Università degli Studi di Perugia

Informazioni generali

L’Università degli Studi di Perugia, in conformità a quanto previsto dal D. Lgs. 297/1999 e dal proprio Statuto, favorisce la costituzione di organismi di diritto privato, sotto forma di società di capitali, indicati come “Spin Off”, aventi come scopo l’utilizzazione imprenditoriale, in contesti innovativi, dei risultati della ricerca dell’Università ovvero lo sviluppo di nuovi prodotti, processi o servizi.

Sono definiti Spin Off Universitari, limitatamente alla fase triennale di incubazione, le società per azioni o a responsabilità limitata, aventi lo scopo di cui sopra, nelle quali l’Università sia proponente e/o titolare di quote di partecipazione.

Sono definiti Spin Off Accademici, limitatamente alla fase triennale di incubazione, le società per azioni o a responsabilità limitata, aventi lo scopo di cui sopra, nelle quali l’Università non abbia alcuna quota di partecipazione e di cui siano proponenti:

  • Professori e ricercatori universitari
  • Titolari di assegni di ricerca
  • Dottorandi
  • Personale tecnico amministrativo

La partecipazione agli Spin Off Accademici dei Professori e Ricercatori universitari, ai sensi dell’art 2, comma 2 del D.M. 168/2011, può aversi sia in termini di partecipazione al capitale, sia in termini di impegno diretto nel conseguimento dell'oggetto sociale, offrendo alla nuova entità giuridica l'impiego del know how e delle competenze generate in un contesto di ricerca.

Iter di attivazione

Il Proponente presenta la domanda di attivazione dello Spin Off, così come riportata nello schema tipo di cui all'Allegato 1 al regolamento Spin Off di Ateneo, all'Ufficio ILO e Terza Missione.

Il progetto di Spin Off è approvato, previa istruttoria della Commissione Spin Off, dal Consiglio di Amministrazione dell'Università su proposta del Senato accademico, acquisito, se necessario, il parere del Consiglio della struttura di afferenza del/i Proponente/i.

Qualora l'Università partecipi allo Spin Off in qualità di socio, il Consiglio di Amministrazione dell'Università deve, altresì, indicare la quota di capitale sociale sottoscritta dall'Università e designare il rappresentante dell'Università nel Consiglio di amministrazione della società.

Status di Spin Off e incubazione

Lo status di Spin Off, ed il conseguente eventuale accesso ai servizi di incubazione, è riconosciuto per un periodo iniziale non eccedente i tre anni, di cui potrà essere richiesta la proroga per massimo due volte, della durata massima di due anni ciascuna, in accordo con quanto disposto dall'art. 12 del Regolamento d’Ateneo sugli Spin Off.

Lo Spin Off può richiedere l’utilizzo di locali ed attrezzature universitarie, per cui sarà necessario acquisire il parere vincolante del Consiglio della struttura ospitante, oppure avviare l'ier di accesso ai servizi offerti dall'Incubatore di Ateneo.

Nello specifco, in base allo stesso art. 12, “In caso di utilizzo di locali ed attrezzature universitarie da parte di uno Spin Off, gli eventuali rapporti tra questo e l'Università saranno regolati, oltre che dal [..] Regolamento, anche dall’apposita Convenzione Quadro approvata dall’organo decisionale della struttura ospitante e controfirmata dal responsabile della struttura stessa”.

Utilizzo dei marchi dell'Ateneo 

Agli Spin Off Universitari può essere concessa, dal Consiglio di Amministrazione dell’Università, la licenza non esclusiva del marchio istituzionale dell’Università degli Studi di Perugia, all’esclusivo fine di rappresentare il rapporto di derivazione universitaria dello Spin Off. L’utilizzazione del marchio è quindi consentita nei limiti in cui esso serva all’identificazione dell’origine dell’impresa e, pertanto, è fatto obbligo allo Spin Off Universitario di riportare sempre in calce al marchio la seguente dicitura: “Il marchio dell’Università degli Studi di Perugia testimonia esclusivamente il rapporto di derivazione universitaria della società spin-off; pertanto, quanto contrassegnato con il logo non è direttamente ascrivibile all’Università stessa”. Ove il Consiglio di Amministrazione dell’Università conceda il suddetto uso, la relativa licenza verrà disciplinata sulla base di un apposito contratto (redatto conformemente al modello di cui all’All. 3 al Regolamento Spin Off),

Agli Spin Off Accademici può essere concessa dal Consiglio di Amministrazione dell’Università la licenza non esclusiva del marchio “Spin Off dell’Università degli Studi di Perugia” sulla base di un apposito contratto (redatto sulla base del modello di cui all’All. 4 al Regolamento Spin Off),

Decorso il primo triennio di licenza, il marchio istituzionale dell’Università, ovvero il marchio “Spin Off dell’Università degli Studi di Perugia”, associati alla espressa dicitura aggiuntiva “Società nata come Spin off”, gli Spin Off saranno tenuti ad utilizzare detti marchi previa sottoscrizione di un nuovo contratto di licenza che ne disciplini l’utilizzo e gli oneri a carico della società, da corrispondere all’Università, secondo un canone annuo calcolato sulla base di aliquote regressive, da applicarsi al fatturato indicato dalla società nel bilancio di esercizio chiuso nell’anno precedente a quello della riscossione.

 

Condividi su