Università degli Studi di Perugia

Perugia, 11 maggio 2022

Ricercatori Unipg partecipano al progetto europeo “WeLar” contro i rischi di esclusione e di marginalizzazione economica e sociale, se ne parla a “L’Uovo di Colombo”, programma radiofonico di divulgazione scientifica dell’Ateneo di Perugia - Giovedì 12 maggio 2022, ore 19, su Umbria Radio InBlu  

Giovedì 12 maggio, alle ore 19, sulle frequenze di Umbria Radio InBLu e in contemporanea sull’account Facebook dell’emittente, il Prof. Cristiano Perugini, Associato di Economia internazionale e Scienza delle Finanze, del Dipartimento di Economia, sarà ospite de “L’Uovo di Colombo”, il programma radiofonico dedicato alla divulgazione della ricerca scientifica dell’Università degli Studi di Perugia: illustrerà il ruolo del gruppo di ricerca Unipg, da lui coordinato, nel progetto “WeLar - Welfare systems and labour market policies for economic and social resilience in Europe”, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020 Tranformations e coordinato dall’Università di Cattolica di Lovanio (Belgio).

Insieme all’ospite in studio, ci sarà il contributo, in esterna, dei Professori Fabrizio Pompei, Associato di Economia industriale, e Francesco Venturini, Associato di Microeconomia e di Growth & International Competitiveness, entrambi del Dipartimento di Economia.

 “L’Uovo di Colombo” va in onda a Perugia sui 92.000Mz e a Terni sui 105.300Mz e sul canale Facebook @umbriaradioinblu.  Il programma è realizzato nell’ambito delle attività di divulgazione scientifica coordinate dal Prof. Roberto Rettori, delegato rettorale per il settore Orientamento, tutorato e divulgazione scientifica ed è condotto in studio dalla giornalista Laura Marozzi. Le puntate possono essere riascoltate e riviste alla pagina YouTube ufficiale Unipg.    

   

La replica del programma andrà in onda sulle frequenze di Umbria Radio InBlu sabato 14 maggio 2022, alle ore 12.    

 

Perugia, 6 maggio 2022

Dal 20 al 25 giugno l’edizione estiva della Scuola di Paleoantropologia Unipg, iscrizioni aperte fino al 23 maggioiscrizioni aperte fino al 23 maggio

 

La Scuola di Paleoantropologia, giunta all’undicesima edizione, si terrà a Perugia dal 20 al 25 giugno 2022, mantenendo inalterato il programma previsto per febbraio, dopo l’annullamento a causa della situazione epidemiologica.

La Scuola, che rappresenta un’occasione unica nel panorama nazionale per il perfezionamento e l’approfondimento delle conoscenze sul tema dell’evoluzione umana, è organizzata dal Dipartimento di Fisica e Geologia e dal Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell’Università degli Studi di Perugia.  

La Scuola prevede due livelli di formazione: uno di base, aperto a chi si approccia per la prima volta alla paleoantropologia, e un avanzato, rappresentato dal corso tematico Australopiteci: bipedi ma non (ancora) umani, curato da Jacopo Moggi-Cecchi (Università di Firenze). 

Le iscrizioni sono aperte fino al 23 maggio 2022.

Tutte le info su www.paleoantropologia.it

Accanto al corpo docente costituito dai massimi esperti nazionali di paleoantropologia e discipline correlate, quest’anno Perugia ospiterà tre ospiti internazionali di altissimo livello: Enrico Cappellini (University of Copenhagen), massimo esperto di paleoproteomica, che terrà la conferenza di apertura; Fred Spoor (Natural History Museum London), grande conoscitore di ominini africani; Lee Berger (University of the Witwatersrand), protagonista di scoperte paleoantropologiche sensazionali in Sudafrica, al quale è affidata la conferenza di chiusura.

All'argomento del secondo livello formativo, Australopiteci: bipedi ma non (ancora) umani, è associato anche un concorso di illustrazione e fotografia, la cui scadenza è fissata al 31 maggio 2022: il vincitore del concorso potrà partecipare gratuitamente alla Scuola di Paleoantropologia 2023.

I partecipanti alla Scuola di Paleoantropologia, inoltre, se interessati, hanno la possibilità di essere selezionati per partecipare alle attività di ricerca in Tanzania, i cui dettagli saranno diffusi nei prossimi mesi sul sito www.thorproject.it e relativi social network. 

La Scuola, infatti, è impegnata da anni in attività didattiche e di ricerca nella Gola di Olduvai (Tanzania) in collaborazione con la University of Dar Es Salaam e altre istituzioni tanzaniane. 

Segreteria e informazioni  

Marco Cherin e Beatrice Azzarà  

Dipartimento di Fisica e Geologia - Università degli Studi di Perugia  

Tel. 075.5852626  

E-mail: info@paleoantropologia.it 

Perugia, 5 maggio 2022

Università degli Studi di Perugia e Regione Umbria confermano il contributo per l’accesso agli studi universitari – Il Rettore Oliviero: “Il diritto allo studio per i nostri giovani è garanzia di un futuro migliore e più giusto”

Confermato stamane l’accordo tra Università degli Studi di Perugia e Regione Umbria che prevede un ampliamento della platea dei beneficiari del contributo per l’accesso agli studi universitari. In aggiunta alla fascia che beneficia dell’esenzione completa già prevista, l’attuale contributo consentirà a studentesse e studenti con reddito ISEE “Università” fino a 30.000 euro di accedere ai benefici previsti, secondo le modalità specificate nell’apposito bando di prossima pubblicazione sul portale Adisu.

Ulteriori agevolazioni particolari sono previste per rifugiati, studenti meritevoli, studenti stranieri provenienti da paesi a basso sviluppo, studentesse e studenti provenienti dallo stesso nucleo familiare o che si iscrivano a tempo pieno in condizioni di necessità. 

“Il diritto allo studio è da sempre il tema centrale del nostro impegno a favore della comunità accademica e della collettività, perché è compito precipuo delle Università quello di formare, scientificamente ma anche umanamente, studentesse e studenti, affinché abbiano la possibilità concreta di costruire una società realmente migliore e più giusta - ha dichiarato il Magnifico Rettore, Prof. Maurizio Oliviero -. Non possiamo infatti semplicemente accontentarci dell’aumento di immatricolazioni e iscrizioni registrato negli ultimi anni, ma è nostro dovere continuare a impegnarci per assicurare il diritto di studentesse e studenti meritevoli di accedere a una formazione accademica di qualità, a prescindere dalle condizioni economiche, personali o familiari, così come previsto dall’articolo 34 della Carta Costituzionale della Repubblica Italiana. Questo è sempre stato il principio che ha guidato la nostra azione di governo e la sua applicazione assume oggi, anche alla luce della particolare situazione che il mondo sta attraversando, un significato ancora più stringente. Ringrazio quindi la Regione Umbria nella persona dell’Assessore Paola Agabiti per la sensibilità e l’attenzione dimostrate nei confronti dei giovani e del futuro della Regione e del Paese”.

“Il diritto allo studio va perseguito con azioni concrete e con impegno di risorse che consentano a tutti di poter accedere ad una istruzione di qualità, al fine di formare cittadini consapevoli e in grado di affrontare le sfide di una società e di un mondo del lavoro sempre più complessi e articolati - sottolinea l’Assessore all’Istruzione Paola Agabiti -. L’amministrazione regionale – conscia delle difficoltà che, soprattutto in questo periodo che segue la fase pandemica e la contrazione del potere di acquisto dei nuclei familiari, - non si vuole sottrarre a questo compito e a questo suo primario dovere. A tal fine, ha deciso di ampliare la platea dei destinatari dei benefici previsti per l’istruzione universitaria e allargare così il numero di coloro che potranno usufruire di risorse per iniziare e proseguire il cammino intrapreso presso le nostre facoltà. Dobbiamo consentire a tutti di godere dei medesimi diritti e delle medesime possibilità; dobbiamo senza sosta concentrarci a fornire a tutti quelle chance e quelle opportunità che la nostra Carta Costituzionale richiede di prevedere per tutti. Il nostro lavoro non finisce qua – conclude l’Assessore Agabiti - questo è uno dei tanti mattoni che dobbiamo costruire. Ancora molte sono le difficoltà davanti a noi per arrivare ad una autentica uguaglianza di opportunità. Su questa strada dobbiamo dirigere i nostri sforzi futuri”.

Perugia, 4 maggio 2022

Unipg partecipa a studio sull’influenza delle droghe sul metabolismo epatico, se ne parla a “L’Uovo di Colombo”, programma radiofonico di divulgazione scientifica dell’Ateneo di Perugia - Giovedì 5 maggio 2022, ore 19, su Umbria Radio InBlu    

Giovedì 5 maggio, alle ore 19, sulle frequenze di Umbria Radio InBlu e in contemporanea sull’account Facebook dell’emittente, la Dott.ssa Maria Agnese Della Fazia del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Perugia, diretto dal Prof. Vincenzo Nicola Talesa, sarà ospite de “L’Uovo di Colombo”, il programma radiofonico dedicato alla divulgazione della ricerca scientifica dell’Università degli Studi di Perugia: parlerà dello studio, al quale ha collaborato, che dimostra l’influenza delle dipendenze dall’uso e abuso di droghe non solo sul funzionamento del cervello, ma anche degli organi periferici quali il fegato. 

Insieme all’ ospite in studio, ci sarà il contributo in esterna della Prof.ssa Emiliana Borrelli, specialista in neurobiologia e docente di Microbiologia e genetica molecolare all’University of California di Irvine, presso il cui laboratorio la Dott.ssa Della Fazia ha soggiornato per svolgere le attività di ricerca. 

“L’Uovo di Colombo” va in onda a Perugia sui 92.000Mz e a Terni sui 105.300Mz e sul canale Facebook @umbriaradioinblu.  Il programma è realizzato nell’ambito delle attività di divulgazione scientifica coordinate dal Prof. Roberto Rettori, delegato rettorale per il settore Orientamento, tutorato e divulgazione scientifica ed è condotto in studio dalla giornalista Laura Marozzi. Le puntate possono essere riascoltate e riviste alla pagina YouTube ufficiale Unipg.     

    

La replica del programma andrà in onda sulle frequenze di Umbria Radio InBlu sabato 7 maggio 2022, alle ore 12.     

 

Condividi su