerdì 9 ottobre 2015 – ore 16

Domani, venerdì 9 ottobre, alle ore 16, a Terni nell’Aula Magna del Dipartimento di Economia (in via Papa Zaccaria, 8-10) cerimonia di chiusura del Festival della spiritualità teresiana sul tema: “Teresa tra azione e contemplazione”.

Il Professor Stefano Zamagni (Università di Bologna) terrà la Lectio Magistralis su:  “Economia e teologia: un difficile connubio.  Tracce di ‘economia civile’ nel magistero

di Teresa?”.

La cerimonia sarà aperta con i saluti del Magnifico Rettore Franco Moriconi,  e gli interventi di Alessandro Montrone, coordinatore della sede di Terni del Dipartimento di Economia dell’Ateneo e di monsignor Giuseppe Piemontese, Vescovo di Terni-Narni-Amelia. L’assessore alla Cultura del Comune di Terni, Giorgio Armillei, porterà il saluto della città, mentre introdurrà i lavori la professoressa Cristina Montesi, dell’Università degli Studi di Perugia.

Il professor Stefano Zamagni è docente ordinario di Economia politica all’Università di Bologna (Dipartimento di Economia) e Adjunct Professor of International Political Economy alla Johns Hopkins University, Bologna Center. 

E’ lo scopritore della “Economia Civile”, una nuova corrente di pensiero economico, le cui radici storiche, tutte italiane, affondano nella tradizione benedettina e francescana e nell’Illuminismo milanese e napoletano, antitetica a quello dominante, che propugna una visione del mercato e dell’impresa fondata non sull’individuo, ma sulla persona, ovvero sull’individuo in relazione, basata sulla ricerca della felicità pubblica, anziché della ricchezza, incentrata sull’importanza del principio di reciprocità e del dono per il mercato.

Perugia, 7 ottobre

A Speciale Università”  la prof. Emanuela Ughi per parlare di “AmareMatica”, iniziative per scoprire la Matematica. Servizio sul concerto-spettacolo “A tavola con Rossini”

Domani, giovedì 8 ottobre 2015, alle ore 21.30, verrà trasmesso “Speciale Università”, la trasmissione dedicata all’Ateneo di Perugia, in onda su Tef Channel, canale 12 del digitale terrestre e condotta da Cristina Castellano.

Ospiterà la professoressa Emanuela Ughi che presenterà il programma delle attività previste all'interno dell'iniziativa “AmareMatica” che si terrà venerdì 9 e sabato 10 ottobre 2015 nel Polo Museale Universitario di Casalina.

Il servizio esterno riguarderà “A tavola con Rossini”, concerto-spettacolo tenutosi nel Complesso Monumentale di San Pietro, venerdì 2 ottobre 2015.

La trasmissione sempre giovedì 8 ottobre, sarà trasmessa anche sul canale 608 del digitale terrestre, ma alle ore 22.30.

La puntata sarà replicata su Tef Channel martedì 13 ottobre 2015, alle ore 19.25.

Perugia, 7 ottobre

Meeting internazionale ad Agraria in memoria del fisiologo Franco Magni

 Perugia, 8-9 ottobre 2015 

Meeting internazionale giovedì 8 e venerdì 9 ottobre nell’Aula Magna di Agraria, a Borgo XX Giugno a Perugia, nel corso del quale sarà ricordata la figura e l’opera del prof. Franco Magni, fisiologo italiano scomparso nel 2005, per molti anni docente ordinario dell’Università degli Studi di Perugia.

Il convegno sarà aperto in Aula Magna giovedì, alle ore 9,30 dal Magnifico Rettore Franco Moriconi e dall’intervento delle autorità accademiche. Si parlerà delle attività internazionali dell’Ateneo e in particolare del progetto “Medea”.

Alle 10 il prof. Lamberto Maffei terra una relazione sul “Sistema nervoso e l’ambiente”. La sessione pomeridiana sarà aperta (ore 15) dall’intervento della prof. Paola Bagnoli su “Franco Magni e la Fisiologia generale a Pisa: il contributo degli invertebrati alle Neuroscienze”. La prima giornata si chiuderà con la visita guidata dei convegnisti all’Orto medievale e alla Chiesa di  San Pietro.

La giornata di venerdì sarà dedicata alle Biotecnologie. Il primo intervento, sempre nell’Aula Magna di Agraria, è del prof. Munis Dundar, presidente di European Biotechnology Thematic Nework Association (EBTNA) che ha promosso il meeting. Tra gli interventi della giornata anche quello del prof. Fabio Veronesi, docente del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, e membro del Senato accademico dell’Ateneo di Perugia.

IL PROFILO

Franco Magni (Volterra 6 febbraio 1930-Perugia 29 luglio 2005) è stato un fisiologo italiano.Si è laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università di Pisa nel 1955 presentando una tesi sull’elettrofisiologia dell’occhio svolta presso l’Istituto di Fisiologia sotto la direzione di Giuseppe Moruzzi. Nel 1959-60 quale vincitore di una borsa della Fondazione Rockfeller frequenta come honorary fellow l’Istituto di Fisiologia della Australian National University diretto da Sir John Eccles dedicandosi a ricerche sulla inibizione presinaptica.

I risultati sono stati pubblicati sul Journal of Physiology nel 1960-61 ed hanno rappresentato la base per l’attribuzione del premio Nobel a John Eccles. Dopo il suo ritorno nell’Istituto di Fisiologia Umana dell’Università di Pisa ha esteso questa ricerca agli insetti pur continuando a lavorare sulla sostanza reticolare.

Le ricerche sugli insetti sull’analisi della funzione visiva dei ragni sono poi state estese ai meccanismi di lampeggiamento delle lucciole. In questo settore è riuscito a dimostrare la regolazione ormonale del lampeggiamento e la funzione biologica. Questa ricerca gli è valsa il premio dell’Accademia dei Lincei nel 1974.

Nel 1970, quale vincitore di concorso pubblico di Fisiologia Generale, è stato chiamato dalla Facoltà di Scienze dell’Università di Pisa. Nel 1978 è stato chiamato dalla facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Perugia a coprire la cattedra di Fisiologia Umana. In questo periodo si è occupato di studiare i meccanismi neuronali nelle sanguisughe ed ha iniziato una ricerca sull’innervazione vagale del fegato e la sua influenza sulle funzioni stesse.

Nel 1987 ha iniziato una nuova linea di ricerca concernente l’interazione del sistema nervoso con il sistema immune, in particolare ha studiato il controllo vagale sul rilascio dei linfociti da parte del timo. In ultimo si è occupato dei danni legati alla riperfusione del miocardio dopo ischemia studiando in particolare l’influenza dei radicali liberi e dell’ossido nitrico presente nelle cellule endoteliali sulla funzione miocardica e sul flusso coronarico. Inoltre ha coordinato il dottorato in Neurobiologia che in seguito alla presentazione del progetto al Ministero è diventato Dottorato Internazionale. Presidente della biblioteca della Facoltà di Medicina e

Chirurgia È stato coordinatore di diversi progetti europei nell’ambito del programma SOCRATES e del progetto “METE- Medical Assistance and Therapy” nell’ambito del programma Leonardo da Vinci.

È autore di 136 pubblicazioni prevalentemente su riviste internazional (molte di esse su Journal of Physiology) ed è autore di tre monografie dedicate all’elettrofiosiologia e alla fisiologia umana.

Franco Magni

Franco Magni

Perugia, 5 ottobre

Inaugurati Aule, laboratori e Uffici dopo il recupero degli ex Istituti Biologici 

Moriconi: “Un ateneo storico che è anche moderno e accogliente”

Gli studenti dei corsi di laurea afferenti ai due dipartimenti di Chimica, biologia e biotecnologie e di Scienze farmaceutiche frequentano le lezioni nelle nuove aule in via del Giochetto, che sono state inaugurate stamani dopo i lavori di ristrutturazione.

“Immaginavo che fosse una cosa buona – ha detto il Magnifico Rettore Franco Moriconi, dopo il taglio del nastro -; ora che ho potuto vederle di persona sono molto soddisfatto degli interventi di recupero realizzati e per le nuove e moderne attrezzature e tecnologie d’avanguardia di cui sono dotate le aule che possono accogliere i nostri studenti”.

Alla domanda del Rettore agli studenti su quanti di loro (circa un centinaio) provengono da fuori regione, hanno risposto, alzando la mano, quasi la meta dei giovani presenti.

“Tra gli aspetti importanti per i nuovi studenti, oltre alla qualità della didattica e della ricerca – ha detto il Rettore –, c’è anche la qualità e la funzionalità delle strutture universitarie, e qui in via del Giochetto, abbiamo un  esempio da seguire. Circa l’importanza dei servizi agli studenti, per i quali ci siamo impegnati a fondo in questi due anni di rettorato, il nostro Ateneo ha ottenuto riconoscimenti a livello nazionale, per due di essi in particolare: l’assistenza medico-sanitaria per gli studenti provenienti da fuori Umbria, gli stessi di cui usufruiscono i residenti e ‘Affitto Sicuro’, un accordo preso ad esempio anche da altri atenei. Un’università moderna per essere all’altezza dei tempi deve garantire le stesse opportunità a tutti gli studenti, a coloro che vengono da altre regioni ed anche ai diversamente abili. E’ un impegno gravoso che, tuttavia, vogliamo onorare fino in fondo”.

Sono poi intervenuti Benedetto Natalini, direttore del Dipartimento di Scienze farmaceutiche e Francesco Tarantelli, responsabile del  Dipartimento di Chimica, biologia e biotecnologie. “Abbiamo dato vita a un nuovo polo scientifico vitale per il futuro della carriera universitaria dei nostri studenti, grazie ad aule attrezzate e accoglienti di cui possono godere gli allievi di entrambi i dipartimenti – ha detto Tarantelli -. Quando, oltre alle aule, saranno completati anche i laboratori scientifici, avremo qui, nell’area recuperata degli ex Istituti biologici di via del Giochetto, un mix esemplare di dotazioni per la didattica e la ricerca”.

Nel ringraziare il Rettore Moriconi per aver accelerato gli interventi delle strutture oggi inaugurate, il prof. Natalini ha indicato i due principali obiettivi raggiunti: il completamento della prima fase del Piano di Ateneo che prevede il trasferimento in via del Giochetto delle strutture di scienze farmaceutiche, oltre che per chimica, biologie e biotecnologie e il secondo, aver rivitalizzato strutture universitarie. Ora, bisogna prestare attenzione all’aspetto sociale, in particolare con la realizzazione di strutture per la ristorazione e la ricreazione per gli studenti. L’ingegnere Fabio Piscini, dirigente della Ripartizione Tecnica dell’Ateneo, ha illustrato i dati degli interventi negli ex Istituti biologici iniziati nel 2012 e accelerati negli ultimi due anni. Oltre al pacchetto riguardante le aule e i laboratori sono stati recuperati spazi per gli uffici dove è stata trasferita la sede degli Uffici tecnici dell’Università che erano in via della Pallotta. Alla cerimonia sono intervenuti il Pro Rettore Fabrizio Figorilli e il Direttore generale dell’Ateneo Dante De Paolis.

Al termine il Rettore, accompagnato dalla professoressa Carla Emiliani, docente del dipartimento Chimica, biologia e biotecnologie, oltre che delegata al Diritto allo studio che ha seguito l’evoluzione dei lavori di ristrutturazione, ha guidato la visita ai locali recuperati.

SCHEDA TECNICA

Negli ultimi tre anni sono stati effettuati sei interventi sul piano terra nell’edificio A in via del Giochetto a Perugia, con un investimento dicirca un milione di euro.

Sono stati recuperati e ristrutturati circa 2.850 metri quadrati di spazi su un totale di 32.000 circa che hanno portato alla realizzazione di aule per complessivi 500 posti.

Sono stati ottenuti:

2 aule da 97 posti studente per ciascuna;

1 aula da 50 posti studente;

3 aule-sale riunioni da 25/30 posti;

5 laboratori di ricerca;

Laboratori didattici per 65 posti;

4 uffici/studi;

Un blocco per servizi igienici.

Ogni aula è dotata di un sistema di video-proiezione.

Le due aule da 97 posti, inoltre, sono dotate di un sistema di video-conferenza, vale a dire di un sistema di diffusione sonora e telecamere che permette la ripresa della lezione in una sala e la proiezione in contemporanea nell’altra, consentendo, in tal modo, di poter impartire una lezione in contemporanea a 200 studenti.  

aule giochetto 6 nastro

aule giochetto 13 tavolo

aule giochetto 10 scanni

aule giochetto 14 microscopio

Fabrizio Figorilli

aule giochetto 19 edificio

Perugia, 5 ottobre

AmareMatica -Iniziative per scoprire e amare la Matematica

Polo Universitario Museale (Casalina di Deruta)

Venerdì 9 e sabato 10 ottobre 2015 

Si terrà sabato 9 e domenica 10 ottobre 2015, al Polo Museale Universitario di Casalina di Deruta,  “AmareMatica: amare la matematica”, evento dedicato all’esplorazione di questa disciplina e della sua didattica attraverso le poliedriche potenzialità espressive e le sue innumerevoli applicazioni.

L’iniziativa, nata dall’esperienza di ricerca didattica della Prof.ssa Emanuela Ughi, è organizzata dal Centro di Ateneo per i Musei Scientifici (CAMS), fondato nella metà degli anni ‘90 per valorizzare e documentare il patrimonio culturale rappresentato dalle collezioni scientifiche dell’Ateneo perugino, dall’Università degli Studi di Perugia, dal Dipartimento di Matematica e Informatica e dal Piano Lauree Scientifiche.

AmareMatica vuol essere un affascinante viaggio alla scoperta dei concetti matematici e geometrici e delle innumerevoli e inedite connessioni che la matematica stringe con il mondo dell’arte e della musica; il tutto secondo una specifica interpretazione didattica, che trova nell’esperienza ludica e non solo, la chiave di volta per un apprendimento efficace e fruibile a tutti, compresi i soggetti con disabilità o discalculia.

Venerdì 9 ottobre, nella Sala Giulio Cicioni, alle ore 11, incontro tematico “Affinchè la matematica non sia un problema in più: disabilità e DSA”; attraverso il coinvolgimento di esperti e testimonial, per illustrare aspetti, tecniche e approcci utili all’apprendimento della matematica anche da parte di soggetti disabili.

Il profondo nesso tra arte e matematica, che il genio di Leonardo esprime appieno, sarà invece al centro dell’incontro  delle ore 15 “La Matematica nell’arte tra passato e presente”.

La giornata di venerdì si concluderà, alle ore 16.45, con “La musica è una matematica che s’ignora”, conferenza-spettacolo di Arianna Rossetti che rivelerà il potenziale matematico racchiuso nell’ascolto musicale.

Sabato 10 ottobre spazio al convegno internazionale “MiMa-Mathematics in the Making: quali risultati e quali prospettive per il futuro” (dalle ore 9 alle ore 13) alla Rocca di Casalina; alle 16 ci sarà l’incontro “Il laboratorio di matematica: proposte editoriali e cinematografiche”, per illustrare le opportunità del metodo laboratoriale e il valore divulgativo degli Activity Book.

Le due giornate offriranno l’opportunità di sperimentare, in chiave pratica, l’approccio laboratoriale alla Matematica attraverso una serie di momenti dedicati: visite guidate alla Galleria di Matematica, la Linea dei 100 più uno e la proiezione di Marta e Martina alla scoperta dei poligoni regolari dedicato invece all’universo dei bambini.

Le visite guidate alla Galleria di Matematica offriranno a scuole e famiglie l’opportunità di scoprire questo vivace luogo di apprendimento simile ai moderni Science Center dove i puzzle, i giochi e gli oggetti matematici progettati dalla professoressa Ughi consentono a tutti di accedere a  una profonda e diversa comprensione dei concetti matematici più astratti.  

Perugia, 5 ottobre

Sindone: dal dna ricostruito il suo percorso

Il professor Achilli protagonista delle più recenti ricerche sul sacro telo

 

Il Professore Alessandro Achilli, del Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie dell’Università di Perugia, ha collaborato alle recenti ricerche effettuate sulla Sindone da un gruppo di studiosi coordinati dal professor Gianni Barcaccia dell’Università di Padova.

Sono stati analizzati i campioni di DNA genomico isolato da residui organici di varia origine provenienti da polveri aspirate nel 1978 dalla parte posteriore della Sindone, in corrispondenza di diverse parti dell’immagine corporea, e da porzioni prelevate dal bordo laterale usato nel 1988 per la datazione della Sindone con radiocarbonio.

L’obiettivo principale della ricerca era quello di determinare il numero di entità tassonomiche nel caso delle specie vegetali e animali, e di unità genotipiche ed etniche, nel caso dei soggetti umani, in funzione della tipologia (aplotipo) del loro genoma cloroplastico e mitocondriale. I risultati così ottenuti sono stati poi messi in relazione con le informazioni storiche, le aree geografiche di provenienza o appartenenza più probabile, e la distribuzione moderna delle specie vegetali e delle etnie umane, con l’intento di acquisire nuovi indizi sull’origine della Sindone.

Le analisi hanno evidenziato la presenza di almeno 19 specie vegetali, di diversa natura tassonomica: non solo piante comuni nel Bacino del Mediterraneo ma anche piante con centro primario di origine in Asia, soprattutto Cina, Medio Oriente e nelle Americhe, alcune introdotte nel Vecchio Mondo in un intervallo storico verosimilmente successivo al XII secolo. Per quanto riguarda i lignaggi umani, sono state rilevate sequenze provenienti da almeno 14 soggetti di diversa origine etnica, riconducibili a un numero limitato di aplogruppi Eurasiatici, inclusi alcuni noti per essere tipici dell’Europa occidentale e Africa nord-orientale, altri comuni in Medio Oriente, dalla Penisola Arabica alla Regione Caucasica, e anche – elemento davvero singolare -  aplotipi rari del sub-continente Indiano.

Per quanto riguarda le tracce umane, le tipologie di DNA mitocondriale rilevate sulla Sindone non sono rappresentative di tutta l’umanità, ma di un ampio sottoinsieme di lignaggi (aplogruppi) che caratterizza in maniera distintiva diverse popolazioni dell’Eurasia occidentale.

“Le sequenze di DNA umano identificate sulla Sindone si adattano bene al percorso geografico del lungo viaggio postulato dalla tradizione per il telo dal Medio Oriente fino a Torino - conferma il professor Achilli - anche se queste sono anche compatibili con lo scenario per il quale tra le migliaia di fedeli e devoti che sono venuti in contatto con la reliquia in Francia e in Italia nel corso dei secoli, potrebbero essercene stati molti provenienti da regioni lontane dove questi aplogruppi mitocondriali sono comuni”.

I risultati dello studio sono compatibili dunque con due possibili scenari: nel caso di una origine medievale della Sindone, le persone che sono venute in suo contatto in Europa occidentale dal 1300 in poi lasciandovi traccia del proprio DNA, forse mosse dal culto per tale importante reliquia cristiana, provengono da diverse aree geografiche e hanno diverse appartenenze etniche; nel caso, invece, di una sua origine mediorientale del primo secolo, la Sindone nel corso di 2000 anni è stata spostata in tutta l’area del Mediterraneo, venendo di conseguenza in contatto con una vasta gamma di persone geneticamente ed etnicamente diverse, in un arco di tempo ben più lungo. Anche in quest’ultimo caso, la rilevazione di DNA mitocondriale tipico di gruppi etnici dell’India è comunque un risultato inatteso e non trova alcun riscontro storico. Una possibilità ovvia è che nel corso dei secoli diversi individui di origine indiana sarebbero venuti in contatto con la Sindone, ma vi è anche una possibilità alternativa, ancora più suggestiva, secondo cui tale lenzuolo di lino potrebbe essere stato tessuto in India, come peraltro farebbe supporre il nome originale della Sindone - Sindon - che secondo i linguisti deriverebbe da ‘Sindia’ o ‘Sindien’ cioè un tessuto proveniente dall’India.

Perugia, 2 ottobre

Inaugurata Aula Studio nel centro storico di Perugia, firmato protocollo d’intesa Comune-Università

Inaugurata, stamani, la nuova Aula Studio per Studenti – Urban Center in via Sant’Ercolano, nel centro storico di Perugia.

“E’ solo il primo passo di un progetto che ci sta molto a cuore – ha detto il Magnifico Rettore Franco Moriconi, prima di tagliare il nastro inaugurale insieme al Sindaco Andrea Romizi -.  Vogliamo che gli studenti possano avere spazi di studio e l’opportunità di vivere il centro storico di Perugia. La città, per l’Ateneo, è un campus universitario che ha il suo fulcro nel centro storico. Riteniamo opportuno, se il Comune intenderà continuare in questa collaborazione, la realizzazione di una quindicina di altre aule sull’esempio di questa che inauguriamo oggi. Si tratta della seconda aula studio a Perugia, dopo quella intitolata a ‘Paolo Ceccherelli’ aperta lo scorso novembre nella zona universitaria, in via Elce di Sotto, ma è la prima ad essere dotata di un moderno sistema automatico di controllo sull’identità degli studenti”.

Sono intervenuti, inoltre, Federico Rossi,  delegato del Rettore ai Servizi per gli studenti, Dramane Diego Wagué, assessore comunale alle Politiche giovanili, Gabriele Biccini, portavoce del Forum Regionale dei Giovani dell’Umbria e Alberto Gambelli, presidente del Consiglio degli studenti dell’Ateneo.

Il prof. Federico Rossi, che ha operato con grande impegno al buon esito dell’iniziativa, ha ringraziato il prof. Andrea Capaccioni delegato del Rettore per i servizi bibliotecari, e la dirigente dell’Ateneo di Perugia Antonella Bianconi. “Tutti hanno operato in stretta collaborazione con il Comune per portare a compimento, nei tempi programmati, l’allestimento di questa aula-studio. Sarà uno spazio – ha concluso Rossi – utile alle necessità dei nostri studenti e, in altri orari, a disposizione dei giovani e delle loro associazioni impegnati nelle iniziative del Comune di Perugia”.

L’Aula-studio Urban Center, che dispone di una ventina di posti, sarà utilizzata dagli studenti dell’Ateneo nei giorni feriali, dalle ore 16 alle 6, e nei fine settimana continuativamente per 24 ore;  sarà a disposizione degli altri giovani,  dalle ore 10 alle 16, anche come luogo di partecipazione nel percorso della candidatura di ‘Perugia Capitale europea dei Giovani 2018’. L’accesso viene consentito grazie a una specifica app per smartphone.

Piena condivisione per gli obiettivi indicati dal Rettore Moriconi nella collaborazione Ateneo-Comune è stata espressa dal Sindaco. “Siamo in perfetta sintonia – ha dichiarato Andrea Romizi – anche perché l’amministrazione comunale ha avviato, da tempo, un’azione volta a riportare attività e l’interesse dei cittadini per il centro storico, che dovrà essere sempre più un ambiente vivo e accogliente e, a questo scopo, è prezioso l’apporto che può offrire l’università”.

La cerimonia, che si è svolta sulla scalinata di via Sant’Ercolano alla presenza di numerosi studenti, docenti, amministratori comunali e cittadini, si è conclusa all’interno dell’aula-studio dove Rettore e Sindaco hanno firmato il Protocollo d’intesa.

nastro 2

vetrina

studenti 2

rossi wague Moriconi romizi 2

 interno

firma 1

Perugia, 2 ottobre

Il Rettore Moriconi, che ad Assisi ha incontrato gli studenti di Economia del turismo, ha indicato l’obiettivo di “Creare un ‘ponte’ con il mondo del lavoro” 

Il Magnifico Rettore  Franco Moriconi,  il professor Mauro Pagliacci,  Direttore del Dipartimento di Economia e il Sindaco di Assisi Antonio Lunghi hanno incontrato questa mattina le matricole del corso di laurea in Economia del Turismo,  nella sede dell’ Università degli Studi di Perugia Ai Assisi - Santa Maria degli Angeli, riattivato in questo anno accademico 2015/2016.

Il Rettore, il Sindaco e il Direttore hanno portato, ai giovani presenti, il saluto e l’augurio di benvenuto dell'Ateneo e della città serafica.

“Il corso di laurea in Economia del turismo è ripartito con grande entusiasmo da parte di tutti – ha detto il Rettore Moriconi -. Abbiamo già una quarantina di matricole, lo stesso numero dell’anno in cui il corso è stato interrotto, per motivi tecnici non voluti dall’Ateneo. Diversi ragazzi vengono da fuori regione, in particolare Puglia, Campania, Toscana, segno che sta riprendendo l’interesse per Perugia dei giovani, soprattutto del Centro-Sud. Oltre 2.500 giovani hanno conseguito la laurea in scienze turistiche ad Assisi dalla sua istituzione, anni Ottanta, fino all’interruzione. Si tratta di un percorso di studio che abbiamo arricchito di curriculum nuovi e molto interessanti, un corso di laurea strettamente collegato al territorio. Lo sforzo che dovremo fare – ha concluso il Rettore -, data anche la peculiarità del territorio di Assisi, è quello di creare un ponte con il mondo del lavoro, cosa che io ritengo sia alla nostra portata”.

L’Università di Perugia, oltre alla sede dei corsi di laurea a Santa Maria degli Angeli, dispone nel centro storico di Assisi anche di Palazzo Bernabei, che si sta affermando come ‘vetrina’ dell’Ateneo e, soprattutto, quale sede di corsi per l’alta formazione, per master, per corsi post-laurea.

 

Moriconi ad Assisi 3

Moriconi Assisi gruppo

Moriconi Assisi gruppo 2

studenti universita assisi

Perugia, 2 ottobre

Inaugurazione nuove aule e laboratori universitari negli ex Istituti Biologici in Via del Giochetto - Perugia, 5 ottobre 2015 – ore 11

Lunedì 5 ottobre alle ore 11, il Magnifico Rettore Franco Moriconi, inaugurerà le Aule al piano terra degli ex Istituti Biologici in Via del Giochetto, che verranno consegnate ai dipartimenti destinatari.

Interverranno alla cerimonia, insieme al Rettore, Benedetto Natalini, direttore Dipartimento di Scienze farmaceutiche, Francesco Tarantelli, direttore Dipartimento di Chimica , biologia e biotecnologie, e l’ing. Fabio Piscini, dirigente Ripartizione tecnica dell’Ateneo che ha coordinato i lavori di recupero e ristrutturazione .

Nella struttura universitaria di via del Giochetto sono stati realizzati alcuni importanti interventi volti, da un lato al potenziamento ed al miglioramento del servizio agli studenti e dall’altro al recupero e messa a norma dei padiglioni, in particolare quelli degli ex Istituti Biologici A e B.

Sono stati recuperati circa 2850 metri quadrati della struttura esistente e realizzate aule per circa 500 posti, ciqnue laboratori di ricerca e nuovi spazi per uffici dell’amministrazione universitaria.

Perugia, 1 ottobre

Domani, l’inaugurazione della nuova Aula Studio Urban Center, in Via Sant’Ercolano 

 Perugia, venerdì 2 ottobre 2015 – ore 11

Domani, venerdì 2 ottobre 2015 alle ore 11, il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi, Franco Moriconi, e il Sindaco di Perugia, Andrea Romizi, inaugureranno la nuova Aula Studio per Studenti – Urban Center ubicata nel centro storico della città in Via Sant’Ercolano 5.

All’inaugurazione saranno presenti il delegato del Rettore ai Servizi agli studenti Federico Rossi e l’assessore comunale alle Politiche giovanili Dramane Diego Wagué , che introdurranno i lavori. Seguiranno gli interventi di Gabriele Biccini, portavoce del Forum Regionale dei Giovani dell’Umbria e di Alberto Gambelli, presidente del Consiglio degli studenti dell’Ateneo.

L’iniziativa consentirà agli studenti universitari di Perugia di disporre di un nuovo spazio per lo studio e l’aggregazione aperto nei giorni feriali, dalle ore 16 alle 06, e nel week end per 24 ore continuative.

Il nuovo spazio sarà anche punto di riferimento per le iniziative e le attività di politiche giovanili del Comune, in collaborazione con associazioni di giovani e studenti della città e, inoltre, luogo di partecipazione nel percorso di candidatura di ‘Perugia Capitale Europea dei Giovani 2018’. 


Torna su
×