Università degli Studi di Perugia

Vai al contenuto principale

Definizione
Con il Contratto di Licenza l’Università (detta “Licenziante”), titolare di un diritto di proprietà industriale, concede ad un soggetto utilizzatore (“Licenziatario”), il diritto di sfruttamento economico delle proprie tecnologie (brevetti, know-how, etc.), con o senza esclusiva, dietro pagamento di un corrispettivo.
Il Licenziante rimane titolare del proprio diritto di privativa.
La licenza può essere limitata sotto vari profili:
- regime di esclusiva (licenza esclusiva, in cui il Licenziante non può concedere altre licenze a terzi, oppure licenza non esclusiva, in cui il Licenziante può concedere altre licenze);
- durata (ad es. quando è legata alla durata in vita della privativa, ovvero è concessa per periodi di tempo determinati);
- territorio (la licenza può essere europea, italiana, estesa a tutto il territorio dello Stato o a parte di esso, etc.);
- tipo di sfruttamento (licenze per utilizzazione, commercializzazione, vendita dei prodotti ottenuti tramite l'applicazione della privativa, etc.).
Corrispettivo
Il corrispettivo del Contratto di Licenza sarà oggetto della negoziazione tra le parti e potrebbe assumere la forma di:
- una lump-sum (c.d. “una tantum”), ovvero una somma unica pagata alla sottoscrizione del Contratto di Licenza, o una serie di somme da pagare in occasione di determinati eventi, il cui importo può dipendere dalla durata della privativa, dal territorio d'interesse, dall'esclusiva, dal tipo di commercializzazione, etc.; e/o
- royalties, ovvero il pagamento protratto nel tempo, nella forma di percentuale determinata in base a differenti parametri (come, ad esempio, le vendite o il fatturato netto derivante dallo sfruttamento della privativa da parte del Licenziatario, etc.).


I vantaggi per l’impresa
Con il Contratto di Licenza l’impresa può accedere a tecnologie nuove, avanzate e già sperimentate in ambito accademico, aumentando le prospettive di sviluppo della tecnologia stessa e abbattendo i costi di ricerca.
Nuove tecnologie possono portare a nuovi prodotti, servizi ed opportunità per l’impresa che potrebbe, pertanto, acquisire o mantenere una migliore posizione di competitività sul mercato nazionale ed internazionale.


I costi per l’impresa
Costi relativi al corrispettivo, in quanto la licenza è, generalmente, un contratto a titolo oneroso, nel quale il prezzo è demandato alla contrattazione tra le parti.
Tra i costi per l’impresa bisogna considerare, in genere, anche gli oneri relativi al mantenimento del diritto di privativa.


Modalità attuative
Nel caso in cui un’impresa sia interessata allo sfruttamento economico del trovato, potrà avviare con l’Università, titolare del diritto di privativa, per il tramite dell’ILO, una fase di negoziazione per arrivare all’eventuale stipula di un Contratto di licenza.

Vai a inizio pagina
Sommario
×