Università degli Studi di Perugia

Anno Accademico 2021/22 - Regolamento 2021

Corso di laurea in Servizio sociale

Prospettive

Risultati di apprendimento attesi
Autonomia di giudizio
Il laureato dovrà
- possedere capacità di giudizio sulle strategie da adottare all'interno di un lavoro di gruppo e capacità di valutazione delle prestazioni effettuate e delle performance ottenute;
- essere in grado di analizzare e recepire i bisogni emergenti nel territorio individuando le risorse (individuali, di gruppo, di rete, di comunità) che possono agevolare interventi di aiuto e di sostegno. In particolare,gli insegnamenti di Psicologia forniranno le competenze adatte a questo scopo.
La verifica verrà fatta attraverso esami scritti o orali, nelle modalità che i docenti riterranno più opportune. Per quanto riguarda le attività di tirocinio, sono previsti un controllo e un sostegno in
itinere più una verifica finale dell'attività svolta attraverso figure di tutor (uno istituzionale e uno universitario) affidati ad ogni singolo studente.
Abilità comunicative
Il laureato dovrà possedere
- capacità relazionali nell'organizzazione del lavoro proprio e altrui (SPS/07, M-PSI/05);
- capacità di relazione e di interazione con i responsabili delle politiche sociali e di intervento sociale (SPS/07, M-PSI/05, Med/42, SPS/12 e attività di tirocinio);
- capacità di ascolto (SPS/07, M-PSI/05, M-DEA/01 e attività di tirocinio);
- capacità di comunicazione e di progettazione di efficaci forme di comunicazione con gli utenti dei servizi (SPS/07, M-PSI/04, attività di tirocinio);
- conoscenza di base di lingue a scelta (inglese, francese, spagnolo).
La verifica verrà fatta attraverso esami scritti o orali, nelle modalità che i docenti riterranno più opportune. Per quanto riguarda le attività di tirocinio, sono previsti un controllo e un sostegno in
itinere più una verifica finale dell'attività svolta attraverso figure di tutor (uno istituzionale e uno universitario) affidati ad ogni singolo studente.
Capacità di apprendimento
Il laureato dovrà avere capacità di
- acquisizione di strumenti che consentano la comprensione, la complessità, le modalità d'intervento sociale, attuando le idonee procedure di valutazione finale (SECS-S/05, SPS/07, SPS/11);
- acquisizione di capacità di analisi delle dinamiche sociale e familiari, sul piano socio-culturale e giuridico;
- capacità di individuare adeguati strumenti di aggiornamento permanente.
La verifica verrà fatta attraverso esami scritti o orali, nelle modalità che i docenti riterranno più opportune. Per quanto riguarda le attività di tirocinio, sono previsti un controllo e un sostegno in
itinere più una verifica finale dell'attività svolta attraverso figure di tutor (uno istituzionale e uno universitario) affidati ad ogni singolo studente.
Conoscenza e comprensione
I laureati devono possedere
- conoscenze, acquisite in base a una formazione interdisciplinare nei settori economico, sociologico, antropologico, storico e psicologico, volte alla comprensione delle dinamiche delle società contemporanee (con particolare riferimento agli ambiti territoriali) e alla lettura delle situazioni richiedenti interventi di politica sociale (SPS/07, M-STO/04,SECS-S/01, M-DEA/01, MED/42 M-PSI/04);
- conoscenze del quadro normativo che regola l'intervento sociale e dei provvedimenti legislativi a livello nazionale e regionale relativi alle problematiche delle categorie riconosciute in stato di difficoltà (IUS/01, IUS/09, IUS/10);
- capacità metodologiche utili alla lettura di dati e alla partecipazione a ricerche di tipo psico-sociale e statistiche (SPS/07, SPS/11, M-PSI/05, PSI/07);
- padronanza dei metodi e delle tecniche propri dell'intervento di servizio sociale e il welfare di comunità (SPS/07, attività di tirocinio, metodi e tecniche del servizio sociale I,II, III).
La verifica viene fatta attraverso esami (scritti o orali, secondo modalità e tempi indicati preventivamente dai docenti. Per quanto riguarda le attività di tirocinio, sono previste una supervisione in itinere più una verifica finale dell'attività svolta attraverso figure di tutor (uno istituzionale e uno universitario) che seguono ogni singolo studente.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione
- Capacità di intervento in tutte le fasi delle politiche sociali, nei diversi ambiti che le caratterizzano, con particolare riguardo alle situazioni di disagio sociale individuale e di gruppo (famiglie italiane e straniere, comunità, violenza di genere, immigrati, tossicodipendenze).
- Competenze relazionali e capacità di inserimento in gruppi di lavoro comprendenti differenti figure professionali. In particolare, gli insegnamenti di psicologia forniscono le competenze adatte a questo scopo.
La verifica viene fatta attraverso esami (scritti o orali, secondo modalità e tempi indicati preventivamente dai docenti, ma soprattutto attraverso le attività di tirocinio in cui sono previste una supervisione in itinere più una verifica finale dell'attività svolta attraverso figure di tutor (uno istituzionale e uno universitario) che seguono ogni singolo studente.
Sbocchi occupazionali e professionali
Sbocchi
Il principale sbocco occupazionale è rappresentato dall'esercizio della professione di assistente sociale, previo superamento dell'esame di Stato per l'ammissione all'albo professionale degli assistenti sociali. I laureati possono svolgere l'attività professionali in diversi ambiti quali, per esempio, strutture pubbliche e private nazionali e internazionali, amministrazioni, ASL, ministeri, servizi alla persona e riabilitativi, organizzazioni non governative, del terzo settore, amministrazioni penitenziarie, prefettura, centri di accoglienza. Il corso consente di conseguire l'abilitazione alla professione regolamentata di assistente sociale.
Su questa base, i laureati in Servizio sociale devono saper svolgere:
- attività, con autonomia professionale e di giudizio, in tutte le fasi dell'intervento sociale per la prevenzione, il sostegno e il recupero di persone, famiglie, gruppi in situazione di bisogno e disagio, anche promuovendo e gestendo la collaborazione con enti pubblici, organizzazioni di volontariato e del terzo settore;
- compiti di gestione, di collaborazione all'organizzazione e alla programmazione, di coordinamento e direzione di interventi specifici nel campo delle politiche e dei servizi sociali;
- funzioni di informazione e comunicazione nei servizi sociali e sui diritti degli utenti;
- attività didattico formativa legata al tirocinio di studenti del corso di laurea in servizio sociale;
- attività di raccolta ed elaborazione di dati sociali e psico-sociale.
Accesso a studi ulteriori
Indipendentemente dal curriculum scelto, la laurea in Servizio sociale consente l’accesso ai seguenti corsi di laurea magistrale attivati dal Dipartimento di Scienze politiche di Perugia: Laurea magistrale in Politiche e servizi sociali - Laurea magistrale in Politica, amministrazione e territorio –
Integrando con alcuni esami ci si può iscrivere anche alla Laurea magistrale in Relazioni Internazionali, -. Comunicazione pubblica, digitale e d’impresa e
Il taglio interdisciplinare della Laurea in Scienze politiche e relazioni internazionali rendono possibile l'iscrizione a molti corsi magistrali attivati anche da altri Dipartimenti e da altri Atenei.
Per i Master di I livello attivati dal Dipartimento consulta la sezione “Offerta formativa” del sito www.scipol.unipg.it
Condividi su