Cultura

15 maggio 2023

Scuola in ospedale, 270 insegnanti di 30 Paesi, hanno partecipato a Milano al convegno “Shaping the future with edication” organizzato con la collaborazione del FISSUF UniPg 

Sono stati 270 i partecipanti, provenienti da 30 Paesi, che hanno partecipato al dodicesimo congresso di HOPE - Ospital Organisation of Pedagogues in Europe, la più grande associazione internazionale senza scopo di lucro che riunisce gli insegnanti ospedalieri e che opera con finalità scientifico-pedagogiche per promuovere e sostenere l’istruzione in ospedale e a domicilio di bambini e ragazzi malati.

Si è svolto a Milano, e ha visto la collaborazione, sul piano organizzativo, del Dipartimento di Filosofia, scienze sociali, umane e della formazione (FISSUF) dell’Università degli Studi di Perugia. Capifila per la realizzazione dell’incontro internazionale sono stati la Scuola Polo della Lombardia per la Scuola in Ospedale e l’Istruzione Domiciliare, il Liceo Maffeo Vegio di Lodi, in collaborazione con la Scuola in Ospedale di Monza (IC D’Acquisto e IIS Mosè Bianchi) e l’associazione Comitato Maria Letizia Verga ODV.

Il programma scientifico, cha ha raccolto più di 75 comunicazioni, workshops e poster scientifici, è stato coordinato da Michele Capurso, Professore associato di Psicologia di Sviluppo e dell’Educazione presso lo stesso FISSUF e direttore della rivista scientifica Continuity in Education (https://continuityineducation.org).

Il tema del convegno - Shaping the future with education – cultures, relationships, competences – è stato affrontato dando spazio alle questioni dell’inclusione dei ragazzi ospedalizzati nelle classi ordinarie; dell’attività su misura per pazienti e famiglie di diversa estrazione culturale o linguistica; del coinvolgimento nelle attività ospedaliere dei fratelli dei ragazzi ricoverati.

Focus anche sul ruolo dei professionisti sanitari e dei team multidisciplinari che operano a sostegno dei processi educativi e di sviluppo dei giovani pazienti.

Le sessioni congressuali (5 keynote, 15 poster, 43 presentazioni, 10 workshop, 2 tavole rotonde) hanno affrontato temi legati strategie per supportare programmi incentrati sullo studente a casa, in ospedale o in classe; il supporto alle esigenze individuali degli studenti con malattie specifiche, ai loro insegnanti e compagni di scuola; i programmi di rientro scolastico e le buone pratiche per informare e preparare la classe, i genitori e gli insegnanti alla presenza di uno studente con bisogni legati ai vissuti di malattia.

Il libro degli atti, pubblicato a cura del Prof. Michele Capurso del FISSUF, è gratuitamente disponibile tramite il link https://doi.org/10.53145/978-88-9392-440-5

*HOPE, fondata nel 1992, è la più grande associazione di insegnanti ospedalieri in tutta Europa. Raccoglie adesioni anche da Australia, Nuova Zelanda, Sud America, Israele e apre a collaborazioni più ampie attraverso le reti istituite con federazioni di altri continenti come HEAL (Hospital Educator and Academic Liaison Association, USA), HELP (Health/Educators/Learners/Parents Alliance, Austrialia & Nuova Zelanda), NAHE (National Association for Hospital Education, UK), REDLACEH (Red Latinoamericana y del Caribe por el Derecho a la Educación de Niños, Niñas y Jóvenes Hospitalizados o en Situación de Enfermedad, Sounth America).

https://twitter.com/HOPEteacherEU

https://www.hope22.eu

convegno milano cerimonia di apertura del congresso

(La cerimonia d'inaugurazione del convegno)

Perugia, 15 maggio 2023

11 maggio 2023

È stato presentato nella sede centrale del CNR a Roma il Master di I livello in "Textualitues" organizzato dal Dipartimento di Lettere - Lingue, Letterature e Civiltà Antiche e Moderne dell'Università degli Studi di Perugia.

Gli interventi dei Professori Stefano Giovannuzzi e Fabrizio Scrivano, della Dott.ssa Maria Borio e dell'Ing. Luca Papi (Primo Tecnologo CNR - Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio culturale), hanno messo in luce l'origine del progetto e la sua missione. Si tratta infatti del primo corso di alta formazione che ha come focus il testo, in tutti i suoi ambiti, creativi e tecnici. Al centro della ricerca c’è, infatti, il lavoro sulla testualità, sia umanistica sia scientifica, sviluppato rispetto a settori lavorativi diversificati. 

Per informazioni e iscrizioni 

https://www.unipg.it/didattica/corsi-a-numero-programmato/master?layout=concorso&idConcorso=40904

https://www.spaziohumanities.it/

Il Master

"Textualities" si fonda, infatti, sull’idea che la realtà contemporanea imponga la necessità di disporre di professionisti in possesso di strumenti di produzione e comprensione della testualità in rapporto a specifiche pratiche formative, mediatiche, commerciali, tecnico/digitali che ricorrono alla testualità su ampia scala, sia in ambito pubblico sia in ambito privato.

L'importanza di questo progetto risiede nella necessità di riflettere sulla scrittura, sulle capacità di saper produrre e comprendere un testo rispetto a un sistema produttivo che investe sull'automazione e sull'intelligenza artificiale. I relatori hanno espresso la fiducia nel fatto che queste ultime possano migliorare molti aspetti del vivere, ad esempio snellire i processi di diversi ambiti meramente tecnici. Tuttavia, si è constatato come si stia producendo una trasformazione epocale nelle modalità di espressione/conoscenza umana, rispetto a cui l'impegno trasversale della ricerca è indispensabile.  

Imparare leggendo/scrivendo

La presentazione è stata accompagnata da un intervento sulla Biblioteca Centrale "G. Marconi" del CNR, che consta di 13 piani per 16 chilometri di archivio della produzione della ricerca italiana e internazionale, scientifica e umanistica.

La Biblioteca Centrale è stata istituita nel 1927, a seguito dell'attribuzione al CNR del diritto di deposito legale delle pubblicazioni tecnico-scientifiche prodotte in Italia. Promotore della sua fondazione fu Guglielmo Marconi, Presidente del CNR dal 1927 al 1937, a cui la Biblioteca è stata intitolata nel 1995. Il suo compito principale è quello di raccogliere, conservare e mettere a disposizione degli utenti le pubblicazioni scientifiche e tecniche realizzate in Italia (Legge 106/2004 e DPR 252/2006); è inoltre Biblioteca depositaria della produzione scientifica e tecnica del CNR (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 7 ottobre 1987, n. 475). È Centro Nazionale di Riferimento per il coordinamento degli organismi produttori di letteratura grigia nell'ambito del network europeo OpenGrey (System for Information on Grey Literature in Europe) e Centro Italiano ISSN (International Standard Serial Number).

Il sito della Biblioteca ha portato, nel contesto della presentazione del Master in "Textualities", a riflessioni cruciali sull'importanza dell'"imparare leggendo/scrivendo" che va messo al centro della formazione e delle pratiche professionali attuali, rispetto al panorama dell'"imparare guardando", la cultura del visuale, diffusa su ampia scala. Una ricerca in tale prospettiva non appare determinante solo nei termini della formazione, ma anche rispetto alla qualità ultima dei risultati lavorativi in tutti i settori.

2023 05 11 textualities master

(Un momento della presentazione al CNR)

 

Perugia, 11 maggio 2023 

10 maggio 2023

Lavorare con le parole, aperte le iscrizioni a Textualities il primo Master in Italia dedicato alla stesura dei testi

9 maggio 2023

Mercoledì 10 maggio 2023, alle ore 15, a Perugia, nella Biblioteca comunale degli Arconi, Via della Rupe - Stazione Minimetrò, si svolgerà il seminario “Istruzione, lavoro e disparità di genere”.

Nel corso dell’evento verrà presentato un quadro analitico ed empirico della qualità del lavoro delle donne, in ambito nazionale e locale. L’attenzione si focalizzerà sui green jobs, sulle professioni di cura e sui profili maggiormente esposti alle trasformazioni indotte dalla nuove tecnologie. Il focus sulle transizioni istruzione-lavoro consentirà inoltre di segnalare alcune rilevanti implicazioni in termini di differenze retributive a svantaggio dell’occupazione femminile.I temi trattati saranno declinati anche nella prospettiva di segnalare politiche di intervento efficaci per ridurre le disparità di genere – per il Paese in generale e per l’Umbria in particolare.

L’iniziativa è promossa dalla Consigliera di Parità della Regione Umbria, dal Comitato Unico di Garanzia dell’Università degli Studi di Perugia e dal Dipartimento di Filosofia Scienze Umane e della Formazione.

I lavori verranno aperti dai saluti istituzionali dell’Assessore allo Sviluppo economico, innovazione, digitale e semplificazione - Regione Umbria, Michele Fioroni, della Consigliera di Parità Regione Umbria, Rosita Garzi, e dal Direttore del Dipartimento di Filosofia Scienze Umane e della Formazione, Massimiliano Marianelli. Seguiranno le relazioni di. Paola Nicastro, Direttore Agenzia Regionale Politiche Attive del Lavoro- Regione Umbria - ARPAL, del dirigente di ricerca INAPP Andrea Ricci, e della Ricercatrice INAPP Valentina Ferri. Nella parte conclusiva, interverranno la Presidente del Centro Pari Opportunità della Regione Umbria, Caterina Grechi, la presidente del C.U.G. UniPg, Silvia Fornari e la giornalista, Livia Di Schino. Introdurrà e coordinerà gli interventi Mirella Damiani.

 

8 maggio 2023

Iscrizioni aperte, sino al 30 giugno, per il Master Universitario di I livello in Progettazione e Gestione di Politiche e Processi Partecipativi - Previsti borse di studio, finanziamenti agevolati e periodi di stage

3 maggio 2023

Svolto a Perugia il seminario multidisciplinare su “Il disagio giovanile tra attualità e prospettive di futuro sostenibile”  

Il Rettore Oliviero cita Bauman: “Ascoltare i giovani per ridefinire il perimetro della realtà” 

     

Si è svolto stamani, mercoledì 3 maggio 2023, a Perugia, presso l’aula magna del Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari, ambientali dell’Università degli il seminario su “Il disagio giovanile tra attualità e prospettive di futuro sostenibile”.  

Ad organizzare l’iniziativa l’Università degli Studi di Perugia, la Procura Generale presso la Corte d’Appello di Perugia e la Legione Carabinieri Umbria, con il patrocinio di Rai per la sostenibilità ESG e di Rai Umbria.  

L'impegno di Rai per la sostenibilità ESG, in particolare, ha evidenziato l'importanza di una collaborazione interistituzionale, affinché di una tematica quale quella del disagio giovanile si faccia carico l'intera comunità, anche in linea con l'obiettivo 17 dell'Agenda ONU 2030: rafforzare il partenariato tra tutti i portatori di interesse nel campo dello sviluppo sostenibile
 

All’evento hanno presenziato, oltre alle istituzioni e alle forze dell’ordine, numerosi studenti e studentesse delle varie discipline a cui il convegno era collegato: sociologiche, giuridiche, medico-sanitarie. 

Il taglio multidisciplinare dell’evento è stato richiesto dalla complessità della tematica affrontata come sottolineato, nel suo saluto di apertura, dal Magnifico Rettore, Prof. Maurizio Oliviero: “Prendo in prestito una categoria concettuale di Zygmunt Bauman: il concetto di società liquida, di modernità liquida. Si tratta, a mio parere, di un punto di partenza straordinario per cercare di comprendere la complessità dei tempi che viviamo. Nel presentare una fotografia di questa evoluzione permanente, Bauman sottolinea che l’incertezza è l’unica certezza che caratterizza questi tempi. Viviamo, infatti, nell’epoca della destrutturazione, un’evoluzione fisiologica del cambiamento delle società che si verifica per cicli. 

Forse non siamo preparati ad analizzare e comprendere fino in fondo questi processi di cambiamento. Non possediamo, spesso, gli strumenti necessari. Le nuove generazioni usano un loro linguaggio e tanti come me, che hanno vissuto il percorso di passaggio dall’analogico al digitale, ma che sono comunque di provenienza analogica, oggi devono fermarsi a riflettere per tentare di comprendere i processi e i fenomeni in corso. Se prima c’era un perimetro, c’erano dei valori, c’era una dialettica, una pluralità di pensieri e di visioni del mondo, dobbiamo cercare di individuare qual è oggi questo perimetro. E per farlo è necessaria una grande collaborazione di sistema, un ragionamento comune e condiviso sulla complessità della fase storica attuale e soprattutto una generosa disposizione all’ascolto dei nostri giovani”. 

Nel corso dell’evento, grazie alla partecipazione di un qualificato e autorevole panel di esperti, la tematica del disagio dei giovani e delle giovani è stata analizzata e discussa secondo i molteplici approcci coinvolti nel fenomeno: legale, educativo, psicologico-psichiatrico e sociale, declinate sia nella prospettiva della prevenzione che in quella della repressione.  

Dopo i saluti istituzionali del Magnifico Rettore Università di Perugia Prof. Maurizio Oliviero, sono intervenuti il Procuratore Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Perugia, Dott. Sergio Sottani, e il Comandante della Legione Carabinieri Umbria Generale di Brigata, Gerardo Iorio.   

L’incontro, moderato da Arianna Voto, giornalista di Rai per la sostenibilità ESG, ha visto l’intervento del Prof. Fabio D’Andrea - Coordinatore del Corso di Studio in Scienze dell’Investigazione e della Sicurezza, Dipartimento FiSSUF sul tema “Il senso del disagio. Paradigmi e sistemi di aspettative”;  

a seguire la Prof.ssa Rossella Fonti - Associato di Diritto Processuale Penale, Dipartimento di Giurisprudenza su “Devianza minorile e giustizia penale”; in seguito 

la Prof.ssa Annalisa Morganti - Direttrice del Corso di Specializzazione per le Attività di Sostegno agli Allievi con disabilità, Dipartimento FiSSUF ha portato il suo contributo su “Educazione come prevenzione”; e il Gen. B. Riccardo Sciuto - Comandante del Raggruppamento Carabinieri Investigazioni Scientifiche una relazione su “Minori vittime e autori di reato. Il modello di prevenzione e di intervento dell’Arma dei Carabinieri”.  

 A seguire, l’Avv. Giuseppe Caforio - Garante regionale delle carceri, Dipartimento di Giurisprudenza ha affrontato il tema de “I giovani detenuti nelle carceri umbre, esperienze di vita a confronto”;  

mentre il Dott. Carlo Garofalo - Ricercatore di Psicologia Dinamica, Dipartimento FiSSUF ha parlato di  “Giovani e salute mentale: tra disagi e risorse”; la Dott.ssa Claudia Matteini - Presidente di Sezione della Corte d’Appello di Perugia ha presentato il “Il disagio del minore tra percorsi giurisdizionali e socio-sanitari” e la Dott.ssa Giulia Menculini - Ricercatrice presso la Sezione di Psichiatria, Psicologia Clinica e Riabilitazione Psichiatrica, Dipartimento di Medicina e Chirurgia ha presentato la sua analisi su “Psicopatologia in età giovanile: inquadramento e intervento precoce”. Infine, non è mancata la visione su “Giovani e famiglie, accoglienza, recupero e reinserimento”, portata dal Dott. Giampaolo Nicolasi - Capostruttura Comunità Incontro ONLUS.  

Le conclusioni del seminario sono state affidate al Dott. Giuseppe Moscati, Presidente della Fondazione Centro Studi Aldo Capitini.  

 

Internazionalizzazione, ricercatori del Sud Africa tengono seminari per studenti UniPg  

Il Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali di UniPg ospita, fino al 10 maggio, due Visiting Researcher provenienti da due differenti istituzioni del Sud Africa.

Si tratta del Dott. Edgar Farai Dzomba (Università dello Kwazulu-Natal) e della Dott.ssa Farai Muchadeyi (Agricultural Research Counci - LNR); l’iniziativa si svolge nell’ambito delle attività di internazionalizzazione dell’Ateneo perugino.

I due Visiting Researcher terranno seminari per gli studenti del Corso di Dottorato di Ricerca in Scienze e Biotecnologie Agrarie, Alimentari e Ambientali e del Corso di Laurea Magistrale internazionale in Agricultural and environmental biotechnology.

Le tematiche dei seminari in programma sono rivolte alle più moderne strategie di selezione applicate agli animali di interesse zootecnico, basate sullo studio del DNA. Tali strumenti permettono oggi di selezionare animali più resistenti alle malattie e maggiormente resistenti alle mutevoli condizioni ambientali, con la finalità di perseguire una attività zootecnica più sostenibile.

locandina visitatori sud africa logo unipg corretto 02052023 page 0001

28 aprile 2023

“Il disagio giovanile tra attualità e prospettive di futuro sostenibile” - Seminario al Dipartimento di Scienze agrarie, alimentari, ambientali 
Complesso monumentale di San Pietro, Borgo XX Giugno 74, Perugia

Si è svolto nei giorni scorsi presso l'Aula Magna dell'Ateneo e presso le strutture del Dipartimento di Matematica e Informatica il convegno "Esperienze a Confronto", nell'ambito del progetto Matematica&Realtà.

Il progetto, organizzato dal Dipartimento di Matematica e Informatica del nostro Ateneo, ha carattere nazionale ed è finalizzato a stimolare una profonda innovazione didattica in Matematica.

Nato nel 2005 e rivolto a Docenti e Studenti delle Scuole di ogni ordine e grado, oggi include attivamente oltre 4000 studenti, e si propone di stimolare i ragazzi ad utilizzare le conoscenze e le competenze matematiche acquisite a scuola, per orientarsi nella moderna società della conoscenza e gestire le proprie scelte in modo consapevole e attivo. 

M&R si articola in Unità Locali, costituite presso una Scuola o una Rete di Scuole, e propone percorsi caratterizzati da quattro fasi principali: formazione, progettazione, sperimentazione-innovazione, diffusione. L'ultima fase trova il suo apice proprio nel XXV convegno "Esperienze a confronto", in cui  382 studenti, provenienti da circa 40 istituti diffusi su tutto il territorio nazionale ed internazionale, stanno esponendo i risultati del loro lavoro in 51 comunicazioni.

27 aprile 2023

Integrazione dei migranti in Europa, i risultati del Progetto Europeo DREAMM, coordinato da UniPg

Sabato 29 aprile 2023, dalle ore 9, a Perugia, nella Sala della Fondazione Sant’Anna (in via Roma, 15), si svolgerà la conferenza internazionale finale del Progetto Europeo DREAMM - Develop and Realise Empowering Actions for Mentoring Migrants. New ways of bringing together newly arrived Third-Country Nationals and local communities -, supportato dallo strumento AMIF (Asylum, Migration and Integration Fund) della Commissione Europea. 

Il progetto è coordinato dal Dipartimento di Filosofia, scienze sociali, umane e della formazione dell’Università degli Studi di Perugia.

Di durata biennale, è iniziato nel marzo del 2021, con l’obiettivo di promuovere l’integrazione di migranti nuovi arrivati in diversi territori europei tramite un innovativo approccio di volontariato attivo con le figure dei Lead Mentor e dei Mentor e la sperimentazione di una serie di azioni di comunità e di servizi tra cui lo sportello One Stop Shop. 

DREAMM opera attraverso un consorzio di otto partner internazionali (di cui altri due italiani, CIDIS and Key&Key) con una distribuzione geografica europea significativa in relazione ai flussi migratori e alle loro destinazioni (Austria, Germania, Grecia, Cipro e Malta). Ha sviluppato e sperimentato un modello di integrazione partecipata, fatta attraverso l’incontro attivo e partecipato delle comunità locali con un approccio scientifico di valutazione orientato alle evidenze (evidence based).

Per DREAMM l’integrazione è un processo di partecipazione bidirezionale e condivisa tra le comunità locali e i migranti (Third Country Nationals) intesi sia come nuovi arrivati che come chi è già da tempo nel territorio e che attivamente, anche in qualità di Mentor o Lead Mentor appositamente formati possono catalizzare e sostenere i processi di incontro e di sviluppo delle comunità a partire dall’analisi dei bisogni.       

Per ulteriori informazioni, si può consultare il sito: www.dreamm-project.eu

Tra i supporter di DREAMM ci sono Regione Umbra, Anci Umbria, Comune di Perugia, Comune di Deruta, Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica – Villa Umbra, Umbria Confcooperative oltre ad associazioni di migranti presenti nel territorio regionale umbro.

poster final conference pagina 1 scaled

programm for final conference pagina 2

Perugia, 27 aprile 2023

Condividi su