Università degli Studi di Perugia

Anno Accademico 2021/22 - Regolamento 2021

Corso di laurea in Biologia

Presentazione

Obiettivi formativi specifici
il Corso di laurea magistrale in Biologia forma laureati di elevato livello culturale e scientifico nel campo delle biologia in tutti i suoi aspetti dall'uomo all'ambiente organizzando il percorso formativo in indirizzi o curricula nelle discipline che caratterizzano la classe LM-6 e le attività affini e integrative.

L' obiettivo è perseguito mediante la formulazione di precisi percorsi formativi (curricula), in grado di fornire una successione coerente degli insegnamenti e del livello di specializzazione che lo studente potrà raggiungere. Ai fini indicati i curricula comprendono finalità formative atte a acquisire conoscenze nei seguenti campi:
Biomolecolare (fenomeni biologici nel contesto funzionale, interazioni tra molecole e cellule in condizioni normali o modificate, le interazioni tra ambiente nella sua accezione più generale e organismi, compreso l'uomo, controllo dei processi gestionali, produttivi e biotecnologici.
Biologico-sanitario/medico (diagnostico e analitico, strumentazioni e competenze laboratoriali proprie del settore bio-medico e sanitario, analisi di referti, attivita antimicobiche e tumorali, ecc.)
Biologico-nutrizionistico (qualità degli alimenti, fisiologia della nutrizione, alimenti funzionali, ecc,)
Biologico ambientale (biodiversità, monitoraggio, conservazione e gestione delle risorse naturali e degli ecosistemi, sostanze naturali, progettazione ambientale e valutazione economico-ambientale delle attività umane).
l percorsi formativi proposti comprendono un congruo numero di crediti irrinunciabili e una attenta scelta delle attività affini e integrative in armonia con le attribuzioni dirigenziali e professionali del biologo contemplate dalla normativa vigente (legge 396/67 e DPR 328/01).
Nel rispetto dei principi dell'armonizzazione europea le competenze dei laureati rispondono ai requisiti specifici dei Descrittori di Dublino secondo i criteri di Tuning proposti a livello nazionale dal Coordinamento Biologi Universitari Italiani (CBUI) per la classe LM-6.
In relazione a competenze culturali-scientifiche e a risorse strutturali-logistiche e di docenza di sede potranno essere individuati percorsi di orientamento finalizzati ad esigenze formative per specialisti esperti in attività professionali e di progetto specifiche e di elevata responsabilità, al fine di permettere un più facile inserimento dei laureati nel contesto lavorativo.
Descrizione del percorso formativo
Il corso di studio in breve
La Laurea Magistrale in Biologia completa il percorso di sede iniziato con la laurea di primo livello di Scienze Biologiche e si distingue per l'offerta di competenze specifiche di elevato livello teorico e pratico nel campo delle scienze della vita e dell'ambiente in linea con i più aggiornati sviluppi conoscitivi, metodologici e applicativi delle discipline che caratterizzano la Classe LM-6.
Il percorso di studi proposto si differenzia in percorsi specialistici che permettono allo studente, anche fuori sede, di ottenere gli obiettivi specifici della classe e la specializzazione della propria formazione professionale necessario per l'iscrizione all'Ordine Nazionale dei Biologi e affrontare le professioni più attuali.
Gli indirizzi proposti sono:
• Curriculum Biosanitario - acquisizione delle moderne tecniche biomolecolari nel campo dell'istologia, biochimica clinica, immunologia e virologia, conoscenza della metodologia strumentale, degli strumenti analitici e delle tecniche di acquisizione e analisi dei dati applicabili alla ricerca in campo biomedico e al comparto diagnostico.
• Curriculum Biomolecolare - meccanismi molecolari alla base dei fenomeni biologici con particolare riferimento agli ultimi avanzamenti della ricerca scientifica nell'ambito di riprogrammazione genica, regolazione dell'espressione genica, interazioni tra molecole e cellule in condizioni normali e patologiche e conseguente sviluppo di tecnologie innovative per lo studio di sistemi molecolari complessi.
• Curriculum Bionutrizionistico - scienze dell'alimentazione, della nutrizione e degli alimenti con particolare riguardo alla fisiologia della nutrizione, agli aspetti salutistici e funzionali e dell'igiene e conservazione degli alimenti.
• Curriculum Biodiversità e gestione delle risorse naturali - Acquisizione di competenze nel campo della biologia naturalistica e ambientale con particolare riferimento ai singoli organismi (biodiversità), alle loro interazioni (popolazioni e comunità) dell'ecologia dei sistemi terrestri e acquatici con competenze nel biomonitoraggio, nell'analisi ecosistemica e nella gestione e conservazione delle risorse naturali.

Per ciascun indirizzo sono previste attività didattiche, seminariali e laboratoriali specifici.

Tutti i corsi sono erogati in didattica frontale e laboratoriale. E' doveroso ricordare che il Corso di Studi ha saputo assicurare il regolare svolgimento della didattica in forma telematica e garantire agli studenti il processo di apprendimento e il raggiungimento degli obiettivi formativi del CdS durante l'epidemia di COVID-19 provocata dal virus SARS-CoV-2. Nel caso si riproponga uno stato di emergenza legato alla malattia COVID-19 nell'A.A. 2021/22, tutte le attività didattiche previste saranno erogate in modalità a distanza facendo uso della piattaforma Microsoft Teams (il cui accesso è gratuito per gli iscritti all'Università degli Studi di Perugia) e/o in modalità mista.
Conoscenze richieste per l'accesso
Per l'iscrizione alla LM in Biologia è necessario il possesso di un diploma di laurea italiano o di titolo equivalente conseguito all'estero riconosciuto idoneo in base alle normative vigenti.

Requisiti curriculari.
Il possesso di requisiti curriculari di coloro che intendono iscriversi alla suddetta LM, è dato per accertato nel caso in cui chi chiede di iscriversi sia in possesso di Laurea triennale nella classe L-13 (DM 270/04) o nella classe 12 (DM 509/99).
Negli altri casi la formazione pregressa dovrà comunque includere conoscenze di base di matematica, fisica, chimica, informatica e di biologia indispensabili per una idonea fruizione delle attività didattiche della laurea magistrale.
Sono indispensabili almeno 60 CFU nei settori scientifico-disciplinari (SSD) di base e caratterizzanti previsti dalla classe L-13 così ripartiti:
- Discipline matematiche, fisiche, informatiche e statistiche: minimo 10 CFU, acquisiti nei SSD MAT/01 - MAT/02 - MAT/03 - MAT/05 - MAT/06 - MAT/07 - MAT/09 - FIS/01 - FIS/03 - FIS/07 - FIS/08 - INF/01;
- Discipline chimiche: minimo 10 CFU, acquisiti nei SSD CHIM/02 - CHIM/03 - CHIM/06;
- Discipline biologiche: minimo 40 CFU, acquisiti nei SSD BIO/01 - BIO/02 - BIO/03 - BIO/04 - BIO/05 - BIO/06 - BIO/07 - BIO/09 - BIO/10 - BIO/11 - BIO/12 - BIO/14 - BIO/16 - BIO/18 - BIO/19.
SSD diversi da quelli elencati, ma con simili contenuti scientifici e formativi, potranno essere presi in considerazione.
- Si richiede inoltre un'adeguata conoscenza della lingua inglese di livello B1 o superiore.

In presenza dei requisiti di cui ai punti precedenti, l'adeguatezza della personale preparazione si ritiene verificata qualora la Laurea di primo livello sia stata acquisita con una votazione almeno pari a 100/110, o equivalente. Se la Laurea è stata ottenuta con un punteggio inferiore, la verifica della personale preparazione viene effettuata attraverso un colloquio o test delle conoscenze, secondo le modalità, i criteri e le procedure fissate dal Consiglio di Corso di Studio e pubblicate nel Regolamento del CdS.

Requisiti di merito.
Coloro che, pur possedendo i requisiti curriculari, abbiano conseguito un diploma di laurea triennale con una votazione inferiore a 100/110, dovranno comunque sostenere un colloquio, volto a verificare l'adeguatezza della preparazione personale.
Gli eventuali debiti formativi dovranno essere comunque recuperati prima dell'iscrizione alla laurea magistrale.

Gli eventuali debiti formativi dovranno essere comunque recuperati prima dell'iscrizione alla laurea magistrale.
Modalità di ammissione
Nell’anno accademico 2021/2022 il Corso di laurea Magistrale in Biologia è ad accesso libero. Per l'iscrizione alla Laurea Magistrale in Biologia (LM-6) è richiesto un diploma di laurea triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito anche all'estero, riconosciuto idoneo.
L'ammissione al CdS richiede la verifica di requisiti curriculari e di merito. In relazione all'art. 6, comma 2 del DM 270/04, si ritengono soddisfatti i requisiti curriculari per coloro che sono in possesso di un diploma di laurea triennale in Scienze Biologiche o altra denominazione, conseguito nella classe L-13 (DM 270/04) o nella classe 12 (DM 509/99) purché abbiano conseguito il diploma di laurea con una votazione non inferiore a 100/110.
Coloro che, pur possedendo i requisiti curriculari, abbiano conseguito un diploma di laurea triennale con una votazione inferiore a 100/110, dovranno sostenere un colloquio volto a verificare l'adeguatezza della preparazione personale.

Negli altri casi la formazione pregressa dovrà comunque dimostrare conoscenze di base di matematica, fisica, chimica, informatica e di biologia indispensabili per una idonea fruizione delle attività didattiche della laurea magistrale.
Sono indispensabili almeno 60 CFU nei settori scientifico-disciplinari (SSD) di base e caratterizzanti previsti dalla classe L-13, con un minimo di CFU ripartiti negli ambiti disciplinari come segue:
Discipline matematiche, fisiche, informatiche e statistiche: minimo 10 CFU (SSD MAT/01 MAT/02 MAT/03 MAT/05 MAT/06 MAT/07 -MAT/09 - FIS/01 FIS/03 FIS/07 - FIS/08 - INF/01);
Discipline chimiche: minimo 10 CFU (SSD CHIM/02 - CHIM/03 - CHIM/06);
Discipline biologiche: minimo 40 CFU (SSD BIO/01 BIO/2 BIO/03 - BIO/04 BIO/05 - BIO/06 BIO/07 - BIO/09 - BIO/10 - BIO/11 - BIO/12 - BIO/14 BIO/16- BIO/18 BIO/19).
SSD diversi da quelli elencati, ma con simili contenuti scientifici e formativi, potranno essere presi in considerazione. Si richiede inoltre un'adeguata conoscenza della lingua inglese.
Per immatricolarsi è necessario richiedere il nulla osta tramite apposito modulo disponibile in rete sul sito del CdS (Domanda di valutazione per l'accesso ai corsi di laurea magistrale) da inoltrare al Presidente del Consiglio di Corso di Studio che valuterà la sussistenza dei requisiti di ammissione.
Nel caso in cui il richiedente non disponga dei 60 CFU previsti, lo stesso dovrà sostenere un colloquio avente la finalità di verificare le competenze. In base all'esito del colloquio la Commissione, appositamente istituita, assegnerà eventuali debiti formativi, specificando le modalità per la relativa acquisizione.
Gli eventuali debiti formativi dovranno essere comunque recuperati prima dell'iscrizione alla Laurea Magistrale, tramite l'iscrizione ai corsi singoli per l'acquisizione di crediti formativi nei settori scientifico disciplinari individuati dalla Commissione.
Orientamento in ingresso
L'orientamento in ingresso è coordinato da un delegato all'orientamento, nominato dal Direttore del Dipartimento. Il Presidente del CdS che può avvalersi anche di si avvale anche della collaborazione di un Responsabile, Prof. Roberto Fabiani e dei docenti del Corso di Studio. L'attività di orientamento è svolta sia presso la propria struttura, sia, su richiesta, presso altre sedi.

Per quanto riguarda le iniziative singole del CdS, queste sono rivolte essenzialmente agli studenti del corso di Laurea in Scienze Biologiche dello stesso Ateneo. In particolare, le attività di informazione/orientamento sono rivolte agli studenti del terzo anno e consistono nella presentazione delle linee di ricerca presenti all'interno del Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie e sulle opportunità offerte dalla laurea magistrale.

Si effettuano incontri calendarizzati con cadenza semestrale con rappresentati del mondo del lavoro e degli ordini professionali in primis L'Ordine Nazionale dei Biologi.
Orientamento e tutorato in itinere
L'orientamento in itinere si esprime attraverso diverse modalità di erogazione.
Il Presidente del Corso di Studio ed i docenti del CdS assistono gli studenti nella scelta degli insegnamenti opzionali e nella scelta del laboratorio dove svolgere l'attività di tirocinio esterno/interno, lo stage e la prova finale.
L'attività di tutorato in itinere è svolta da tutti i docenti del CdS, tipicamente durante le ore di ricevimento, ed è rivolta ad assistere nella risoluzione di problemi legati alla condizione di studente e al metodo di studio.
Il tutorato di sostegno e lo studio assistito sono costituiti da attività formative indirizzate a migliorare l'apprendimento di alcuni insegnamenti, generalmente quelli del primo anno del percorso di studi.
In particolare il Corso di Studi può organizzare:
- attività di tutorato di gruppo nell'ambito di corsi specifici per i quali si è verificata una criticità superiore alla media nel superamento dell'esame. tali attività possono essere svolte anche nel periodo estivo;
- incontri per illustrare i percorsi didattico-formativi, le scadenze, i servizi a disposizione degli studenti

Sono previsti, inoltre, docenti di riferimento ai quali gli studenti possono rivolgersi in caso di necessità per richiedere un servizio di tutorato personale e per concordare le corrispondenti modalità di svolgimento.
Numero degli iscritti
Dati di ingresso - I dati relativi all'andamento delle iscrizioni al CdL Magistrale in Biologia e del precedente CdL Magistrale in Scienze Biomolecolari e Ambientali sono stati elaborati dall'Ateneo di Perugia in data 7 settembre 2020 e si riferiscono agli ultimi tre anni accademici.

Scheda 1 (= iscritti). Nell' A.A. 2017/2018 il totale degli iscritti appartenevano solo alla LM in Scienze Biomolecolari e Ambientali e ammontavano a n. 100 studenti.
Nelll'A.A. 2018/2019, a seguito di una modifica dell'ordinamento didattico e alla conseguente variazione di denominazione del CdLM in LM in Biologia, il totale degli studenti iscritti ai Corsi di Laurea della Classe LM-6 è risultato così ripartito: n. 62 studenti iscritti alla LM in Scienze Biomolecolari e Ambientali e n. 40 studenti iscritti alla LM in Biologia per un totale di n. 100 iscritti.
Nelll'A.A. 2019/2020 il totale degli studenti iscritti ai Corsi di Laurea della Classe LM-6 è risultato così ripartito: n. 23 studenti iscritti alla LM in Scienze Biomolecolari e Ambientali e n. 83 studenti iscritti alla LM in Biologia per un totale di n. 106 iscritti.
Analogamente al numero totale degli iscritti, anche il numero degli iscritti al primo anno evidenzia un trend positivo: A.A. 2017/2018 n. 34 iscritti al primo anno,
A.A. 2018/2019 n. 40, AA.A. 2018/2019 n. 44.

Nel biennio considerato per la LM in Biologia si è osservato nell'A.A. 2019/2020 la percentuale degli studenti provenienti da altro Ateneo dal 10% sale al 16%.
Di questi, la maggior parte aveva conseguito il titolo di dottore con una votazione compresa tra 91 e 105/110.

Dati di percorso - Come si evince dalla Scheda 4, durante il triennio considerato, Il numero totale degli iscritti alla LM è rimasto stabile nel triennio dal momento che sia i flussi in uscita che quelli in entrata sono stati irrisori.

Il n. di CFU conseguito dagli studenti iscritti al 1° anno della LM in Scienze nell'A.A. 2017/2018 era in media 23,74 CFU (voto medio 28,44/30) .
Nell'A.A. 2018/2019 per la LM in Biologia era in media 35,18 CFU (voto medio 28,24/30). Nell'A.A. 2019/2020 il n. di CFU conseguito dagli studenti iscritti al 1° anno della LM in Biologia ha subito un ulteriore incremento raggiungendo la media di 38,66 CFU (voto medio 28,55/30).

Dati di uscita - La Scheda 7 dell'Ateneo di Perugia riporta i dati relativi ai laureati suddivisi per anno solare (2016, 2017 e 2018).
Ovviamente non risultano laureati per la nuova LM in Biologia, istituita nell'A.A. 2018/2019.
Risultati in termini di occupabilità
L'indagine condotta da Alma Laurea (aggiornamento aprile 2020) relativamente all'anno 2019 basata sulle interviste di n. 25 dottori magistrali in Biologia su un totale di n. 32 laureati, rivela che l'età media di conseguimento del titolo è di 26,2 anni. Gli studenti impiegano in media 2,5 anni per conseguire il titolo.
Il 76% dei laureati ha partecipato ad almeno una attività di formazione post-laurea. Le principali attività erano di tipo volontario (24%), dottorato di ricerca (16%) o sostenute da una borsa di studio.
La condizione occupazionale del collettivo selezionato è la seguente:
il 24% dei laureati in esame lavora, il 48% non lavora ma cerca, il 28% non lavora e non cerca. L'83% degli occupati ha iniziato a lavorare dopo la laurea dopo un periodo medio di 6,4 mesi dalla ricerca del primo lavoro e dopo 7,8 mesi dal conseguimento della laurea.
Nell'ambito degli occupati, i settori di attività sono metà in ambito privato e metà in ambito pubblico con prevalenza delle professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione. Il 66,7% è occupato nel settore della istruzione e ricerca.
La media del guadagno mensile netto ammonta a 1150 Euro con differenze tra il sesso maschile e femminile (uomini: 1376 Euro mensili; donne: 1105 Euro mensili).
Condividi su