Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale
Menu

20 Venerdì

Importante riconoscimento internazionale all’Ateneo di Perugia, ha ottenuto il marchio ECTS

La Commissione Europea  ha conferito  all’Università degli Studi di Perugia il marchio ECTS (ECTS Label), che sarà valido fino al 2016. Il riconoscimento è stato reso pubblico il 7 dicembre, dopo che l’Ateneo perugino aveva partecipato alla valutazione, inviando la propria candidatura il 30 maggio 2013 e presentando le pratiche di studenti in mobilità in entrata e in uscita e il catalogo di tutti i corsi di laurea in lingua inglese. Solo due Atenei italiani (Perugia e Pisa) hanno avuto il conferimento dell’ECTS Label nel 2013 e, con il rinnovo accordato all’Università degli Studi di Parma (che aveva ottenuto il marchio nel 2009), sono tre in Italia gli istituti di istruzione superiore che possono vantare questo prestigioso riconoscimento.

“E’ un importante riconoscimento – rileva il Magnifico Rettore Franco Moriconi – conquistato dal nostro Ateneo grazie all’attenzione che viene rivolta ai processi di internazionalizzazione e alla mobilità degli studenti. Ringrazio per questo tutti i docenti che si sono impegnati in questa direzione, invitandoli a moltiplicare i loro sforzi perché il conferimento di questo titolo internazionale di eccellenza possa attrarre giovani italiani e stranieri, desiderosi di ottenere nell’Ateneo di Perugia una preparazione culturale e professionale di alta qualità”.   

Il marchio ECTS viene conferito agli Atenei che dimostrano eccellenza nell'applicazione dei principi che stanno alla base della mobilità studentesca internazionale e che applicano correttamente l'ECTS (European Credit Transfer System - Sistema Europeo di trasferimento dei crediti) in tutti i corsi di studio di primo ciclo (Laurea), secondo ciclo (Laurea Magistrale) e ciclo unico.

L’ECTS è uno standard riconosciuto che nasce con lo scopo di favorire la mobilità degli studenti in ambito europeo e lo scambio culturale. Tale standard permette infatti la comparazione dei sistemi di crediti adottati negli istituti universitari e di alta formazione in Europa, rendendoli più trasparenti, al fine di facilitare la progettazione e l'attivazione del percorso formativo degli studenti. Ciò permette allo studente, che ha studiato in un paese, di avere riconosciuti i propri studi presso l’istituzione di un altro paese che aderisce allo standard.

Nella pratica, l’eccellenza attestata dall’assegnazione del marchio ECTS viene dimostrata in due diverse aree: nelle informazioni sull’offerta formativa e sull’istituzione stessa, fornite in lingua inglese attraverso il proprio sito internet; nella documentazione destinata agli studenti in mobilità, in entrata e in uscita. 

Per il buon esito del progetto dell’Università di Perugia, coordinato dall’Area Relazioni Internazionali, oltre alla professoressa Elda Gaino, già Delegato del Rettore per l’Internazionalizzazione, hanno avuto un ruolo fondamentale i Presidi di Facoltà, i Presidenti dei Consigli di Corso di Laurea, i Delegati Erasmus di Facoltà, la Ripartizione Didattica e l’ Area Reti e Servizi Web.

Il sistema ECTS si basa sui seguenti strumenti:

  •    I crediti ECTS, che rappresentano, sotto forma di valore numerico assegnato a ciascuna unità di corso, il volume di lavoro che lo studente deve svolgere per completarla;
  •    Il fascicolo informativo, che fornisce informazioni utili allo studente e al personale sugli istituti, sulle scuole/dipartimenti, sull’organizzazione e la struttura degli studi, nonché sulle unità di corso;
  •    Il certificato degli studi compiuti, che presenta i risultati accademici dello studente in modo chiaro, completo, comprensibile affinchè possa essere facilmente trasferibile da un istituto all’altro;
  •    Il contratto di studio, che descrive il piano di studio che lo studente dovrà seguire e indica i crediti ECTS che gli saranno accordati quando avrà svolto le attività previste (esame, valutazione, ecc.).

I risultati della selezione sono disponibili alla pagina http://eacea.ec.europa.eu/llp/results_projects/ects_ds/selection_ects_ds_2013_en.php

 

18 Mercoledì

“Ateneo ‘casa di vetro’”, il Rettore Moriconi all’incontro sui temi della trasparenza e dell’anticorruzione

“Si tratta di un’occasione importante di formazione per il personale e di confronto all’interno della nostra Università. Trasparenza e anticorruzione non devono essere solo parole, ma, in applicazione della normativa, un modo amministrare e di comportarsi. Ritengo che l’Università di Perugia debba diventare una ‘casa di vetro’ dove i termini di riferimento dovranno essere etica, moralità, merito, qualità, collegialità,”. Lo ha detto il Rettore Franco Moriconi intervenendo, in Aula Magna, alla Giornata della Trasparenza. L’iniziativa è stata organizzata dall’Università degli Studi di Perugia,nell'ambito degli adempimenti previsti dal Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33, e ha rappresentato l’occasione per un momento di condivisione e approfondimento circa le novità introdotte dalla L.n.190/2012 in materia di anticorruzione e di trasparenza dal D.Lgs. n.33/2013.

Dopo il saluto del Rettore Moriconi, sono intervenuti, il Direttore generale  e responsabile della Trasparenza, dottoressa Angela Maria Lacaita (“La trasparenza in attuazione del decreto legislativo n. 33/2013 – Linee programmatiche dell’Università di Perugia”), e i professori Fabrizio Figorilli, Pro Rettore Vicario (“Principio di trasparenza alla luce delle norme anticorruzione”) e Corrado Corradini, Coordinatore Nucleo di valutazione (“Il ruolo del Nucleo di valutazione nell’ambito del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni”).

L’incontro odierno ha dato l’opportunità di tracciare l’iter normativo che ha caratterizzato la trasparenza, a partire dalla legge 7 agosto 1990, n. 241: dalle nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi che, superando i tempi del segreto d’ufficio’, ha aperto la nuova stagione della Pubblica Amministrazione.

Un processo che, partendo dalla necessità di pubblicizzare le attività svolte, è poi divenuto, con il tempo e con la nuova normativa, un modo per garantire l’accesso agli atti dei cittadini e il loro controllo, e per guidare la Pubblica Amministrazione, visti gli obblighi, anche in termini procedurali verso la trasparenza.

Oggi pomeriggio l’incontro riprenderà alle ore 14 con gli interventi del dottor Vito Quintaliani, responsabile per la prevenzione della corruzione, su “La disciplina per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità”; del dottor Fabio Monteduro, ricercatore di Economia aziendale  (Università Roma La Sapienza), su “La valutazione del rischio di corruzione e la definizione degli interventi organizzativi di prevenzione”; del dottor Ludovico Principato, già Procuratore generale Corte dei Conti, su “I profili di responsabilità connessi alla Legge 190/2012 nella giurisdizione della Corte dei conti”; di Antonio Pieretti, professore emerito già ordinario di Filosofia teoretica, su “L’etica: dalla teoria alla prativa”.

 

La conclusione dei lavori è prevista alle ore 18.

DSC 5876

DSC 5883

 

Mercoledì 18

Accordo di cooperazione tra l’Ateneo di Perugia e il Ministero della Salute della Repubblica di Albania

Stamani, a Palazzo Murena il Magnifico Rettore Franco Moriconi ha incontrato una delegazione della Repubblica di Albania, guidata dal Ministro della Salute Ilir Beqaj con il quale ha sottoscritto un importante accordo di cooperazione culturale e scientifica. Il ministro albanese, a Perugia da un paio di giorni per incontri con le autorità istituzionali degli enti territoriali,  era accompagnato dal suo vice Klodian Rjepaj, mentre il Rettore era affiancato dai professori Gianni Bidini, Preside della Facoltà di Ingegneria,  Giuseppe Lomurno (Facoltà Medicina e Chirurgia), Piero Ceccarelli e Antonio Di Meo (Facoltà Medicina Veterinaria). L’accordo quadro, oltre a prevedere attività di scambio di docenti, ricercatori e studenti tra l’Ateneo perugino e l’Università di Tirana, ha l’obiettivo di supportare la facoltà di medicina albanese con riferimento alla logistica nel campo delle strutture ospedaliere e a servizi di ingegneria clinica e procedure mediche-.  Inoltre, l’intesa prevede una collaborazione scientifica sul fronte delle scienze veterinarie.

“Siamo solo ai primi passi – ha dichiarato il Rettore Moriconi – di una collaborazione importante e dagli sviluppi rilevanti. Non è un caso che a questo tavolo al  mio fianco  ci siano docenti delle facoltà di medicina, veterinaria e ingegneria, settori che possono essere immediatamente coinvolti in attività di cooperazione, che  noi auspichiamo possa diventare intensa e proficua  per entrambi i contraenti. Lo strumento che abbiamo firmato è un accordo-quadro che potrà essere concretizzato mediante successive intese legate a specifici progetti”.

Il Ministro della Salute albanese ha spiegato l’interesse del suo governo, in carica da pochi mesi, che è determinato realizzare un processo di rapida modernizzazione della nazione. “Molto c’è da fare nel campo della salute - ha detto il ministro Begaj – e, a questo fine, preziosa potrà risultare la collaborazione dell’Università di Perugia. Oltre alla vasta esperienza maturata in campo sanitario, il vostro Ateneo è in grado, con le proprie competenze e conoscenze, di offrire al nostro Paese valide soluzioni nelle procedure mediche, nella logistica e con servizi di ingegneria clinica in grado di far compiere un salto di qualità ai servizi sanitari dell’Albania”.

Si è parlato, inoltre, dei collegamenti tra Italia, in particolare l’Umbria, e Albania. Sull’argomento è intervenuto il prof Lomurno, che è anche assessore al turismo e allo sviluppo economico del Comune di Perugia,che e ha auspicato, quanto prima possibile, la ripresa dei voli tra l’aeroporto ‘San Francesco’ di Perugia e lo scalo di Tirana.

 

DSC 5822

DSC 5826

DSC 5789

Mercoledì 18

 

A “Speciale Università” di domani sera i progetti sostenuti dal Comitato “Daniele Chianelli” e i servizi finanziari per le start up innovative

 

Domani, giovedì 19 dicembre 2013, alle ore 21.30, su Tef Channel, andrà in onda “Speciale Università”, la trasmissione dedicata all’Ateneo di Perugia condotta da Cristina Castellano.

 

La puntata sarà dedicata ai recenti progetti finanziati dal Comitato per la vita “Daniele Chianelli” e all'interazione e reciproco aiuto tra il Comitato, la struttura sanitaria e l’Università degli Studi di Perugia.

 

Interverranno in studio, oltre alla rappresentanza del “Chianelli”, i professori Cristina Mecucci, Andrea Velardi e Brunangelo Falini.

 

Il servizio esterno riguarda il seminario “I servizi finanziarie per le start up innovative”, tenutosi lunedì 16 dicembre 2013 alla Facoltà di Economia.

 

Martedì 17 

Incontro sui temi della Trasparenza e dell’Anticorruzione. Domani, mercoledì nell’Aula Magna dell’Ateneo

Si parlerà di Trasparenza e Anticorruzione nel corso della Giornata di studio e di confronto, organizzata dall’Università degli Studi di Perugia,nell'ambito degli adempimenti previsti dal Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33.

L’incontro, che è in programma domani, mercoledì 18 dicembre 2013, alle 10,30 e proseguirà per l’intera giornata nell’Aula Magna dell’Ateneo, rappresenta un importante momento di condivisione e approfondimento circa le novità introdotte dalla L.n.190/2012 in materia di anticorruzione e di trasparenza dal D.Lgs. n.33/2013. 

La giornata sarà aperta dai saluti del  Magnifico Rettore prof. Franco Moriconi, cui seguirà l’intervento introduttivo del Direttore generale  e responsabile della Trasparenza, dottoressa Angela Maria Lacaita sul tema “La trasparenza in attuazione del decreto legislativo n. 33/2013 – Linee programmatiche dell’Università di Perugia. Le relazioni saranno aperte dall’intervento del prof. Fabrizio Figorilli, Pro Rettore Vicario, su “Principio di trasparenza alla luce delle norme anticorruzione”; il prof. Corrado Corradini, Coordinatore Nucleo di valutazione, su “Il ruolo del Nucleo di valutazione nell’ambito del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni”. 

Dopo la pausa pranzo, l’incontro riprenderà alle ore 14 con l’intervento del dottor Vito Quintaliani, responsabile per la prevenzione della corruzione, su “La disciplina per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità”; il dottor Fabio Monteduro, ricercatore di Economia aziendale  (Università Roma La Sapienza), su “La valutazione del rischio di corruzione e la definizione degli interventi organizzativi di prevenzione”; il dottor Ludovico Principato, già Procuratore generale Corte dei Conti, su “I profili di responsabilità connessi alla Legge 190/2012 nella giurisdizione della Corte dei conti”; Antonio Pieretti, professore emerito già ordinario di Filosofia teoretica, su “L’etica: dalla teoria alla prativa”. 

Alle ore 18 è prevista la conclusione dei lavori. 

La partecipazione alla Giornata della Trasparenza sarà riconosciuta come iniziativa formativa per il personale tecnico-amministrativo e bibliotecario e potrà essere considerata come rientro pomeridiano settimanale.

17 dicembre

“Kara Güneş” in concerto per i progetti per la biodiversità in Etiopia, iniziativa del Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell’Università di Perugia, nel segno di Orazio Antinori

Un concerto del gruppo turco-kurdo  “Kara Güneş” per sostenere progetti di ricerca del Centro Studi “Orazio Antinori” di Ankober (Etiopia) per lo studio e la conservazione della biodiversità degli altopiani dello Shéwa.

“Da Diyarbakir a Istanbul … sino a Perugia. Nel vicino Oriente sulle orme di Orazio Antinori in musica!”, concerto di musiche tradizionali e contemporanee,  è in programma giovedì  19 dicembre  2013, alle ore 21, nell’Aula Magna dell’Università per Stranieri di Perugia.

La serata musicale, caratterizzata anche da letture di Mirko Revoyera, è  a cura del CAMS - Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell’Università degli Studi di Perugia e del Circolo Culturale Primomaggio, in collaborazione con  l’Associazione Culturale Umbria-Grecia “Alarico Silvestri”, l’Associazione "VIVERE INSIEME" di Corciano e il Club Alpino Italiano – Sez. di Perugia “G. Bellucci”.

I “Kara Güneş”, composto da Özgür Yalçın (voce e chitarra 12 corde), Mübin Dünen (voce, ney e santur), Ceyhun Kaya (voce, clarinetto, sax soprano e tromba), Mehmet Mert Baycan (percussioni: cajon, bendir, def, darabuka), Michelangelo Severgnini (contrabbasso), sono uno dei gruppi più apprezzati e conosciuti della scena underground odierna di Istanbul e della Turchia.

Attivi sin dagli inizi degli anni ‘90, prima in Ankara e poi in Istanbul, i  “Kara Güneş” hanno inaugurato un nuovo genere musicale turco in cui il ricco repertorio dell’antica musica tradizionale e popolare dell’Anatolia, raccolto e affinato in tanti anni di viaggi nella Turchia rurale (a cominciare dall'antica tradizione degli Aşık, sorta di musicisti-viandanti) viene a fondersi con elementi cosmopoliti creando quella miscela inconfondibile del gruppo. Un percorso sonoro da Istanbul, metropoli a cavallo fra Oriente ed Occidente, attraverso gli altopiani dell’Anatolia, sino alle montagne del Kurdistan e dell’Armenia, riproponendo in musica il lungo viaggio del naturalista-esploratore perugino Orazio Antinori (1811-1882) in Asia Minore, un viaggio tra passato e presente, ascoltando sonorità antiche e nuove espressioni musicali d’avanguardia.

16 dicembre

Giornata della Trasparenza  - Perugia (Aula Magna dell’Ateneo). Mercoledì, 18 dicembre 2013 – ore 10,30

L’Università degli Studi di Perugia ha organizzato mercoledì 18 dicembre 2013 la “Giornata della Trasparenza”, nell'ambito degli adempimenti previsti dal Decreto Legislativo 14 marzo 2013, n. 33.

L’evento nell’Aula Magna dell’Ateneo di Palazzo Murena  rappresenta un importante momento di condivisione e approfondimento circa le novità introdotte dalla L.n.190/2012 in materia di anticorruzione e di trasparenza dal D.Lgs. n.33/2013.

La giornata, alle 10,30, sarà aperta dai saluti del  Magnifico Rettore prof. Franco Moriconi, cui seguirà l’intervento introduttivo del Direttore generale  e responsabile della Trasparenza, dottoressa Angela Maria Lacaita sul tema “La trasparenza in attuazione del decreto legislativo n. 33/2013 – Linee programmatiche dell’Università di Perugia. Le relazioni saranno aperte dall’intervento del prof. Fabrizio Figorilli, Pro Rettore Vicario, su “Principio di trasparenza alla luce delle norme anticorruzione”; il prof. Corrado Corradini, Coordinatore Nucleo di valutazione, su “Il ruolo del Nucleo di valutazione nell’ambito del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni”.

Dopo la pausa pranzo, l’incontro riprenderà alle ore 14 con l’intervento del dottor Vito Quintaliani, responsabile per la prevenzione della corruzione, su “La disciplina per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità”; il dottor Fabio Monteduro, ricercatore di Economia aziendale  (Università Roma La Sapienza), su “La valutazione del rischio di corruzione e la definizione degli interventi organizzativi di prevenzione”; il dottor Ludovico Principato, già Procuratore generale Corte dei Conti, su “I profili di responsabilità connessi alla Legge 190/2012 nella giurisdizione della Corte dei conti”; Antonio Pieretti, professore emerito già ordinario di Filosofia teoretica, su “L’etica: dalla teoria alla prativa”.

Alle ore 18 è prevista la conclusione dei lavori.

La partecipazione all’evento sarà riconosciuta come iniziativa formativa per il personale tecnico-amministrativo e bibliotecario e potrà essere considerata come rientro pomeridiano settimanale.

16 dicembre

Domani Santa Messa di Natale per gli universitari, alle ore 18.30, nella Chiesa dell’Ateneo

Monsignor Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia – Città della Pieve, martedì 17 dicembre 2013, alle 18.30, celebrerà la Santa Messa nella Chiesa dell’Università in preparazione al Natale, animata dal coro dell’Università. 

Nell’invito, don Elio Bromuri, Rettore della Chiesa dell’Università e vicario episcopale per la cultura, sottolinea come alla liturgia sono invitati a partecipare studenti, docenti e amministrativi per scambiarsi gli auguri di Natale.

I brani musicali, durante la Messa, verranno eseguiti dal Coro dell’Università degli Studi di Perugia diretto da Marta Alunni Pini; all’organo Francesco Andreucci.

Al termine il Coro proporrà un concerto con brani della tradizione natalizia, liturgica e spirituals.

16 dicembre

Successo per la DevCamp, giornata formativa sulle tecnologie Microsoft

Successo di partecipanti per DevCamp, la giornata formativa sulle tecnologie Microsoft rivolta agli studenti di Informatica e agli appassionati del settore, svoltasi al Dipartimento di Matematica e Informatica.

E‘ stata organizzata nell'ambito della convenzione tra il Dipartimento di Matematica e Informatica dell'Università degli Studi di Perugia (responsabile il professor Alfredo Milani) e il gruppo di sviluppatori Microsoft Italia DotNetUmbria (responsabile Fabrizio Bernabei). Nel corso della giornata, Pietro Brambati, Developer Evangelist di Microsoft Italia, ha offerto una panoramica sui nuovi sistemi, Windows 8.1, i nuovi servizi di Windows Azure, Visual Studio 2013, seguita da un laboratorio pratico interattivo guidato dal gruppo DotNetUmbria, dove sono stati forniti tutti gli strumenti per lo sviluppo di applicazioni per Windows 8, Windows Phone e Windows Azure per Cloud.

Agli studenti del Dipartimento di Matematica e Informatica sono state inoltre fornite informazioni per ottenere licenze gratuite dei sistemi operativi Microsoft e dei principali strumenti di sviluppo, grazie alle convenzioni in corso con Microsoft.

 

sviluppatoriWindowsPhone

momentoDelLaboratorioDiSviluppo

inSfondoIlResponsabileDotNetFabrizioBernabei

13 dicembre 

Santa Messa di Natale per gli universitari, Martedì 17 dicembre 2013, ore 18.30

Monsignor Gualtiero Bassetti, Arcivescovo di Perugia – Città della Pieve, martedì 17 dicembre 2013, alle 18.30, celebrerà la Santa Messa nella Chiesa dell’Università in preparazione al Natale, animata dal coro dell’Università.

Nell’invito, don Elio Bromuri, Rettore della Chiesa dell’Università e vicario episcopale per la cultura, sottolinea come alla liturgia sono invitati a partecipare studenti, docenti e amministrativi per scambiarsi gli auguri di Natale.

13 dicembre

Concerto dei “Kara Güneş” per sostenere  progetti per la biodiversità,  è promosso dal Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell’Università di Perugia

“Da Diyarbakir a Istanbul … sino a Perugia. Nel vicino Oriente sulle orme di Orazio Antinori in musica!” è il titolo del concerto di musiche tradizionali e contemporanee del gruppo Turco-Kurdo  “Kara Güneş” in programma giovedì  19 dicembre  2013, alle ore 21, nell’Aula Magna dell’Università per Stranieri di Perugia.

La serata musicale, caratterizzata anche da lettura di Mirko Revoyera, intende sostenere alcuni progetti di ricerca del Centro Studi “Orazio Antinori” di Ankober (Etiopia) per lo studio e la conservazione della biodiversità degli altopiani dello Shéwa; è  a cura del CAMS - Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell’Università degli Studi di Perugia e del Circolo Culturale Primomaggio, in collaborazione con  l’Associazione Culturale Umbria-Grecia “Alarico Silvestri”, l’Associazione "VIVERE INSIEME" di Corciano e il Club Alpino Italiano – Sez. di Perugia “G. Bellucci”.

I “Kara Güneş”, composto da Özgür Yalçın (voce e chitarra 12 corde), Mübin Dünen (voce, ney e santur), Ceyhun Kaya (voce, clarinetto, sax soprano e tromba), Mehmet Mert Baycan (percussioni: cajon, bendir, def, darabuka), Michelangelo Severgnini (contrabbasso), sono uno dei gruppi più apprezzati e conosciuti della scena underground odierna di Istanbul e della Turchia. Attivi sin dagli inizi degli anni 90, prima in Ankara e poi in Istanbul, i  “Kara Güneş” hanno inaugurato un nuovo genere musicale turco in cui il ricco repertorio dell’antica musica tradizionale e popolare dell’Anatolia, raccolto e affinato in tanti anni di viaggi nella Turchia rurale (a cominciare dall'antica tradizione degli Aşık, sorta di musicisti-viandanti) viene a fondersi con elementi cosmopoliti creando quella miscela inconfondibile del gruppo. Un percorso sonoro da Istanbul, metropoli a cavallo fra Oriente ed Occidente, attraverso gli altopiani dell’Anatolia, sino alle montagne del Kurdistan e dell’Armenia, riproponendo in musica il lungo viaggio del naturalista-esploratore perugino Orazio Antinori (1811-1882) in Asia Minore, un viaggio tra passato e presente, ascoltando sonorità antiche e nuove espressioni musicali d’avanguardia.

concerto

12 dicembre

DevCamp, giornata formativa sulle tecnologie Microsoft. Venerdì 13 dicembre 2013, ore 9.30, Aula A2 del Dipartimento di Matematica e Informatica

Il Dev Camp, organizzato in collaborazione con Dipartimento di Matematica e Informatica dell'Università degli Studi di Perugia e DotNetUmbria,è una giornata formativa sulle tecnologie Microsoft tenuta con il supporto di esperti Microsoft e delle community; è rivolta agli studenti di Informatica e a tutti gli interessati. Si svolge domani, venerdì 13 dicembre 2013, alle ore 9.30, nell’Aula 2 del Dipartimento di Matematica e Informatica, in via Vanvitelli. La giornata comprende una panoramica sui nuovi sistemi, Windows 8.1, i nuovi servizi di Windows Azure, Visual Studio 2013 ed è seguita da un laboratorio pratico interattivo dove vengono forniti tutti gli strumenti per lo sviluppo di applicazioni.

I Dev Camp sono un’occasione importante per incontrare altri sviluppatori e avere l’opportunità di realizzare applicazioni per Windows 8, Windows Phone e Windows Azure con il supporto di esperti Microsoft e delle Community. Inoltre sarà possibile testare applicazioni per il Windows Store su Ultrabook e Tablet x86  e ARM, le app Windows Phone su Nokia Lumia e le app di Windows Azure nella Cloud.

L'iniziativa è aperta a tutti gli studenti e agli interessati previa registrazione fino al raggiungimento dei posti disponibili. I partecipanti dovranno portare il proprio laptop con preinstallato il software necessario. Per maggiori informazioni sull'evento, istruzioni sul software da installare e registrazione: http://aka.ms/devcampdotnetumbria  

12 dicembre

Seminario di studio sulla promozione della Salute all'inizio del terzo Millennio

Martedì 17 dicembre 2013 a Villa Umbra di Pila, è in programma una giornata di discussione e dibattito su un tema di grande interesse, partendo dai provvedimenti regionali di ristrutturazione del Servizio Sanitario.

Il seminario è organizzato dalla Direzione regionale Salute e coesione sociale della Regione Umbria e dal Centro sperimentale per l'Educazione sanitaria dell'Università degli Studi di Perugia, che celebra quest’anno il 60.esimo dalla sua fondazione, nonché cinquant'anni della rivista ‘Sistema Salute’ ed i 40 de ‘La Salute umana’.

L’iniziativa intende favorire un maggiore coinvolgimento degli attori (politici, tecnici sanitari e sociali) in un passaggio cruciale dello sviluppo del Servizio Sanitario Nazionale, per consolidare le attività di  promozione della salute, prevenzione ed educazione sanitaria già intraprese nella nostra regione.

Si tratta di un primo confronto, interno ai Servizi pubblici, per sviluppare una riflessione approfondita sugli approcci professionali per i tecnici e le scelte politiche per gli amministratori, con l'obiettivo di responsabilizzare di più i cittadini e rendere, quindi, più facili le scelte in materia di salute.
Sindaci e assessori, dirigenti ed operatori dei servizi sanitari e sociali, medici di medicina generale e pediatri di famiglia si confronteranno nel segno dell'integrazione ed intersettorialità, della cooperazione interistituzionale e di un rinnovato assetto della partecipazione della popolazione.
Gli orientamenti e le linee operative che emergeranno dal dibattito e dal lavoro dei gruppi saranno poi estesi alla cittadinanza ed alle forze sociali, alle organizzazioni rappresentative delle varie istanze della comunità regionale.

Il programma

- al mattino, dopo i saluti di Emilio Duca e della professoressa Maria Antonia Modolo,  sono previste tre relazioni:

Una introduttiva su Promozione della salute in una società rinnovata per un nuovo patto tra istituzioni, servizi, cittadini (Duca e Giamo).

Una di presentazione di un lavoro congiunto tra il Centro Sperimentale e il Corso di Laurea in Ingegneria Edile-Architettura su "Il progetto di un museo laboratorio su salute e sanità", che prevede una proposta di riqualificazione di un'area del Comune di Perugia.

Un’altra relazione su "Le reti della promozione della salute un Umbria, le esperienze dell'ultimo triennio" (Battista, Cristofori). Inoltre, un incontro tra tre Sindaci (Bianco, Di Girolamo e Ricci) che discuteranno su "L'impegno delle municipalità per la promozione della salute".

- nel pomeriggio i partecipanti si divideranno in 4 gruppi di lavoro, che presenteranno le loro risoluzioni per la discussione finale.

Le conclusioni saranno tenute dall'Assessorato regionale alla Salute.

11 dicembre 

In visita a Palazzo Murena il Ministro degli esteri del Kurdistan

Si preparano scambi culturali e scientifici 

Il Ministro degli Esteri del Kurdistan iracheno Falah Mustafa è stato ricevuto stamani a Palazzo Murena dal Magnifico Rettore Franco Moriconi. Il Ministro era accompagnato da una delegazione guidata dall’Alto Rappresentante del Governo Kurdo in Italia, dottoressa Rezan Kader; all’incontro hanno inoltre partecipato il Pro Rettore Fabrizio Figorilli, il professore emerito Antonio Pieretti e il professore Paolo Rossi.

Il Rettore, nel porgere il benvenuto agli ospiti, ha ricordato che è in vigore un accordo-quadro tra il governo del Kurdistan e  l’Ateneo di Perugia. “Siamo lieti di dare attuazione ad una convenzione già stipulata dal mio predecessore – ha detto il professor Moriconi – con una nazione come il Kurdistan che abbiamo particolarmente a cuore. E’ nostra intenzione coinvolgere tutte le aree disciplinari della nostra Università, avendo cura di estendere alla ricerca oltre che alla didattica le attività di scambio scientifico e culturale che vorremmo poter collegare a specifici progetti”.

Il ministro Falah Mustafà, dichiarandosi in sintonia con il Rettore Moriconi, ha illustrato che l’interesse del suo governo non ha solo evidenze culturali, ma soprattutto formative e di scambio che dovranno coinvolgere oltre la Ministero degli Esteri anche le università del Kurdistan, in particolare l’Ateneo di Saladin. Il professor Rossi, promotore di questo incontro, ha proposto che l’interlocutore diretto dell’Università di Perugia, d’ora in avanti, possa essere la dottoressa Rezan Kader.

Al termine gli ospiti hanno visitato la Sala del Dottorato e il Fondo antico dell’Ateneo, dopo uno scambio di omaggi: il Rettore ha donato una maiolica di Deruta con il simbolo dell’Università  degli Studi, e il Ministro ha consegnato al Rettore un drappo confezionato a mano di notevole pregio.

Nel pomeriggio di oggi, alle 15,30, il ministro Falah Mustafa terrà una conferenza nella Sala delle Adunanze della Facoltà di Lettere e Filosofia. Illustrerà il tema: “L’esperienza in Kurdistan dei diritti umani dei rifugiati siriani e cristiani”. L’incontro offrirà l’occasione per fare il punto sulla crisi siriana e sui tentativi di disgelo con l’Iran, oltre alle iniziative della comunità internazionale in Medio Oriente. 

Ministro e Rettore

 

ministro Kurdistan

 

Kurdistan omaggio

10 dicembre

Il Ministro degli Esteri del Kurdistan domani a Palazzo Murena nel pomeriggio terrà una Conferenza alla Facoltà di Lettere

Il Ministro degli Esteri del Kurdistan iracheno Falah Mustafà Bakir sarà domani, mercoledì 11 dicembre 2013, a Perugia. Nel primo pomeriggio, alle ore 15,30 nella Sala della Adunanze della Facoltà di Lettere e filosofia in piazza Morlacchi, terrà una conferenza sull’attuale situazione geo-politica del Medio Oriente.

Nella mattinata, alle ore 12, il Ministro sarà ricevuto a Palazzo Murena dal Magnifico Rettore Franco Moriconi.  La visita si inserisce nell'ambito di relazioni da tempo avviate che l'Università degli Studi di Perugia e il Governo del Kurdistan intendono sviluppare. Il Ministro sarà accompagnato dall'Alto Rappresentante del Governo Kurdo in Italia, dottoressa Rezan Kader e dal Vice Presidente del Consiglio Regionale dell’Umbria Lignani Marchesani; saranno inoltre presenti il professore emerito Antonio Pieretti e il prof. Paolo Rossi dell’Ateneo perugino.

Il Kurdistan vuole crescere anche dal punto di vista culturale, promuovendo sinergie e scambi tra le proprie istituzioni educative e quelle europee. In tal senso si inserisce la convenzione già stipulata con l'Università di Perugia per lo scambio di studenti, giovani ricercatori e visiting professor e per lo sviluppo di iniziative di ricerca congiunte. Argomenti che saranno oggetto dell'incontro di domani con il Magnifico Rettore.


Il Kurdistan, regione autonoma della Repubblica Federale dell'Iraq (status giuridico internazionale con forte autonomia riconosciuta nella Costituzione dell'Iraq), attualmente ha acquisito un ruolo geopolitico molto rilevante, non solo per le sue ricchezze di materie prime (petrolio e gas), ma anche in quanto alleato strategico degli Stati Uniti nell'area del Medio Oriente nella fase post Saddam, tanto più ove si consideri che il Kurdistan confina con Siria e Iran.

La Conferenza, in programma nel pomeriggio di domani a Palazzo Manzoni, costituisce un’importante opportunità per  ascoltare la testimonianza autorevole del Ministro degli Esteri del Kurdistan iracheno sulla situazione in atto nel Medio Oriente, tra crisi siriana e tentativi di disgelo con l'Iran e la comunità internazionale e le prospettive di un'area le cui sorti non sono più così lontane dall'Occidente europeo. Come sta accadendo in questi giorni, infatti, si sta per inaugurare la pipeline tra Kurdistan e Turchia, destinata a mutare gli equilibri nell'approvvigionamento energetico dell'Europa e anche dell'Italia. 
 

9 dicembre

Seminario su “I servizi finanziari per le start up innovative” Perugia, lunedì 16 dicembre 2013 – ore 14,30

Il gruppo di ricerca dell’Università degli Studi di Perugia coordinato dal prof. Loris Nadotti, del quale fanno parte i dottori Manuela Gallo, Duccio Martelli e Valeria Vannoni, insieme ad altri operatori del settore, ha da poco ultimato la redazione del volume “Progettazione e finanziamento degli start up d’impresa”, edito da ISEDI De Agostini Scuola.

Il volume analizza le problematiche dell’innovazione, intesa nel suo significato più ampio, una necessità fisiologica di un sistema economico moderno. La progettazione e il finanziamento dell’innovazione rappresentano, perciò, un tema di estrema rilevanza, soprattutto per le piccole e medie imprese. Uno dei principali ostacoli incontrati dalle imprese che intendano realizzare un determinato progetto innovativo, o di sviluppo, è costituito dalla difficoltà di presentare e comunicare correttamente i propri progetti e dal reperire i capitali necessari per realizzarli. La possibilità di usufruire di competenze e risorse qualificate e il dinamismo dei soggetti che operano nell’ambito di riferimento delle imprese (università, istituzioni finanziarie, enti della pubblica amministrazione) possono agevolare questo percorso.

Per discutere le tematiche trattate nel volume, è stato organizzato il seminario “I servizi finanziari per le start up innovative”, nell’ambito del corso di “Finanziamenti d’impresa” tenuto dal prof. Nadotti, nelle sedi di Perugia e Terni dell’Università degli Studi di Perugia.

Il seminario, organizzato in collaborazione con il Progetto IN.TE.R.A.M.NA. (finanziato dal MiSE nell’ambito del Programma RIDITT per lo sviluppo di progetti di diffusione e trasferimento tecnologico al sistema produttivo e la creazione di nuove imprese ad alta tecnologia) si terrà il lunedì 16 dicembre 2013, alle ore 14,30 a Perugia, nell’Aula 4 della Facoltà di Economia.

Sono in programma interventi di: Loris Nadotti (Università di Perugia), Fabrizio Bugamelli (AlmaCube, Incubatore dell'Università di Bologna), Federico Zacaglioni (Italeaf), Carlo Arioli (esperto di business planning), Fernando Fucinese (Principia SGR), Roberto Spogli (Prolabin & Tefarm srl). 

6 dicembre 

Convegno nazionale su “Substrati derivanti da sottoprodotti di filiere agroalimentari nel florovivaismo”

Perugia (Facoltà Agraria), lunedì 9 dicembre 2013

Lunedì 9 dicembre 2013, a Perugia nell’Aula Magna della Facoltà di Agraria a Borgo XX Giugno, è in programma il convegno nazionale sui “Substrati derivanti da sottoprodotti di filiere agroalimentari nel florovivaismo”.

L’incontro, promosso dal comitato organizzatore presieduto dal prof. Primo Proietti (Dipartimento universitario di Scienze agrarie e ambientali), affronterà tematiche relative all’impiego di rifiuti e sottoprodotti derivanti dalle filiere agroalimentari, in particolare della sansa, per realizzare compost di qualità, economici e facilmente reperibili, idonei come ammendanti o per sostituire la torba, tutta o in parte, nelle aziende vivaistiche. Quest’ultima possibilità è di particolare interesse poiché l’impiego della torba, che attualmente è il materiale più utilizzato nei vivai per realizzare i substrati da invasatura, va ponendo crescenti e preoccupanti problematiche ambientali ed economiche. L’impiego del compost, peraltro, potrebbe anche contrastare lo sviluppo di fitopatogeni nei contenitori.

Il principio alla base del compostaggio è il riutilizzo anziché la distruzione delle risorse contenute nei rifiuti/sottoprodotti, per trasformare il problema del loro smaltimento, secondo sistemi convenzionali, in un’occasione di sviluppo sostenibile. Nel convegno di Perugia sarà discussa l’opportunità di delocalizzare il compostaggio dei rifiuti/sottoprodotti a livello aziendale, sia per evitare problemi conseguenti all’ammasso di tali biomasse in centri di trattamento industriali, sia per mantenere nelle aziende i potenziali benefici derivanti dalla loro valorizzazione. In tale ottica saranno esposti, oltre a requisiti e modalità di compostaggio, i risultati conseguiti impiegando i compost ottenuti in azienda, sia come ammendanti in pieno campo, sia come materiali alternativi alla torba nei substrati vivaistici.

Lunedì alle ore 11, dopo i saluti del Magnifico Rettore Franco Moriconi, interverranno Vincenzo Ferrentino, del Ministero Politiche Agricole alimentari e forestali, Fernanda Cecchini, assessore Agricoltura Regione Umbria, Stefania De Pascale, presidente Società Ortoflorofrutticoltura italiana, Francesco Pennacchi, Preside Facoltà Agraria di Perugia, Stefano Villarini, presidente Ordine Dottori agronomi e forestali di Perugia.

Dopo la la pausa pranzo, i lavori pomeridiani saranno aperti con l’intervento di Alfonso Pecoraro Scanio, presidente Fondazione UniVerde e già ministro Politiche agricole.

Rifiuti agro 2

Rifiuti agro 1 

4 dicembre 

Inaugurazione dell’Anno Accademico a Scienze Politiche che ha presentato anche il nuovo Dipartimento

Da Facoltà a Dipartimento: Scienze politiche, che ha celebrato di recente gli 80 anni, (fondata nel 1927), stamani ha festeggiato il nuovo anno accademico 2013-2014 e il passaggio tra il presente e il futuro. Il 31 dicembre 2013 le 11 Facoltà saranno soppresse, anche a Perugia, per essere sostituite dal 1° gennaio 2014 dai 16 nuovi Dipartimenti.

Nel caso di Scienze politiche si è tenuta la cerimonia odierna alla quale ha partecipato il Magnifico Rettore Franco Moriconi.

“E’ la prima iniziativa interna alla quale prendo parte nella mia nuova funzione – ha esordito Moriconi – volendo essere presente in tutte le occasioni pubbliche. Numerosi gli impegni esterni, ai quali non intendo mancare per garantire la voce dell’Ateneo e la vicinanza con istituzioni ed enti, relazioni che finora sono state gravemente trascurate. Il mio non è presenzialismo, in quanto sono convinto che sia più efficace una gestione condivisa dell’ateneo piuttosto che personalistica, e per questo a tempo debito, per la precisione dal nuovo anno, conferirò le deleghe di gestione, preoccupandomi di scegliere persone competenti. Oggi, per me è un’occasione importante che segna una tappa nel processo di crescita dell’Ateneo, con il passaggio dalle facoltà ai dipartimenti. Avrebbe potuto e dovuto essere una scelta più chiara ed efficace, se fosse stata attuata con maggiore ponderazione. In questi giorni stiamo dando concretezza all’azione di governo dell’Ateneo. Ieri, il Consiglio di Amministrazione, da me riunito per la prima volta, ha revocato la delibera per la trasformazione dell’Aula Magna in Auditorium, un progetto interessante ma attuato in tempi sbagliati. Ritengo, infatti, che altre e più urgenti sono oggi le priorità. A questo proposito stiamo valutando, nonostante le ristrettezze finanziarie, di mettere a disposizione un fondo per la ricerca di base”.

Il Preside Giorgio Eduardo Montanari ha sottolineato la necessità che il passaggio al Dipartimento, abbia nel caso di Scienze politiche un percorso chiaro e condiviso. “Colgo l’occasione della presenza del Rettore - ha detto Montanari – per sottolineare l’esigenza che da gennaio il nuovo Dipartimento per poter funzionare abbia una sede propria e non essere costretto ad utilizzare le strutture dei tre dipartimenti pre-esistenti”.

Nel corso della cerimonia sono intervenuti Carlo Carini, Direttore del Dipartimento di Scienze Storiche, Roberto Segatori, Direttore del Dipartimento Istituzioni e Società. Inoltre, Ambrogio Santambrogio, Direttore del nuovo Dipartimento di Scienze Politiche, Letizia Pietrolata e Andrea Marconi, rappresentanti, rispettivamente, del personale tecnico-amministrativo e degli studenti.

La lectio magistralis  è stata tenuta da Franco Crespi, Professore Emerito dell’Università di Perugia, sul tema “Il ruolo delle scienze politiche e sociali oggi”.

“In questa fase di crisi occorre un’opera di ricomposizione per superare la frantumazione esistente a tutti i livelli – ha detto il direttore Santambrogio -. Il nostro Paese deve puntare sulla centralità della formazione pubblica e della ricerca di base. In questa ottica il nuovo Dipartimento di Scienze politiche di Perugia deve dar vita a una comunità scientifica caratterizzata da spirito di corpo. Va superato l’eccesso di specializzazione per poter lavorare in un’ottica di interdisciplinarietà e operare per una didattica e una ricerca di qualità, con forte presenza nel territorio”.

 Franco Moriconi

da sx Crespi e Santambrogio

da sx Carini Moriconi Montanari Segatori

4 dicembre

 Democrazia partecipativa a “Speciale Università”che risponderà ai quesiti sulla legge Severino

 

Domani, giovedì 5 dicembre 2013, alle ore 21.30, su Tef Channel, andrà in onda “Speciale Università”, la trasmissione dedicata all’Ateneo di Perugia condotta da Cristina Castellano.

 

La puntata sarà aperta da un dibattito sul tema della democrazia partecipativa; interverranno in studio i professori Alessandra Valastro, Marco Mamone Capria, Sergio Tasso.

 

Nella seconda parte della trasmissione, nella rubrica l'Ateneo risponde,  si parlerà della legge Severino insieme al professor Daniele Porena.

 

La puntata verrà replicata martedì 10 dicembre 2013, alle ore 12.30.

 

3 dicembre

Domani, mercoledì 4 dicembre 2013, ore 10.15 presentazione del Dipartimento di Scienze Politiche

L’Università di Perugia in questo periodo (novembre-dicembre 2013) vive una fase di transizione dalle 11 Facoltà, destinate a scomparire, ai 16 nuovi Dipartimenti che ne erediteranno le funzioni nel prossimo futuro, a partire da gennaio 2014.

La Facoltà di Scienze politiche promuove per domani, mercoledì 4 dicembre 2013, alle ore 10.15, nell’Aula 1 della sede di via Pascoli, la cerimonia inaugurale dell’anno accademico 2013-2014 e la presentazione del nuovo Dipartimento di Scienze Politiche.

Dopo il saluto del Magnifico Rettore, professor Franco Moriconi, seguiranno gli interventi ufficiali che illustreranno le peculiarità della nuova struttura didattica.

“Dalla Facoltà al Dipartimento: prospettive e problemi” è il tema che verrà affrontato dai professori Giorgio Eduardo Montanari, Preside della Facoltà di Scienze Politiche, Carlo Carini, Direttore del Dipartimento di Scienze Storiche e Roberto Segatori, Direttore del Dipartimento Istituzioni e Società; il professor Ambrogio Santambrogio, nuovo Direttore del Dipartimento di Scienze Politiche, fornirà  le linee guida della struttura con l’intervento “Comunità, interdisciplinarità, spirito critico: tre parole chiave per il nuovo Dipartimento”.

Previsti i saluti Letizia Pietrolata e Andrea Marconi, rappresentanti, rispettivamente, del personale tecnico-amministrativo e degli studenti.

Alle ore 11.15 lectio magistralis  di Franco Crespi, Professore Emerito dell’Università di Perugia, sul tema “Il ruolo delle scienze politiche e sociali oggi”. 

 

3 dicembre

Convegno internazionale, il 6 e 7 dicembre a Modena, sul ruolo educativo della rete dei musei universitari

Sarà presente anche l’Ateneo di Perugia a Modena, dove venerdì 6 e sabato 7 dicembre 2013, nell’Aula Magna dell’Università Modena e Reggio Emilia, è in programma il seminario internazionale “Learning at museum. Education and multimediality to internationalize the network of Italian University Museums”.

Il seminario, con il patrocinio dell’UMAC, University Museums and Collections International Commettee dell’ICOM - International Council of Museums, e dell’Universeum, the European Academic Heritage Network, è organizzato al fine di illustrare le iniziative volte a sviluppare processi di apprendimento formale e informale per collezioni, oggetti e reperti conservati nei musei universitari.

Le due giornate modenesi saranno occasione di confronto e scambio di esperienze nazionali e internazinali con specifico riferimento a quelle svolte nell’ambito delle reti di Musei Universitari. Nel panorama italiano specifica attenzione sarà dedicata ai Musei delle tredici Università, tra cui l’Ateneo di Perugia attraverso il CAMS (Centro di Ateneo per i musei scientifici) diretto dal prof. Bruno Romano. La prima rete dei Musei Universitari italiani è stata costituita nell’ambito di un progetto finanziato dal Miur e coordinata dall’Università di Modena e Reggio Emilia.

2 dicembre

 Il Rettore Moriconi conferma le dimissioni del Direttore generale  e annuncia alcuni obiettivi primari del suo mandato   

Prima conferenza stampa, questa mattina, del neo-Rettore Franco Moriconi che ha incontrato i giornalisti nella sala ex Senato di Palazzo Murena.

E’ stata l’occasione per spiegare la situazione della direzione amministrativa dell’Ateneo di Perugia, in seguito alle dimissioni della dottoressa Angela Maria Lacaita, direttore generale, e anche per affrontare le questioni che il prof. Moriconi, eletto rettore il 24 ottobre scorso e entrato in carica il 1° novembre, sta pianificando in questa prima fase del mandato.

“Vengo a confermare – ha detto il Rettore - che la dottoressa Lacaita ha rassegnato nelle mie mani le dimissioni già alcuni giorni fa. Si tratta di dimissioni legate in maniera esclusiva a ragioni di ordine personale, nei confronti delle quali non si può che prendere atto e nutrire il più profondo rispetto”.

Moriconi ha anche annunciato che la dottoressa Lacaita rimarrà in servizio per altri tre mesi, in modo di garantire il passaggio di consegne con il nuovo direttore.

L’incontro con i giornalisti ha consentito al Rettore di chiarire a 360 gradi il suo punto di vista in merito a molte questione e soprattutto ad evitare equivoci interpretativi. “Voglio annunciare – ha dichiarato rivolto ai giornalisti - che il nostro sarà un rapporto franco e trasparente”.

Per quanto riguarda gli incarichi, Moriconi ha detto che le nomine dei delegati arriveranno ad inizio 2014, senza escludere però decisioni in corso d’opera, come è stata la delega per il bilancio al prof. Montrone.  In questa ottica Moriconi ha preannunciato la volontà di conferire l’incarico di Pro Rettore al professor Fabrizio Figorilli.

Sul piano programmatico, oltre alla nomina del nuovo direttore generale, il Rettore ha detto che lavorerà per potenziare la didattica, fondamentale per attrarre gli studenti a Perugia, per un riequilibrio del personale docente tra ordinari e associati, per la stabilizzazione dei precari del personale tecnico- amministrativo, e con la volontà di mantenere i corsi nelle sedi universitarie decentrate di Assisi, Terni e Narni.

Riguardo alla questione della Direzione generale, questo il testo integrale dell’intervento del Rettore Moriconi:

“Ho ritenuto necessario indire questa conferenza stampa a seguito delle numerose voci che in questi ultimi giorni si sono rincorse in diverse sedi a riguardo delle dimissioni del Direttore Generale dell’Università di Perugia, dott.ssa Angela Maria Lacaita.

In nome del rispetto delle singole persone, nonché dell’istituzione che ho il grande onore di dirigere, mi pare necessario, con assoluta tranquillità, fare chiarezza. Proprio perché senza chiarezza non vi possono essere il rispetto, la serenità e la trasparenza necessari alla buona convivenza e alla ripresa della nostra Università.

Vengo, dunque, a confermare che la dott.ssa Lacaita ha rassegnato nelle mie mani le dimissioni già alcuni giorni fa. Si tratta di dimissioni legate in maniera esclusiva a ragioni di ordine personale, nei confronti delle quali non si può che prendere atto e nutrire il più profondo rispetto.

Desidero, proprio in questa sede, comunicare anche come la dott.ssa Lacaita in questi primi giorni di mio governo abbia coadiuvato la mia azione con grande spirito di collaborazione e di vero senso del dovere nei confronti del nostro Ateneo. È quindi non solo doveroso, da parte mia, ma anche gradito esprimere la gratitudine più sentita alla dott.ssa Lacaita per tutto l’impegno, il tempo e il lavoro che in questi anni ha dedicato all’Università di Perugia.

Sarà mia cura, e degli organi collegiali rinnovati, procedere con tempestività e insieme con la massima saggezza possibile all’espletamento dei procedimenti per la selezione e la nomina di un nuovo Direttore Generale e insieme garantire in questo periodo un funzionamento limpido ed efficace di tutta l’azione amministrativa. Sono assolutamente certo di poter contare sull’impegno di tutto il personale docente e TAB in questo momento delicato di transizione”. 

DSC 5495

DSC 5507

DSC 5543

 

2 dicembre

CONFERENZA STAMPA - Domani presentazione progetto MiMa – Mathematics in the Making. Perugia (Sala della Vaccara), martedì 3 dicembre 2013 – ore 17

MiMa è un progetto Comenius multilaterale, sviluppato con il contributo del Programma di apprendimento permanente dell’Unione Europea; nasce dalle esperienze convergenti di 5 partner europei: Italia, Ungheria, Germania, Inghilterra e Portogallo.

Il progetto rivolto a studenti di scuola primaria (tra gli 8 e i 10 anni) e ai loro insegnanti ha inoltre l’obiettivo di costruire un ponte fra le Università e i Musei da una parte, e gli stessi insegnanti dall'altra.

E’ incentrato sulla consapevolezza che la scienza matematica si può insegnare in maniera non convenzionale, con metodologie all’avanguardia, divertenti e che diano la possibilità di entrare in confidenza con una serie di indicazioni metodologiche trasversali, basate certamente sull’uso di strumenti, tecnologici e non, ma principalmente finalizzate alla costruzione di significati matematici.

La presentazione del progetto MiMa e del suo programma è prevista per Martedì 3 dicembre 2013, alle ore 17.00 a Perugia, nella Sala della Vaccara di Palazzo dei Priori, sede istituzionale del Comune.

Interverranno: Franco Moriconi, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Perugia, Carla Casciari, assessore al Welfare e Istruzione della Regione Umbria, Giovanni Tarantini, assessore ai Beni Culturali, rapporti con l’Università e le Istituzioni Culturali del Comune di Perugia, Gianluca Vinti, Direttore del Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università degli Studi di Perugia.  Concluderà i lavori Emanuela Ughi, responsabile scientifica del progetto MiMa e docente di Didattica della Matematica all’Università di Perugia, che da anni si occupa di progettare, sviluppare e divulgare un approccio alternativo alla didattica della matematica tramite l’utilizzo di materiali e strumenti concreti.

Sarà allestita anche una Mostra collaterale di poliedri: un Ycocedron Abscisus Vacuus (come disegnato da Leonardo da Vinci), prototipo poi riprodotto nell'activity book “Il Poliedro di Leonardo” di Emanuela Ughi; un icosidodecaedro e un icosidodecaedro troncato.

Il progetto MiMa, realizzato grazie alla partnership di P3 (Poliedra Progetti in Partnariato) che sarà responsabile del management del progetto, è guidato dall’Università degli Studi di Perugia – Dipartimento di Matematica e Informatica e vede la partecipazione di altre Università europee: Eotvos Lorand University (Ungheria), Sheffield Hallam University (Inghilterra), Universidade Nova de Lisboa (Portogallo) oltre che dal MATHEMATIKUM che è “the world’s first mathematical science center”.

LE REDAZIONI SONO INVITATE A PARTECIPARE

 


Torna su
×