Università degli Studi di Perugia

Anno Accademico 2021/22 - Regolamento 2021

Corso di laurea in Integrazione giuridica europea e diritti umani

Presentazione

Obiettivi formativi specifici
La laurea magistrale si propone la formazione di un giurista europeo. Il corso di laurea magistrale è finalizzato a fornire una solida preparazione culturale e conoscenze specialistiche in prevalenza, ma non soltanto, giuridiche, funzionali alla comprensione dei meccanismi di funzionamento delle organizzazioni complesse, pubbliche e private, con particolare riguardo alla loro integrazione nel contesto europeo ed alla tutela dei diritti umani.
A tale fine, il percorso formativo offre una preparazione completa nelle aree privatistica, pubblicistica, internazionalistica e comparatistica. Il percorso prevede, oltre a discipline caratterizzanti, insegnamenti di settori affini ed integrativi utili a sviluppare competenze adeguate al profilo del giurista europeo che sia impiegato nelle amministrazioni pubbliche, nelle imprese e nelle organizzazioni private, nell'attività di consulenza libero-professionale.
Il Corso consente lo svolgimento di attività di studio presso Università dei Paesi Europei oppure presso Istituzioni o imprese che svolgano attività precipua in ambito europeo. Il Corso assicura altresì la capacità di utilizzare efficacemente nel contesto lavorativo una lingua dell'Unione Europea, oltre all'italiano.
Il collegamento con il mondo del lavoro è garantito mediante tirocini formativi e di orientamento, valorizzando anche gli accordi didattici con Università ed enti di ricerca stranieri.
Descrizione del percorso formativo
Il corso di studio in breve
Il Corso di laurea magistrale in 'Integrazione giuridica europea e diritti umani' mira alla formazione di un giurista europeo. Il percorso formativo, attraverso attività didattiche erogate in modalità sia convenzionale, sia telematica, è finalizzato a fornire una solida preparazione culturale e conoscenze specialistiche in prevalenza (ma non solo) giuridiche, funzionali alla comprensione dei meccanismi di funzionamento delle organizzazioni complesse, pubbliche e private, con particolare riguardo alla loro integrazione nel contesto europeo ed alla tutela dei diritti umani. Pertanto, il laureato in 'Integrazione giuridica europea e diritti umani' avrà competenze adeguate per ricoprire incarichi tecnici, direttivi, gestionali e di alta consulenza, nel settore pubblico e privato dei vari Paesi e nelle istituzioni europee ed internazionali. Al fine di offrire agli studenti un percorso formativo completo per gli obiettivi del CdS in oggetto e, dunque, essere adeguatamente preparati anche sul fronte internazionale, alcuni insegnamenti sono tenuti in lingua inglese. Il collegamento con il mondo del lavoro è garantito mediante tirocini formativi e di orientamento, valorizzando anche gli accordi didattici con Università ed enti di ricerca stranieri.
Conoscenze richieste per l'accesso
Per essere ammessi al corso di laurea magistrale occorre essere in possesso di una laurea triennale o altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.
In particolare costituiscono titoli di ammissione il possesso di una laurea delle classi L-14 Scienze dei servizi giuridici; L-16 Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione; L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale; L-33 Scienze economiche; L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali; L-37 Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace, ovvero di una laurea di classe equipollente ex 509/99.
Possono inoltre accedere al corso di laurea magistrale, previa delibera del Consiglio della struttura didattica competente, anche coloro che siano in possesso di una laurea triennale di altra classe, di una laurea magistrale, anche a ciclo unico, o vecchio ordinamento purché attestino una competenza qualificata dall'aver conseguito n. 18 crediti formativi universitari nei seguenti SSD: IUS da 1 a 21.
L'ammissione al corso di laurea magistrale è subordinata, oltre al possesso dei requisiti curriculari, all'adeguatezza della personale preparazione del laureato. Le modalità di verifica saranno precisate dal regolamento didattico.
Modalità di ammissione
Per l'ammissione al Corso di laurea magistrale lo studente, purchè in possesso dei requisiti curriculari (possesso di una laurea delle classi L-14 Scienze dei servizi giuridici; L-16 Scienze dell'amministrazione e dell'organizzazione; L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale; L-33 Scienze economiche; L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali; L-37 Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace, ovvero di una laurea di classe equipollente ex 509/99; oppure, previa delibera del Consiglio della struttura didattica competente, possesso di una laurea triennale di altra classe, di una laurea magistrale, anche a ciclo unico, o vecchio ordinamento purché risultino conseguiti n. 18 crediti formativi universitari nei seguenti SSD: IUS da 1 a 21), deve sostenere una verifica dell'adeguatezza della preparazione personale che sarà effettuata da una commissione nominata dal Consiglio di Dipartimento. Essa verificherà mediante colloquio il possesso, da parte dello studente, di requisiti minimi per affrontare il Corso di laurea magistrale, con particolare riferimento alla conoscenza delle nozioni giuridiche di base.
La verifica non è richiesta per quegli studenti che abbiano ottenuto in un precedente Corso di Laurea triennale una votazione finale di laurea uguale o superiore a 90/110.
Orientamento in ingresso
Il Dipartimento partecipa alle iniziative d'Ateneo e organizza giornate di orientamento destinate ai futuri iscritti, in particolare agli studenti iscritti all'ultimo anno delle lauree triennali che, in possesso dei requisiti di ammissione, intendono proseguire i propri studi iscrivendosi al Corso di laurea magistrale in 'Integrazione giuridica europea e diritti umani'. Le iniziative sono comunicate tramite il sito web del Dipartimento e la pagina Facebook.
Le iniziative di Ateneo sono illustrate nel sottostante pdf.
Sia nel 2020, sia nel 2021, anni funestati dall'epidemia di Covid-19, l'attività di orientamento in entrata, malgrado le difficoltà derivanti dalle limitazioni della pandemia, ha continuato ad essere attiva, ricorrendo, sempre in sintonia con le iniziative d'Ateneo, a formule non in presenza ma adeguate a far pervenire a tutti gli studenti interessati ogni necessaria informazione dei diversi CdS del Dipartimento di Giurisprudenza, tra cui quello in oggetto.
Orientamento e tutorato in itinere
Il Dipartimento attiva ogni anno attività di tutorato in itinere per consentire agli studenti lo svolgimento di un percorso formativo consapevole e partecipato. I compiti di tutorato relativi al metodo di studio e finalizzati a migliorare l'apprendimento sono svolti dai professori e ricercatori del Dipartimento, durante le ore di ricevimento. Il Corso di Laurea si avvarrà inoltre di alcuni studenti dei Corsi di studio magistrali e di dottorandi capaci e meritevoli, individuati attraverso apposite procedure selettive, per offrire sostegno, soprattutto alle matricole e agli studenti impossibilitati a frequentare regolarmente il Dipartimento, fornendo informazioni sugli aspetti organizzativi della attività didattiche e formative e costituendo gruppi di studio.
Gli studenti possono poi avvalersi delle iniziative di Ateneo, indicate nel pdf allegato.
Numero degli iscritti
Dai Servizi Statistico - Informatici dell'Ateneo (al 4 settembre 2020) risultano, relativamente al Corso di Laurea in Integrazione giuridica europea e diritti umani, attivo dall'A.A. 2017/2018, i seguenti dati :
Iscritti al I anno: A.A. 2018/2019 n. 4; A.A. 2019/2020 n. 9
Iscritti al II anno: A.A. 2018/2019 n. 8; A.A. 2019/2020 n. 2
Laureati: A.A. 2018/2019 n. 7; A.A. 2019/2020 n. 1 (dato provvisorio, perché le sessioni di laurea dell'A.A. 2019/2020 non sono ancora terminate).
Dagli indicatori di monitoraggio al 10 ottobre 2020 risulta inoltre che nel 2019 la percentuale di laureati entro la durata normale del Corso ammonta al 100%.
Risultati in termini di occupabilità
Non ci sono dati sulla condizione occupazionale dei Laureati, data la recente istituzione del Corso.
Condividi su
Visualizza la versione precedente del portale