Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale
Menu

30 aprile

Lo scienziato italiano con l'X factor, a Perugia il 3 maggio la finale nazionale del talent show della scienza

La finalissima di FameLab Italia è in programma il 3 maggio prossimo a Perugia, alle 17,  nella Sala dei Notari di Palazzo dei Priori. Iltalent per scienziati è coordinato da Psiquadro e realizzato grazie al sostegno della Regione Umbria-Fondo Sociale Europeo, dei partner che hanno organizzato le selezioni in 7 città italiane:  Museo delle Scienze – Trento, Immaginario Scientifico – Trieste, formicablu -  Bologna e Roma, Associazione Festival della Scienza – Genova, Fosforo - Ancona.

A Perugia l'iniziativa è stata coordinata dal Perugia Science Fest e realizzata in collaborazione con l'Università degli Studi di Perugia, L'Università per Stranieri, La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare sezione di Perugia, il Laboratorio NiPS e il Comune di Perugia.

La competizione (ideata dal Festival della Scienza di Cheltenham (Regno Unito) e promossa in 25 Paesi dal British Council, l'ente culturale britannico) sta per decretare il campione italiano

Quattordici giovani tra scienziate e scienziati presenteranno al pubblico temi che vanno dalle neuroscienze all'astrofisica, dalla medicina alla chimica. Lo faranno grazie alle loro doti di comunicatori e potranno usare soltanto l'arte della parola per affascinare gli spettatori e stuzzicare la loro curiosità. Sarà infatti vietato usare qualunque tipo di immagine per raccontare al pubblico il proprio contenuto. Dovranno trasformare la scienza in un breve, ma avvincente racconto di tre minuti.

I concorrenti provengono da tutta Italia e dopo aver superato le selezioni locali nelle sette città coinvolte in FameLab 2013, hanno affinato le proprie abilità da divulgatori nella Masterclass di Perugia (dal 12 al 14 aprile).

Si sono allenati a scegliere le parole e gli esempi giusti per raccontare anche il contenuto più complesso senza banalizzarlo, a trasformare un oggetto in uno strumento per descrivere ancora meglio un fenomeno naturale, hanno imparato a usare meglio il proprio corpo per trasformare un concetto in un gesto che rimanga impresso nella mente del pubblico che li ascolta. Ora sono pronti a sfidarsi per conquistare il titolo di campione 2013 e accedere alla finale internazionale che si svolgerà nel Regno Unito dal 6 al 9 giugno.

A giudicarli saranno scienziati e comunicatori: Silvia Bencivelli, giornalista scientifica ha collaborato con Radio3 Scienza  e attualmente collabora con giornali, quotidiani e testate radio televisive; Frank Burnet,  Biochimico, fondatore del festival della Scienza di Cheltenham e inventore di FameLab, Cristina Mecucci, medico e ordinario di ematologia dell'Università degli Studi di Perugia e Vittorio Loreto, fisico dell'Università Sapienza di Roma e direttore di ricerca alla Fondazione ISI di Torino.

"FameLab è una palestra per giovani ricercatori che hanno voglia di mettersi in gioco e condividere con il pubblico la propria passione per la scienza - dice Leonardo Alfonsi, presidente della rete Europea di Eventi Scientifici Eusea e coordinatore di FameLab Italia -; questo 'formato' è uno strumento intelligente e appassionante "per rendere la scienza popolare e condivisa".

Contatti: www.famelab-italy.it - Coordinatore FameLab Italia

Psiquadro -  info@psiquadro.it  - Cell. 3477030377

30 aprile

Il Centro Odontostomatologico e la comunicazione dell'Unione Europea a "Speciale Università"

Giovedì  2 maggio 2013, alle ore 21.30 andrà in onda su Tef Channel, "Speciale Università", la trasmissione dedicata all'Ateneo di Perugia presentata da Cristina Castellano.

Nella prima parte interverrà in studio il gruppo di ricerca del professor Stefano Cianetti per presentare le attività del Centro Odontostomatologico Universitario.

Il professor Fabio Raspadori, nella seconda parte della puntata, illustrerà il tema "Come comunicare l'Unione Europea".

La trasmissione sarà replicata martedì 7 maggio 2013, alle ore 12.30.

Perugia,  30 aprile  2013

30 aprile

Giornata dell'Europa 2013, iniziativa a Perugia e ad Assisi - Giovedì 2 maggio 2013

In occasione della Giornata dell'Europa 2013, giovedì 2 maggio prossimo, a partire dalle 9.15, nella Facoltà di Scienze politiche, si terrà la sessione inaugurale del convegno di studio internazionale "Communicating Europe. Journals and European Integration, 1939 - 1979". Dal pomeriggio e sino al 4 maggio, i lavori proseguiranno poi alla Cittadella di Assisi.

L'iniziativa, che si inserisce nel quadro delle iniziative per la candidatura di Perugia-Assisi a Capitale Europea della cultura 2019, è organizzato dall'Associazione Universitaria di Studi Europei (AUSE) in collaborazione con la cattedra di Storia delle Relazioni Internazionali della Facoltà di Scienze politiche dell'Università degli Studi di Perugia e il Centro Interuniversitario di Studi sulle Organizzazioni Internazionali (CISOI), diretti dal professor Luciano Tosi, con il patrocinio della Regione Umbria, della Provincia di Perugia e dei Comuni di Perugia e di Assisi.

"Il convegno vedrà la partecipazione di alcuni fra i maggiori studiosi italiani e europei della storia dell' integrazione europea – spiega il professor Giorgio Eduardo Montanari - e analizza l'atteggiamento assunto nei confronti del processo di integrazione europea da numerosi organi di stampa a carattere politico, economico, sociale e giuridico nel periodo compreso fra gli anni del secondo conflitto mondiale e il 1979, anno della prima elezione diretta del Parlamento europeo. Si vuole in tal modo mettere a fuoco le diverse 'visioni di Europa' elaborate nelle democrazie dell'Europa occidentale ma anche quelle che si avevano nell'Unione Sovietica e negli Stati Uniti".

Nel corso dei lavori particolare attenzione sarà dedicata alle riviste del movimento federalista europeo e a quelle delle forze politiche laiche, cattoliche e socialiste. L'obiettivo del convegno è quello di evidenziare l'atteggiamento dell'opinione pubblica nei confronti dell'unità europea e al tempo stesso di mettere in luce il ruolo che le varie pubblicazioni hanno svolto nel 'comunicare' ai cittadini l'esperienza dell'integrazione nelle sue implicazioni politiche, sociali ed economiche, fino alla nascita e allo sviluppo di una vera e propria 'comunicazione europea' messa in atto dalle istituzioni comunitarie.

Giorgio E.Montanari

 

30 aprile

Dirigenti della Provincia Cinese dello Yunnan il 2 maggio a Perugia per la firma di accordi scientifici con l’Università degli Studi

L’Università degli Studi di Perugia dedica una giornata ai rapporti con atenei cinesi. Giovedì 2 maggio 2013, infatti, è attesa a Perugia una delegazione della Repubblica popolare di Cina, guidata dalla signora Liao Xiaoshan, responsabile  per l’Educazione e l’Istruzione della Provincia dello Yunnan. La delegazione è composta da oltre trenta persone tra cui dirigenti, docenti e amministratori di tre atenei cinesi. L’obiettivo è la firma di accordi quadro con ciascun ateneo con cui l’Università di Perugia intende impostare un rapporto di cooperazione scientifica che coinvolga il maggior numero possibile di dipartimenti e di aree di ricerca.

Il programma di giovedì inizierà  a Palazzo dei Priori, sede del Comune di Perugia, per coinvolgere enti e associazioni nonché istituzioni locali. Per l’Ateneo interverranno il Magnifico Rettore Francesco Bistoni e il Pro Rettore Elda Gaino, che è anche delegata per le relazioni internazionali dell’Università di Perugia.

La delegazione cinese sarà ricevuta alle ore 9 dal Sindaco di Perugia a Palazzo dei Priori, alla presenza dei Rettori delle due università perugine.

Alle 9.30 inizieranno i lavori nella Sala dei Notari con i saluti delle autorità.

Alle 10,15 la consegna della targa da parte del Governo dello Yunnan al Presidente dell’associazione ‘La Via della Seta’.
Alle 10,25 è in programma la firma degli accordi fra tre università dello Provincia dello Yunnan (Oxbridge College Kunming University of Science and Tecnology, Dali College e Chuxiong Normal University) e l’Ateneo di Perugia.

Successivamente, intorno alle ore 12, la delegazione cinese sarà in visita a Palazzo Murena, sede del Rettorato dell'Università degli Studi di Perugia. Gli ospiti saranno ricevuti dal Magnifico Rettore Francesco Bistoni e  dal Pro Rettore Elda Gaino.

  29 aprile

L'Umbria conferma la vocazione spaziale, sarà protagonista in un nuovo esperimento. Delegazioni internazionali in visita il 30 aprile al Polo di Terni

Verrà siglato domani, martedì 30 aprile 2013, aRoma, nella sede della presidenza dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), l'accordo quadro di collaborazione scientifica tra Italia, Svizzera e Cina per  l'esperimento Dark MAtter Particle Explorer (DAMPE), un nuovo progetto di ricerca nello spazio che sta muovendo i suoi primi passi grazie al contributo dei ricercatori dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e dell'Università di Perugia.

Nel pomeriggio di domani le delegazioni internazionali visiteranno le strutture del Polo Scientifico Didattico di Terni e incontreranno i ricercatori coinvolti nel progetto DAMPE.

IL NUOVO PROGETTO

DAMPE (che segue di pochi giorni la pubblicazione dei primi risultati di AMS-02, il cacciatore di anti-materia con un 'cuore' umbro, in orbita a bordo della stazione spaziale internazionale) ha come obiettivo scientifico lo studio di precisione di quell'eccesso di antimateria misurato da AMS-02 e si affiancherà nei prossimi anni ad AMS-02 e FERMI nello studio degli aspetti peculiari dell' Universo.

Verrà realizzato da un gruppo di ricercatori dell'INFN e dell'Università di Perugia nell'ambito di una collaborazione internazionale; questa volta non sarà la NASA a portare l'esperimento in orbita, ma l'agenzia spaziale cinese a bordo del razzo CZ-D2, alla fine del 2015.

IL GRUPPO DI RICERCA UMBRO

Responsabile del progetto scientifico a livello nazionale è il dottor Giovanni Ambrosi dell'INFN, che avrà il compito di progettare e costruire nei suoi laboratori il tracciatore al silicio: una tecnologia molto avanzata per esperimenti nello spazio in cui il gruppo di ricerca perugino ha un'esperienza riconosciuta a livello internazionale.

L'Università di Perugia vede in prima linea il Dipartimento di Fisica ed i laboratori della Facoltà di Ingegneria presso il Polo scientifico di Terni, dove la professoressa Bruna Bertucci ed il dottor Antonio  Faba avranno la responsabilità di sviluppare ed attuare il piano di qualifica spaziale dello strumento presso i laboratori SERMS e CEM.

A livello internazionale, la collaborazione scientifica comprende l'Università di Ginevra, l'Istituto per la Fisica delle Alte Energie (IHEP) di Pechino ed il Purple Mountain Observatory della Chinese Academy of Science (CAS). La Cina sta infatti sviluppando rapidamente il suo programma spaziale e questo nuovo esperimento è una delle cinque missioni approvate nel piano strategico di ricerca nello spazio dalla Chinese Academy of Science.

DAMPE si inserisce in un percorso di ricerca internazionale che l'INFN e l'Università di Perugia hanno perseguito congiuntamente con grande successo a partire dalla fine degli anni '90 e che ha portato alla realizzazione degli esperimenti FERMI ed AMS, evidenziando le competenze tecnologiche e scientifiche del team di ricerca umbro.

LA VISITA A TERNI

Il vice presidente del CAS, il direttore del National Space Science Center (NSSC), il Segretario Generale ed il direttore del Dipartimento di Fisica dell'Università di Ginevra e il direttore dell'IHEP di Pechino saranno accolti  domani a terni dal Direttore della Sezione INFN di Perugia, dottor Pasquale Lubrano, dal pro-rettore, professor Pietro Burrascano, dal vice preside della facoltà di Ingegneria, professor Paolo Valigi, e dal professor Federico Rossi, coordinatore dei corsi di laurea in Ingegneria a Terni.

Visiteranno poi i laboratori del Polo, dove potranno apprezzare il livello di eccellenza delle strutture e del personale, sia tecnico che scientifico, coinvolto nel progetto. Saranno presenti all'incontro ed alla visita dei laboratori il dottor Alessandro Castagnino, segretario generale del polo areospaziale umbro, e i rappresentanti delle principali realtà industriali umbre attive nel campo delle tecnologie areospaziali.

L'incontro presso la Presidenza dell'INFN e la visita ai laboratori di Terni si colloca all'interno di un programma più ampio. La delegazione cinese comprende infatti i principali dirigenti del programma di sviluppo tecnologico e di cooperazione internazionale  cinese venuti in Italia per stabilire contatti con le eccellenze europee e italiane.  La presenza a Terni e l'incontro con i ricercatori dell'INFN e dell'Università sono quindi particolarmente significativi della qualità e della visibilità delle strutture, presenti in Umbria, di formazione e ricerca a livello internazionale ed allo stesso tempo possono essere forieri di nuove collaborazioni e relazioni con una realtà in rapido sviluppo come quella cinese.

Immagine del lancio di un razzo CZ-D2 dellagenzia spaziale cinese

Immagine del lancio di un razzo CZ-D2 dell'agenzia spaziale cinese

 

Maggio 2011 AMS-02 in orbita sulla stazione spaziale

Maggio 2011, AMS-02 in orbita sulla stazione spaziale

 

Giugno 2008 immagine del lancio in orbita di FERMI

Giugno 2008, immagine del lancio in orbita di FERMI

 

Contatti per le redazioni:

Dott. Giovanni Ambrosi , tel. 3473691160

Prof.ssa Bruna Bertucci,  tel. 3473576496

24 aprile

Avviso di selezione pubblica per Viaggi di Studio in Università Cinesi

L’Università degli Studi di Perugia ha pubblicato con decreto del Rettore due avvisi di selezione pubblica, per titoli e colloquio, per l’attribuzione a studenti dell’Ateneo perugino di viaggi di studio in due atenei cinesi: cinque viaggi saranno destinati alla Qingdao Technological University Qingdao College e altri cinque alla Chongqing University of Arts and Sciences. Tutti i viaggi avranno una durata di 4 mesi da effettuarsi tra settembre e dicembre dell’anno accademico  2013-2014.

I candidati per partecipare alla selezione dovranno essere in possesso di alcuni requisiti: essere iscritti per l’a.a. 2012-2013 ad un corso di laurea della Facoltà di Lettere e filosofia o al Dottorato in Culture e linguaggi o alla Scuola di specializzazione in Beni demoetnoantropologici; avere sostenuto almeno un esame di lingua cinese o avere sufficiente conoscenza della lingua inglese; avere la media degli esami non inferiore a 24/30.

Le domande di partecipazione alla selezione vanno presentate, a pena di esclusione,  entro e non oltre le ore 12.00 del 20 maggio 2013 e indirizzate al Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, Piazza dell’Università, 1 - 06023 Perugia.

Per ogni ulteriore informazione gli interessati possono consultare l’indirizzo web: http://www.unipg.it (Sezione Internazionale) o rivolgersi all’Ufficio Relazioni Internazionali, Programmi Comunitari e Cooperazione Internazionale – Piazza dell’Università, 1 Perugia ( Tel. 075-5852106 – 075-5852084) via e.mail: relint@unipg.it 

24 aprile

La Biblioteca comunale di Tuoro sul Trasimeno intitolata alla professoressa Isabella Montanini Mezzasoma

Martedì 23 aprile 2013, a Tuoro sul Trasimeno, nell’ambito dell’iniziativa “Il Maggio dei libri, Leggere fa crescere”, si è svolta la cerimonia con la quale la Biblioteca Comunale è stata intitolata alla professoressa Isabella Montanini Mezzasoma, a lungo docente ordinario di Chimica Biologica nell’Università degli Studi di Perugia.

Il sindaco di Tuoro, che ha partecipato alla cerimonia insieme all’assessore comunale alla Cultura, ha ricordato la figura della professoressa Montanini, che tanto ha donato al proprio Paese, sottolineando la volontà espressa unanimemente di ricordare una donna di grande valore scientifico e culturale, che ha amato i libri ed il sapere,  e per questi motivi il Comune di Toro sul Trasimeno ha deciso di dedicarle un luogo così significativo.

Alla manifestazione è intervenuta anche la professoressa Alba Minelli, Direttore del Dipartimento di Medicina sperimentale e scienze biochimiche dell’Ateneo di Perugia, che ha tracciato un affettuoso ricordo della lunga vita professionale trascorsa al fianco della professoressa Montanini, di cui ha evidenziato le doti scientifiche ed umane di donna di rara cultura.

Montanini Mezzasoma Isabella

La professoressa Isabella Montanini Mezzasoma

23 aprile

Convegno: “Modelli europei a confronto su regole deontologiche delle professioni e principio di sussidiarietà” -    Perugia, 24 aprile 2013 – ore 10,00

Convegno di studio domani, mercoledì 24 aprile 2013, all’Università degli Studi di Perugia per iniziativa della Facoltà di Scienze politiche, del Dipartimento Istituzioni e Società in collaborazione con il Centro Studi giuridici sui diritti del consumatore del Polo didattico e scientifico di Terni.

L’incontro tra studiosi ed esperti giuristi di università europee si terrà domani, mercoledì alle ore 10, a Perugia nell’Aula Magna dell’Ateneo sul tema: “Regole deontologiche delle professioni e principio di sussidiarietà – Modelli europei a confronto”.

Il convegno di inserisce nell’ambito della ricerca interuniversitaria (PRIN 2009) sul principio di sussidiarietà, che vede impegnate, insieme all’Ateneo di Perugia, le università: Luiss “Guido Carli”, ‘La Sapienza’ di Roma, Parthenope di Napoli, LUM “Jean Monnet” di Bari e l’Ateneo di Messina.  L’analisi di vari modelli europei, che sarà svolta nell’ambito del convegno, costituisce uno strumento di confronto e di arricchimento dei contenuti della ricerca in corso.

Dopo i saluti del prof. Giorgio E. Montanari, Preside della Facoltà di Scienze politiche, e dell’avvocato Carlo Orlando, Presidente dell’Ordine degli avvocati di Perugia, il convegno sarà presentato dalla prof. Alessandra Bellelli docente dell’Ateneo di Perugia.

L’evento è stato accreditato presso il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Perugia con l’attribuzione di 4 crediti formativi in materia deontologica.

23 aprile

Corsi per 35 studenti alla Arcadia University – The Umbra Institute per studenti di Lettere e Filosofia e Scienze Politiche

L'Università degli Studi di Perugia ha indetto una selezione pubblica, per titoli ed esami, per n. 35 studenti che frequenteranno i corsi attivati nella sede di Perugia di Arcadia University - The Umbra Institute, nel primo semestre dell'anno accademico 2013/2014 (2 settembre – 20 dicembre 2013).

I candidati, per poter partecipare alla selezione, devono essere regolarmente iscritti all'Università degli Studi di Perugia, per l'anno accademico 2012/2013, almeno al secondo anno  nella Facoltà di Lettere e Filosofia (nei corsi in Lingue e Culture Straniere;Mediazione Linguistica Applicata; Lingue e Culture Straniere e Mediazione Linguistica; Lingue Straniere per la Comunicazione Internazionale;Lingue e Letterature Moderne) o a un qualsiasi corso di laurea afferente alla Facoltà di Scienze Politiche.

E'richiesta una buona conoscenza della lingua inglese, a partire almeno dal

livello B2.

Le domande di ammissione alla selezione, pena l'esclusione, devono essere compilate  secondo  apposito  modello (reperibile  anche all'indirizzo internet

http://www.unipg.it/it/internazionale)  e pervenire entro le ore 13,00 del 28 giugno 2013.

22 aprile

Indette le elezioni del Rettore dell'Università  degli Studi di Perugia

L'Università degli Studi di Perugia comunica che, in data 19 aprile 2013, con decreto del Decano professor Giuseppe Abbritti, sono state indette le votazioni per l'elezione del Rettore dell'Ateneo di Perugia per il sessennio accademico 2013/2014 – 2018/2019.

Le votazioni si terranno secondo il seguente calendario:

- giovedì 13 giugno 2013 - prima votazione;

- giovedì 20 giugno 2013 - eventuale seconda votazione;

- giovedì 27 giugno 2013 - eventuale turno di ballottaggio.

Le candidature, indirizzate al Decano, corredate da un dettagliato curriculum scientifico, didattico e professionale, da un programma articolato sul tipo di gestione e sugli obiettivi e le strategie che il candidato si propone di realizzare per lo sviluppo dell'offerta formativa, della ricerca scientifica e del trasferimento dei suoi risultati ai fini dell'accreditamento dell'Ateneo in campo internazionale, devono essere depositate, a pena di inammissibilità, al Protocollo dell'Università degli Studi di Perugia entro le ore 12:00 del 2 maggio 2013.

Il suddetto decreto, contenente tutte le disposizioni elettorali, è consultabile all'albo pretorio on-line dell'Università degli Studi di Perugia alla sezione "altri avvisi ed atti", nonché sul sito web di Ateneo alla seguente pagina: http://www.unipg.it/it/ateneo/organizzazione/votazioni-elezione-rettore.

 22 aprile

Aperto a Palazzo Murena convegno internazionale sui “Diritti individuali e processi di integrazione”

Firmato accordo di cooperazione con l’Università di Lima

Si è aperto stamani a Palazzo Murena (sede del Rettorato dell’Ateneo di Perugia) l’incontro di studio tra giuristi di varie università europee e latinoamericane, che partecipano al progetto di collaborazione interaccademica sul tema dell'integrazione giuridica e finanziato dal Programma Jean Monnet dell'Unione Europea. L’argomento centrale riguarda la collaborazione giuridica tra paesi nell'ambito della stessa regione (come Europa e America Latina) o tra regioni diverse del mondo, soprattutto quelle che condividono la stessa tradizione giuridica. Questa collaborazione consente di individuare e risolvere problemi sempre comuni, come contraltare di una globalizzazione senza regole. Il grado di integrazione giuridica si misura con l'impatto che l'integrazione ha sui diritti delle persone. E' questo il tema del progetto realizzato da studiosi e magistrati con diversa specializzazione ed esperienza. Il risultato finale del Progetto sarà soprattutto la elaborazione di un dizionario in spagnolo che sia di supporto per i giudici e gli altri operatori del diritto al fine di applicare in concreto i diritti di origine sovranazionale.

Stamani, i lavori della tavola rotonda sui “Diritti individuali e integrazione regionale” sono stati aperti con il saluto del Pro Rettore Professoressa Elda Gaino che ha ringraziato gli studiosi di diverse nazionalità, in maggioranza latinoamericane, che hanno scelto di confrontarsi su temi di grande impegno sociale oltre che giuridico, quali sono le modalità dei processi di integrazione sovranazionale sui diritti individuali. Il responsabile del progetto  è il dottor Roberto Cippitani, esperto di bio-diritto dell’Università degli Studi di Perugia, mentre tra gli interlocutori latinoamericani il professore Mario I. Alvarez Ledesma, giurista di fama internazionale, è responsabile per l’Istituto universitario messicano Tecnologico de Monterrey del dottorato di ricerca “Società della conoscenza”, attivato con l’Ateneo di Perugia.

Nel corso della Tavola Rotonda è intervenuto il Magnifico Rettore Francesco Bistoni, che ha sospeso per qualche minuto i lavori del Consiglio di amministrazione per poter firmare un accordo-quadro con  l’Ateneo del Perù “Universidad de Piura – Lima”. Il Rettore ha invitato gli studiosi presenti a portare avanti il progetto di collaborazione interuniversitaria che vede l’Ateneo di Perugia come coordinatore. In questo contesto si inserisce anche la convenzione firmata oggi, oltre che dal prof. Bistoni, anche dalla professoressa Luz Pacheco Zerga, coordinatrice per la formazione dei docenti dell’Universidad De Piura. L’accordo prevede la cooperazione accademica, scientifica e culturale tra i due atenei; in particolare per lo sviluppo di studi e pubblicazioni di comune interesse, lo scambio di docenti, ricercatori e studenti di corsi di laurea e post-laurea con l’obiettivo che partecipino a corsi di livello corrispondente, con il riconoscimento dei crediti conseguiti nell’altra università.

La tavola rotonda, alla quale hanno partecipato una quindicina di studiosi, si è conclusa nella mattinata, ma il convegno andrà avanti fino a mercoledì 24 aprile. Dalle ore 15 di oggi i lavori si trasferiscono a Palazzo Cesaroni, sede

del Consiglio regionale dell’Umbria, Sala Partecipazione, dove dopo i saluti delle autorità prenderà il via un’altra sessione dell’incontro sul tema “Diritti individuali e processi di integrazione”. Domani mattina, sempre a Palazzo Cesaroni, il confronto, presieduto dal prof. Antonio Palazzo, verterà sul tema “Metodologia dell’integrazione giuridica”; nel pomeriggio, presiede Mario I. Alvarez Ledesma (Tecnologico de Monterrey), sul tema “Diritti nella prospettiva dell’integrazione sopranazionale”. L’ultima sessione è in programma mercoledì mattina, presieduta da  Luz Pacheco Zerga (Universidad de Piura – Lima).   

 

DSC 3830 firma accordo

DSC 3836 da sx Luz Pacheco Zerga e Francesco Bistoni

DSC 3814 Pro Rettore Gaino

DSC 3821 da sx Cippitani Zerga Bistoni

DSC 3841 Dottorato

DSC 3854 visita Dottorato

 

19 aprile

Seminario alla Facoltà di Agraria con il dottor Gianni Liti

Martedì 23 aprile 2013, alle ore 11.30, nell'Aula Magna della Facoltà di Agraria, il dottor Gianni Liti (IRCAN - Universiité de Nice Sophia Antiipollis, France) terrà il seminario "Population genomics and complex traits in yeasts".

Il seminario, organizzato nell'ambito delle attività della Scuola di Dottorato di Ricerca in Scienze Agrarie, Veterinarie, Alimentari ed Ambientali, è incentrato su tematiche legate allo studio del genere Saccharomyces come modello per la genomica delle popolazioni, evoluzione e genetica quantitativa, e sulle implicazioni di carattere medico e biotecnologico.

19 aprile

Studiosi europei e dell'America Latina a confronto sui temi dei "Diritti individuali e processi di integrazione" - Perugia, 22 – 24 aprile 2013

Studiosi europei e dell'America Latina saranno Perugia dal 22 al 24 aprile 2013 per partecipare alle iniziative connesse al progetto IR&RI (Individual Rights and Regional Integration) nell'ambito del programma Ue 'Jean Monnet', di cui è responsabile il dottor Roberto Cippitani, ricercatore presso il Dipartimento di Medicina sperimentale e scienze biomediche dell'Università degli Studi di Perugia. Una delegazione composta da quindici docenti stranieri lunedì mattina sarà in visita a Palazzo Murena, sede del Rettorato dell'Ateneo, dove sarà ricevuta dal Pro Rettore professoressa Elda Gaino.

La delegazione, che per le attività seminariali sarà guidata dal dottor Cippitani, nel primo pomeriggio di lunedì si trasferirà a Palazzo Cesaroni, sede del Consiglio regionale dell'Umbria, dove nella Sala Partecipazione si svolgeranno gli incontri oggetto del progetto Ue.

In apertura, alle ore 15, sono previsti gli interventi delle autorità che porteranno i saluti ai convenuti: il Presidente del Consiglio Regione dell'Umbria Eros Brega e il Magnifico Rettore Francesco Bistoni. Seguiranno gli interventi dei relatori sul tema della prima sessione riguardante i "Diritti individuali e processi di integrazione". I seminari continueranno anche per l'intera giornata di martedì, fino alla mattina di mercoledì 24 aprile.

 

16 aprile

Celebrati i primi 25 anni della Facoltà di Ingegneria con il Presidente della Regione e imprenditori umbri

Docenti e ricercatori hanno partecipato numerosi alla festa per i primi 25 anni della Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia. La manifestazione si è svolta nell’atrio della Facoltà nella sede in località Santa Lucia, sorta qualche anno dopo l’attivazione della facoltà (1991-1992). Una scelta voluta del Preside Gianni Bidini che l’ha preferita alla pur bella ed accogliente Aula Magna, “perché l’atrio – ha dichiarato - è spazio aperto anche agli studenti”. A sottolineare l’interesse delle istituzioni è intervenuta la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, mentre il saluto dell’Ateneo l’ha portato il Pro Rettore professore Elda Gaino, a nome del Rettore Francesco Bistoni, impegnato all’estero.

La professoressa Gaino ha ricordato che l’istituzione della facoltà ha rappresentato anche una svolta nell’economia del territorio, venendo a creare un grande impulso all’innovazione verso le medie e piccole imprese, qualche volta micro-imprese che si sono avvalse dell’attività di ricerca e dello sviluppo tecnologico, messi a disposizione dai ricercatori di Ingegneria. “Nel tempo – ha ricordato il Pro Rettore -, si sono formati consolidati gruppi di ricerca che hanno apportato un differenziale di conoscenza misurabile in termini di innovazione e sviluppo tecnologico: dai settori dell’elettronica a quelli della meccanica ed energetica, fino ai più tradizionali dell’ingegneria civile”.

Un prezioso contributo alla ricostruzione delle iniziative, che portarono negli anni Ottanta l’Università di Perugia a creare la nuova Facoltà di Ingegneria, è venuto dal prof. Giancarlo Dozza ex Rettore, che ha guidato l’Ateneo dal 1976 al 1993, avendo tra i principali obiettivi l’istituzione di Ingegneria. Obiettivo centrato, ha ricordato Dozza, grazie anche al lavoro di altri protagonisti di allora: il prof. Calogero Vinti, fondatore e primo Preside di Ingegneria, il prof. Raffaele Balli, principale artefice della ‘galleria del vento’ e Franco Levi, che è stato alla  guida del biennio propedeutico di ingegneria istituito a Perugia nel 1968, e di cui la Facoltà ha rappresentato il completamento e giusto coronamento del lavoro e degli sforzi di tutti.

La Governatrice Catiuscia Marini ha confermato con la sua presenza gli stretti rapporti esistenti con la Facoltà di Ingegneria, evidenziando come questa collaborazione sia destinata a diventare sempre più sinergica per gli obiettivi della stessa Regione e gli indirizzi dei piani di sviluppo indicati dall’Unione Europea, che pone al centro della propria azione la necessità di innovazione.

Un tema che è stato raccolto e sviluppato nell’intervento del Preside Bidini il quale, dopo un rapido excursus sulla nascita e l’attività dei primi 25 anni della Facoltà, ha spiegato la scelta di questa manifestazione che si tiene alla vigilia della soppressione delle facoltà universitarie; nel caso di Ingegneria a Perugia, il compito della didattica sarà assunto da due dipartimenti.

Fra pochi mesi la Facoltà di Ingegneria passerà le sue attività didattiche ai nuovi Dipartimenti e già oggi è possibile mettere in risalto l’importante lavoro svolto dai docenti e ricercatori della Facoltà in questi 25 anni per prospettare uno scenario in cui la presenza di Ingegneria continuerà a essere attiva e dinamica.

L’eredità di questi cinque lustri di attività è evidente nelle strutture funzionanti nella sede in località Santa Lucia a Perugia e nel Polo scientifico di Terni, nel quale Ingegneria occupa un ruolo primario. Alla Facoltà sono iscritti circa 3.500 studenti, di cui molti destinati a diventare  futuri ingegneri e ad occupare posti di responsabilità in aziende umbre, ma anche in imprese italiane e multinazionali.

Erano presenti tra il pubblico: l’Assessore regionale all’Ambiente Silvano Rometti, l’ex Pro Rettore Antonio Pieretti, il Pro Rettore del Polo scientifico e didattico di Terni Pietro Burrascano. Hanno portato le loro testimonianze gli imprenditori Pietro Tacconi, l’ing. Ascani per la società Angelantoni, il Presidente dell’Ordine degli ingegneri della provincia di Perugia  Roberto Baliani, il ricercatore Marco Dionigi, tra i primi laureati in Ingegneria nella Facoltà perugina, e la giovane ricercatrice Elena Fortunati, che lavora nei laboratori del polo scientifico di Terni, e che l’8 marzo al Quirinale a Roma ha ricevuto l’onorificenza di Cavaliere per meriti scientifici dalle mani del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. 

 

Bidini 2 corr

da sx Bidini Gaino

Dozza cor

Marini cor

Burrascano cor

Sala 2 cor

Tavolo 1cor

Facolta 2 cor

15 aprile

I primi 25 anni di attività didattica e scientifica della Facoltà di Ingegneria - Perugia, 16 aprile 2013 – ore 9,30

Martedì 16 aprile la Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Perugia festeggia 25 anni di attività didattica e scientifica, con una cerimonia in programma nell'atrio della sede della Facoltà, in località Santa Lucia a Perugia.

La Giornata è intitolata: "Fra passato e futuro, Ingegneria a 25 anni dall'attivazione  dei corsi a Perugia", per evidenziare alcuni aspetti particolari, oltre a quelli istituzionali. Innanzitutto, il forte legame con il territorio, che ha portato a collaborazioni sinergiche con associazioni imprenditoriali, imprese e istituzioni locali, ma anche un'evidente propensione per l'attività di ricerca e per il trasferimento tecnologico, che è scaturito nella costituzione di società spin-off.

Il programma della manifestazione prevede alle 9,30 i saluti delle autorità: la Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, il Sindaco di Perugia o un suo rappresentante, il Pro Rettore dell'Ateneo professoressa Elda Gaino. Alle 10,00 l'intervento del Preside prof. Gianni Bidini, che nella sua relazione darà conto dell'attività svolta in 25 anni, a partire dall'a.a. 1987/1988 quando venne attivato il completamento del biennio propedeutico con i primi passi della nuova Facoltà.

Numerosi gli interventi previsti tra i quali quello dell'ex Rettore Giancarlo Dozza, e di imprenditori: Pietro Tacconi, delle omonime officine, Massimo Calzoni, Presidente Ance, e un rappresentante della azienda Angelantoni. Ci saranno, inoltre, interventi di laureati  e tra questi di due giovani docenti della facoltà che si sono laureati in Ingegneria a Perugia: Francesco Asdrubali e Marco Dionigi.

15 aprile

Formazione e orientamento all’Università: Campus Mentis in Tour arriva domani a Perugia, nell’Aula Magna dell’Ateneo

Campus Mentis in Tour sbarca a Perugia in cerca di nuovi talenti universitari. Domani, martedì 16 aprile dalle 9.15 alle 17, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Perugia ,è in programma la tappa perugina del progetto di orientamento e formazione gratuita per l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani universitari under 29. E’ promosso dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale - Presidenza del Consiglio dei Ministri e realizzato dal Centro Ricerca e Servizi ImpreSapiens della Sapienza Università di Roma in collaborazione con il Parlamento Europeo – Ufficio d’Informazione in Italia, con il patrocinio dell’Università degli Studi di Perugia e della Provincia di Perugia.

In apertura porteranno il saluto il professor Francesco Bistoni, Magnifico Rettore dell’Università di Perugia, Donatella Porzi, assessore all’Istruzione della Provincia di Perugia, e Andrea Rocchi, Coordinatore Nazionale del progetto Campus Mentis.

Durante la giornata di attività, i giovani partecipanti apprenderanno come redigere un Curriculum Vitae, come presentarsi ad un colloquio di lavoro, come stilare il bilancio delle proprie competenze, e avranno occasione di ottenere una consulenza individuale da un formatore specializzato. Seguiranno 5 workshop aziendali con altrettante imprese operanti sul territorio.

“La vera forza del progetto Campus Mentis è quella di essere un elemento di raccordo tra l’università e il mondo del lavoro - spiega il professor Fabrizio D'Ascenzo, Direttore del Centro di Ricerca e Servizi ImpreSapiens -. Campus Mentis in Tour, in particolare, nasce con l’obiettivo di fornire un primo bagaglio di strumenti utili di formazione e orientamento ai giovani studenti non ancora laureati, che potranno così accostarsi al progetto Campus Mentis una volta concluso il proprio percorso di studi”.

“Condividiamo con il Governo nazionale e la Provincia di Perugia l’interesse allo sviluppo dei tirocini formativi extracurriculari – dice il professor Loris Nadotti, delegato per il Sevizio Job Placement dell’Università di Perugia -; il nostro Ateneo è impegnato ormai da 5 anni in questo settore con un apposito servizio realizzato, nell’ambito del progetto FIxO gestito dall’Agenzia Italia lavoro per conto del Ministero del Welfare. In questi anni sono stati oltre duemilacinquecento gli studenti che hanno potuto compiere stage ‘lunghi’ presso le circa 500 imprese convenzionate con il nostro Ateneo e quasi il 10% di questi stage sono sfociati nell’assunzione dei tirocinanti presso le imprese che li ospitavano. Gli stage extracurriculari rappresentano un utile completamento del curriculum universitario degli studenti e, in molti casi, costituiscono anche un importante trait d’union tra ricerca e mondo della produzione”.

 Campus Mentis in Tour si rivolge a giovani universitari provenienti da qualsiasi facoltà e corso di laurea, che possono partecipare iscrivendosi sul sito www.in-tour.campusmentis.it. Campus Mentis in Tour è parte del più ampio progetto Campus Mentis, azione di career guidance, formazione e orientamento al lavoro per i migliori laureati d'Italia inclusa nel pacchetto "Diritto al Futuro" della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ed è un’iniziativa itinerante che, nella sua prima edizione, ha interessato 16 città italiane tra gennaio e dicembre 2012, fornendo sul territorio opportunità di incontro e dialogo tra giovani, istituzioni, aziende, agenzie del lavoro locali e nazionali.

 Per informazioni ed iscrizioni: www.in-tour.campusmentis.it - www.campusmentis.ithttp://www.unipg.it/it/job-placement 

Nato nel 2009 come Global Village Campus, dopo il crescente successo delle edizioni 2010,  2011 e 2012, Campus Mentis è ormai giunto alla 6a edizione. L’iniziativa è volta ad individuare i migliori talenti tra laureandi e neolaureati under 29, fornire loro strumenti utili per l’inserimento nel mercato del lavoro, aiutarli nella creazione del miglior profilo professionale individuale ed avvicinarli alle più importanti Aziende ed Istituzioni italiane ed europee attraverso l’organizzazione di campus residenziali e itineranti distribuiti sul territorio nazionale. Il progetto si sviluppa su scala nazionale nel triennio 2011-2013, attraverso 5 campus residenziali e 12 tappe “Campus Mentis in Tour” organizzati su tutto il territorio italiano ad ogni edizione.

Per informazioni  si può contattare la segreteria organizzativa al numero 06.49690392 o tramite e- mail : in-tour@campusmentis.it.

 13 aprile

Martedì 16 aprile 2013 la Facoltà di Ingegneria festeggia i primi 25 anni di attività didattica e scientifica

La Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia compie i primi 25 anni di vita e li festeggia con una manifestazione in programma martedì 16 aprile 2013, nella sede della facoltà, in località Santa Lucia a Perugia.

Il programma prevede che martedì alle 9,30, dopo l’apertura dei lavori, intervengano le autorità civili ed accademiche per portare il loro saluto. Alle 10,00 l’intervento del Preside prof. Gianni Bidini, mentre alle 11,00 sono in programma le testimonianze degli imprenditori che, a vario titolo, hanno avuto rapporti con Ingegneria e dei laureati.

Il titolo scelto per la Giornata è: “Fra passato e futuro, Ingegneria a 25 anni dall’attivazione  dei corsi a Perugia”, a sottolineare diversi aspetti che ne hanno caratterizzato l’istituzione, l’evoluzione fino ad oggi, e le prospettive.

L’impegno negli anni Ottanta per arrivare al completamento della Facoltà, di cui esisteva soltanto il primo biennio, da parte dell’allora Rettore Giancarlo Dozza  e del direttore del Dipartimento di Matematica, prof. Calogero Vinti, che fu anche il primo Preside della nuova Facoltà di Ingegneria di Perugia.

Inoltre, l’operosità e l’impegno di quanti (ricercatori, docenti e tutto il personale) si sono adoperati per strutturare e consolidare l’attività didattica e di ricerca scientifica, con impegno particolare sul fronte del trasferimento tecnologico che ha portato la Facoltà a costituire società spin-off.  

13 aprile

Sul Dossier contro il Mais GM inviato all'UE dal Ministro Balduzzi interviene Fabio Veronesi, presidente dei Genetisti agrari

In riferimento alla recente opposizione espressa dal Ministro della Salute, On.le Prof. Renato Balduzzi, riguardo la coltivazione di mais geneticamente modificato in Italia, il Prof. Fabio Veronesi, Presidente della Società Italiana di Genetica Agraria (S.I.G.A.), Associazione senza fini di lucro che raccoglie circa 400 ricercatori di Enti pubblici e privati impegnati nella ricerca nel campo della genetica e del miglioramento genetico degli organismi di interesse agrario, si è rivolto al Presidente del Consiglio dei Ministri, Sen. Prof. Mario Monti, ed al citato Ministro della Salute, a quello delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, On. Dott. Mario Catania ed a quello dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Dott. Corrado Clini, facendo rilevare che il dossier sul quale il Ministro Balduzzi ha basato l'opposizione dell'Italia è largamente derivato su un documento prodotto nel 2012 in Francia che "non appare completo e obiettivo, anche perché trascura numerose informazioni che indicano un effetto non negativo, a volte positivo, delle piante geneticamente ingegnerizzate sull'agroecosistema". Prosegue il Prof. Veronesi: "Non è mia intenzione, come Presidente della S.I.G.A., entrare in polemica in merito alle "informazioni e valutazioni" alla base delle preoccupazioni circa la coltivazione di MON 810, peraltro mai attuata nel territorio italiano. E' però chiaro che mentre la decisione di chiedere alla Commissione UE di riesaminare l'autorizzazione alla coltivazione e commercializzazione del mais MON 810 è di tipo politico, le considerazioni scientifiche negative sulle quali si basa la richiesta, per quanto sopra indicato, andrebbero attentamente verificate". Il Presidente chiede se "non sarebbe stato opportuno che queste problematiche fossero state affrontate da ricercatori italiani, invece di appoggiarsi unicamente su quanto sviluppato da altri". In questo modo di procedere il Prof. Veronesi vede una "sudditanza scientifica verso altri Paesi che per noi non è accettabile, in considerazione del valore riconosciuto a livello internazionale degli studiosi italiani che operano presso qualificati Enti di ricerca (Università, CNR, CRA, ENEA, INRAN). Spero che venga presto dato seguito ai propositi, più volte espressi da personalità di tutte le inclinazioni politiche ma mai attuati in questi anni, di fare sì che anche in Italia si trovi il supporto per una ricerca capace di dare risposte, valide per il nostro Paese, alle legittime richieste provenienti dall'opinione pubblica e dal mondo produttivo". Il Presidente della S.I.G.A. conclude con un'amara considerazione: "Vediamo oggi il risultato di scelte che hanno prodotto un grave danno ai numerosi laureati in Biotecnologie degli Atenei Italiani costretti a trasferirsi in Paesi comunitari e terzi, dove la ricerca in questo campo non è così evidentemente penalizzata e, più in generale, alla ricerca italiana nel settore agrario che viene ad essere depauperata di alcune delle migliori giovani menti".

13 aprile

Arriva a Perugia Campus Mentis, opportunità per laureandi e laureati. E'possibile iscriversi on-line

Campus Mentis In Tour, chefarà tappa nell'Aula Magna dell'Università degli Studi di Perugia nella giornata di martedì 16 aprile 2013, si adopera per supportare i giovani ad orientarsi nel complesso mondo lavorativo e professionale.

Si trattadi un'opportunità gratuita, diretta a laureandi e laureati, per acquisire utili strumenti finalizzati all'inserimento nel mondo del lavoro e per comprendere meglio le aspettative delle aziende nel processo di selezione.

L'iniziativa fornirà ai partecipanti nozioni utili per predisporre il curriculum vitae e per affrontare i colloqui di selezione e altri suggerimenti pratici, mutuati direttamente dall'esperienza dei selezionatori, e workshop con rappresentanti di importanti aziende locali e nazionali per conoscerne attività e opportunità.

Le iscrizioni sono aperte (le selezioni saranno aperte per tutta la durata della manifestazione) e l'apposito form è disponibile nell'apposita sezione del sito www.campusmentis.it.

Il programma della giornata di martedì 16 aprile, dopo l'accreditamento obbligatorio a partire dalle 8.30 di martedì e i saluti istituzionali, prevede un approfondimento su come redigere un curriculum vitae seguito da workshop aziendali.

Nel pomeriggio, invece, sarà affrontato il tema di come presentarsi ad un colloquio di lavoro, seguito dal bilancio di competenze e dalla consulenza individuale con il formatore per la compilazione del curriculum vitae.

Campus Mentis è frutto di un progetto del Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri, realizzato dal Centro di Ricerca e Servizi ImpreSapiens della Sapienza di Roma in collaborazione con il Parlamento Europeo econ il patrocinio e il supporto dell'Università degli Studi di Perugia (in particolare l'Ufficio Placement) e della Provincia di Perugia.

Il programma completo dell'iniziativa è disponibile  agli indirizzi internet: http://www.campusmentis.it/  (anche per le iscrizioni)  e  http://www.unipg.it/it/job-placement

Per informazioni  si può contattare la segreteria organizzativa al numero 06.49690392 o tramite e- mail : in-tour@campusmentis.it.

10 aprile

La Facoltà di Ingegneria compie 25 anni, la cerimonia commemorativa martedì 16 Aprile 2013

La Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Perugia compie 25 anni dall'inizio delle attività didattiche (a.a. 1987/1988) oggi nella nuova struttura, in località Santa Lucia. Un autentico evento non solo commemorativo; oltre al dovere di ricordare, infatti, c'è la volontà di interpretare le fasi attraverso le quali il prestigioso Ateneo perugino è passato nel lungo percorso della propria storia, di oltre 700 anni, e in questo caso sottolineandone l'evoluzione in anni recenti.

La Facoltà di Ingegneria vuole ricordare la sua fondazione con una manifestazione in programma martedì 16 aprile 2013, nell'atrio della Facoltà in via Duranti. Iniziarono, infatti,  25 anni fa le attività didattiche del triennio che comportarono l'attivazione della Facoltà di Ingegneria e il completamento del biennio propedeutico, già avviato nel 1969. Quindi, un traguardo importante che ha segnato la realizzazione dell'undicesima facoltà dell'Ateneo che da subito ha svolto un ruolo di primaria importanza  nel territorio della regione Umbria.

La manifestazione del 16 aprile sarà aperta alle 9,30 con il saluto delle autorità; alle 10,00 è previsto l'intervento del prof. ing. Gianni Bidini, Preside della Facoltà di Ingegneria; alle 11,00  le testimonianze del settore imprenditoriale e dei laureati. Alle 13.00 la conclusione della cerimonia.

Va ricordato sin d'ora che in questi cinque lustri negli Istituti, prima, e poi nei Dipartimenti e nei Centri di Ricerca sono state svolte importanti attività: innanzitutto di ricerca, apprezzate e riconosciute anche a livello internazionale e per il trasferimento tecnologico con la costituzione di società spin-off.

I laureati nella Facoltà di Ingegneria di Perugia sono oggi presenti in tutte le realtà industriali dell'Umbria e hanno posizioni importanti in importanti aziende nazionali e multinazionali.

A seguito dell'applicazione della Legge 240, fra pochi mesi la Facoltà di Ingegneria trasferirà le proprie attività didattiche ai Dipartimenti e questa è l'occasione per porre in risalto l'importante lavoro svolto dai docenti della Facoltà in questi 25 anni e per prospettare lo scenario futuro in cui la presenza di Ingegneria continuerà a essere attiva e dinamica come lo è stata fino a oggi.

10 aprile

Il Piano Energetico e Ambientale del Comune di Perugia e la mostra sulla Goliardia a  "Speciale Università"

Giovedì  11 aprile 2013, alle ore 21.30 andrà in onda su Tef Channel, "Speciale Università", la trasmissione dedicata all'Ateneo di Perugia presentata da Cristina Castellano.

Nella prima parte della puntata verrà illustrato il Piano Energetico e Ambientale del Comune di Perugia con la presenza in studio dell'Assessore Lorena Pesaresi e dei professori Francesco Asdrubali e Cinzia Buratti.

Nella seconda parte sarà proposto un servizio sulla mostra dedicata alla Goliardia perugina allestita all'University Store in via Ulisse Rocchi.

La trasmissione sarà replicata martedì 16 aprile 2013, alle ore 12.30.

9 aprile

Arriva Campus Mentis In Tour. Opportunità per laureandi e laureati

Supportare i giovani ad orientarsi nel complesso mondo lavorativo e professionale. E’ quello che intende fare Campus Mentis In Tour che, martedì 16 aprile 2013, farà tappa nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Perugia.

Si trattadi un’opportunità gratuita, diretta a laureandi e laureati, per acquisire utili strumenti finalizzati all’inserimento nel mondo del lavoro e per comprendere meglio le aspettative delle aziende nel processo di selezione.

L'iniziativa fornirà ai partecipanti nozioni utili per predisporre il curriculum vitae e per affrontare i colloqui di selezione e altri suggerimenti pratici, mutuati direttamente dall’esperienza dei selezionatori, e workshop con rappresentanti di importanti aziende locali e nazionali per conoscerne attività e opportunità.

Il programma dell’iniziativa, dopo l’accreditamento obbligatorio a partire dalle 8.30 di martedì e i saluti istituzionali, prevede un approfondimento su come redigere un curriculum vitae seguito da workshop aziendali. Nel pomeriggio, invece, sarà affrontato il tema di come presentarsi ad un colloquio di lavoro, seguito dal bilancio di competenze e dalla consulenza individuale con il formatore per la compilazione del curriculum vitae.

Campus Mentis è frutto di un progetto del Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri, realizzato dal Centro di Ricerca e Servizi ImpreSapiens della Sapienza di Roma in collaborazione con il Parlamento Europeo econ il patrociniodell’Università degli Studi di Perugia e della Provincia di Perugia.

Il programma completo dell’iniziativa è disponibile  agli indirizzi internet: http://www.campusmentis.it/   e  http://www.unipg.it/it/job-placement

Per informazioni  si può contattare la segreteria organizzativa al numero 06.49690392 o tramite e- mail : in-tour@campusmentis.it.

9 aprile

Conferenza su: “Giuseppe Bellucci - Uomo di scienza e fondatore del Cai di Perugia” 

Perugia (Museo archeologico) Giovedì 11 aprile 2013

Il Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell'Università degli  Studi di Perugia, nell'ambito della manifestazione “Con gli scarponi attraverso tre secoli - Mostra ed eventi sulla storia del Cai di Perugia dal 1875 ad oggi”, allestita nella Rocca Paolina di Perugia, ha organizzato un incontro giovedì 11 aprile, alle ore 17, nel Museo Archeologico del capoluogo umbro.

Sul tema: “Giuseppe Bellucci. Uomo di scienza e fondatore del Cai di Perugia”, interverranno: il dottor Sergio Gentili (Cams, Centro di Ateneo per i musei scientifici), il prof. Giancarlo Baronti, (Direttore Dipartimento Uomo e territorio), la dottoressa  Maria Cristina De Angelis, (Soprintendenza per i beni archeologici dell'Umbria).

Al termine è prevista una visita guidata al Museo Archeologico.

5 aprile

I ricercatori dell’Ateneo di Perugia in prima linea nella lotta contro il cinipede galligeno che minaccia la sopravvivenza del castagno

Porre un argine al cinipede, parassita che minaccia la sopravvivenza dei castagneti, è un problema che esiste in Italia e anche in Umbria, dove è al lavoro un gruppo di scienziati e ricercatori guidati dal prof. Carlo Ricci, ordinario di Entomologia della Facoltà di Agraria di Perugia e responsabile della sezione Arboricoltura e Protezione delle piante del Dipartimento Scienze agrarie e ambientali (DSAA).

L’Umbria grazie ai ricercatori dell’Ateneo di Perugia è in prima fila nella lotta al parassita, noto anche come vespa del castagno, comparso in Europa nel 2002 proveniente dal continente asiatico. Segnalato per la prima volta nei castagneti siti nei comuni di Boves e Peveragno  (Cuneo) si è diffuso successivamente in altri areali della penisola. I pesticidi e comunque gli strumenti messi a disposizione dalla chimica si sono rivelati inefficaci nel contrasto del cinipede. Per organizzare un controllo biologico della specie, il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (MiPAAF) nel 2011 ha messo in piedi una commissione scientifica e stanziato i primi fondi che sono stati distribuiti alle Regioni.

Nel 2012 la pericolosità del parassita è stata segnalata da una serie di dati; il più eclatante, per l’Italia, quello che ha evidenziato in un solo anno una diminuzione nella produzione di castagne e marroni pari all’80%. In Umbria sono presenti castagneti in diversi comprensori, soprattutto nello spoletino e nel ternano. Le autorità regionali, e in prima fila l’Assessorato all’Agricoltura, che ha ottenuto dal MiPAAF un contributo di 40mila euro, ha incaricato il prof. Carlo Ricci, quale esperto del settore, di coordinare il gruppo di ricerca che è impegnato nella creazione di un centro di moltiplicazione di Torymus sinensis, antagonista naturale del cinipede nell’areale di origine (Cina), introdotto dal prof. Alberto Alma (Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari – Università degli Studi di Torino). Il centro è stato realizzato a Pompagnano  (Spoleto), presso l’Azienda Zengoni Zeno.

“Abbiamo partecipato di recente ad un incontro pubblico, promosso dall’amministrazione comunale spoletina  – sottolinea il prof. Ricci – in cui è stato fatto il punto della situazione. E’ stata un’utile occasione per aggiornare i dati e verificare i risultati ottenuti. Si è preso atto della necessità di andare avanti con il lavoro iniziato in questo centro e che nel prossimo futuro dovrà proseguire anche in altre realtà”.

In seguito alla convenzione stipulata dalla Regione Umbria (dott. Francesco Grohmann) con il DSAA (prof. Marcello Guiducci), è stato affidato al dottore di ricerca Gabriele Rondoni l’incarico di svolgere la sperimentazione nel centro di Pompagnano, che ha ottenuto in tempi piuttosto rapidi risultati concreti e di evidente rilievo. In particolare, è stata messa a punto la produzione di Torymus, di cui a giorni saranno disponibili alcuni nuclei di adulti da distribuire in altre aziende costanicole dell’Umbria.

“I fondi finora resi disponibili non sono sufficienti per portare a termine detto controllo biologico, pertanto abbiamo elaborato – conclude il prof. Ricci – un progetto che prevede la creazione nel territorio umbro di altri centri di moltiplicazione di Torymus e la sperimentazione di un fungo, antagonista autoctono del cinipede, scoperto a Perugia. Questo progetto è stato presentato alla Regione Umbria, nell’ambito del Programma di Sviluppo rurale 2007-2013, coinvolgendo nove aziende costanicole ed il 3A-Parco Tecnologico Agroalimentare dell’Umbria (dott. Andrea Sisti).  Se la richiesta, come ci auguriamo, verrà accolta, potremo portare a termine in tempi ragionevolmente brevi la sperimentazione già felicemente avviata, con effetti anche sul piano operativo”.            

 

4 aprile

Presentata Start Cup Umbria 2013. Decima edizione del concorso tra Idee d’Impresa

Ha preso il via stamani, con la conferenza stampa di presentazione a Palazzo Murena sede del Rettorato, la Decima edizione del Premio Start Cup Umbria.

Ad illustrarloil professore Loris Nadotti, direttore del premio e presidente di PNICube, il quale ha ricordato che la Start Cup è una competizione tra idee imprenditoriali generate dalla ricerca universitaria, e rappresenta uno degli strumenti con cui l’Ateneo di Perugia sostiene la ricerca e l’innovazione tecnologica finalizzata allo sviluppo economico e diffonde la cultura d’impresa nell’accademia e nei territori di riferimento.

Nelle edizioni precedenti per la Start Cup sono stati messi in palio premi in denaro per un valore complessivo di 175.500 euro, valutati 65 'Business Plan' finalisti e premiate 27 idee di impresa. “Sono stati varati 33 spin off accademici – ha evidenziato Nadotti -, alcuni dei quali, usciti dalla fase di incubazione che dura tre anni, sono diventate imprese in grado di competere sul mercato nazionale ed europeo. Nel 2006 e poi nel 2011 l’Ateneo di Perugia ha ottenuto importanti finanziamenti dal Ministero dello Sviluppo economico da destinare al trasferimento dei progetti dai laboratori universitari alle imprese. Oggi, in presenza della recessione economica che rende problematici gli investimenti in Italia, è fondamentale che le Start Up siano presenti all’estero puntando sull’export nei mercati europei”. Nadotti ha ricordato le principali tappe della Start Cup Umbria 2013: entro il 15 giugno uno o più persone possono iscriversi per partecipare al concorso, purché siano docenti, ricercatori, dipendenti dell’Ateneo, e anche dottorandi, specializzandi, titolari di assegni di ricerca e di borse di studio. Entro la metà di agosto è previsto un corso sulle tematiche inerenti la nascita degli spin-off, al quale parteciperanno gli iscritti al Premio, che entro il 10 settembre dovranno presentare il ‘Business Plan’ che sarà valutato da una giuria composta in prevalenza da operatori di imprese (imprenditori e manager). Le premiazioni, che si svolgerannoentro settembre 2013,prevedono quattromila euro al primo classificato, duemila al secondo e mille e cinquecento al terzo. “E’ possibile – ha concluso il prof. Nadotti – che i premi possano essere aumentati di numero o incrementati di importo, grazie a possibili contributi provenienti da imprese”.

C'è poi la fase nazionale che nel 2012 si è svolta a Bari e quest’anno si terrà in ottobre a Genova, in coincidenza con il Festival della Scienza.

Stamani, insieme alla Start Cup Umbria è stata presentata la manifestazione Creativity Camp 2013, organizzata dall’Agenzia Umbra Ricerche (AUR) e co-finanziata dal Fondo Sociale Europeo. L’ha illustrata la dottoressa Anna Ascani, direttore AUR, la quale ha ricordato  che  l’iniziativa è voluta dalla Regione Umbria al fine di sviluppare e rafforzare, nei giovani tra i 20 e i 35 anni d’età, le capacità imprenditoriali. Il termine discadenza per parteciparea Creativity Camp è fissato al 19 aprile 2013. Tutte le informazioni in merito sono accessibili nel portale internet della Regione Umbria.

Alla Conferenza stampa sono intervenuti rappresentanti di due società che hanno vinto passate edizioni delle Start Cup Umbria. Il professor Giorgio Minelli, in rappresentanza della società Intgemond S.r.l., ha illustrato come è nato questo spin-off nel 2009 all’interno del Dipartimento universitario di Scienze della terra operante nel settore degli idrocarburi. Attualmente la società è impegnata su due fronti: la formazione, che garantisce corsi in alcune materie professionalizzanti e le consulenze esterne. “Si è sviluppato un’importante collaborazione con l’Eni per la quale il Dipartimento universitario gestisce 3 corsi semestrali per dipendenti Eni, italiani e stranieri. Grazie allo sviluppo di questo progetto l’Ateneo di Perugia è stato scelto, in competizione con altre cinque Università italiane, per istituire il Corso di laurea, unico in Italia, in materia di Idrocarburi. Un altro aspetto positivo è quello occupazionale: grazie a questo spin-off viene garantito lavoro a dieci addetti, tra cui sei dottorandi”.

Il dottor Roberto Spogli ha portato l’esperienza della Prolabin & Tefarm S.r.l., presentata alla Start Cup 2007 per iniziativa della cattedra di Chimica della Facoltà di Farmacia e è operativa dal 2008. “La nostra società ha terminato il periodo di incubazione – ha ricordato il dottor Spogli – ed è uscita anche fisicamente dall’Università, andando ad operare in una sede esterna. Tra gli aspetti positivi è che questa impresa, operante nel settore della manifattura farmaceutica e dei cosmetici, è partner di due importanti progetti europei. 

Start Cup Nadotti a destra Ascani a sinistra Olsen 

Dott.ssa Gina Olsen, prof. Loris Nadotti, dott.ssa Anna Ascani

 

Start Cup Giorgio Minelli

Prof. Giorgio Minelli

Start Cup Roberto Spogli

Dott. Roberto Spogli

4 aprile

La start up perugina ‘Biosansa’ premiata come modello d’impresa eco-sostenibile

Il progetto ‘Biosansa’, nato nell’ambito della Start Cup 2012 dell’Università di Perugia e presentato dal prof. Primo Proietti del Corso di Laurea in Scienze agrarie insieme al dottor Michele Chiodi, giovane agronomo ed esperto di agricoltura sostenibile, ha ottenuto di recente un ambito riconoscimento.

Il dottor Chiodi, promotore dell’idea d’impresa, ha presentato il progetto alla Confindustria di Teramo ed è risultato vincitore del premio Whiteinformation per l’innovazione.  L’idea è stata premiata dal presidente dei Giovani di Confindustria Teramo Luca Verdecchia e da Rocco Micucci, presidente della Finanzia regionale Abruzzese (Fira).

Il progetto Biosansa riguarda unatecnologia economica, efficiente e a basso impatto ambientale, che risolve il problema dello smaltimento della sansa e rappresenta un ottimo eco-combustibile per caldaie da riscaldamento. Come noto, la sansa è lo scarto di lavorazione dell’olio di oliva che per le aziende produttrici nella stragrande maggioranza dei casi costituisce un rifiuto, di cui per liberarsi sono costrette anche a pagare.

Al giovane imprenditore Michele Chiodi, cresciuto all’interno del frantoio di famiglia, Oleificio Chiodi in provincia di Teramo, è venuta in mente un’idea innovativa per affrontare il problema dello smaltimento della sansa. “Facendo tesoro del mio lavoro nel frantoio – racconta Chiodi – e con alle spalle una laurea in Scienze agrarie conseguita all’Università di Perugia, sotto la guida del professor Primo Proietti, ho messo a punto una nuova tecnologia che ho battezzato Biosansa”. In pratica si tratta di una macchina capace di trattare la sansa in maniera tale da fornirgli delle caratteristiche assolutamente originali. “Attualmente – spiega il giovane imprenditore – la sansa viene raccolta dai sansifici che ne estraggono l’olio residuo e poi utilizzano lo scarto finale come bio-combustibile solido. Il mio progetto va ad incidere proprio su questa fase finale, riuscendo ad ottenere delle qualità nettamente superiori. La Biosansa ha innanzitutto un potere calorifico superiore, non emana cattivi odori, visto che sono assenti i fumi dei solventi che i sansifici utilizzano per estrarre l’olio residuo, e  genera meno polvere”.

Queste caratteristiche fanno sì che la Biosansa possa essere tranquillamente stoccata nelle case. Senza contare che dotandosi del macchinario ideato da Chiodi, i frantoi, singoli o in gruppi, potrebbero risolvere in casa il problema dello smaltimento della sansa, producendo un bio-combustibile di altissima qualità da rivendere. “ Il tutto – precisa l’imprenditore teramano – grazie ad un processo tecnologico che in pratica riduce notevolmente l’umidità presente nel bio-combustibile finale. Attualmente, con i trattamenti dei sansifici siamo intorno al 50%, mentre con la mia macchina si arriva al 15%. Inoltre, le polveri che si producono nella fase di essiccazione non vengono rilasciate, ma captate e aggiunte al biocombustibile. Questa procedura riduce le emissioni nell’aria e aumenta la produzione di calore all’interno delle caldaie”. Insomma, ci sono le premesse affinché la Biosansa possa diventare il bio-combustibile ecologico del futuro. “Potrà essere utilizzato sia per caldaie familiari che riscaldano e producono acqua calda – sottolinea  Chiodi –, sia per strutture imprenditoriali tipopalestre, panifici e vivai, luoghi che notoriamente hanno bisogno di produrre notevoli quantità di energia calorifica”.

Tra l’altro Chiodi ha già ottenuto positivi riscontri commerciali. Con un prototipo della sua macchina ha prodotto Biosansa e l’ha venduta a prezzi concorrenziali a clienti privati e a imprese. “Ben il 90% degli utilizzatori alla fine della sperimentazione – sottolinea l’imprenditore - si è detto favorevole ad un futuro utilizzo della Biosansa”.

 Probabilmente a breve, insieme a suo fratello, Michele Chiodi darà vita ad una società, forse una s.r.lcon sedea Teramo, allo scopo di commercializzare la Biosansa in tutta Italia. Nei suoi programmi, infatti, c’è l’idea di creare partnership con chiunque voglia investire in questa idea per andare a costituire ramificazioni della nuova società soprattutto nelle Regioni da sempre votate alla produzione di olio: dalla Toscana alla Liguria, dalla Puglia all’Umbria.

 

3 aprile

DOMANI CONFERENZA STAMPA - Start Cup Umbria2013 - La presentazione del concorsogiovedì 4 aprile a Palazzo Murena

La decima edizione del premio Start Cup Umbria 2013 sarà presentata nel corso di una conferenza stampa in programma giovedì 4 aprile 2013, alle ore 10, nell'aula Dessau di Palazzo Murena, sede centrale dell'Università degli Studi di Perugia.

Interverranno il professore Loris Nadotti, direttore del premio e presidente di PNICube, i rappresentanti di INTGEOMOD srl, PROLABIN & TEFARM srl., società vincitrici di passate edizioni delle Start Cup per raccontare la propria esperienza del Premio, e la dottoressa Anna Ascani, direttore dell'Agenzia Umbra Ricerche (AUR).

Start Cup Umbria  è una competizione tra idee imprenditoriali generate dalla ricerca universitaria, e rappresenta uno degli strumenti con cui l'Ateneo di Perugia sostiene la ricerca e l'innovazione tecnologica finalizzata allo sviluppo economico e diffonde la cultura d'impresa nell'accademia e nei territori di riferimento. Nel corso degli anni Start Cup ha messo in palio premi in denaro per un valore complessivo di 175.500 euro, valutando 65 Business Plan finalisti e premiando 27 idee di impresa innovative.

Durante la conferenza stampa, oltre alla Start Cup Umbria, verrà presentata anche la manifestazione Creativity Camp 2013, organizzata dall'AUR, co-finanziata dal Fondo Sociale Europeo, un'altra iniziativa volta a sviluppare e rafforzare, nei giovani tra i 20 e i 35 anni d'età, le capacità imprenditoriali.

LE REDAZIONI SONO INVITATE A PARTECIPARE ALLA CONFERENZA STAMPA

3 aprile

Zoologia ambientale, circuiti elettronici 'biodegradabili', Start Cup Umbria 2013, se ne parla a "Speciale Università"

Giovedì  4 aprile 2013, alle ore 21.30 andrà in onda su Tef Channel, "Speciale Università", la trasmissione dedicata all'Ateneo di Perugia presentata da Cristina Castellano.

Nella prima parte della trasmissione si parlerà dell'attività dell'Unità di ricerca e didattica di Zoologia ambientale, coordinata dal professor Bernardino Ragni. Il  professor Ragni e il Dottore di Ricerca Cristiano Spilinga tratteranno gli studi svolti relativi ad anfibi, rettili e chirotteri (pipistrelli).

Nella seconda parte il professor Luca Roselli, Dipartimento di Ingegneria elettronica e dell'informazione, illustrerà il progetto GRETA (Green Tags) relativo allo sviluppo di circuiti elettronici su supporto biodegradabile.

E' previsto inoltre un servizio relativo alla presentazione del concorso Start Cup Umbria 2013, competizione tra idee imprenditoriali generate dalla ricerca universitaria.

La trasmissione sarà replicata martedì 9 aprile 2013, alle ore 12.30.


Torna su
×