Università degli Studi di Perugia

News

Firmata la convenzione fra Ateneo e Procura della Repubblica di Perugia per il servizio di pronta reperibilità di personale medico legale  
Il Rettore Oliviero: “Presenteremo la nostra candidatura per attivare una Scuola di specializzazione in Medicina Legale”    

Distrofia muscolare di Duchenne, ricercatori UniPG ricevono importante finanziamento per terapia innovativa

Il gruppo di ricerca MyoLab coordinato dal Prof. Guglielmo Sorci, in collaborazione con i gruppi di ricerca del Prof. Riccardo Calafiore e del Prof. Giovanni Luca, tutti del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Perugia diretto dal Prof. Vincenzo Nicola Talesa, ha ricevuto un importante finanziamento da parte dell’associazione olandese Duchenne Parent Project (https://duchenne.nl/onderzoeksprojecten) per un progetto che si prefigge di approfondire alcuni aspetti di un protocollo terapeutico per la distrofia muscolare di Duchenne (DMD) al fine di agevolarne il passaggio all’uomo.

Il progetto "Accelerare l'uso di cellule di Sertoli microincapsulate per il trattamento dei pazienti con DMD" durerà due anni ed è finanziato con 95.000 euro.

Il trattamento terapeutico, da tempo proposto e studiato dai tre gruppi di ricerca, sfrutta le proprietà delle cellule di Sertoli, un tipo cellulare presente nel testicolo e dotato di peculiari proprietà trofiche e antiinfiammatorie, ed è frutto dell’unione delle specifiche expertise dei ricercatori proponenti. Il Prof. Calafiore è ricercatore leader nella procedura di incapsulamento cellulare a fini terapeutici, soprattutto nel campo del diabete; il Prof. Luca vanta esperienza pluriennale nella manipolazione di cellule di Sertoli in diversi modelli sperimentali di patologie; il Prof. Sorci è da tempo impegnato nello studio del muscolo scheletrico sia dal punto di vista della rigenerazione muscolare che delle patologie che lo colpiscono.

I risultati del lavoro congiunto dei tre gruppi di ricerca dell’Ateneo perugino hanno mostrato che un singolo inoculo intraperitoneo di cellule di Sertoli microincapsulate in un modello animale di distrofia muscolare si traduce in un miglioramento del quadro infiammatorio e della performance muscolari, aprendo una nuova frontiera nel trattamento della DMD per la quale gli anti-infiammatori steroidei rappresentano ancora il trattamento standard, nonostante l’intensa e pluriennale ricerca su terapie cellulari e geniche.

All’ottenimento del finanziamento ha contribuito la recente positiva valutazione da parte di un panel di esperti internazionali che ha riconosciuto la validità dell’approccio terapeutico e ha invitato ad eseguire la sperimentazione necessaria per permettere l’avvio di trial clinici per una sua applicazione nel paziente distrofico.

Alla realizzazione del progetto partecipa anche la Prof.ssa Annamaria De Luca dell’Università di Bari, clinica ed esperta della funzionalità muscolare.

(Nella foto, in primo piano i Proff. Guglielmo Sorci (a sinistra), Giovanni Luca (al centro) e Riccardo Calafiore (a destra), con i rispettivi gruppi di ricerca. Da sinistra, Marco Verzini, Mario Calvitti, Francesco Gaggia, Sara Chiappalupi, Laura Salvadori, Martina Paiella, Cinzia Lilli, Giulia Gentili, Iva Arato, Francesca Mancuso, Catia Bellucci, Francesca Riuzzi) 

 

gruppo ricerca distrofia muscolare duchenne

Nuovo significativo riconoscimento internazionale per il Prof. Piero Dominici

Come esperto, valuterà i progetti presentati all’UNESCO Bridges HUB 

Ad Assisi il XIX meeting internazionale sulla fisiologia e le patologie del muscolo scheletrico, parte integrante del corso universitario di alta formazione in “Advanced Myology Update 2022”, coordinato dal Prof. Guglielmo Sorci di Unipg 

Dal 2 al 5 novembre 2022, a Perugia, all'Hotel Giò, si terrà il XXVII congresso Nazionale della Società Scientifica Italiana Studio Emostasi e Trombosi (SISET); presidente del congresso è Paolo Gresele, Professore Ordinario di Medicina Interna dell’Università degli Studi di Perugia.

“Emostasi e Trombosi: il presente e il futuro”, questo il titolo dell’evento, vedrà la partecipazione di centinaia di esperti provenienti dalle aree specialistiche mediche, biologiche e biotecnologiche che condividono l’interesse per le patologie tromboemboliche ed emorragiche; costituisce di fatto il primo evento congressuale di grande rilevanza nazionale, in presenza, nel campo dell’emostasi e trombosi da 4 anni a questa parte. 

Ai lavori parteciperanno numerosi scienziati internazionali e verranno trattate tutte le acquisizioni più recenti e i più promettenti orizzonti di sviluppo futuro della ricerca nel settore.

locandina 1 page 0001

Tariffe agevolate per la sosta delle auto di studentesse, studenti e dipendenti Unipg nei parcheggi di Perugia e Assisi gestiti da Saba S.p.A. 

Un accordo stipulato fra Saba S.p.A. e l’Università degli Studi di Perugia consente agli studenti e alle studentesse, nonché ai dipendenti dell’Ateneo, la sosta delle auto in abbonamento a tariffa agevolata presso i parcheggi di Perugia e Assisi gestiti da Saba S.p.A., ovvero Piazza Partigiani, Piazzale Europa, Viale S. Antonio, Viale Pellini, Via Ripa di Meana – a Perugia, Giovanni Paolo II e Mojano – ad Assisi. 

Gli abbonamenti a tariffa agevolata, disponibili secondo diverse articolazioni - mensilisemestraliannuali - possono essere acquistati entro il 31 dicembre 2022.  

Tutte le informazioni, i costi e le modalità di attivazione sono consultabili all’indirizzo:  

https://www.unipg.it/servizi/trasporti-e-mobilita/park-tariffe-agevolate-per-i-parcheggi-di-perugia-ed-assisi 

Per le esigenze di sosta breve sono altresì previste tessere agevolate prepagate di diverse tipologie, utilizzabili presso i parcheggi di Viale S. Antonio, Viale Pellini, Via Ripa di Meana, Piazza Partigiani, Piazzale Europa, Mercato Coperto, con validità di 12 mesi dalla data del rilascio. 

In Assisi le facilitazioni, secondo le modalità previste dall’accordo, riguardano il personale docente e non docente, nonché le studentesse e gli studenti afferenti al corso di laurea in Economia del Turismo. 

La convenzione con Saba S.p.A. si inserisce nell’ambito delle iniziative promosse recentemente dall’Università degli Studi di Perugia sul tema della mobilità sostenibile tra le quali rileva, in particolare, la possibilità per tutti gli studenti e studentesse iscritti ai corsi di laurea dell’Ateneo di acquistare per soli 60 euro il pass valido fino al 30 settembre 2023 per la libera fruizione dei servizi di Trasporto Pubblico Locale (TPL) all’interno della Regione Umbria. L’offerta può essere acquistata anche utilizzando il “bonus trasporti”. Si applicano alcune limitazioni. Per informazioni consultare la pagina: https://www.unipg.it/didattica/agevolazione-tpl 

park 2022 banner sito 1920x786

La vita degli studenti universitari nei periodi di guerra ha subito nel corso del tempo una complessa mutazione. Al fervore e alla volontà di partecipazione agli eventi bellici dell’Ottocento e del Novecento si è lentamente sostituita una chiara determinazione a fuggire dai teatri di guerra e a manifestare sempre di più sentimenti di fratellanza e di pace.

Ripercorrere la storia degli studenti dell'Università degli studi di Perugia che parteciparono alla Prima guerra mondiale, inserendola nel quadro delle attuali iniziative d'Ateneo di tutela umanitaria, di fronte al nuovo scenario del conflitto russo-ucraino, è il tema al centro dell'incontro "Gli studenti universitari e la guerra. Una prospettiva storica".

L'iniziativa si svolgerà sabato 29 ottobre alle ore 18.00 nella splendida sala periodici della Biblioteca di Agraria "Mario Marte", anticamente sala capitolare dell'Abbazia di San Pietro.

L'incontro, promosso dall'Università degli studi di Perugia, si svolgerà nell'ambito della edizione 2022 di Umbrialibri, rassegna editoriale e culturale promossa dalla Regione Umbria in programma da venerdì 28 ottobre a domenica 30. L'evento è stato curato dal Servizio Fondi storici e collezioni speciali dell'Università degli studi di Perugia, in collaborazione con il prof. Mario Tosti.

In occasione delle celebrazioni per il Centenario della Prima guerra mondiale, nell'ambito delle iniziative d'Ateneo, il gruppo di lavoro Fondi storici e collezioni speciali del Centro Servizi Bibliotecari ha curato la ricerca documentaria e bibliografica dal titolo Con i libri al fronte, 1918-2018: la memoria degli studenti dell'Università degli studi di Perugia morti nella Grande guerra. Da questo lavoro ne è nato un volume in cui sono state ricostruite le vite dei 14 ragazzi caduti nel primo conflitto mondiale, dei quali rimangono incisi i nomi in una lapide apposta all'ingresso della sede rettorale.

L'anteprima di questo libro, che sarà edito nella collana CTL-Culture Territori e Linguaggi diretta dal prof. Fabio Fatichenti, è lo spunto per legare il passato e il presente della vita e dello status di studente universitario in tempo di guerra. Il richiamo alla nostra contemporaneità è immediato, e la presenza del Magnifico Rettore dell'Università degli studi di Perugia, il prof. Maurizio Oliviero, in dialogo con Matias Cravero, Presidente del Consiglio degli Studenti, sarà l'occasione per riflettere sulle problematiche che oggi gli studenti provenienti dalle nazioni in stato di belligeranza vivono e condividono con i loro coetanei. La prospettiva storica verrà affrontata dal prof. Mario Tosti, mentre gli interventi saranno coordinati da Brunella Spaterna (Servizio Fondi storici e Collezioni speciali).

I Cameristi dell'Orchestra giovanile regionale Umbria, sulle note pianistiche di Rossini, apriranno e chiuderanno la serata.

exe cartoline editori editabili unipg page 0002

La Prof.ssa Luigina Romani, Ordinaria di Patologia e responsabile della Sezione di Patologia Generale del Dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Perugia, si è classifica al 15° posto in Italia e al 665° nel mondo nella graduatoria di Research.com, piattaforma accademica che evidenzia le top female scientists in the world, le donne leader fra le ricercatrici. 

Nella recentissima classifica dell'edizione 2022, Research.com individua le 1000 migliori scienziate del mondo, tra le quali, appunto la professoressa Romani. 

Immunologa, la Prof.ssa Luigina Romani si è distinta per attività di ricerca riguardanti lo studio della risposta immune ai microbi nonché, più recentemente, ai microbi commensali che costituiscono il microbiota, cercando di spiarne il comportamento ai fini di individuare elementi di dialogo che ne garantiscono la convivenza con l’ospite. È del suo gruppo la scoperta di un metabolita microbico con importanti potenzialità terapeutiche in alcune malattie rare. 

La graduatoria si basa sulla metrica H-index fornita da Microsoft Academic Graph. L'idea alla base di una classifica di sole scienziate è quella di offrire maggiore visibilità ai risultati scientifici delle donne, in un ambito che vede molte classifiche simili ancora dominate dagli uomini. 

Classifica completa per l'Italia: https://research.com/scientists-rankings/best-female-scientists/it 

Classifica mondiale completa: https://research.com/scientists-rankings/best-female-scientists 

luigina romani img 0184 ok

(Nella foto la Professoressa Luigina Romani)

Al via la seconda edizione, le domande per partecipare entro il 30 ottobre 2022 

“La ricerca educativa per la formazione degli insegnanti” - 27-28 ottobre, Aula Magna dell’Università degli Studi di Perugia

Condividi su