Università degli Studi di Perugia

Anno Accademico 2021/22 - Regolamento 2021

Corso di laurea in Ingegneria meccanica

Presentazione

Obiettivi formativi specifici
All'Ingegnere Meccanico è a tutt'oggi richiesto di saper affrontare una vasta tipologia di problematiche, principalmente legate, ma non limitate, all'ambito dell'industria, facendo ricorso ad ampie conoscenze fondamentali, acquisite tramite la formazione universitaria. Al tempo stesso, l'evoluzione rapida delle tecnologie di produzione e delle metodologie di progettazione richiede un grado di specializzazione che deve anch'esso essere oggetto della formazione offerta da un Corso di Studi di secondo livello.
Il presente Corso di Studi Magistrale in Ingegneria Meccanica è perciò strutturato al fine di rispondere a questa duplice istanza. Questo obiettivo formativo viene raggiunto non solo curando l'acquisizione della conoscenza dei contenuti specifici dell'offerta, ma anche, in modo particolarmente accurato, sviluppando negli allievi capacità di studio e di propositività innovativa, competenze metodologiche, autonomia e spirito di iniziativa. Tutto ciò, tramite lo sviluppo di abilità di analisi che si fondino sia sull'approccio sperimentale, sia su quello dell'analisi teorica e della progettazione e simulazione con codici numerici.
Il Corso di Studi Magistrale in Ingegneria Meccanica, fornisce quindi una formazione di livello avanzato, per l'esercizio di attività di elevata qualificazione tecnica e professionale da sviluppare in ambiti quali la progettazione di componenti, sistemi o impianti, la gestione di reparti e di siti di produzione, la ricerca e innovazione in ambito privato o pubblico. I laureati sono perciò in grado di sviluppare autonomamente progetti avanzati in termini di prodotto e di processo dal punto di vista funzionale, costruttivo, energetico, curando anche la scelta dei materiali e dei relativi processi di lavorazione, e la messa a punto e gestione di impianti per un'ottimale utilizzazione.
Gli obiettivi sopra riportati, possono essere raggiunti offrendo la possibilità di scegliere fra diversi percorsi formativi, che consentano, per prima cosa, l'acquisizione da parte di tutti gli allievi di una imprescindibile base di conoscenze comuni. Una buona parte dei crediti formativi è infatti riservata ad insegnamenti scelti in settori che caratterizzano la Classe dell'Ingegneria Meccanica, con contenuti quali: la fluidodinamica, lo scambio termico, le macchine, la meccanica dei sistemi e la loro progettazione funzionale e strutturale, la sensoristica e la gestione degli impianti di produzione fanno quindi parte del bagaglio culturale condiviso dai laureati di tutti i percorsi offerti.
Al primo obiettivo, rappresentato dall'acquisizione di solide ed ampie conoscenze di base, fondamentali per l'ingegnere meccanico, si affianca quindi il secondo degli obiettivi formativi fondamentali del Corso di Studi: l'acquisizione di un grado di specializzazione che consenta al laureato in Ingegneria Meccanica del Corso di Studi Magistrale, di rispondere adeguatamente a richieste specifiche del mondo del lavoro. Questo fine è raggiunto offrendo agli allievi differenti percorsi formativi, che si caratterizzano per una più mirata focalizzazione sulle tematiche dell'energia, della progettazione meccanica, della gestione della produzione. Di conseguenza, il piano delle attività formative affini o integrative è formulato per rispondere alle esigenze di differenziazione dei percorsi: i diversi gruppi di settori sono quindi funzionali alla focalizzazione dell'offerta in coerenza con i diversi possibili percorsi. Sono perciò previsti approfondimenti che possono riguardare: per i temi energetici, conversione dell'energia, scambio termico, fluidodinamica; per i temi di progettazione, meccanica, meccanismi, aspetti strutturali, bioingegneria, elettrotecnica; per la gestione di sistemi ed impianti, aspetti economici, automazione, sistemi di distribuzione dell'energia.
Da un punto di vista metodologico, l'obiettivo formativo rappresentato dallo sviluppo della capacità degli allievi di affrontare un problema utilizzando molteplici approcci -dallo sperimentale al teorico-numerico-, rafforzando l'attitudine a lavorare sia in autonomia sia in gruppo, dello spirito d'iniziativa, dell'attitudine alla ricerca di soluzioni innovative, si basa sull'utilizzo dei diversi laboratori di ricerca disponibili. Attività sia sperimentali, sia di addestramento all'utilizzo di strumenti numerici di simulazione e/o di progettazione, sono svolte non solo in sede di tesi di laurea, ma spesso nel corso delle attività didattiche. Attività di tirocinio e/o stage anche presso aziende possono essere svolte dall'allievo, anche nell'ambito dei crediti per attività formative a scelta.
La prova finale, consistente nello sviluppo e conseguente presentazione in forma sia scritta sia orale del lavoro svolto, può essere sviluppata nei laboratori presso la sede del Corso di Studi, nelle aziende, oppure presso enti di ricerca o atenei nazionali o internazionali, anche extra-europei.
Descrizione del percorso formativo
Il corso di studio in breve
Il Corso di studio ha l’obiettivo specifico di fornire agli studenti una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività di elevata qualificazione negli ambiti disciplinari dell’ingegneria meccanica. Più specificamente, il Corso di studio è dedicato alla formazione di figure professionali di tecnici di elevata preparazione culturale e professionale, qualificate per impostare, svolgere e gestire attività di progettazione anche complesse e per promuovere e sviluppare l'innovazione. I laureati sono in grado di sviluppare autonomamente progetti avanzati in termini di prodotto e di processo dal punto di vista funzionale, costruttivo ed energetico, con la scelta dei materiali e delle relative lavorazioni, della disposizione e gestione delle macchine in un impianto per una ottimale utilizzazione. I laureati sono in grado di ottenere, analizzare ed utilizzare adeguati modelli di macchine, impianti e processi industriali anche complessi, ai fini dell'introduzione e della gestione dell'innovazione tecnologica nelle aziende industriali e di servizio, con particolare riguardo all'industria manifatturiera.
Ciò e' il risultato una solida preparazione nelle discipline di base e in quelle più specifiche dell'ingegneria meccanica, attraverso un percorso formativo che approfondisca, oltre agli aspetti metodologico-operativi, anche quelli teorico-applicativi.

I principali sbocchi occupazionali previsti sono quelli dell'innovazione e dello sviluppo, della produzione, della progettazione avanzata, della pianificazione e della programmazione, della gestione di sistemi complessi, sia nella libera professione sia nelle imprese manifatturiere o di servizi, sia nelle amministrazioni pubbliche. I laureati magistrali potranno trovare occupazione presso industrie meccaniche ed elettromeccaniche, aziende ed enti per la produzione e la conversione dell'energia, imprese impiantistiche, industrie per l'automazione e la robotica, imprese manifatturiere in generale per la produzione, l'installazione e il collaudo, la manutenzione e la gestione di macchine, linee e reparti di produzione, sistemi complessi.
Conoscenze richieste per l'accesso
L'ammissione al Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica richiede il possesso di una Laurea di primo livello nella Classe dell'Ingegneria Industriale (Classe L9 del DM 270/2004, Classe 10 del DM 509/1999), o di un titolo di studio conseguito all'estero, di cui deve essere valutata l'idoneità, oltre ad una conoscenza della lingua inglese di livello B1 o equivalente. L'accesso richiede inoltre il possesso di requisiti curriculari, che a sua volta consente la necessaria verifica della preparazione personale.
I requisiti curriculari saranno verificati in base al possesso di un adeguato numero di CFU in settori compresi fra le attività di base della Classe L9, e in settori caratterizzanti la Classe L9, in particolare nell'Ambito Ingegneria Meccanica.
All'accertamento del possesso dei requisiti curriculari segue la verifica della preparazione personale, consistente nel controllo del superamento di soglie di valutazione relative a: voto conseguito nella laurea di primo livello, oppure media pesata, in base ai CFU, di voti conseguiti in determinati settori, oppure una combinazione dei due criteri. Nel caso di preparazione personale non adeguata, l'allievo richiedente l'iscrizione, in possesso dei requisiti curriculari, può essere ammesso previo il superamento di una prova di valutazione specifica.
Nel caso di allievi che presentino un titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo, i requisiti curriculari verranno valutati da un'apposita commissione sulla base della certificazione del percorso formativo seguito per il conseguimento del titolo di studio necessario per l'ammissione; nel caso di idoneità del titolo di studio conseguito all'estero, la preparazione personale sarà valutata sulla base delle votazioni riportate.
I dettagli riguardanti le modalità di verifica dei requisiti curriculari e della preparazione personale sono indicati nel Regolamento Didattico del Corso di Studi.
Modalità di ammissione
Modalità di ammissione

a) È prevista, per il corso di laurea magistrale, una utenza sostenibile di 80 unità.

b) Per essere ammessi al corsi di studio occorre essere in possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo.

c) L'ammissione al corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica richiede il possesso di requisiti curriculari e di una adeguata preparazione personale circa i metodi e i contenuti generali nelle discipline scientifiche di base e nelle discipline dell'ingegneria caratterizzanti per la classe delle lauree L-9.

d) Possiede i requisiti curriculari per l’accesso lo studente che e’ in possesso dei seguenti CFU:
- d1) almeno n. 45 CFU nei S.S.D. MAT/03, MAT/05, MAT/07, MAT/08, FIS/01,CHIM/07
- d2) almeno n. 80 CFU negli ambiti caratterizzanti la classe L-9 di cui almeno 60 CFU nei S.S.D. ING IND/08, ING-IND/09, ING-IND/10, ING-IND/12, ING-IND/13, ING-IND/14, ING IND/15,ING IND/16,ING-IND/17.
Sono conteggiati solo i CFU acquisiti con specifiche verifiche di profitto in percorsi universitari e sono esclusi i CFU acquisiti in base a valutazioni di conoscenze e abilità professionali certificate.
In caso di studente con titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo, i requisiti curriculari verranno valutati da una apposita commissione sulla base della certificazione del percorso formativo seguito per il conseguimento del titolo di studio necessario per l'ammissione.
Lo studente che non ha i requisiti curriculari non e’ ammesso al corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica.

e) E’ ritenuta adeguata la preparazione personale dello studente che nei CFU acquisiti nei S.S.D. di cui al punto d1) ha riportato una media pesata p1>= 21/30 e nei CFU acquisiti nei S.S.D. ING-IND/08, ING-IND/09, ING-IND/10, ING-IND/12, ING-IND/13, ING-IND/14, ING-IND/15, ING-IND/16, ING-IND/17 ha riportato una media pesata p2 >=22/30.
Non è ritenuta adeguata per l’ammissione al corso di studio la preparazione personale dello studente che nei CFU acquisiti nei S.S.D. di cui al punto d1) ha riportato una media pesata p1< 21/30 e nei CFU acquisiti nei S.S.D. ING-IND/08,ING-IND/09,ING-IND/10,ING-IND/12,ING-IND/13,ING-IND/14,ING-IND/15, ING-IND/16,ING-IND/17 ha riportato una media pesata p2< 22/30.
f) In caso di studente con titolo di studio conseguito all'estero riconosciuto idoneo, la preparazione personale sarà valutata dalla commissione di cui al comma d) sulla base della certificazione delle votazioni riportate.

g) Nei casi in cui la preparazione personale valutata mediante la certificazione del percorso formativo non è ritenuta adeguata, lo studente in possesso dei requisiti curriculari, per essere ammesso, deve superare una prova per la valutazione della adeguatezza della preparazione personale.
Le prove di ammissione saranno due ogni anno e avverranno, di norma, prima dell’inizio delle attività didattiche semestrali.

h) Il corso di studio, se necessario, predisporrà attività di recupero dedicate al raggiungimento della preparazione personale necessaria per l’accesso.
Orientamento in ingresso
Tutte le informazioni sulle attività di Ateneo sono disponibili al link
https://www.unipg.it/orientamento

Di consueto l’Ateneo promuove iniziative rivolte ad incontrare le future matricole attraverso un programma di saloni territoriali in grandi comuni umbri con allestimento di numerosi stand, presidiati da docenti universitari e dedicati all’orientamento informativo per le ultime classi delle scuole cittadine.

A causa dell’attuale emergenza sanitaria il programma delle attività in presenza è stato sospeso e sostituito da diverse iniziative on-line.

In particolare, il Delegato all’Orientamento del Dipartimento di Ingegneria ha organizzato e promosso nel maggio 2021 un incontro di orientamento all’ingresso rivolto in modo specifico agli studenti vicini alla laurea triennale.
In questo incontro sono state presentate, accanto all’offerta formativa del CdS Magistrale in Ingegneria Meccanica, le attività di ricerca sia scientifica sia di trasferimento tecnologico ed i laboratori del Dipartimento nelle quali queste vengono sviluppate, mettendo in evidenza le ricadute in termini di ampiezza di temi di tesi di laurea e di acquisizione di abilità che favoriscono il successivo inserimento professionale nelle aziende.

https://www.ing.unipg.it/dipartimento/notizie-ed-eventi/orientamento/presentazione-lauree-magistrali-orientamento-magistrale
Orientamento e tutorato in itinere
ORIENTAMENTO E TUTORATO IN ITINERE
L’Ateneo di Perugia offre ai propri iscritti un Sevizio di Counseling Orientativo, organizzato su differenti livelli, coerenti con lo stato di carriera dello studente.
In particolare, una Sezione del Servizio di Counseling Orientativo e specificatamente dedicata agli studenti in itinere.
È fra l’altro offerta la possibilità di sostenere colloqui individuali di orientamento guidati da personale di alta professionalità ed esperienza. Il servizio è totalmente gratuito per chiunque lo richieda ed è erogato in forma flessibile, in quanto fornito su appuntamento concordato.
Fin dall’A.A 2015-16 Università degli Studi di Perugia ha attivato la possibilità di effettuare colloqui individuali a distanza attraverso la piattaforma Skype: per questa particolare modalità è demandato all’utente garantire le indispensabili condizioni di riservatezza e tranquillità, necessarie alla buona riuscita dell’incontro.
Tutte le informazioni sono consultabili al link:
https://www.unipg.it/orientamento/counselling-orientativo

Per necessità immediate e di carattere consultivo, come ad esempio su scelte relative a piano di studi, esami a scelta, tesi di laurea, è inoltre sempre aperta la possibilità di colloqui con il Presidente del Corso di Laurea, e/o con i Docenti di Riferimento, sempre disponibili a concordare incontri specifici con gli studenti che li richiedano.
Numero degli iscritti
Il CdS ha monitorato i risultati del proprio percorso formativo in termini di attrattività (ingresso), esiti didattici (percorso), laureabilità (uscita). L'analisi è basata sui dati ottenuti interrogando la banca dati Universitaly e su dati di Almalaurea.
Risultati in termini di occupabilità
I dati relativi all'efficacia esterna sono disponibili al link di seguito riportato. Tali dati sono pubblicati da Almalaurea e si riferiscono ad un'indagine del 2017, aggiornata a aprile 2020. In tale documento, la sezione di maggiore interesse rispetto all'efficacia esterna è denominata 'Condizione Occupazionale'.
Condividi su