Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale
Menu

Perugia, 28 gennaio 2016

“L’Ateneo incontra le future matricole”. A Terni martedì 2 febbraio primo appuntamento per presentare l’Offerta Formativa dell’Università agli studenti delle Superiori 

Tutto pronto per l’avvio degli incontri di presentazione dell’offerta formativa dell’Università degli Studi di Perugia nell’A.A. 2016-2017 agli studenti delle ultime classi delle Scuole medie superiori della Regione Umbria.

Il primo appuntamento del ciclo “L’Ateneo incontra le future matricole” è in programma  martedì 2 febbraio 2016 a Terni, presso C.A.O.S. (Centro per le Arti Opificio Siri), dove alle ore 8,30 prenderanno il via gli incontri con docenti e ricercatori universitari che forniranno informazioni e risponderanno alle domande sui corsi di laurea dell’Ateneo e in modo particolare sui corsi che hanno sede nel Polo didattico e scientifico di Terni.

Il 4 Febbraio l’appuntamento è ad Assisi, Palazzo Bernabei sede di corsi universitari, e inserito per la prima volta quest’anno nel circuito degli incontri regionali. Successivamente, il programma prevede giornate di orientamento a Spoleto, Foligno, Orvieto, Castiglione del Lago, Città di Castello, Todi e infine a Gubbio, dove il 15 marzo si chiuderà il ciclo di incontri.

All’organizzazione di questi eventi collaborano l’Ufficio Scolastico Regionale per l’Umbria, che coordina l’attività con gli istituti superiori sul territorio, e le amministrazioni comunali delle città che di volta in volta ospitano gli incontri.

Per conoscere il programma è consultabile la pagina web http://www.unipg.it/studenti-futuri

Perugia, 27 gennaio 2016

 A “Speciale Università” lo Spin Off universitario HOOK231 illustrato dal prof. Florio. La professoressa Camerlingo invece ricorderà Shakespeare a 400 anni dalla morte

Domani, giovedì 28 gennaio 2016, alle ore 21.30,Speciale Università”, la trasmissione dedicata all’Ateneo di Perugia, in onda su Tef Channel, canale 12 del digitale terrestre e condotta da Cristina Castellano.

La puntata sarà dedicata allo Spin Off universitario HOOK231 e all'anniversario dei 400 anni dalla morte di William Shakespeare.  

Il prof. Carlo Fiorio presenterà in studio le attività di  HOOK231,  spin off dell’Università degli studi di Perugia specializzato nell’elaborazione di modelli organizzativi ai sensi del D.lgs. 231/2001 e consulenze in materia di sicurezza sul lavoro e tutela ambientale. I principali interlocutori di HOOK231 sono gli imprenditori, le associazioni di categoria e le Pubbliche Amministrazioni.  

La professoressa Rosanna Camerlingo, sempre in studio, ricorderà il grande drammaturgo William Shakespeare, a 400 anni dalla morte.

La puntata sarà replicata su Tef Channel martedì 2 febbraio 2016, alle ore 19.25

Perugia, 26 gennaio 2016

Le lauree del futuro: Presentazione della nuova offerta formativa del Dipartimento di Ingegneria  

Perugia, (Aula Magna Ingegneria), mercoledì 27 Gennaio - ore 15.30

Il Dipartimento di Ingegneria organizza un incontro per illustrare alle aspiranti matricole la nuova offerta formativa che sarà fruibile a partire dall'A.A. 2016-2017.

L'iniziativa, infatti, è rivolta in particolare ai Dirigenti e ai Docenti delle Scuole Medie Superiori, ai quali sarà riservata la priorità nella disponibilità dei posti in aula.
Pur nella continuità degli insegnamenti di base e fondamentali dell'Ingegneria Informatica, Elettronica, Meccanica e Industriale, infatti, il Dipartimento ha in serbo importanti novità curriculari, destinate a formare professionisti particolarmente appetibili nell’attuale contesto industriale e produttivo. Si tratta del nuovo percorso in Ingegneria Gestionale all'interno del corso di laurea triennale in Ingegneria Meccanica e del rinnovato corso di laurea magistrale in Ingegneria Informatica e Robotica, con i suoi due curricula in "Data-Science" e in “Robotics&Automation".


L’incontro di domani illustrerà, inoltre, il rinnovato corso di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica per l' "Internet-of-Things", dotato di un curriculum altamente specialistico in "Internet-of-Things" e un curriculum focalizzato in "Areospace Electronics" (Internet-of-Space), temi questi che costituiscono davvero la frontiera degli studi nell'area dell'elettronica.

Per maggiori informazioni sulle iniziativa e per registrare la partecipazione:
https://ingegneria-pg-offertaformativa-2016-17.eventbrite.it

Perugia, 25 gennaio 2016

Slitta l’apertura del XXXI Ciclo di Dottorato in Economia - Perugia (Palazzo Murena), mercoledì 27 gennaio 2016 – ore 9.30

La cerimonia di apertura del XXXI Ciclo del Dottorato in Economia, prevista per domani martedì 26 gennaio 2016, è stata posticipata a mercoledì 27 gennaio 2016, alle ore 9.30, nell’Aula 7 del Rettorato. Un rinvio imprevisto, dovuto ai problemi sui collegamenti aerei internazionali che hanno impedito al relatore Francisco Ferreira di arrivare nei tempi previsti.  Dopo i saluti istituzionali e una breve introduzione del coordinatore del Dottorato, prof. Cristiano Perugini, del Dipartimento di Economia, il prof. Francisco Ferreira terrà una lezione dal titolo: “Equality of Opportunity: Theory and Evidence”.

Ferreira, che è Senior Economist della World Bank e studioso di fama mondiale sui temi delle disugualianze economiche e sociali.

L’iniziativa è organizzata dal Dipartimento di Economia, in collaborazione con il Centro di Eccellenza Jean Monnet “Research & Rights”, coordinato dal prof. Roberto Cippitani, Dipartimento di Medicina sperimentale dell’Università di Perugia, ed al quale partecipano il prof. Perugini, per il Dipartimento di Economia, e la dottoressa Colcelli, per il CNR-ISAFoM, sede di Perugia.

Perugia, 22 gennaio 2016

“Internet delle cose”, l’Università di Perugia mette in campo nuovi corsi di laurea 

L’Università di Perugia, prima in Italia, ha presentato nuovi corsi di laurea dedicati al settore dell’Ingegneria Informatica ed Elettronica (ICT: Information and Communication Technology).

Un settore in rapida evoluzione, con importanti implicazioni sul piano economico e che richiede una adeguata preparazione; da qui la scelta del Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo di Perugia di proporre corsi in linea con lo sviluppo  del  mercato: 

1) corso di primo livello in Ingegneria Informatica ed Elettronica (due i curricula: Informatica ed Elettronica);

2) corso magistrale in Ingegneria Informatica e Robotica (due i curricula: uno in Data Science, l’altro in Advanced Robotics);

3) corso magistrale in Ingegneria Elettronica per Internet of Things (due i curricula: Internet-of-Things e  Internet-of-Space).

Si tratta di ambiti strategici a livello internazionale, la cosiddetta “Internet degli oggetti”, o “Internet of Things”, e la cosidetta Scienza dei Dati, o “Data Science”.  Le “cose” o “smart-objects”, di dimensioni anche microscopiche, potranno  autonomamente interagire tra loro e con le persone, generando una grande mole di dati. L’impatto economico e sociale di questa nuova rivoluzione tecnologica, sarà superiore a quello già osservato negli ultimi cinque anni con la larga diffusione di app e smart-phones, e ne rappresenta la logica evoluzione. A beneficiarne saranno gli individui, le aziende e la società nel suo complesso con applicazioni virtualmente illimitate: smart-city, salute-elettronica, home-automation, controllo-remoto, monitoraggio-ambientale, veicoli e robot autonomi, solo per nominarne alcune. La sfida tecnologica è duplice: creare dispositivi elettronici, anche piccolissimi, energeticamente autonomi, eco-compatibili in grado di raccogliere ed eventualmente trasmettere dati e, contemporaneamente, sviluppare tecnologia informatica (reti, data-base, software, algoritmi di apprendimento e di intelligenza artificiale) in grado di elaborare, immagazzinare, trasferire, analizzare la grande moli di dati (Big Data) generata da questi “smart-objects”, per estrarne l’informazione utile e di supporto alle decisioni, anche strategiche, che ciascuno di noi, o qualunque azienda, deve prendere ogni giorno in qualunque contesto applicativo.

E così c’è stata grande partecipazione, nell’Aula Magna del polo d’Ingegneria, per la presentazione dei corsi nell’ambito dell’incontro “Internet of Things, Big Data e Data Science. Le nuove sfide del settore ICT: la proposta didattica del Dipartimento d’Ingegneria”.

Tanti i giovani presenti, interessati per gli sbocchi professionali che il settore offreattratti anche dall’intervento i rappresentanti di colossi internazionali come Microsoft, Ericsson (rappresentata dall’ Ing. Massimiliano Fratini, laureato all’Università di Perugia), ST Microelectronic (leader mondiale nella produzione di componenti elettronici a semiconduttore), di imprese umbre (Liomatic S.p.A.,  OMA Foligno S.p.A., Innovactive Engineering S.r.l.,  Sistematica S.p.A., Angelantoni GROUP), di Confindustria, Ordine degli Ingegneri; dimostrazione del grande interesse che c’è per queste tematiche.

“Puntare su tali corsi è strategico per la nostra università, è una strada che dobbiamo percorrere – ha sottolineato il Rettore Franco Mariconi -. E’ nostro impegno puntare infatti su una didattica di qualità e in settori avanzati, ma che deve essere in linea con le esigenze professionali che cercano i nostri studenti e con quelle legate al mondo delle imprese, che sono alla ricerca di figure preparate per operare e sviluppare questi ambiti. Da parte nostra c’è

anche attenzione alle ricadute pratiche delle nuove tecnologie e dell’informatizzazione, utilizzate per fornire ai nostri studenti importanti servizi, dalle aule autogestite all’accesso ai servizi bibliotecari con un’applicazione per smartphone”.

I nuovi corsi sono stati illustrati dai professori Luca Roselli  e Walter Didimo e dal professor Paolo Valigi, coordinatore dei corsi di laurea nell’ area dell’Ingegneria dell’Informazione.

“È importante che la nostra nuova proposta didattica sia scaturita da un grande confronto con  tutte le parti, a cominciare da università e mondo delle imprese, per mettere a punto curricula in linea con le richieste che vengono dal settore ICT – ha detto il professor Valigi -. I nuovi laureati, infatti, si troveranno a lavorare in settori di punta innovativi, che segneranno il futuro dell’informatica e dell’elettronica, che saranno caratterizzati prospettive notevoli sul piano occupazionale. Da qui la scelta di corsi innovativi e in grado di aprire grandi prospettive per i nostri studenti”.

di punta innovativi, che segneranno il futuro dell’informatica e dell’elettronica, che saranno caratterizzati prospettive notevoli sul piano occupazionale. Da qui la scelta di corsi innovativi e in grado di aprire grandi prospettive per i nostri studenti”.

Ingegneria Moriconi 1

 Valigi 2

Ingegneria pubblico 1

Ingegneria 3

Perugia, 22 gennaio 2016

Un nuovo servizio di accesso alle biblioteche d’Ateneo, con l’UniPG Unipass si entra e si ottiene il prestito grazie a un click - Al via ufficialmente dal 25 gennaio 

L’ Ateneo di Perugia è il primo che dematerializza le tessere di identificazione personali di accesso alle biblioteche universitarie, grazie alle nuove tecnologie e alla diffusione capillare degli smartphone.

Il nuovo servizio, che era già stato attivato in via sperimentale nel 2015 per consentire l'ingresso alle aule studio, prenderà il via lunedì 25 gennaio 2016.

Grazie a questa nuovissima applicazione disegnata per device sia Android che Apple, gli utenti possono dire addio alle tessere di identificazione "fisiche": con la app e un QR code personale, infatti, si potrà sia accedere alle biblioteche d'Ateneo che alle aule studio abilitate (mostrando il QR Code ai lettori ottici presenti ai varchi delle strutture), sia ottenere il prestito bibliotecario (mostrando il QR Code al personale di front office).

La app è stata realizzata grazie a un team tutto interno all’Ateneo: i Delegati del Rettore all’Informatica Prof. Giuseppe Liotta, per i servizi agli Studenti Prof. Federico Rossi e per i Servizi Bibliotecari Prof. Andrea Capaccioni; la dirigente del Centro dei Servizi Bibliotecari (CSB) dott.ssa Antonella Bianconi insieme al personale del CSB; Francesco Sportolari e Sergio Tosti della Ripartizione Servizi Informatici, che si sono occupati della progettazione e implementazione del servizio e il Dipartimento di Ingegneria, area Elettronica, e in particolare il dott. Antonio Moschitta e i suoi collaboratori, per il supporto fornito nella progettazione dell'hardware.

I dettagli e le info sul nuovo servizio all’indirizzo: http://www.unipg.it/servizi-on-line/unipass

Perugia, 21 gennaio 2016

Finanziato dalla UE un Progetto di ricerca dell’Università di Perugia sulla resilienza dei beni monumentali per i rischi dei cambiamenti climatici

L’unità di ricerca, coordinata dal professor Filippo Ubertini, dell’Università degli Studi di Perugia, ha ottenuto dall’U.E. un finanziamento di 160mila Euro per il progetto "HERACLES: Heritage Resilience Against CLimate Events on Site". La proposta di ricerca, approvata dalla Commissione Europea, è  finalizzata allo sviluppo di soluzioni innovative e multidisciplinari atte a migliorare la resilienza dei beni monumentali nei confronti dei rischi legati ai cambiamenti climatici, ed è stata messa a punto da un Consorzio Internazionale di cui fa parte l’Ateneo di Perugia.

Nell’unità di ricerca dell’Università collaborano il Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale (DICA), diretto dal professor Annibale Luigi Materazzi, e il Centro Interuniversitario di Ricerca sull'Inquinamento e sull'Ambiente "Mauro Felli" (CIRIAF), con il gruppo guidato dal professor Franco Cotana.

Il DICA si occuperà del monitoraggio e dell'analisi della vulnerabilità alle azioni di origine ambientale dei casi studio individuati all'interno del progetto e in particolare del Palazzo minoico di Cnosso e della Fortezza Veneziana di Heraklion, nell'isola Creta, e dei monumenti simbolici della Città di Gubbio.

Il CIRIAF si occuperà di monitorare il microclima dei siti pilota e dell’integrazione di queste analisi con modelli previsionali  per valutare le eventuali cause di danneggiamento del costruito storico dovuto a fenomeni riconducibili al cambiamento climatico.

L'Unità di ricerca dell'Università di Perugia, nel suo complesso, contribuirà inoltre allo sviluppo di materiali innovativi per la conservazione dei monumenti, in collaborazione con gli altri partner del progetto.

Al gruppo di lavoro collaborano, oltre ai professori Ubertini, Materazzi, Cotana e all'ing. Anna Laura Pisello, per il CIRIAF, anche numerosi giovani dottorandi e ricercatori che operano nelle strutture di ricerca dell’Ateneo.

Il partenariato del progetto è composto da 16 istituti e organizzazioni Europee, che operano con un finanziamento totale di oltre 6 milioni e 500 mila Euro.

Il capofila è l'Istituto per lo Studio dei Materiali Nanostrutturati del CNR di Roma, coordinato dalla dottoressa Giuseppina Padeletti.

"E’ un successo per l'Università di Perugia e per tutta l'Umbria – ha sottolineato  il professor Materazzi - in quanto i partner coinvolti comprendono, oltre all’Università, il Comune di Gubbio e la ditta CVR, sempre di Gubbio, che impegneranno un finanziamento complessivo di oltre 600.000 Euro".

"Per noi è la terza grande soddisfazione nell'ambito del programma Horizon 2020 - rileva il professor Cotana - che si colloca nell'ampio tema della salvaguardia dei beni culturali esposti alle insidie del cambiamento climatico. Questa, peraltro, è una delle missioni del Centro interdipartimentale di Ricerca sul Clima e i cambiamenti climatici (CRC), appena costituito nell'ambito del CIRIAF e tenuto a battesimo mercoledì 20 gennaio dal Magnifico Rettore dell'Università, Franco Moriconi".

Perugia, 21 gennaio 2016

Al via il XXXI Ciclo di Dottorato in Economia

Perugia (Palazzo Murena), martedì 26 gennaio 2016 – ore 12

E’ attivato il XXXI Ciclo del Dottorato in Economia dell’Università di Perugia.

L’apertura del nuovo Ciclo avrà luogo con un incontro, martedì 26 gennaio 2016, alle ore 12, a Palazzo Murena, sede del Rettorato.

Dopo i saluti istituzionali e una breve introduzione del coordinatore del Dottorato, prof. Cristiano Perugini, del Dipartimento di Economia, il prof. Francisco Ferreira terrà una lezione dal titolo: “Equality of Opportunity: Theory and Evidence”.

Ferreira è Senior Economist della World Bank e studioso di fama mondiale sui temi delle disugualianze economiche e sociali.

L’iniziativa è organizzata dal Dipartimento di Economia, in collaborazione con il Centro di Eccellenza Jean Monnet “Research & Rights”, coordinato dal prof. Roberto Cippitani, Dipartimento di Medicina sperimentale dell’Università di Perugia, ed al quale partecipano il prof. Perugini, per il Dipartimento di Economia, e la dottoressa Colcelli, per il CNR-ISAFoM, sede di Perugia.

 

Perugia, 20 gennaio 2016

Internet delle cose e big data: le nuove lauree magistrali per gestire il futuro, presentazione dei due nuovi corsi di laurea magistrale del Dipartimento d’Ingegneria - Giovedì 21 gennaio 2016, ore 9, Aula Magna del polo di Ingegneria

Dal 2006, sulla Terra, abbiamo più dispositivi connessi in rete che esseri umani, grazie allo sviluppo tecnologico che fornisce connettività a costi, ingombri e consumi sempre più bassi. Questo fenomeno si chiama “Internet delle cose”, o “Internet of Things”, un’evoluzione del settore ICT (Information and Communication Technology) verso una connettività sempre più capillare dove non solo le persone possono dialogare con altre persone o gestire in remoto delle macchine, ma anche le “cose” in sé possono autonomamente interagire tra loro e con le persone.

Questo nuovo scenario, con tutte le sue implicazioni, è il protagonista dei due nuovi corsi di laurea magistrale che il Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo di Perugia si appresta a presentare giovedì 21 gennaio 2016, alle ore 9, nell’Aula Magna del Dipartimento (in via G.Duranti 93.)

Si tratta del corso in Ingegneria Informatica e Robotica (due i curricula: uno in Data Science, l’altro in Robotics e Automation) e del corso in Ingegneria Elettronica per Internet of Things (con due curricula: Internet of Things e Aerospace Electronics).  

Durante l’evento di presentazione, esperti dell’Accademia e importanti Aziende e gruppi industriali discuteranno dell’Internet delle cose, delle sue implicazioni nei termini della produzione, gestione e analisi dell’enorme mole di informazioni che esso genera (big data e Data science) e dei profili professionali necessari alle imprese per operare in questi ambiti. Saranno presenti, fra gli altri, Microsoft, Ericsson, Angelantoni Group, OMA Foligno e ST Microelectronic a significare il grande interesse dell’industria ad accogliere i futuri laureati dei nuovi corsi, oltre a Confindustria, l'Ordine degli Ingegneri e Sviluppumbria.

Perugia, 20 gennaio 2016

Biotecnologie e Società, dibattito alla Sala dei Notari - Perugia, venerdì 22 gennaio 2016, ore 16

Le opportunità e le sfide delle biotecnologie, le conquiste che hanno permesso di raggiungere traguardi innovativi e migliorato la qualità della vita, le possibilità di sviluppo; questi temi saranno al centro del dibattito “Biotecnologie e Società. Le biotecnologie come strumento di crescita, competitività e occupazione”, in programma a Perugia, venerdì 22 gennaio 2016, alle ore 16, nella Sala dei Notari.

Esperti di vari settori esporranno al pubblico le attività territoriali e nazionali offerte dalle biotecnologie, insieme alle potenzialità di sviluppo imprenditoriale e occupazionale. Agli studenti e ai cittadini saranno fornite le corrette risposte su cosa possiamo chiedere e aspettarci dalle biotecnologie e dai biotecnologi del prossimo futuro.

A dialogare con il pubblico saranno:

Fabio Paparelli - Vice Presidente della Regione Umbria

Danilo Porro - Università degli Studi di Milano Bicocca

Daniela Riganelli Novamont

Luca Bianconi - Consiglio Nazionale Assobioplastica

Conduce Paolo Raffaelli - Giornalista

Coordina Fausto Elisei - Università degli Studi di Perugia

L'evento è organizzato nell'ambito della scuola Winter School on Biotechnology del Dottorato in Biotecnologie dell'Università degli Studi di Perugia (http://www.chm.unipg.it/sites/default/files/u1612/wsb2016-program-final.pdf), che si occupa di Biotecnologie Mediche, Biotecnologie Molecolari e Cellulari, Biomateriali e Biodispositivi e Biotecnologie Industriali.

Sono invitati a partecipare i cittadini, i giornalisti e i docenti e gli studenti dell'Università e delle scuole superiori, che saranno i biotecnologi del futuro.

Per maggiori informazioni: dottorato.biotecnologie@unipg.it

Perugia, 20 gennaio 2016

 A “Speciale Università” Start Cup Umbria 2015 illustrata dal prof. Nadotti e il Dottorato di ricerca Honoris Causa in Biotecnologie al professore Bernard Dujon  

Domani, giovedì 21 gennaio 2016, alle ore 21.30,Speciale Università”, la trasmissione dedicata all’Ateneo di Perugia, in onda su Tef Channel, canale 12 del digitale terrestre e condotta da Cristina Castellano.

La puntata sarà dedicata alla presentazione dei progetti che si sono imposti nella XII edizione di Start Cup Umbria 2015. Saranno presenti in studio il professore Loris Nadotti,  direttore del Premio Start Cup Umbria e delegato del Rettore per Brevetti, e i vincitori del premio. 

Il servizio esterno riguarderà la cerimonia per il conferimento del Dottorato di ricerca Honoris Causa in Biotecnologie al professore Bernard Dujon, tra i fondatori della genomica funzionale.

La puntata sarà replicata su Tef Channel martedì 26 gennaio 2016, alle ore 19.25.

Perugia, 20 gennaio 2016

Indagare con la luce i segreti dei capolavori dell’arte. Le analisi del laboratorio mobile Molab a  “L’Uovo di Colombo” - Giovedì 21 gennaio 2015, ore 19,05 su “Umbria Radio” 

 

Dai quadri di Leonardo a quelli di Caravaggio, dalle ceramiche rinascimentali di Mastro Giorgio ai violini di Stradivari: questi alcuni degli inestimabili oggetti su cui lavora il Molab, ovvero il Mobile Laboratory che è fiore all’occhiello del Centro di Eccellenza SMAArt del Dipartimento di Chimica, biologia e Biotecnologie dell’Ateneo e del centro di ricerca perugino dell’Istituto di Scienze e Tecnologie Molecolari del CNR.

Ai microfoni de “L’Uovo di Colombo”, su Umbria Radio domani, giovedì 21 gennaio 2015,  alle ore 19,05, il direttore dello SMAArt Aldo Romani racconta alcune delle indagini effettuate nei più importanti musei d’Europa e del mondo: insieme ai conduttori Francesco Locatelli e Laura Marozzi, il professor Romani spiega come la luce, ovvero le radiazioni elettromagnetiche, vengano impiegate in questo “laboratorio viaggiante” per svelare i segreti più nascosti delle opere d’arte.

Umbria Radio trasmette per Perugia sui 92.000 Mz e  per Terni sui 105.300 Mz.

La puntata sarà replicata domenica 24 gennaio alle ore 15.

Perugia, 19 gennaio 2016

Conferito oggi il Dottorato di ricerca Honoris Causa in Biotecnologie al professor Bernard Dujon, tra i fondatori della genomica funzionale 

Oggi pomeriggio, con una solenne cerimonia nell’antico refettorio dell’Abbazia di San Pietro, Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie Alimentari e Ambientali, è stato conferito il Dottorato di ricerca honoris causa  in Biotecnologie dell’Università di Perugia al professor Bernard Dujon, uno dei fondatori della genomica funzionale.

L’evento, che si è svolto con l’antica formula in latino e secondo il cerimoniale risalente al secolo XVI, è stata presieduta dal Magnifico Rettore Franco Moriconi. Dopo la presentazione del professor Dujon, pronunciata in inglese dal Promotore del Dottorato, professor Gianluigi Cardinali (Dipartimento di Scienze Farmaceutiche), il Candidato Dujon, sempre in inglese, ha pronunciato la sua ‘lectio doctoralis’, illustrando la genomica dei lieviti nell’ambito della genomica in generale, scienza nata ‘nata’ nel 1997. Da quel momento, ha sottolineato lo scienziato, è stato possibile definire i principali  meccanismi che governa l’evoluzione degli esseri viventi.

Al termine della ‘lectio’, la Commissione, composta, oltre che dal Rettore Moriconi,  dai professori Fausto Elisei, Carla Emiliani, Daniele Fioretto, Giovanni Gigliotti, David Ranucci, Francesco Tarantelli, ha espresso parere favorevole al conferimento del Dottorato di ricerca honoris causa. Il Rettore Moriconi ha quindi consegnato al professor Dujon la pergamena, il libro (simbolo del sapere), l’anello (a significare la ‘congiunzione’ del laureato con la disciplina), il bacio accademico, il ‘tocco’ e la toga dottorale.

La cerimonia si è svolta nell’ambito della Winter School on Biotechnology 2016.

Breve profilo di Bernard André Louis Dujon nasce l’8 agosto 1947 a Meudon, una cittadina di 45.000 abitanti fra Parigi e Versailles.  Si forma alla Scuola normale superiore di Parigi, all’Università Pierre e Marie Curie, famosa per essere fucina di molti premi Nobel, all’Università di Harvard (USA) con Walter Gilbert, Premio Nobel per l’invenzione del sistema di dì sequenziamento del DNA.  E’ professore all’Università Pierre e Marie Curie dal 1983, dal 1987 capo dell’Unità di Genetica Molecolare dell’Institut Pasteur, dal 1988 membro dell’Organizzazione Europea di Biologia Molecolare (EMBO), 1989 Professore dell’Institut Pasteur.

Partecipa al consorzio di 35 laboratori che iniziano il progetto del primo sequenziamento genomico, in una brumosa mattina del Novembre 1989, come ricorda egli stesso in un simpatico articolo. E’ uno dei fondatori della Genomica e l’autorità internazionale sulla Genomica comparativa dei lieviti, già da lui ipotizzata in un articolo del 1992 a soli tre mesi dal sequenziamento del primo cromosoma intero di lievito (Curr. Biology vol 2, June 1992) e quattro anni prima della pubblicazione della sequenza del genoma intero di cui è coautore. E’ autore di 170 pubblicazioni scientifiche e 13 brevetti. E’ fondatore del consorzio Génolevures del Consiglio Nazionale delle Ricerche francese, entro cui è stato effettuato un lavoro di genomica comparativa unico al mondo, di cui il professor Dujon ha trattato nella Lectio Magistralis.

Tutti 1Tutti 2

Moriconi 1

Tutti 3

Dujon e Cardinali

Dujon lectio

ingresso

Moriconi e Dujon

Perugia, 19 gennaio 2016

Il programma dell’attività di Orientamento dell’Università di Perugia. Moriconi: “Servizio primario per il futuro dell’Ateneo”

Saloni di Orientamento nelle principali città umbre, visite guidate alle strutture universitarie e colloqui individuali, anche via Skype. E’il programma di attività per l’Orientamento messo a punto  dall’Università degli Studi di Perugia nell’anno accademico 2015-2016,  presentato stamane dal Rettore Franco Moriconi e dal Delegato Anna Martellotti.

“Si tratta di un servizio primario per il nostro Ateneo che, dopo anni di costante diminuzione degli iscritti, nell’ultimo biennio ha registrato un’inversione di rotta – ha esordito il professor Moriconi –. Siamo certamente soddisfatti di poter offrire alle nostre future potenziali matricole un così ampio programma di incontri e di strumenti per fare al meglio questa scelta così importante, qual è la scelta del proprio percorso di studi universitari. Sono grato per il grande  lavoro realizzato dal mio Delegato professoressa Martellotti – a cui va la mia completa fiducia – e dal suo staff. Ovviamente c’è la volontà di guardare avanti e di migliorare ancora, perché siamo una Università del ‘fare’ e non dell’’apparire’: la qualità, infatti, è un nostro obiettivo prioritario, sia nella didattica, che nella ricerca, come conferma la positiva valutazione complessiva – i cui risultati abbiamo già ampiamente comunicato - data dall’Anvur ai nostri corsi universitari”.

Sul dettaglio del programma di Orientamento – consultabile alla pagina http://www.unipg.it/studenti-futuri - è intervenuta la professoressa Anna Martellotti, sottolineando come questa attività sia non solo informativa, ma costituisca un servizio vero e proprio volto a consentire scelte consapevoli di percorsi universitari in linea con le attese dei singoli candidati. Ecco le novità e il calendario degli appuntamenti: “’L’Ateneo incontra le future matricole’ - ha spiegato la professoressa Martellotti -, è costituito da una serie di nove incontri realizzati in altrettante città umbre; inizierà il 2 febbraio a Terni e vedrà per la prima volta anche la presenza ad Assisi, a Palazzo Bernabei, insieme a Spoleto, Foligno, Orvieto, Castiglione del Lago, Città di Castello, Todi e Gubbio. ‘L’Ateneo  torna al Centro’, invece, è un programma di cinque incontri tematici che si svolgeranno in diversi luoghi del centro storico di Perugia a partire dal 3 febbraio. Nell’ottica del favorire al massimo la partecipazione ai saloni sono previste agevolazioni sulle tariffe sia dei trasporti, sia dei pernottamenti a favore degli studenti delle medie superiori e dei loro familiari. Inoltre, per consentire una conoscenza diretta delle strutture dove si svolge la vita universitaria, ad aprile i giovani futuri studenti potranno partecipare anche al Pedibus Matricolarum: il 5 e il 20 aprile si potrà partecipare a sei visite tematiche, da realizzare a piedi, guidate da studenti ‘testimonial’, dentro i luoghi della didattica e della ricerca universitarie.  Un ampio programma di iniziative a favore dei ragazzi, che viene completato da un servizio di colloqui per l’orientamento – ha concluso la professoressa Martellotti -, da quest’anno anche nella modalità da remoto via Skype, al fine di andare incontro alle esigenze di chi ha difficoltà nel raggiungere Perugia, ma ha comunque voglia di non sbagliare la propria scelta”.

 

Moriconi giornalisti

Martellotti giornalisti

da sx Moriconi Martellotti 1

da sx Moriconi Martellotti giornalisti

da sx Moriconi Martellotti 2

Moriconi

Martellotti

Perugia, 19 gennaio 2016

Presentazione di due nuovi corsi di laurea magistrale del Dipartimento d’Ingegneria - Giovedì 21 gennaio 2016, ore 9, Aula Magna del polo di Ingegneria

Dal 2006, sulla Terra, si sono più dispositivi connessi in rete che esseri umani, grazie allo sviluppo tecnologico che fornisce connettività a costi, ingombri e consumi sempre più bassi. Questo fenomeno si chiama “Internet delle cose”, o “Internet of Things”, un’evoluzione del settore ICT (Information and Communication Technology) verso una connettività sempre più capillare dove non solo le persone possono dialogare con altre persone o gestire in remoto delle macchine, ma anche le “cose” in sé possono autonomamente interagire tra loro e con le persone.

Questo nuovo scenario, con tutte le sue implicazioni, è il protagonista dell’incontro “Internet of Things, Big Data e Data Science. Le nuove sfide del settore ICT: la proposta didattica del Dipartimento d’Ingegneria”,  in programma  giovedì 21 gennaio 2016, alle ore 9, nell’Aula magna del polo d’Ingegneria.

Con l’occasione il Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo di Perugia presenterà due nuove lauree magistrali. Si tratta del corso in Ingegneria Informatica e Robotica (due i curricula: uno in Data Science, l’altro in Robotics e Automation) e del corso in Ingegneria Elettronica per Internet of Things (con due curricula: Internet of Things e Aerospace Electronics).

Durante l’evento di presentazione, esperti dell’Accademia e importanti Aziende e gruppi industriali discuteranno dell’Internet delle cose, delle sue implicazioni nei termini della produzione, gestione e analisi dell’enorme mole di informazioni che esso genera (big data e Data science) e dei profili professionali necessari alle imprese per operare in questi ambiti. Saranno presenti, fra gli altri, Microsoft, Angelantoni Group, OMA Foligno e ST Microelectronic a significare il grande interesse dell’industria ad accogliere i futuri laureati dei nuovi corsi, oltre a Confindustria, l'Ordine degli Ingegneri e Sviluppumbria.

Giovedì 21 Gennaio 2016

Il programma:

9.00 Saluti di benvenuto e delle Autorità

9.15 Introduzione

9.30 L’Internet of Things per Microsoft Ing. Erica Barone

10.00 L’ecosistema ST per l’IoT: microcontrollori, sensori, connettività ed ambiente di sviluppo aperto Ing. Emanuele Quacchio

10.30 La proposta didattica del Dipartimento d’Ingegneria Prof. Paolo Valigi

11.00 Le tematiche IoT nell’ambito della nuova offerta didattica

• Tecnologie elettroniche per l’IoT - Prof. Luca Roselli

• Data Science e Advanced Robotics- Prof. Walter Didimo

11.40 Esperienze delle aziende del territorio: Liomatic S.p.A.,  OMA Foligno S.p.A., Innovactive Engineering S.r.l.,  Sistematica S.p.A., Angelantoni GROUP Aula magna del Dipartimento d’Ingegneria

12.20 Tavola rotonda

13.00 Chiusura lavori

Perugia, 19 gennaio 2016

Seminario della dottoressa Sant sulla  sopravvivenza e cura dei pazienti oncologici in Europa - Mercoledì 20 gennaio, ore 15,  Sant’Andrea delle Fratte 

La dottoressa Milena Sant terrà a Perugia un seminario dal titolo “Principali risultati dello studio EUROCARE, sopravvivenza e cura dei pazienti oncologici in Europa”.

L’incontro scientifico si terrà domani, mercoledì 20 gennaio 2016, alle ore 15, nell’Aula 7 dell’edificio B (piano-2) a Sant’Andrea delle Fratte. La dottoressa Sent è direttore della S.C. Epidemiologia Analitica e Impatto Sanitario - Dip.to di Medicina Predittiva e per la Prevenzione /Istituto Fondazione IRCSS Istituto Nazionale dei Tumori.

Il seminario è organizzato dal Dipartimento di Medicina sperimentale – Scuola di specializzazione in igiene e medicina preventiva.

 

Perugia, 15 gennaio 2016

CONFERENZA STAMPA - Le attività dell’Ateneo per l’Orientamento  nel 2016 - Perugia, Palazzo Murena - martedì 19 gennaio  2016, ore 12

A Palazzo Murena, sede del Rettorato, martedì 19 gennaio 2016, alle ore 12, si svolgerà una conferenza stampa con la partecipazione del Magnifico Rettore Franco Moriconi e della professoressa Anna Martellotti, delegato per l’Orientamento.

Verrà illustrato il programma di attività per l’Orientamento dell’Università degli Studi di Perugia. Fra le novità, oltre all’intenso calendario di Saloni, sarà presentato anche l’innovativo Servizio di Colloqui di Orientamento per via telematica, attivato da quest’anno.

L’Orientamento è uno dei settori di particolare impegno dell’Ateneo per favorire i giovani nella scelta del corso di studi universitario più adatto alle proprie inclinazioni e aspirazioni. 

Perugia, 15 gennaio 2016

Internet delle cose e big data: le nuove lauree magistrali per gestire il futuro, presentazione dei due nuovi corsi di laurea magistrale del Dipartimento d’Ingegneria - Giovedì 21 gennaio 2016, ore 9, Aula Magna del polo di Ingegneria

Dal 2006, sulla Terra, abbiamo più dispositivi connessi in rete che esseri umani, grazie allo sviluppo tecnologico che fornisce connettività a costi, ingombri e consumi sempre più bassi. Questo fenomeno si chiama “Internet delle cose”, o “Internet of Things”, un’evoluzione del settore ICT (Information and Communication Technology) verso una connettività sempre più capillare dove non solo le persone possono dialogare con altre persone o gestire in remoto delle macchine, ma anche le “cose” in sé possono autonomamente interagire tra loro e con le persone.

Questo nuovo scenario, con tutte le sue implicazioni, è il protagonista dei due nuovi corsi di laurea magistrale che il Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo di Perugia si appresta a presentare giovedì 21 gennaio 2016, alle ore 9, nell’Aula Magna del Dipartimento (in via G.Duranti 93.)

Si tratta del corso in Ingegneria Informatica e Robotica (due i curricula: uno in Data Science, l’altro in Robotics e Automation) e del corso in Ingegneria Elettronica per Internet of Things (con due curricula: Internet of Things e Aerospace Electronics). 

Durante l’evento di presentazione, esperti dell’Accademia e importanti Aziende e gruppi industriali discuteranno dell’Internet delle cose, delle sue implicazioni nei termini della produzione, gestione e analisi dell’enorme mole di informazioni che esso genera (big data e Data science) e dei profili professionali necessari alle imprese per operare in questi ambiti. Saranno presenti, fra gli altri, Microsoft, Angelantoni Group, OMA Foligno e ST Microelectronic a significare il grande interesse dell’industria ad accogliere i futuri laureati dei nuovi corsi, oltre a Confindustria, l'Ordine degli Ingegneri e Sviluppumbria.

Perugia, 15 gennaio 2016

Dottorato di ricerca Honoris Causa in Biotecnologie al prof. Bernard Dujon, tra i fondatori della genomica funzionale - Perugia, 19 gennaio 2016 

Al professor Bernard Dujon, uno dei fondatori della genomica funzionale, sarà conferito il titolo di Dottore di ricerca Honoris Causa in Biotecnologie dell’Università degli Studi di Perugia.

La cerimonia, presieduta dal Rettore Franco Moriconi, si svolgerà martedì 19 gennaio 2016, alle ore 16.30, nell’Aula Magna del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari ed Ambientali, nel complesso monumentale di San Pietro, nell’ambito della Winter School on Biotechnology 2016. Sarà in latino, secondo l’antico cerimoniale dell’Università di Perugia, adattato e tradotto dal professor Gianluigi Cardinali, Promotore del riconoscimento, e dalla dottoressa Alessandra Di Pilla.

In lingua inglese, invece, saranno pronunciate la presentazione del Candidato da parte del Promotore, professor Cardinali, e la lectio magistralis su temi di genomica del professor Dujon. La Commissione che  “valuterà” la lectio sarà composta dal Rettore Moriconi e dai professori Fausto Elisei, Carla Emiliani, Daniele Fioretto, Giovanni Gigliotti, David Ranucci e Francesco Tarantelli.

Bernard Dujon è professore ordinario presso l'Università Pierre e Marie Curie e presso l'Institut Pasteur. E 'membro dell'Accademia Francese delle Scienze, dell’ ”Academia Europaea”, di EMBO, di Facoltà di 1000, e di diverse società scientifiche. E 'autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche, e di un libro per il grande pubblico. Ha avuto numerose responsabilità operative in strutture di ricerca nel corso degli anni, tra cui la direzione scientifica dell'Institut Pasteur dal 2005 fino al 2008. E’ cavaliere di Légion d'Honneur e Officier di Ordre National du Mérite. Ha ricevuto il premio Thérèse Lebrasseur dalla Fondation de France e il premio René e Andrée Duquesne  dall’Institut Pasteur.

Perugia, 14 gennaio 2016

CONFERENZA STAMPA - Le attività dell’Ateneo per l’Orientamento  nel 2016 - Perugia, Palazzo Murena - martedì 19 gennaio  2016, ore 12

A Palazzo Murena, sede del Rettorato, martedì 19 gennaio 2016, alle ore 12, si svolgerà una conferenza stampa per illustrare il programma di attività per l’Orientamento dell’Università degli Studi di Perugia: fra le novità, oltre all’intenso calendario di Saloni, verrà presentato anche l’innovativo servizio di Colloqui di Orientamento per via telematica, che verrà attivato da quest’anno.

L’Orientamento è uno dei settori di particolare impegno dell’Ateneo per favorire i giovani nella scelta del corso di studi universitario più adatto alle proprie inclinazioni e aspirazioni.

All’incontro con i giornalisti di martedì interverranno il Magnifico Rettore Franco Moriconi e il Delegato per l’Orientamento  professoressa Anna Martellotti.

Perugia, 14 gennaio 2016

Domani a Ingegneria la presentazione della campagna di indagini conoscitive sull'area della tomba di Màmia a Pompei Sarà portata avanti dall’Università di Perugia - Perugia, venerdì 15 gennaio 2016 - ore 11 

È di questi giorni la notizia dell’apertura al pubblico di sei case pompeiane restaurate a seguito del “Grande Progetto Pompei”, un programma ambizioso e una sfida per il mondo scientifico.

Domani, venerdì 15 gennaio 2016, alle ore 11, nell’Aula Magna del Polo di Ingegneria, il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (DICA) presenterà l’iniziativa “L’area della tomba di Màmia. Campagna di indagini conoscitive e studio preliminare per il restauro e il recupero di un complesso funerario monumentale della necropoli di Porta Ercolano a Pompei”.

Al Progetto di Ricerca partecipano docenti di discipline umanistiche e tecnico-scientifiche afferenti al DICA dell’Università di Perugia in uno spirito di collaborazione interdisciplinare indispensabile ad un approccio scientifico corretto e moderno per interventi sull’Antico.

Nell’occasione sarà firmata la convenzione tra la Soprintendenza Speciale di Pompei Ercolano Stabia, e il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale di Perugia, rispettivamente rappresentanti dal Soprintendente di Pompei professor Massimo Osanna, e dal Direttore del Dica, professor Annibale Luigi Materazzi.

L’incontro di domani sarà aperto dai saluti del Magnifico Rettore Franco  Moriconi,  di   Maria

Teresa Severini, assessore alla Cultura del Comune di Perugia, e del direttore Materazzi.

La professoressa Concetta Masseria, coordinatrice del Progetto di ricerca, presenterà i componenti del Gruppo di Ricerca perugino sul monumento pompeiano.

Il professor Mario Torelli illustrerà il monumento con una relazione su “La schola di Màmia. Il sepolcro di una domi nobilis di Pompei”. Seguirà l’intervento del professor Luigi Gallo, curatore della mostra “Pompei e l’Europa 1748-1943” presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che terrà una relazione “Dalla natura alla storia: la via delle tombe a Pompei”.

Concluderà gli interventi il Soprintendente professor Massimo Osanna che parlerà del grande “cantiere” che caratterizza l’attuale paesaggio urbano dell’antica città di Pompei.

Al termine la firma ufficiale della Convenzione tra la Soprintendenza Speciale di Pompei Ercolano Stabia e il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale di Perugia. 

Perugia, 13 gennaio 2016

Il progetto “L'area della tomba di Mamia” a Pompei sarà presentato al Polo di Ingegneria dell’Università - Perugia, venerdì 15 gennaio 2016 - ore 11 

È di questi giorni la notizia dell’apertura al pubblico di sei case pompeiane restaurate a seguito del “Grande Progetto Pompei”, un programma ambizioso e una sfida per il mondo scientifico.

In questo contesto si inserisce l’iniziativa “L’area della tomba di Màmia. Campagna di indagini conoscitive e studio preliminare per il restauro e il recupero di un complesso funerario monumentale della necropoli di Porta Ercolano a Pompei”, che verrà presentata a Perugia, venerdì 15 gennaio 2016, alle ore 11, nell’Aula Magna del Polo di Ingegneria, dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (DICA).

Al Progetto di Ricerca partecipano docenti di discipline umanistiche e tecnico-scientifiche afferenti al DICA dell’Università di Perugia in uno spirito di collaborazione interdisciplinare indispensabile ad un approccio scientifico corretto e moderno per interventi sull’Antico.

Nell’occasione sarà firmata la convenzione tra la Soprintendenza Speciale di Pompei Ercolano Stabia, e il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale di Perugia, rispettivamente rappresentanti dal Soprintendente di Pompei professor Massimo Osanna, e dal Direttore del Dica, professor Annibale Luigi Materazzi.

L’incontro di venerdì sarà aperto dai saluti del Magnifico Rettore Franco Moriconi, di Maria Teresa Severini, assessore alla Cultura del Comune di Perugia, e del direttore Materazzi.

La professoressa Concetta Masseria, coordinatrice del Progetto di ricerca, presenterà i componenti del Gruppo di Ricerca perugino sul monumento pompeiano.

Il professor Mario Torelli illustrerà il monumento con una relazione su “La schola di Màmia. Il sepolcro di una domi nobilis di Pompei”. Seguirà l’intervento del professor Luigi Gallo, curatore della mostra “Pompei e l’Europa 1748-1943” presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, che terrà una relazione “Dalla natura alla storia: la via delle tombe a Pompei”.

Concluderà gli interventi il Soprintendente professor Massimo Osanna che parlerà del grande “cantiere” che caratterizza l’attuale paesaggio urbano dell’antica città di Pompei.

Al termine la firma ufficiale della Convenzione tra la Soprintendenza Speciale di Pompei Ercolano Stabia e il Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale di Perugia. 

 

Perugia, 12 gennaio 2016

Dottorato di ricerca Honoris Causa in Biotecnologie al prof. Bernard Dujon, tra i fondatori della genomica funzionale

 Perugia, 19 gennaio 2016

Al prof. Bernard Dujon, uno dei fondatori della genomica funzionale, sarà conferito il titolo di Dottore di ricerca Honoris Causa in Biotecnologie dell’Università degli Studi di Perugia.

La cerimonia, presieduta dal Magnifico Rettore Franco Moriconi,  martedì 19 gennaio 2016, alle ore 16,30, si svolgerà nell’Aula Magna di Agraria, presso il  complesso monumentale di San Pietro,  Borgo XX Giugno.

Il conferimento del Dottorato si terrà nell’ambito della Winter School on Biotechnology 2016, su proposta del Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie dell’Ateneo perugino.

Bernard Dujon, che in questa occasione terrà una lezione sulla genomica, è professore ordinario presso l'Università Pierre e Marie Curie e presso l'Institut Pasteur. E 'membro dell'Accademia Francese delle Scienze, dell’ ”Academia Europaea”, di EMBO, di Facoltà di 1000, e di diverse società scientifiche. E 'autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche, e di un libro per il grande pubblico. Ha avuto numerose responsabilità operative in strutture di ricerca nel corso degli anni, tra cui la direzione scientifica dell'Institut Pasteur dal 2005 fino al 2008. E’ cavaliere di Légion d'Honneur e Officier di Ordre National du Mérite. Ha ricevuto il premio Thérèse Lebrasseur dalla Fondation de France e il premio René e Andrée Duquesne  dall’Institut Pasteur.

t-weight:bold'>ore 15.

Bernard Dujon

Perugia, 12 gennaio 2016

Dimmi come parli, ti dirò chi sei. Due giovanissimi ricercatori a  “L’Uovo di Colombo” per parlare di linguistica

Giovedì 14 gennaio 2016, ore 19,05 su “Umbria Radio”

Dimmi come parli, ti dirò chi sei: la linguistica aiuta a comprendere come è fatto l’uomo, il suo pensiero, e persino a curarlo, ad esempio nel caso di disturbi autistici.

Riprende giovedì 14 gennaio alle 19,05 “L’Uovo di Colombo”, la trasmissione su Umbria Radio condotta da Francesco Locatelli e Laura Marozzi. A raccontare la ricerca scientifica dell’Ateneo di Perugia, due giovanissimi linguisti del Dipartimento di Dipartimento di Lettere - Lingue, Letterature e Civilta' antiche e moderne, Yhara Michaela Formisano e Michele Bagli. Entrambi studiano questa scienza del linguaggio e del pensiero umano: la prima, in particolare, nell’elaborazione di trattamenti psicoterapeutici adeguati per aiutare i soggetti affetti da disturbi dello spettro autistico; il secondo nel capire come la nostra organizzazione concettuale sia influenzata dalle percezioni mediate dai nostri sensi, e dunque, in ultima analisi, dal nostro corpo.

Umbria Radio trasmette per Perugia sui 92.000 Mz e  per Terni sui 105.300 Mz.

La puntata sarà replicata domenica 17 gennaio alle ore 15.

Perugia, 11 gennaio 2016

Premio di laurea “ANDREA CALISTRI alla dottoressa Nadia Zangarelli per il suo progetto di ricerca sulla società civile in Tunisia e in Libia

Nella Sala delle Lauree del Dipartimento di Giurisprudenza è stato consegnato alla dottoressa Nadia Zangarelli il Premio di laurea “ANDREA CALISTRI”, giunto alla quinta edizione.

Il riconoscimento, riservato a laureati magistrali in Relazioni Internazionali con il massimo dei voti, bandito dal Dipartimento di Scienze Politiche su proposta dei genitori di Andrea Calistri,  brillante laureato magistrale della Facoltà di Scienze Politiche, prematuramente scomparso il 9 gennaio 2011, intende sostenere laureati eccellenti nella realizzazione di un progetto di ricerca o di formazione all’estero post-laurea.

Il premio è stato assegnato alla dottoressa Nadia Zangarelli che ha discusso una tesi dal titolo “La transizione politica in Tunisia: una prospettiva di genere”, relatore la professoressa Anna Baldinetti, e presentato un progetto di ricerca volto ad approfondire il ruolo della società civile nella transizione democratica in Tunisia e Libia.

La tesi di laurea è frutto di un lavoro fatto ‘sul campo’, all’estero, per approfondire il ruolo delle donne in Tunisia e Libia. Il premio consentirà ora alla dottoressa Zangarelli di approfondire ulteriormente il tema.

 Alla cerimonia, aperta dal professor Carlo Carini, presidente della Commissione giudicatrice, sono intervenuti la professoressa Baldinetti, il professor Lorenzo Medici e il dottor Riccardo Cruzzolin, membri della commissione, che ha espresso a Fabio e Stefania Calistri, genitori di Andrea, presenti alla premiazione, il massimo apprezza­mento e la gratitudine per l’istituzione del premio  con l’en­comiabile in­tento di promuovere progetti di ricerca orientati al futuro di giovani laureati meritevoli.

La motivazione del riconoscimento a Nadia Zangarelli: “La candidata presenta un interessante progetto di ricerca volto ad approfondire il ruolo della società civile nella transizione democratica in Tunisia e Libia, e in modo particolare gli elementi più rilevanti che risultano da due processi messi tra loro a confronto. Tale progetto di ricerca appare adeguatamente supportato da indicazioni relative al reperimento del materiale e delle fonti indispensabili allo svolgimento del suddetto lavoro. Nel suo complesso esso appare sufficientemente organico e strutturato sia dal punto di vista delle motivazioni sia dal punto di vista delle procedure di realizzazione, nelle quali è previsto un adeguato soggiorno all’estero.” 

 

Carini e Zangarelli

il prof. Carini premia Nadia Zangarelli

Nadia Zangarelli

Nadia Zangarelli

genitori premiata commissione

I genitori, la premiata e la commissione

Commissione

 La Commissione

Perugia, 7 gennaio 2016

Scuola di Paleoantropologia di Perugia, iscrizioni prorogate al 15 gennaio 2016

Il Dipartimento di Fisica e Geologia, in collaborazione con la Galleria di Storia Naturale e la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Umbria, ha organizzato la sesta edizione della Scuola di Paleoantropologia di Perugia che rappresenta un’occasione unica nel panorama nazionale per il perfezionamento e l’approfondimento delle conoscenze sul tema dell’evoluzione umana.

Il termine, inizialmente fissato al 7 gennaio, è stato prorogato a venerdì 15 gennaio 2016, data entro la quale dovrà essere inviato il modulo d’iscrizione, scaricabile dal sito www.paleoantropologia.it/download, e da inviare esclusivamente via mail all’indirizzo info@paleoantropologia.it

Le lezioni si terranno da lunedì 22 a venerdì 26 febbraio 2016 al Dipartimento di Fisica e Geologia. La conferenza d’apertura vedrà la partecipazione di Francesco Ferretti, docente di Filosofia e Teoria dei Linguaggi all’Università di Roma Tre; ospite straordinario della sesta edizione sarà Yoel Rak, paleoantropologo di fama mondiale, membro del Department of Anatomy and Anthropology della Sackler School of Medicine (Tel Aviv University) e della Israel Academy of Sciences.

L’ultima giornata della Scuola, sabato 27 febbraio 2016, avrà luogo alla Galleria di Storia Naturale dell’Università di Perugia, a Casalina (Deruta). Sarà dedicata alla proiezione del documentario “OLDUVAI. La Culla dell’Umanità”, prodotto dalla stessa Scuola di Paleoantropologia, e alla presentazione delle attività di ricerca nella Gola di Olduvai, in Tanzania.

La Scuola di Paleoantropologia, infatti, impegnata da anni in attività didattiche e di ricerca nella Gola di Olduvai, grazie a una convenzione con l’University of Dar Es Salaam (Prof. Fidelis T. Masao), offre agli allievi la possibilità di essere selezionati per partecipare a tale attività di ricerca che si svolge, generalmente, tra la seconda metà di agosto e la prima metà di settembre. 

Perugia, 7 gennaio 2016

La dottoressa Nadia Zangarelli ha vinto il Premio di laurea “ANDREA CALISTRI, lunedì 11 gennaio la cerimonia di premiazione

Lunedì 11 gennaio 2016, alle ore 12, nella Sala delle Lauree del Dipartimento di Giurisprudenza, avrà luogo il conferimento del Premio di laurea “ANDREA CALISTRI” bandito dal Dipartimento di Scienze Politiche su proposta dei genitori e avente la finalità di sostenere laureati eccellenti nella realizzazione di un progetto di ricerca o di formazione all’estero post-laurea.

Il Premio viene conferito quest’anno per la quinta volta ed è stato istituito per volontà dei genitori che hanno così inteso onorare la memoria del loro figliolo – brillante laureato magistrale della Facoltà di Scienze Politiche - prematuramente scomparso il 9 gennaio 2011.

Il premio, riservato a laureati magistrali in Relazioni Internazionali con il massimo dei voti, è stato assegnato alla dottoressa Nadia Zangarelli che ha discusso una tesi dal titolo “La transizione politica in Tunisia: una prospettiva di genere”, relatore la professoressa Anna Baldinetti, e presentato un interessante progetto di ricerca volto ad approfondire il ruolo della società civile nella transizione democratica in Tunisia e Libia. 


Torna su
×