Cultura

7 marzo 2023

Studenti e studentesse umbri alla scoperta dei segreti della fisica delle alte energie il Dipartimento di Fisica e Geologia ha ospitato la prima giornata delle International Masterclasses di fisica delle particelle


Sono stati una sessantina le studentesse e gli studenti delle scuole secondarie di II grado umbre che, al Dipartimento di Fisica e Geologia hanno partecipato alla prima giornata delle International Masterclasses di fisica delle particelle organizzate dalla Sezione di Perugia dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) e dall’Università degli Studi di Perugia. 

Gli studenti (delle classi quarta e quinta delle superiori di secondo grado rappresenta) sono stati accompagnati da ricercatori e ricercatrici di UniPg e INFN in un viaggio alla scoperta delle proprietà delle particelle elementari, con particolare attenzione all’esperimento CMS.

La giornata ha proposto attività nelle aule universitarie divise tra seminari sugli argomenti fondamentali della fisica delle particelle ed esercitazioni al computer su uno degli esperimenti dell’acceleratore LHC.  

Quest’anno, per la prima volta, è stata proposta anche la sfida dell’escape room della fisica delle particelle “HEP Scape” (High Energy Physics), ideata dalla Sezione di Roma dell’INFN, che ha permesso alle studentesse e agli studenti di capire il funzionamento di LHC e dei suoi esperimenti risolvendo rebus e indovinelli.  

Nel pomeriggio, i partecipanti hanno analizzato i dati prodotti nelle collisioni di LHC per simulare negli esercizi l’epocale scoperta del bosone di Higgs, avvenuta nel 2012 grazie agli esperimenti ATLAS e CMS, ma anche quella dei bosoni W e Z (proprio quelli che nel 1984 valsero il Premio Nobel a Carlo Rubbia). Così da scoprire di più sul mistero dell’asimmetria tra materia e antimateria studiando le caratteristiche dei mesoni pesanti D0 grazie ai dati dell’esperimento LHCb.  

Alla fine della giornata, proprio come in una vera collaborazione di ricerca internazionale, i giovani che hanno alle masterclass contemporaneamente in Italia e negli altri Paesi del mondo si sono ritrovati in videocollegamento con il CERN per discutere tutti insieme i risultati emersi dalle esercitazioni.  In particolare gli studenti e le studentesse dell’Umbria si sono confrontati con i loro coetanei di Istanbul e Ozyegin (Turchia), San Paolo (Brasile), e Santiago di Compostela (Spagna).

Il prossimo 23 marzo è in programma la seconda giornata delle della masterclasses, sempre al Dipartimento di Fisica e Gelogia di UniPg, dedicata all’esperimento LHCb.

handson masterclass

Condividi su