Università degli Studi di Perugia

Avviato il progetto PNRR “ETIC: Einstein Telescope Infrastructure Consortium

Lunedì 19 Dicembre 2022, presso la Presidenza dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), si è svolto a Roma il kick-off meeting del progetto PNRR “ETIC: Einstein Telescope Infrastructure Consortium”.

Il progetto Einstein Telescope (ET), che costituisce la prospettiva infrastrutturale di ETIC, ambisce alla realizzazione del futuro osservatorio di onde gravitazionali Europeo. ET, che grazie al suo disegno avanzato e alle sue tecnologie di frontiera, permetterà di osservare l’intero universo attraverso l'emissione di onde gravitazionali provenienti dalla fusione di buchi neri e/o di stelle di neutroni.

ET sarà uno strumento unico per la comprensione dell’Universo, per lo studio dei principi fisici che ne regolano l’evoluzione e dei meccanismi che governano la fisica delle stelle di neutroni e dei buchi neri. Candidato da una cordata internazionale guidata dall’Italia, è attualmente uno dei più grandi e ambiziosi progetti della roadmap ESFRI, lo European Strategy Forum on Research Infrastructure, che individua le infrastrutture di ricerca su cui l’Europa ritiene sia decisivo investire. Il progetto ETIC, di cui l’INFN è sia proponente che ente capofila, è finanziato dal MUR con circa 50M€ all’interno del PNRR per la realizzazione di Infrastrutture di ricerca.

L’Università degli Studi di Perugia e la sezione INFN di Perugia rivestono un ruolo di leadership nel progetto ETIC: il Coordinatore Scientifico nazionale del progetto ETIC è il Dott. Michele Punturo, Dirigente di Ricerca dell’INFN e anche Coordinatore Internazionale della collaborazione scientifica Einstein Telescope e il Prof. Helios Vocca, Principal Investigator di ETIC per l’Università degli Studi di Perugia - Dipartimento di Fisica e Geologia, che guiderà la progettazione e la realizzazione del laboratorio CAOS (Centro per Applicazioni sulle Onde gravitazionali e la Sismologia) nella zona adiacente al polo ingegneristico universitario di Ateneo. Al progetto CAOS collabora attivamente l’unità operativa ETIC dell’INFN di Perugia, coordinata dalla Dott.ssa Patrizia Cenci, attuale direttrice della sezione INFN perugina.

ETIC persegue due obiettivi essenziali: il primo è lo studio di fattibilità e di caratterizzazione del sito al fine di supportare la candidatura italiana a ospitare ET in Sardegna;” – afferma Michele Punturo – “il secondo è realizzare e/o potenziare presso le sedi INFN, le Università e gli Enti partecipanti, una rete di laboratori di ricerca e sviluppo mirata allo studio delle tecnologie abilitanti per ET.

La sezione INFN di Perugia avrà un ruolo duplice in ETIC” - afferma Patrizia Cenci – “fornire il management all’intero progetto ETIC, grazie a personale altamente qualificato, e reclutare giovani tecnologi per l’implementazione degli apparati scientifici nell’infrastruttura CAOS”.

CAOS sarà una infrastruttura di dimensione internazionale, unica al mondo nel suo genere, volta principalmente allo sviluppo delle tecnologie di ET nel campo del filtraggio sismico e dei controlli a basso rumore, ma con possibili grandi ricadute anche in campi trasversali, primo tra tutti quello della sismologia e dell’early warning dei terremoti.” – prosegue Helios Vocca – “Il laboratorio potrà ospitare un interferometro con bracci di 10 metri con le sospensioni dei detector per onde gravitazionali di terza generazione, come ET, in scala 1:1.”.

Secondo il Magnifico Rettore Maurizio Oliviero: “Nessun altro laboratorio al mondo ha infatti queste caratteristiche e questo permetterà alla collaborazione italiana e all’Ateneo perugino di mantenere nel nostro paese questa importante tecnologia con ricadute evidenti per tutto il nostro territorio”.

“Ancora una volta l’Università degli Studi è motivo di profondo orgoglio per la nostra città.” - le parole del Sindaco del Comune di Perugia, Andrea Romizi – “Nel polo ingegneristico universitario di ateneo vedrà infatti la luce un laboratorio unico al mondo per fare ricerca applicata in materia di onde gravitazionali e sismologia nell’ambito del più ampio progetto Etic, guidato dall’Istituto nazionale di fisica nucleare. Il laboratorio ospitato dal capoluogo umbro, che vedrà la collaborazione anche della sezione locale dell’Infn e di strutture di ricerca giapponesi, avrà ricadute enormi per il territorio, sul piano occupazionale, tecnologico ed economico, offrendosi come riferimento a livello mondiale. Non possiamo che ringraziare la comunità accademica di Perugia, nelle persone, in particolare, del Rettore Maurizio Oliviero e del professore Helios Vocca del Dipartimento di Fisica e Geologia, per questo contributo fondamentale a uno dei più affascinanti progetti finanziati dal Pnrr che mira ad ampliare la nostra conoscenza dell’universo”.

Partner fondamentali della collaborazione internazionale di CAOS saranno anche i giapponesi NAOJ (National Astronomical Observatory of Japan, coordinato dal Prof. Takayuki Tomaru) e ICRR (Institute for Cosmic Ray Research, coordinato dal Premio Nobel per la Fisica del 2015, Dr. Takaaki Kajita).

Nuove posizioni lavorative: 48 (25 INFN): 10 tecnici (6 INFN) e 38 tecnologi o RTD (19 INFN) Nuove posizione lavorative in Perugia: 3 tecnologi INFN, 1 dirigente tecnologo, 1 RTD, 1 tecnico meccanico, 1 collaboratore amministrativo

Investimento totale: 50 M€ - Investimento INFN 33.9 M€ Investimento Università degli Studi di Perugia: 5.079.557,50 € Investimento INFN Perugia: 1.949.390,20 €

Sedi INFN coinvolte: Bologna, Cagliari, Genova, LNGS, LNS, Napoli, Padova, Perugia, Pisa, Roma 1, Roma 2, Torino

Enti coinvolti: Università degli Studi di Bologna, Università degli studi di Cagliari, Università degli Studi di Padova, Università degli Studi di Perugia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Università degli Studi di Napoli Federico II, Istituto Nazionale di Astrofisica, Sapienza Università di Roma, Università degli Studi di Genova, Gran Sasso Science Institute, Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, Agenzia Spaziale Italiana, Università di Pisa.

magnifico rettore maurizio oliviero e prof vocca 002

(Nella foto il Rettore Prof. Maurizio Oliviero e il Prof. Helios Vocca)

Condividi su